Harryksen Potter e il Campionato Filosofale: Il binario 3,52

(Se non hai letto i primi episodi, clicca qui e qui)

Per l’ennesima volta in pochissimo tempo Harryksen si ritrovò spaesato in un mondo che non conosceva, senza alcun mezzo per affrontare le difficoltà in cui si trovava, paradossalmente, ora non aveva nemmeno una casa.

“.. pieno zeppo di Bdun, madre Hrvatska ..”

Harryk drizzò le orecchie non appena sentì “Bdun”, e si mosse verso la direzione dalla quale proveniva la voce, arrivando di fronte ad una signora dai capelli rossi e dal forte accento dell’est.
Superando la sua enorme timidezza, si fece coraggio e le rivolse la parola: “Mi scusi signora, lei sa dove trovare il bina..”
La signora non lo fece nemmeno finire: “Tua prima volta per treno per Scuola? Tu no preoccupa, noi di famiglia Weasleyvic ti fa vedere! Marcelo, fa vedere a ragazzo con sgarro su sua faccia come fare!”

Un ragazzo, pressappoco della stessa età di Harryk, venne avanti sbuffando e sbracciando, e, con tono annoiato, disse: “Brate, basta che tu va contro colonna tra binario 3 e 4. Guarda come fa me!”
Prese il suo carrello, si diresse verso la colonna e… scomparve.
Ad Harryk quasi cadde la mascella. Dopo l’iniziale sorpresa però, si disse che se ce l’aveva fatta quel ragazzo, ce l’avrebbe fatta anche lui.
Sembrava facile dopotutto!
La signora nel frattempo stava discutendo con quella che, presumibilmente, era un’altra sua figlia: “Ema, sta tranquila, te anno prossimo vai! Ora no, ora torniamo in madre Hrvatska! Ehi sciao ragazo, buono anno scolastico!”
Harryksen salutò e ringraziò per l'aiuto, poi prese il suo carrello e fece quello che poco prima aveva visto fare a Marcelo.
Un secondo prima era nella stazione dei Bdun, un secondo dopo si trovava circondato da ragazzi della sua età, ognuno dei quali con un carrello, proprio come lui.

Marcelo lo vide e, sicuro che il ragazzo avesse bisogno di nuovo del suo aiuto, gli propose di salire insieme sul treno: “Ehi andiamo, hai biglieto, saliamo insieme!”

Caricati i bagagli, Marcelo si rese conto di non conoscere il nome del suo nuovo amico: "Ehi brate! Piacere! Io Marcelo, Marcelo Weasleyvic! Tu come chiama?”
“Piacere Marcelo, io sono Harryk, Harryksen Potter!”

Marcelo per poco non svenne.

Ripresosi, trovò il coraggio di chiedere: ”E.. Veramente tu ha.. voglio dire.. la..” E si indicò la fronte. Harryk annuì e si indicò quei quattro numeri che, da quando aveva memoria, erano sempre stati impressi appena sotto l’attaccatura dei suoi capelli.
Se possibile, Marcelo rimase ancora più di stucco. Rimasero qualche istante immersi un un silenzio imbarazzato, poi però il ghiaccio iniziò a sciogliersi, grazie soprattutto all’enorme curiosità di Harryk verso il nuovo mondo verso il quale si stava dirigendo.
“Senti Marcelo, ma siete tutti maghi nella tua famiglia?”
“Si, io ha tanti di brati e una sestra, tu vista prima, tutti maghi, e madre e padre sono maghi. In madre Hrvatska quasi tutti maghi! Nessuno Bdun!” rispose il ragazzo gonfio d’orgoglio. “Ah questo mio topo si chiama Scinokio, io ho da anni!”. Lo sguardo di Harryk si diresse verso il topo che Marcelo coccolava da inizio viaggio. Sembrava in tutto e per tutto un comunissimo topo, come migliaia di altri.
“Oh capisco, quindi conoscerai un sacco di magie”: la curiosità di Harryk era alle stelle.
“Alcune conosco! So come diventare cocodrilo, come aumentare mio fiato per sbuffare più lontano, come far scomparire voglia di fare cose totalmente da me.. e anche altre!”

Prima che Marcelo potesse dare sfoggio delle sue doti, i due ragazzi vennero interrotti da qualcuno che bussava alla porta del loro scomparto: “DOLCIIII!! CARAMELLEEEEE! Volete niente ragazzi?”
“No grazie, io ha Čobanac di madre Hrvatska..” disse il brate con tono triste.
Harryksen capì che al suo nuovo amico quei dolci andavano parecchio, e lui era molto curioso di provarli, quindi ne comprò di tutti i tipi per entrambi, grazie al suo nuovo contratto da Parametro Zero.

“Queste cosa sono?”
“Quelle CioccoFROGGY, sbrigati a mangiare che loro salta via!”
Ma Harryk non fu abbastanza svelto. La CioccoFROGGY si divincolò dalle mani e si gettò dal finestrino. Harryk rimase con la scatola in mano, e notò che sopra vi era una foto e sotto una didascalia: Stefano Sensi. Ehi Marcelo, chi è?”
“Lui mago molto molto forte! Io ha tante figurine di lui!”
Harryk tornò a guardare la scatola, ma dove prima c’era disegnato il mago, ora non c’era più nulla: “Ehi ma dove è andato?!”
“Sicuro infortunato, tu mica può pretendere che fa tutta stagione!”
Ogni cosa per Harryk era una scoperta.

I due continuarono a chiacchierare e mangiare dolci. Improvvisamente Marcelo, forse per impressionare Harryk, tirò fuori la bacchetta e si propose di fare una magia:
“Ehi Harryk, tu vuole vedere me diventare cocodrilo?”
“Certo”
“Ok, allora guarda!"

Per i capelli di Zanetti,
Per le trattative di Paolillo,
Piccolo brate diventa coccodrillo!

La pelle di Marcelo per un secondo brillo di un verde intenso, ma poi tornò del suo colore originale:
“Miei brati più grandi beffato me, questa no vera magia..”
Quello che però i due amici non avevano notato era che un ragazzo li stava fissando dalla porta dello scompartimento.
“Ah! Quella di certo vera magia non è! Piacere, io sono Nicola Grangerella, vengo dalla Sardegna! Sentite, c’è un ragazzo, Robert Paciockini, che ha perso il suo gatto Pangrazio, per caso l'avete vis.. PER TUTTI I CARTELLINI GIALLI! TU HARRYKSEN POTTER SEI!”
“Si, sono proprio io..” Harryk capì che doveva rassegnarsi: in quel mondo, chiunque lo conosceva, anche un ragazzo sconosciuto dal forte accento sardo, che non aveva ancora mai chiaramente fatto esperienza col mondo della magia dei grandi.
Ma Nicola non aveva finito con loro: ”E tu saresti invece?” disse rivolto a Marcelo.
Marcelo si era appena riempito la bocca di caramelle e rispose a fatica: ”Io.. Marcelo.. Weasleyvic.. piacere!”
“Beh ragazzi, un piacere è stato. Mi sa che è ora che le vostre divise vi mettiate, il viaggio quasi finito è!”
E, senza dargli il tempo di rispondere, se ne andò.

Il treno si fermò. Harryksen Potter era finalmente arrivato alla Scuola di Prostituzione Intellettuale della Serie A.

Harryksen Potter e il Campionato Filosofale: Il binario 3,52

(Se non hai letto i primi episodi, clicca qui e qui)

Per l’ennesima volta in pochissimo tempo Harryksen si ritrovò spaesato in un mondo che non conosceva, senza alcun mezzo per affrontare le difficoltà in cui si trovava, paradossalmente, ora non aveva nemmeno una casa.

“.. pieno zeppo di Bdun, madre Hrvatska ..”

Harryk drizzò le orecchie non appena sentì “Bdun”, e si mosse verso la direzione dalla quale proveniva la voce, arrivando di fronte ad una signora dai capelli rossi e dal forte accento dell’est.
Superando la sua enorme timidezza, si fece coraggio e le rivolse la parola: “Mi scusi signora, lei sa dove trovare il bina..”
La signora non lo fece nemmeno finire: “Tua prima volta per treno per Scuola? Tu no preoccupa, noi di famiglia Weasleyvic ti fa vedere! Marcelo, fa vedere a ragazzo con sgarro su sua faccia come fare!”

Un ragazzo, pressappoco della stessa età di Harryk, venne avanti sbuffando e sbracciando, e, con tono annoiato, disse: “Brate, basta che tu va contro colonna tra binario 3 e 4. Guarda come fa me!”
Prese il suo carrello, si diresse verso la colonna e… scomparve.
Ad Harryk quasi cadde la mascella. Dopo l’iniziale sorpresa però, si disse che se ce l’aveva fatta quel ragazzo, ce l’avrebbe fatta anche lui.
Sembrava facile dopotutto!
La signora nel frattempo stava discutendo con quella che, presumibilmente, era un’altra sua figlia: “Ema, sta tranquila, te anno prossimo vai! Ora no, ora torniamo in madre Hrvatska! Ehi sciao ragazo, buono anno scolastico!”
Harryksen salutò e ringraziò per l'aiuto, poi prese il suo carrello e fece quello che poco prima aveva visto fare a Marcelo.
Un secondo prima era nella stazione dei Bdun, un secondo dopo si trovava circondato da ragazzi della sua età, ognuno dei quali con un carrello, proprio come lui.

Marcelo lo vide e, sicuro che il ragazzo avesse bisogno di nuovo del suo aiuto, gli propose di salire insieme sul treno: “Ehi andiamo, hai biglieto, saliamo insieme!”

Caricati i bagagli, Marcelo si rese conto di non conoscere il nome del suo nuovo amico: "Ehi brate! Piacere! Io Marcelo, Marcelo Weasleyvic! Tu come chiama?”
“Piacere Marcelo, io sono Harryk, Harryksen Potter!”

Marcelo per poco non svenne.

Ripresosi, trovò il coraggio di chiedere: ”E.. Veramente tu ha.. voglio dire.. la..” E si indicò la fronte. Harryk annuì e si indicò quei quattro numeri che, da quando aveva memoria, erano sempre stati impressi appena sotto l’attaccatura dei suoi capelli.
Se possibile, Marcelo rimase ancora più di stucco. Rimasero qualche istante immersi un un silenzio imbarazzato, poi però il ghiaccio iniziò a sciogliersi, grazie soprattutto all’enorme curiosità di Harryk verso il nuovo mondo verso il quale si stava dirigendo.
“Senti Marcelo, ma siete tutti maghi nella tua famiglia?”
“Si, io ha tanti di brati e una sestra, tu vista prima, tutti maghi, e madre e padre sono maghi. In madre Hrvatska quasi tutti maghi! Nessuno Bdun!” rispose il ragazzo gonfio d’orgoglio. “Ah questo mio topo si chiama Scinokio, io ho da anni!”. Lo sguardo di Harryk si diresse verso il topo che Marcelo coccolava da inizio viaggio. Sembrava in tutto e per tutto un comunissimo topo, come migliaia di altri.
“Oh capisco, quindi conoscerai un sacco di magie”: la curiosità di Harryk era alle stelle.
“Alcune conosco! So come diventare cocodrilo, come aumentare mio fiato per sbuffare più lontano, come far scomparire voglia di fare cose totalmente da me.. e anche altre!”

Prima che Marcelo potesse dare sfoggio delle sue doti, i due ragazzi vennero interrotti da qualcuno che bussava alla porta del loro scomparto: “DOLCIIII!! CARAMELLEEEEE! Volete niente ragazzi?”
“No grazie, io ha Čobanac di madre Hrvatska..” disse il brate con tono triste.
Harryksen capì che al suo nuovo amico quei dolci andavano parecchio, e lui era molto curioso di provarli, quindi ne comprò di tutti i tipi per entrambi, grazie al suo nuovo contratto da Parametro Zero.

“Queste cosa sono?”
“Quelle CioccoFROGGY, sbrigati a mangiare che loro salta via!”
Ma Harryk non fu abbastanza svelto. La CioccoFROGGY si divincolò dalle mani e si gettò dal finestrino. Harryk rimase con la scatola in mano, e notò che sopra vi era una foto e sotto una didascalia: Stefano Sensi. Ehi Marcelo, chi è?”
“Lui mago molto molto forte! Io ha tante figurine di lui!”
Harryk tornò a guardare la scatola, ma dove prima c’era disegnato il mago, ora non c’era più nulla: “Ehi ma dove è andato?!”
“Sicuro infortunato, tu mica può pretendere che fa tutta stagione!”
Ogni cosa per Harryk era una scoperta.

I due continuarono a chiacchierare e mangiare dolci. Improvvisamente Marcelo, forse per impressionare Harryk, tirò fuori la bacchetta e si propose di fare una magia:
“Ehi Harryk, tu vuole vedere me diventare cocodrilo?”
“Certo”
“Ok, allora guarda!"

Per i capelli di Zanetti,
Per le trattative di Paolillo,
Piccolo brate diventa coccodrillo!

La pelle di Marcelo per un secondo brillo di un verde intenso, ma poi tornò del suo colore originale:
“Miei brati più grandi beffato me, questa no vera magia..”
Quello che però i due amici non avevano notato era che un ragazzo li stava fissando dalla porta dello scompartimento.
“Ah! Quella di certo vera magia non è! Piacere, io sono Nicola Grangerella, vengo dalla Sardegna! Sentite, c’è un ragazzo, Robert Paciockini, che ha perso il suo gatto Pangrazio, per caso l'avete vis.. PER TUTTI I CARTELLINI GIALLI! TU HARRYKSEN POTTER SEI!”
“Si, sono proprio io..” Harryk capì che doveva rassegnarsi: in quel mondo, chiunque lo conosceva, anche un ragazzo sconosciuto dal forte accento sardo, che non aveva ancora mai chiaramente fatto esperienza col mondo della magia dei grandi.
Ma Nicola non aveva finito con loro: ”E tu saresti invece?” disse rivolto a Marcelo.
Marcelo si era appena riempito la bocca di caramelle e rispose a fatica: ”Io.. Marcelo.. Weasleyvic.. piacere!”
“Beh ragazzi, un piacere è stato. Mi sa che è ora che le vostre divise vi mettiate, il viaggio quasi finito è!”
E, senza dargli il tempo di rispondere, se ne andò.

Il treno si fermò. Harryksen Potter era finalmente arrivato alla Scuola di Prostituzione Intellettuale della Serie A.

Notizie flash

Ultimi articoli

10/07/2021
Come affrontare i 10 disturbi più tipici dell'interismo

+++ Attenzione: questa satira potrebbe contenere tracce di articolo: ci scusiamo per il disagio ++++ SIGNORE! SIGNORI! MAMME, ZIE, PADRI ZII, FRATELLI CUGINI, QUASI NIPOTI! ACCORRETE TUTTI! Cari amici di Ranocchiate, prima di cominciare la nuova stagione, abbiamo pensato che fosse arrivato il momento adatto per una importante riflessione.Ogni giorno un interista soffre. Secondo uno […]

11/06/2021
Dieci pensieri su #Euro2020

10 - Sono talmente in astinenza da calcio che ho guardato pure tutte le amichevoli, anche in contemporanea. 9 - A questo proposito, far giocare Tino Lazaro e Christian Eriksen alla stessa ora è illegale, a meno che i due non giochino nella stessa squadra (tipo l’Inter). 8 - Possiamo passare direttamente al punto in […]

05/06/2021
5 motivi per voler bene a Simone Inzaghi

1. PERCHÉ C'ERA ANCHE LUI IL 5 MAGGIO Dopo Antonio Conte, ospitiamo sulla nostra panchina un altro dei protagonisti di quella maledetta giornata che noi interisti non dimenticheremo mai.Se anche Inzaghi dovesse riuscire a vincere come il suo predecessore, avremo esorcizzato un altro pezzettino del 5 maggio.A quel punto, ci basterà soltanto vincere un Triplete […]

27/05/2021
Il nostro libro

Nonostante tutto quello che è successo ieri.Nonostante non si possa passare un giorno, nella vita di noi interisti, sereni.Nonostante l’interismo sia eterna dannazione.Nonostante abbiano deciso di rovinarci la festa.Nonostante tutto, noi abbiamo vinto lo scudetto. Cazzo.E, nonostante tutto, avevamo in programma il lancio di un libro, il nostro, per oggi. Il frutto di settimane di […]

24/05/2021
Inter - Udinese, dieci pensieri post - partita

10 - Io quando mi rendo conto che questa è l'ultima partita dell'Inter: 9 - Ma poi mi ricordo che L'ABBIAMO ALZATA NOI 8 - Ma questo non ci permette di far passare in sordina il fatto che Goeffrey Kondogbia e Sime Vrsaljko sono diventati Campioni di Spagna. 7 - Ecco, bravi, salutatelo e rimandatecelo […]

23/05/2021
Inter - Udinese, il pagellone del finale di stagione

HANDA 19: I latini dicevano "Vincit qui patitur", vince chi resiste.Tu non è che hai semplicemente resistito, hai lottato come uno spartano contro le sfighe, le più che lecite blasfemie, i ribaltoni e, a volte, anche contro la nostra stessa difesa. Anni di miracoli e di bocconi amari che ti hanno reso un degno leader […]

linkedin facebook pinterest youtube rss twitter instagram facebook-blank rss-blank linkedin-blank pinterest youtube twitter instagram