26/12/2017

FROGNEWS: Arriva "Crosso Ergo Sum", la nuova autobiografia di Antonio Candreva

ARTICOLO LIBERAMENTE TRATTO DA "CROSSO ERGO SUM", LA NUOVA AUTOBIOGRAFIA DI ANTONIO CANDREVA.

"Ok, lo confesso. Ne sono consapevole, sforno cento cross a partita e la maggior parte di essi sono completamente inutili. Cosa posso farci? È più forte di me, è una dipendenza.

Lo vedo anch'io Mauro che si sbraccia in area di rigore per avere un mio assist. Potrei mettergli un pallone preciso, proprio lì sulla testa. E invece no. Lo sparo alle stelle. Così. A caso. Perché io posso.

La sera dopo le partite torno a casa e leggo i commenti sui miei cross. Mi spacco dal ridere, mi diverte.

Spalletti mi ha fatto fare anche un paio di sedute dal mental coach della squadra. Non c'è niente da fare. È più forte di me. So che molti giudicheranno ma ognuno ha il suo punto debole. Di sicuro ne avete uno anche voi.

Il mio sono i cross. Io crosso. Crosso sempre, ovunque, senza motivo. Il pallone che si infrange sulla schiena dell'avversario mi regala una sensazione quasi orgasmica, come un Raffaello, o un Picasso.

L'altra sera ho crossato le chiavi della macchina. SBAM, cross lungo sul secondo palo della luce.
Sono tornato a casa a piedi. Mia moglie mi guardava stranissimo.

Sono consapevole delle critiche, ma chi non prova non può capire. Guardate che io i cross li so fare, e anche bene. Quello di sinistro per Brozovic? Quello a Icardi nel derby? Non è mica culo. Semplicemente mi soddisfa di più un cross in curva di un assist.

La Nazionale con Ventura era uno spettacolo. Lui non diceva un cazzo a nessuno, dava solo i numeri. 4-2-4, 3-5-2, poi si piazzava lì in panchina e aspettava. E io crossavo.
Mi diceva "Antonio stai sulla fascia e crossa". Un paradiso, mi mancherà il mister.

Un altro che adoro è D'Ambrosio. Con lui in ritiro stiamo sempre in stanza assieme. Lui a differenza mia è uno che non sa crossare per davvero. Si intestardisce e si allena per ore: risultato? Vetri rotti, palloni smarriti, ha due zappe al posto dei piedi. Poi io ogni tanto gliene faccio vedere uno buono e impazzisce. "Wow frate' ma come hai fatto? Sei troppo bravo". Potrei andare avanti per ore...

"L’ho fatto per me.  Mi piaceva farlo, ed ero molto bravo, e mi sono sentito... mi sono sentito vivo."
Antonio Candreva

FROGNEWS: Arriva "Crosso Ergo Sum", la nuova autobiografia di Antonio Candreva

ARTICOLO LIBERAMENTE TRATTO DA "CROSSO ERGO SUM", LA NUOVA AUTOBIOGRAFIA DI ANTONIO CANDREVA.

"Ok, lo confesso. Ne sono consapevole, sforno cento cross a partita e la maggior parte di essi sono completamente inutili. Cosa posso farci? È più forte di me, è una dipendenza.

Lo vedo anch'io Mauro che si sbraccia in area di rigore per avere un mio assist. Potrei mettergli un pallone preciso, proprio lì sulla testa. E invece no. Lo sparo alle stelle. Così. A caso. Perché io posso.

La sera dopo le partite torno a casa e leggo i commenti sui miei cross. Mi spacco dal ridere, mi diverte.

Spalletti mi ha fatto fare anche un paio di sedute dal mental coach della squadra. Non c'è niente da fare. È più forte di me. So che molti giudicheranno ma ognuno ha il suo punto debole. Di sicuro ne avete uno anche voi.

Il mio sono i cross. Io crosso. Crosso sempre, ovunque, senza motivo. Il pallone che si infrange sulla schiena dell'avversario mi regala una sensazione quasi orgasmica, come un Raffaello, o un Picasso.

L'altra sera ho crossato le chiavi della macchina. SBAM, cross lungo sul secondo palo della luce.
Sono tornato a casa a piedi. Mia moglie mi guardava stranissimo.

Sono consapevole delle critiche, ma chi non prova non può capire. Guardate che io i cross li so fare, e anche bene. Quello di sinistro per Brozovic? Quello a Icardi nel derby? Non è mica culo. Semplicemente mi soddisfa di più un cross in curva di un assist.

La Nazionale con Ventura era uno spettacolo. Lui non diceva un cazzo a nessuno, dava solo i numeri. 4-2-4, 3-5-2, poi si piazzava lì in panchina e aspettava. E io crossavo.
Mi diceva "Antonio stai sulla fascia e crossa". Un paradiso, mi mancherà il mister.

Un altro che adoro è D'Ambrosio. Con lui in ritiro stiamo sempre in stanza assieme. Lui a differenza mia è uno che non sa crossare per davvero. Si intestardisce e si allena per ore: risultato? Vetri rotti, palloni smarriti, ha due zappe al posto dei piedi. Poi io ogni tanto gliene faccio vedere uno buono e impazzisce. "Wow frate' ma come hai fatto? Sei troppo bravo". Potrei andare avanti per ore...

"L’ho fatto per me.  Mi piaceva farlo, ed ero molto bravo, e mi sono sentito... mi sono sentito vivo."
Antonio Candreva

Notizie flash

Ultimi articoli

10/12/2020
INTER – SHAKHTAR di Terza Categoria – IL MISTERIOSO PIANO DELLA VIGILIA

Università di Milano – vigilia della partita - ore 9.00 Darmian arriva assonnato in università. Le ultime lezioni prima di Natale, i preappelli di dicembre. Lo stress di certo non aiuta il giovane ragazzo. Ma tra tutte queste cose, in realtà, è solo una che occupa la mente di un bravo terzino di terza categoria. […]

24/01/2021
Udinese - Inter, dieci pensieri post - partita

10 - Quando ho aperto DAZN per vedere la partita mi è apparso lui, PIGL. 9- SEI ANNI DI NOI <3<3<3<3<3<3<3 8 - L'anno scorso a quest'ora il nostro unico pensiero era Eriksen all'Inter sì, anzi no, mio cuggino ha detto forse ma solo se arriva a piedi.Eravamo felici e non lo sapevamo. 7 - […]

23/01/2021
Udinese - Inter nel tempo di un'occasione sprecata

Sono proprio curioso di vedere questa partita. Curioso di vedere come ci autodistruggeremo dopo la partita incantata di settimana scorsa. 1' - Ma perché Sky mi mostra il risultato di Milan-Atalanta come se tutto dipendesse da questa partita quando il titolo di campione d'inverno vale quasi quanto quello di pisello più lungo della casa nel […]

23/01/2021
Udinese - Inter: La settimana da Dio a.G (ante Gotti)

Lunedì FELICITA' Il post sbornia più piacevole della storia.Ti svegli e ti domandi se non sia stato tutto un sogno.No, non lo è stato.Vai a scuola/università/lavoro pervaso da totale serenità interiore: i sorrisi sono più sinceri, i colori più vividi, gli sfottò gustosi come un frutto di stagione."Qualcuno ha visto Cristiano Ronaldo? Doveva essere in […]

18/01/2021
Inter-Pirlolandia, il pagellone al bacio

HANDANOVIC 10: La serata si mette già male quando un gruppo di malavitosi teppisti fa partire uno spettacolo di petardi che nemmeno a capodanno a Napoli.Handa chiama subito le guardie per denunciare questi molestatori della quiete pubblica e del suo riposino, mentre De Vrij e Bastoni cantano e ballano OIII VITAAA OI VITA MIAAAAA"Samir, guarda […]

18/01/2021
Inter - Juventus, dieci pensieri post - partita

10 - STIAMO ANCORA GODENDO? STIAMO ANCORA GODENDO. 9 - Ma chi se ne frega del ghep con la Juve non ancora colmato, ma abbiamo vinto, noi godiamo e basta, ciaone. 8 - CHRIS PERDONAMI NON HO MAI PENSATO CONTE MITT ERIKSEN PER TUTTA LA PARTITA MA TI AMO LO SAI SCUSAAAAAA 7 - Il […]

17/01/2021
Inter - Juventus nel tempo di un caffè a parti invertite

Primo tempo 1' - Si comincia. Però sono un po' distratto. Sto ancora cercando di capire che tipo di interista sono 3' - Ok, obiettivamente sono il tipo Non sono pronto. Qualcuno mi salvi. Non voglio guardare il rettangolo verde. 6' - Punizione dai 30 metri. DAJE CHRISTIANNNNN Ah no. 10' - Gol Juve. Non […]

linkedin facebook pinterest youtube rss twitter instagram facebook-blank rss-blank linkedin-blank pinterest youtube twitter instagram