26/12/2017

FROGNEWS: Arriva "Crosso Ergo Sum", la nuova autobiografia di Antonio Candreva

ARTICOLO LIBERAMENTE TRATTO DA "CROSSO ERGO SUM", LA NUOVA AUTOBIOGRAFIA DI ANTONIO CANDREVA.

"Ok, lo confesso. Ne sono consapevole, sforno cento cross a partita e la maggior parte di essi sono completamente inutili. Cosa posso farci? È più forte di me, è una dipendenza.

Lo vedo anch'io Mauro che si sbraccia in area di rigore per avere un mio assist. Potrei mettergli un pallone preciso, proprio lì sulla testa. E invece no. Lo sparo alle stelle. Così. A caso. Perché io posso.

La sera dopo le partite torno a casa e leggo i commenti sui miei cross. Mi spacco dal ridere, mi diverte.

Spalletti mi ha fatto fare anche un paio di sedute dal mental coach della squadra. Non c'è niente da fare. È più forte di me. So che molti giudicheranno ma ognuno ha il suo punto debole. Di sicuro ne avete uno anche voi.

Il mio sono i cross. Io crosso. Crosso sempre, ovunque, senza motivo. Il pallone che si infrange sulla schiena dell'avversario mi regala una sensazione quasi orgasmica, come un Raffaello, o un Picasso.

L'altra sera ho crossato le chiavi della macchina. SBAM, cross lungo sul secondo palo della luce.
Sono tornato a casa a piedi. Mia moglie mi guardava stranissimo.

Sono consapevole delle critiche, ma chi non prova non può capire. Guardate che io i cross li so fare, e anche bene. Quello di sinistro per Brozovic? Quello a Icardi nel derby? Non è mica culo. Semplicemente mi soddisfa di più un cross in curva di un assist.

La Nazionale con Ventura era uno spettacolo. Lui non diceva un cazzo a nessuno, dava solo i numeri. 4-2-4, 3-5-2, poi si piazzava lì in panchina e aspettava. E io crossavo.
Mi diceva "Antonio stai sulla fascia e crossa". Un paradiso, mi mancherà il mister.

Un altro che adoro è D'Ambrosio. Con lui in ritiro stiamo sempre in stanza assieme. Lui a differenza mia è uno che non sa crossare per davvero. Si intestardisce e si allena per ore: risultato? Vetri rotti, palloni smarriti, ha due zappe al posto dei piedi. Poi io ogni tanto gliene faccio vedere uno buono e impazzisce. "Wow frate' ma come hai fatto? Sei troppo bravo". Potrei andare avanti per ore...

"L’ho fatto per me.  Mi piaceva farlo, ed ero molto bravo, e mi sono sentito... mi sono sentito vivo."
Antonio Candreva

FROGNEWS: Arriva "Crosso Ergo Sum", la nuova autobiografia di Antonio Candreva

ARTICOLO LIBERAMENTE TRATTO DA "CROSSO ERGO SUM", LA NUOVA AUTOBIOGRAFIA DI ANTONIO CANDREVA.

"Ok, lo confesso. Ne sono consapevole, sforno cento cross a partita e la maggior parte di essi sono completamente inutili. Cosa posso farci? È più forte di me, è una dipendenza.

Lo vedo anch'io Mauro che si sbraccia in area di rigore per avere un mio assist. Potrei mettergli un pallone preciso, proprio lì sulla testa. E invece no. Lo sparo alle stelle. Così. A caso. Perché io posso.

La sera dopo le partite torno a casa e leggo i commenti sui miei cross. Mi spacco dal ridere, mi diverte.

Spalletti mi ha fatto fare anche un paio di sedute dal mental coach della squadra. Non c'è niente da fare. È più forte di me. So che molti giudicheranno ma ognuno ha il suo punto debole. Di sicuro ne avete uno anche voi.

Il mio sono i cross. Io crosso. Crosso sempre, ovunque, senza motivo. Il pallone che si infrange sulla schiena dell'avversario mi regala una sensazione quasi orgasmica, come un Raffaello, o un Picasso.

L'altra sera ho crossato le chiavi della macchina. SBAM, cross lungo sul secondo palo della luce.
Sono tornato a casa a piedi. Mia moglie mi guardava stranissimo.

Sono consapevole delle critiche, ma chi non prova non può capire. Guardate che io i cross li so fare, e anche bene. Quello di sinistro per Brozovic? Quello a Icardi nel derby? Non è mica culo. Semplicemente mi soddisfa di più un cross in curva di un assist.

La Nazionale con Ventura era uno spettacolo. Lui non diceva un cazzo a nessuno, dava solo i numeri. 4-2-4, 3-5-2, poi si piazzava lì in panchina e aspettava. E io crossavo.
Mi diceva "Antonio stai sulla fascia e crossa". Un paradiso, mi mancherà il mister.

Un altro che adoro è D'Ambrosio. Con lui in ritiro stiamo sempre in stanza assieme. Lui a differenza mia è uno che non sa crossare per davvero. Si intestardisce e si allena per ore: risultato? Vetri rotti, palloni smarriti, ha due zappe al posto dei piedi. Poi io ogni tanto gliene faccio vedere uno buono e impazzisce. "Wow frate' ma come hai fatto? Sei troppo bravo". Potrei andare avanti per ore...

"L’ho fatto per me.  Mi piaceva farlo, ed ero molto bravo, e mi sono sentito... mi sono sentito vivo."
Antonio Candreva

Ultimi articoli

01/10/2020
Benevento-Inter, il pagellone della trasgressione danese

HANDANOVIC 10: Per fortuna in mezzo a tutta questa esaltazione (KTM VIVA CHILE CONTETUMAREEEE) c'è ancora qualcuno che rimane serio. In fondo avete mai visto un qualsivoglia tifoso balcanico elogiare i suoi giocatori all'estero? Ecco. Ricordiamoci che il gioco del calcio resta prima di tutto una fonte estrema di scazzo. Così quando Samir vede i […]

30/09/2020
Benevento - Inter nel tempo di un aperitivo

1' - Oh. Che bell'orario della sequoia.18 di mercoledi, contro una neopromossa allenata da Pippo Inzaghi.Rischiamo di preLUUUUUUUKAKUUUUUUUUUCambio di campo, uno-due Sanchez/Hakimi con il cileno che la mette in mezzo per Romelone che realizza il più facile dei gol Fifa Style. 1 - 0 quindi.Ah.E si è sempre potuto fare o è legale da poco? […]

30/09/2020
Prepartido: Las diez cosas mas probabiles del Inter que gana contra el Buenoviento

HOLAAAA A TODOS LOS AMIGOS DE RANOCHIADES, UN SALVDO A TODA LA GENTE INTERISTA Y SPECIALMENTE A LOS INTERISTAS CHILENOS, LOS MEJORES DEL MUNDO! Hoy es el dia del partido.El Inter de Milan juega contra el Buenoviento de Pipo Insaghis.Este partido es el segundo que jugamos pero de verdad es el primero de la competencia […]

27/09/2020
Inter-Fiorentina, il pagellone del VAE VICTIS

HANDANOVIC 6: Handa ai compagni nel pre-partita: "ragazzi questo è il nostro anno, finalmente possiamo vincere il campionato, è da una vita che aspetto questo momento. Siamo cresciuti, siamo maturi, non siamo più quelli del passato. Andiamo lì fuori e dimostriamolo." E dopo tre minuti Kouamé e Bonaventura varcano insieme la linea di porta mano […]

26/09/2020
Inter - Fiorentina nel tempo di un caffè

Poteva esserci qualcosa di più interista di vedere l’esordio dell’Inter a Bergamo contro la Fiorentina di camerata Biraghi? Primo tempo 0’ - Incredibile. Siamo ancora qui.Non sembra manco passata un’estate, forse perché effettivamente non lo è. 2’ - Cross di Perisic. Camilla e già in visibilio. 3’ - Gol della Fiorentina.Partito da un cross di […]

linkedin facebook pinterest youtube rss twitter instagram facebook-blank rss-blank linkedin-blank pinterest youtube twitter instagram