08/12/2020

Caos in casa Conte: butta via l'albero di Natale e costringe tutti ad addobbare col 3-5-2

Pomeriggio movimentato per i condomini di una rinomata abitazione milanese, che hanno sentito a lungo rumori molesti provenienti da uno degli appartamenti del palazzo.

Alcuni testimoni, che preferiscono rimanere anonimi, hanno allertato la polizia municipale, infastiditi, e anche un po' preoccupati, per le urla e il frastuono.

La vicenda si fa ancor più succulenta quando scopriamo che non si tratta di un inquilino qualsiasi.
"IO IN GASA MIA GERDE SGHIFEZZE NON LE VOGLIO VEDERE, GHIARO!?!?"
sono queste le parole pronunciate da Antonio Conte, 51 anni, di professione allenatore di calcio.

A quanto pare l'uomo, probabilmente sotto stress per motivi lavorativi, non ha tollerato la presenza delle nuove decorazioni natalizie, installate dal resto dei suoi familiari.
Così, preso dal fervore del momento, ha scaraventato fuori dalla finestra il povero alberello, colpevole, a suo dire "di non dare abbasdanza eguilibbrio" e di essere incompatibile con i veri valori familiari.

Trattandosi di un avvenimento eccezionale e non di una consuetudine, i condomini per questa volta hanno deciso di non sporgere alcuna denuncia.

La vicenda, dunque, sembra destinata ad essere archiviata come una delle solite stranezze a cui ormai ci hanno abituato i vip milanesi. Ma non è finita qui:

"Sono vivo per miracolo, non riesco a credere ai miei occhi"


Sono queste le parole che abbiamo raccolto da C.E. un ventottenne danese regolarmente residente a Milano.

Stava passeggiando tranquillamente per il centro città, quando l'albero di Natale è precipitato a tutta velocità sul marciapiede.
Davanti agli occhi di tanti altri increduli passanti, si è schiantato al suolo a pochi centimetri dal ragazzo, che fortunatamente è rimasto illeso.

Nulla da fare invece per l'albero, che è stato prontamente trasportato nella discarica comunale. Incalzato dai nostri reporter, non ha voluto commentare quanto accaduto.

Caos in casa Conte: butta via l'albero di Natale e costringe tutti ad addobbare col 3-5-2

Pomeriggio movimentato per i condomini di una rinomata abitazione milanese, che hanno sentito a lungo rumori molesti provenienti da uno degli appartamenti del palazzo.

Alcuni testimoni, che preferiscono rimanere anonimi, hanno allertato la polizia municipale, infastiditi, e anche un po' preoccupati, per le urla e il frastuono.

La vicenda si fa ancor più succulenta quando scopriamo che non si tratta di un inquilino qualsiasi.
"IO IN GASA MIA GERDE SGHIFEZZE NON LE VOGLIO VEDERE, GHIARO!?!?"
sono queste le parole pronunciate da Antonio Conte, 51 anni, di professione allenatore di calcio.

A quanto pare l'uomo, probabilmente sotto stress per motivi lavorativi, non ha tollerato la presenza delle nuove decorazioni natalizie, installate dal resto dei suoi familiari.
Così, preso dal fervore del momento, ha scaraventato fuori dalla finestra il povero alberello, colpevole, a suo dire "di non dare abbasdanza eguilibbrio" e di essere incompatibile con i veri valori familiari.

Trattandosi di un avvenimento eccezionale e non di una consuetudine, i condomini per questa volta hanno deciso di non sporgere alcuna denuncia.

La vicenda, dunque, sembra destinata ad essere archiviata come una delle solite stranezze a cui ormai ci hanno abituato i vip milanesi. Ma non è finita qui:

"Sono vivo per miracolo, non riesco a credere ai miei occhi"


Sono queste le parole che abbiamo raccolto da C.E. un ventottenne danese regolarmente residente a Milano.

Stava passeggiando tranquillamente per il centro città, quando l'albero di Natale è precipitato a tutta velocità sul marciapiede.
Davanti agli occhi di tanti altri increduli passanti, si è schiantato al suolo a pochi centimetri dal ragazzo, che fortunatamente è rimasto illeso.

Nulla da fare invece per l'albero, che è stato prontamente trasportato nella discarica comunale. Incalzato dai nostri reporter, non ha voluto commentare quanto accaduto.

Notizie flash

Ultimi articoli

19/05/2024
Inter - Lazio nel tempo di un caffè

0’ - Non é iniziata la partita ed ho già visto una coreografia commovente e Patrick e SpongeBob allo stadioNon ci capisco nulla ma sto piangendo PRIMO TEMPO: 1' - NOI PATRICK VOI PATRIC 2’ - ma oggi dobbiamo essere felici o tristi? 3’ - Taty ma che vuoi oh?Lasciaci festeggiare per 3 minuti dico […]

19/05/2024
Inter - Lazio. Il prepartita della festa

UEEEEEEEEEEE Cazzarola Steven si parlava di festeggiamenti piuttosto importanti ma non pensavamo che avresti presa per vera la canzone delle lampadine che si canta ad ogni comunione sulla faccia della terra. LA NOSTRA FESTA NON DEVE FINIRE NON DEVE FINIRE E NON FINIRÀ AAAAAAAAAAALLELUJA ALLELUJA AAAAAAAAAAAA Vabbè ma se vogliamo continuare per noi va bene. […]

11/05/2024
Frosinone – Inter, il pagellone goleador

MR. HUNZIKER 10 –  Non si può lasciare la porta incustodita un secondo a Reggio Emilia, che i ragazzi tornano a casa con una sconfitta e, cosa ancora peggiore, il record di clean sheet a forte rischio. Allora Yann decide di prendere la situazione nel guantone e comincia a sfoderare tutto il repertorio di parate […]

10/05/2024
Frosinone - Inter nel tempo di cinque caffè

Primo tempo 1' - Mone ha le occhiaie da ansia anche oggi. Forse pensa a Laurientè 7' - un po' di Moneball per compiacere il pubblico 11’ - sembra un’amichevole estiva 11'- Con la differenza che il Frosinone si gioca la serie A 13' - Frat cambia i tacchetti per favore 16' -  cross poetico di […]

10/05/2024
Frosinone - Inter, qualche pensierino prepartita

💭 Sì andiamo in versione ridotta perché oh Lukaku può permettersi di sparire nelle partite che contano e noi non possiamo mettere qualche punto in meno al prepartita di FrosinoneCulone - Inter valevole per 'sta grandissima ceppa? Sempre con affetto eh Romè. 💭 Che poi a proposito di culoni, visto bella settimana? Manca solo che […]

05/05/2024
Sassuolo - Inter, il pagellone che ci aspettavamo

AUDERO 6 - "Aaaaah, che bello! Questa volta sarò io a portare a casa il clean sheet senza fare nulla!"Fu così che il giovane Emil si ritrovò a dover fare un mezzo pericolo su quel gran pezzo di sconosciuto di Lipani per poi venire fulminato da un tiro sotto l'incrocio di Laurientè, uno che si […]

linkedin facebook pinterest youtube rss twitter instagram facebook-blank rss-blank linkedin-blank pinterest youtube twitter instagram