29/11/2020

ESCLUSIVA - Le verità di Eriksen: "Mi manda Hodgson!"

Il fiore all’occhiello della gestione Zhang si è trasformato in un elemento di scarto. Il rapporto con Conte e l’adattamento. Tutte le verità del danese ai nostri microfoni: dalla rottura con il Tottenham e alla rottura con l’Inter.

-Christian, cosa puoi dirci della tua avventura interista fino ad ora?
Eriksen: “Ciao, mio nome Christian Eriksen, ciao tifosi e forza Inter!”.

-Oh regà, l’abbiamo portato qualcuno per tradurre ve? Chi c’è, Marotta?
Ah, bene. Ricominciamo. Stessa domanda di prima, Direttore.
Eriksen: “I’m sorry guys, you know.. I’m just trying to learn italian and it’s not easy. During the pandemic, I was here alone. At Pinetina there were just some trees and me. I survived all of this all by myself, killing little animals and drinking rain-water for nearly a month. Nobody came to save me and now they’re being mean to me saying that I’m not good and not in the right mood. I was going mad out there”.
Marotta traduce: “Sì. La verità è che l’Inter non è una società alla mia altezza. Chiunque ha dato il massimo e anche di più, il mister su tutti, per farmi ambientare ma proprio non mi piace. La pasta fa schifo, la pizza pure e Vasco non sa cantare, nemmeno Ligabue”.

-Ma…ne è sicuro Direttore?
Marotta: “Sisì”.

-Christian, ma allora perché hai deciso di venire qui? Non hai parlato con nessuno prima della tua scelta? Nemmeno con Mourinho?
Eriksen: “Of course I talked to Mourinho. He said that get to Inter it’s like a dream and a really big step for my career. He said many good things about the team, the management and also Serie A. I really wanted to come here, everyone was happy except for Conte. You know, it was the only thing I didn’t know!”
Marotta traduce: “Assolutamente no, Mourinho è un mediocre allenatore che non rispetto. E’ stato il maestro Roy Hodgson a dirmi di venire qui, che nessuno capisce un cazzo. Così ho rapito Ausilio e, sfruttando la sua innocenza, ho costretto l’Inter a comprarmi. Ho abusato di lui? Sì”.

-Che storia strana. Christian, quindi non c’è modo di rivederti qui all’Inter a gennaio?
Eriksen: “NO!!! I wanna try my best with inter. I won’t leave! I’m a pro, I always did my job and signed a contract 10 months ago. I don’t wanna go anywhere else. Don’t listen to the idiot out there. I don’t care about money, it’s all about and emotional and professional reason. I wanna give back all the love that inter fans gave me until now”.
Marotta traduce: “Esattamente, qui va tutto bene, il problema sono solo io. Me ne voglio andare e voglio anche la buonuscita, anche se rubo pure le monetine dal portafogli dei magazzinieri”.

-Quindi, in pratica, non è Conte che non ti schiera ma sei tu che ti rifiuti di giocare?
Eriksen: “NO!!!! Bullshit!! It’s 100% a fake news!!”
Marotta traduce: “Si, stronzi”.

ESCLUSIVA - Le verità di Eriksen: "Mi manda Hodgson!"

Il fiore all’occhiello della gestione Zhang si è trasformato in un elemento di scarto. Il rapporto con Conte e l’adattamento. Tutte le verità del danese ai nostri microfoni: dalla rottura con il Tottenham e alla rottura con l’Inter.

-Christian, cosa puoi dirci della tua avventura interista fino ad ora?
Eriksen: “Ciao, mio nome Christian Eriksen, ciao tifosi e forza Inter!”.

-Oh regà, l’abbiamo portato qualcuno per tradurre ve? Chi c’è, Marotta?
Ah, bene. Ricominciamo. Stessa domanda di prima, Direttore.
Eriksen: “I’m sorry guys, you know.. I’m just trying to learn italian and it’s not easy. During the pandemic, I was here alone. At Pinetina there were just some trees and me. I survived all of this all by myself, killing little animals and drinking rain-water for nearly a month. Nobody came to save me and now they’re being mean to me saying that I’m not good and not in the right mood. I was going mad out there”.
Marotta traduce: “Sì. La verità è che l’Inter non è una società alla mia altezza. Chiunque ha dato il massimo e anche di più, il mister su tutti, per farmi ambientare ma proprio non mi piace. La pasta fa schifo, la pizza pure e Vasco non sa cantare, nemmeno Ligabue”.

-Ma…ne è sicuro Direttore?
Marotta: “Sisì”.

-Christian, ma allora perché hai deciso di venire qui? Non hai parlato con nessuno prima della tua scelta? Nemmeno con Mourinho?
Eriksen: “Of course I talked to Mourinho. He said that get to Inter it’s like a dream and a really big step for my career. He said many good things about the team, the management and also Serie A. I really wanted to come here, everyone was happy except for Conte. You know, it was the only thing I didn’t know!”
Marotta traduce: “Assolutamente no, Mourinho è un mediocre allenatore che non rispetto. E’ stato il maestro Roy Hodgson a dirmi di venire qui, che nessuno capisce un cazzo. Così ho rapito Ausilio e, sfruttando la sua innocenza, ho costretto l’Inter a comprarmi. Ho abusato di lui? Sì”.

-Che storia strana. Christian, quindi non c’è modo di rivederti qui all’Inter a gennaio?
Eriksen: “NO!!! I wanna try my best with inter. I won’t leave! I’m a pro, I always did my job and signed a contract 10 months ago. I don’t wanna go anywhere else. Don’t listen to the idiot out there. I don’t care about money, it’s all about and emotional and professional reason. I wanna give back all the love that inter fans gave me until now”.
Marotta traduce: “Esattamente, qui va tutto bene, il problema sono solo io. Me ne voglio andare e voglio anche la buonuscita, anche se rubo pure le monetine dal portafogli dei magazzinieri”.

-Quindi, in pratica, non è Conte che non ti schiera ma sei tu che ti rifiuti di giocare?
Eriksen: “NO!!!! Bullshit!! It’s 100% a fake news!!”
Marotta traduce: “Si, stronzi”.

Notizie flash

Ultimi articoli

10/12/2020
INTER – SHAKHTAR di Terza Categoria – IL MISTERIOSO PIANO DELLA VIGILIA

Università di Milano – vigilia della partita - ore 9.00 Darmian arriva assonnato in università. Le ultime lezioni prima di Natale, i preappelli di dicembre. Lo stress di certo non aiuta il giovane ragazzo. Ma tra tutte queste cose, in realtà, è solo una che occupa la mente di un bravo terzino di terza categoria. […]

17/01/2021
I 10 tipi di tifoso prima di Inter - Juventus

(La redazione di Ranocchiate si scusa per l'assenza di censura nel nominare la...Juventus, ecco. Il dovere di cronaca ci impone stomaco duro). Cari amici di Ranocchiate, è giunto il momento.Derby d'Italia.Inter contro Juve.Ronaldo contro Lukaku.Conte contro Pirlo."Mai stati in B" contro "non escludo il ritorno". In vista di questa partita, abbiamo deciso di analizzare i […]

14/01/2021
Fiorentina-Inter, un pagellone di ordinaria crisi

HANDANOVIC 10: Uno ci sperava anche in Radu titolare, ma vuoi mettere con la gioia di vederlo squattare sulla linea di porta mentre osserva rassegnato il solito eurogol imprendibile che si infila nell'angolino? (Babacar insegna) Complimenti Kouamé, si vede che sei passato dall'Inter.Gol stagionali? Due. Entrambi a noi. Beneeeeeeeee SKRINIAR 11: Per fortuna a Firenze […]

13/01/2021
Fiorentina - Inter, dieci pensieri post-partita

10 - Non puoi parlare solo di Eriksen, non puoi parlare solo di Eriksen, non puoi parlare solo di Eriksen, non puoi parlare solo di Eriksen, non puoi parlare solo di Eriksen, non puoi parlare solo di Eriksen, non puoi parlare solo di Eriksen, non puoi parlare solo di Eriksen, non puoi parlare solo di […]

13/01/2021
Fiorentina - Inter nel tempo di una Coppa Italia

PRIMO TEMPO: 0' - Nemmeno inizia la partita con la Fiorentina che Sensi è già out prima della partita Troppo sole a Firenze, deve fare i compiti...non si poteva proprio. 6' - Giallo per Eysseric dopo 6 minuti E subito mi assalgono i ricordi di Football Manager e dei trofei vinti insieme.Sigh. 8' - Ho […]

13/01/2021
Se Fiorentina-Inter fosse un film della Pixar

Buongiorno, tifare Inter si sta rivelando sempre più controproducente e stressante, perciò per una volta abbiamo deciso di fare i furbi, accettare un contratto di sponsorizzazione da millemila milioni di goleador da parte di "DISNEI PLAS LA NUOVA SUPERMEGAPIATTAFORMA DI STREAMING" e raccontarvi il loro nuovo film in uscita. Ricordatevi che potete noleggiarlo comodamente da […]

12/01/2021
La sparizione di Vecino: importanti novità in vista?

Ultime notizie in diretta da Appiano, dall’inviato speciale Andrea di nome e di cognome. Sta iniziando a spargersi la voce di un possibile ritorno de Il fu Matias Vecino, fra le file schierate di soldati di pietra al servizio del generale Gonde. Ci sono varie versioni di questa vicenda, da chi pensa che sia un […]

linkedin facebook pinterest youtube rss twitter instagram facebook-blank rss-blank linkedin-blank pinterest youtube twitter instagram