29/11/2020

ESCLUSIVA - Le verità di Eriksen: "Mi manda Hodgson!"

Il fiore all’occhiello della gestione Zhang si è trasformato in un elemento di scarto. Il rapporto con Conte e l’adattamento. Tutte le verità del danese ai nostri microfoni: dalla rottura con il Tottenham e alla rottura con l’Inter.

-Christian, cosa puoi dirci della tua avventura interista fino ad ora?
Eriksen: “Ciao, mio nome Christian Eriksen, ciao tifosi e forza Inter!”.

-Oh regà, l’abbiamo portato qualcuno per tradurre ve? Chi c’è, Marotta?
Ah, bene. Ricominciamo. Stessa domanda di prima, Direttore.
Eriksen: “I’m sorry guys, you know.. I’m just trying to learn italian and it’s not easy. During the pandemic, I was here alone. At Pinetina there were just some trees and me. I survived all of this all by myself, killing little animals and drinking rain-water for nearly a month. Nobody came to save me and now they’re being mean to me saying that I’m not good and not in the right mood. I was going mad out there”.
Marotta traduce: “Sì. La verità è che l’Inter non è una società alla mia altezza. Chiunque ha dato il massimo e anche di più, il mister su tutti, per farmi ambientare ma proprio non mi piace. La pasta fa schifo, la pizza pure e Vasco non sa cantare, nemmeno Ligabue”.

-Ma…ne è sicuro Direttore?
Marotta: “Sisì”.

-Christian, ma allora perché hai deciso di venire qui? Non hai parlato con nessuno prima della tua scelta? Nemmeno con Mourinho?
Eriksen: “Of course I talked to Mourinho. He said that get to Inter it’s like a dream and a really big step for my career. He said many good things about the team, the management and also Serie A. I really wanted to come here, everyone was happy except for Conte. You know, it was the only thing I didn’t know!”
Marotta traduce: “Assolutamente no, Mourinho è un mediocre allenatore che non rispetto. E’ stato il maestro Roy Hodgson a dirmi di venire qui, che nessuno capisce un cazzo. Così ho rapito Ausilio e, sfruttando la sua innocenza, ho costretto l’Inter a comprarmi. Ho abusato di lui? Sì”.

-Che storia strana. Christian, quindi non c’è modo di rivederti qui all’Inter a gennaio?
Eriksen: “NO!!! I wanna try my best with inter. I won’t leave! I’m a pro, I always did my job and signed a contract 10 months ago. I don’t wanna go anywhere else. Don’t listen to the idiot out there. I don’t care about money, it’s all about and emotional and professional reason. I wanna give back all the love that inter fans gave me until now”.
Marotta traduce: “Esattamente, qui va tutto bene, il problema sono solo io. Me ne voglio andare e voglio anche la buonuscita, anche se rubo pure le monetine dal portafogli dei magazzinieri”.

-Quindi, in pratica, non è Conte che non ti schiera ma sei tu che ti rifiuti di giocare?
Eriksen: “NO!!!! Bullshit!! It’s 100% a fake news!!”
Marotta traduce: “Si, stronzi”.

ESCLUSIVA - Le verità di Eriksen: "Mi manda Hodgson!"

Il fiore all’occhiello della gestione Zhang si è trasformato in un elemento di scarto. Il rapporto con Conte e l’adattamento. Tutte le verità del danese ai nostri microfoni: dalla rottura con il Tottenham e alla rottura con l’Inter.

-Christian, cosa puoi dirci della tua avventura interista fino ad ora?
Eriksen: “Ciao, mio nome Christian Eriksen, ciao tifosi e forza Inter!”.

-Oh regà, l’abbiamo portato qualcuno per tradurre ve? Chi c’è, Marotta?
Ah, bene. Ricominciamo. Stessa domanda di prima, Direttore.
Eriksen: “I’m sorry guys, you know.. I’m just trying to learn italian and it’s not easy. During the pandemic, I was here alone. At Pinetina there were just some trees and me. I survived all of this all by myself, killing little animals and drinking rain-water for nearly a month. Nobody came to save me and now they’re being mean to me saying that I’m not good and not in the right mood. I was going mad out there”.
Marotta traduce: “Sì. La verità è che l’Inter non è una società alla mia altezza. Chiunque ha dato il massimo e anche di più, il mister su tutti, per farmi ambientare ma proprio non mi piace. La pasta fa schifo, la pizza pure e Vasco non sa cantare, nemmeno Ligabue”.

-Ma…ne è sicuro Direttore?
Marotta: “Sisì”.

-Christian, ma allora perché hai deciso di venire qui? Non hai parlato con nessuno prima della tua scelta? Nemmeno con Mourinho?
Eriksen: “Of course I talked to Mourinho. He said that get to Inter it’s like a dream and a really big step for my career. He said many good things about the team, the management and also Serie A. I really wanted to come here, everyone was happy except for Conte. You know, it was the only thing I didn’t know!”
Marotta traduce: “Assolutamente no, Mourinho è un mediocre allenatore che non rispetto. E’ stato il maestro Roy Hodgson a dirmi di venire qui, che nessuno capisce un cazzo. Così ho rapito Ausilio e, sfruttando la sua innocenza, ho costretto l’Inter a comprarmi. Ho abusato di lui? Sì”.

-Che storia strana. Christian, quindi non c’è modo di rivederti qui all’Inter a gennaio?
Eriksen: “NO!!! I wanna try my best with inter. I won’t leave! I’m a pro, I always did my job and signed a contract 10 months ago. I don’t wanna go anywhere else. Don’t listen to the idiot out there. I don’t care about money, it’s all about and emotional and professional reason. I wanna give back all the love that inter fans gave me until now”.
Marotta traduce: “Esattamente, qui va tutto bene, il problema sono solo io. Me ne voglio andare e voglio anche la buonuscita, anche se rubo pure le monetine dal portafogli dei magazzinieri”.

-Quindi, in pratica, non è Conte che non ti schiera ma sei tu che ti rifiuti di giocare?
Eriksen: “NO!!!! Bullshit!! It’s 100% a fake news!!”
Marotta traduce: “Si, stronzi”.

Notizie flash

Ultimi articoli

13/11/2022
Atalanta- Inter nel tempo di un ultimo caffè

Primo tempo 1’ - Palomino alla prima da titolare dell’anno dopo lo stop per il presunto caso di doping. Come gli miglioreremo ulteriormente la giornata? 5' - Dopo due sconfitte di fila, Atalanta in versione Olanda di Cruijff 12' - Ma quindi Bastoni era in mood Barella che si rotola e non si fa nulla […]

13/11/2022
Atalanta - Inter, il prepartita dell'ultima di campionato

Non so se essere più basito dal fatto che quella di oggi sia l'ultima partita dell'anno oppure dal fatto che ormai sia arrivato Natale. Cioè raga qui mancano qualcosa come 40 giorni o poco più e io ho ancora le t-shirt a maniche corte nel cesto del panni da lavare. Voi siete consci del fatto […]

10/11/2022
Inter - Bologna, il Pagellone del ritorno della grande Inter

ONANA 7 – La serata comincia con Musa Barrow (uno dei tanti che sembra avere un conto aperto con noi) che sfiora il gol, poi un tiro di Arna viene respinto con le cosce da Andrè, con un intervento che ricorda il sacrificio di Dambro in un derby di qualche anno fa. La differenza è […]

10/11/2022
Inter - Bologna, dieci ranocchie post-partita

🐸 - Abbiamo fatto 6 a 1 anche all’andata l’anno scorso, non serve giocare il ritorno che tanto sappiamo già come va a finire. 🐸- Ma poi non li potevate dividere sto gol, tipo 3 al Bologna e gli altri tre a Torino contro quelli là porcoilcaz 🐸 - Cose che non pensavo di vedere […]

09/11/2022
Inter - Bologna nel tempo di un caffè

0' - Milan e Roma pareggiano, lAtalanta perde, cosa potrebbe andare male oggi?Ah già, giochiamo noi. PRIMO TEMPO: 1’ - Vi diròVi diròVi diròChe la situa, dopo aver guardato FroggyCosì brutta non é 2' - Bare è già dolorante. Non so più se crederci o no 4' - Quasi gol del Bologna dopo un contropiede. […]

09/11/2022
Inter - Bologna, il prepartita delle speranze finite

Siamo fritti. Finiti. Distrutti. Se per una partita in casa contro il Bologna ci tocca scomodare il signore in copertina, ieri in visita alla Pinetina, significa che la situazione è davvero tragica. Non supereremo la notte. A conferma di quanto sto dicendo, arrivano immagini inedite dalla visita del Vate di ieri al centro di allenamento: […]

linkedin facebook pinterest youtube rss twitter instagram facebook-blank rss-blank linkedin-blank pinterest youtube twitter instagram