29/11/2020

A TUTTO HAKIMI: "È un periodo di assestamento. Tanti errori? Appena a San Siro..."

Da colpaccio estivo a oggetto misterioso: strana involuzione di Achraf Hakimi dopo un inizio scoppiettante. Reduce da prestazioni non esaltanti e alcune addirittura drammatiche, anche l’esterno marocchino è sotto processo nonostante la giovane età.
Siamo andati a sentire le sue impressioni su questo inizio in nerazzurro.

-Achraf, inizio super con un gol e due assist in due presenze…poi, che succede?
Hakimi: “Ho avuto un calo, è vero. Ma credo che ci voglia tempo per abituarsi ad un metodo di allenamento e di gioco diverso. Il calcio italiano è molto tattico e qui devo vedermela con giocatori forti. Per fortuna mi alleno con il miglior terzino italiano degli ultimi dieci anni e posso prendere spunto. Grazie Dani”.

-A proposito, senti il peso di dover sostituire anche un elemento amato per anni dal pubblico interista come Candreva?
Hakimi: “Mi danno fastidio i confronti, io sono Hakimi e basta. Gli errori che faccio non sono dati dalla pressione di Candreva quanto dai binari di metallo che ci sono sulla fascia destra di San Siro, dove correva lui. Hai presente lo stop sbagliato col Torino? Ecco, ho messo lì il piede e “Fuuummm, via come un’anguilla”. Sembra quando vai in bici sui binari del tram, spero risolvano in fretta!

-Niente peso per il nome, ma quel numero sulla maglia è stato di alcuni tra i più grandi difensori della storia dell’Inter…
Hakimi: “Mi hanno avvisato anche di questo, la società ha insistito perché avessi questo numero nonostante non fosse la mia prima scelta. Mi hanno detto che non avrei fatto rimpiangere nessuno, ma non mi sentivo di prende la stessa casacca indossata dal Divino. Jonathan per quelli della mia generazione è un faro che illumina la notte. A volte mi sveglio nel sonno e mi chiedo se sia tutto vero o solo un sogno…”


A TUTTO HAKIMI: "È un periodo di assestamento. Tanti errori? Appena a San Siro..."

Da colpaccio estivo a oggetto misterioso: strana involuzione di Achraf Hakimi dopo un inizio scoppiettante. Reduce da prestazioni non esaltanti e alcune addirittura drammatiche, anche l’esterno marocchino è sotto processo nonostante la giovane età.
Siamo andati a sentire le sue impressioni su questo inizio in nerazzurro.

-Achraf, inizio super con un gol e due assist in due presenze…poi, che succede?
Hakimi: “Ho avuto un calo, è vero. Ma credo che ci voglia tempo per abituarsi ad un metodo di allenamento e di gioco diverso. Il calcio italiano è molto tattico e qui devo vedermela con giocatori forti. Per fortuna mi alleno con il miglior terzino italiano degli ultimi dieci anni e posso prendere spunto. Grazie Dani”.

-A proposito, senti il peso di dover sostituire anche un elemento amato per anni dal pubblico interista come Candreva?
Hakimi: “Mi danno fastidio i confronti, io sono Hakimi e basta. Gli errori che faccio non sono dati dalla pressione di Candreva quanto dai binari di metallo che ci sono sulla fascia destra di San Siro, dove correva lui. Hai presente lo stop sbagliato col Torino? Ecco, ho messo lì il piede e “Fuuummm, via come un’anguilla”. Sembra quando vai in bici sui binari del tram, spero risolvano in fretta!

-Niente peso per il nome, ma quel numero sulla maglia è stato di alcuni tra i più grandi difensori della storia dell’Inter…
Hakimi: “Mi hanno avvisato anche di questo, la società ha insistito perché avessi questo numero nonostante non fosse la mia prima scelta. Mi hanno detto che non avrei fatto rimpiangere nessuno, ma non mi sentivo di prende la stessa casacca indossata dal Divino. Jonathan per quelli della mia generazione è un faro che illumina la notte. A volte mi sveglio nel sonno e mi chiedo se sia tutto vero o solo un sogno…”


Notizie flash

Ultimi articoli

23/01/2023
Inter - Empoli, il prepartita della goduria

Quelli più scaramantici tra voi diranno che non devo crogiolarmi troppo nella goduria perché il karma è un attimo che torna indietro come un boomerang. Ora però, vorrei fare una domanda a tutti voi: andando a memoria, ricordate, in tutto il vostro percorso da interisti, una sola volta in cui il karma non ci abbia […]

29/01/2023
Cremonese - Inter, dieci tori post-partita

🐂 - È durata giusto il tempo di farsi una doccia 🐂 - Che voglia di chiudermi in camera scrivendo frasi sulla Smemo ascoltando Bella Senz’Anima di Riccardo Cocciante 🐂 - Non so cosa sia peggio questa settimana tra Skriniar alla Juv…scusate, PSG, i ricordi di Eriksen che arriva all’Inter e sapere che esiste un Epic Team dal […]

28/01/2023
Cremonese - Inter, la partita nel tempo di un caffè con Gaglia capitano

0’ - non siamo pronti a vedere Gagliardini con la fascia NON SIAMO PRONTI Primo tempo 1' - Mariani fischia dopo aver regolato i suoi sedici orologi 4’ - qui dal settore ospiti Cremona tutto ok. Tanti ravioli e tanto vino, ma ok.  Finita la birra, vi aggiorniamo. 5’ - il primo piano su dzeko […]

28/01/2023
Cremonese-Inter, il prepartita sul cruscotto

La vedete quella luce rossa in lontananza? Ma sì, dai, se guardate bene riuscite a notarla anche voi.Là, in fondo a destra, dopo tutti i nomi delle squadre di Serie A, vicino alla scritta "Retrocessione"!Ecco, quello è il fanalino di coda del campionato.Quella è la Cremonese. Ebbene sì, è appena passata un'altra settimana sulle montagne […]

24/01/2023
Inter - Empoli, il pagellone incredulo

ONANA 5 - Ah che bella fase l’innamoramento.Le farfalle nello stomaco, quella inspiegabile voglia di passare più tempo possibile insieme…guardi quella persona e pensi: ma dove sei stato tutto questo tempo? Come facevo io senza di te?E soprattutto, hai davvero dei difetti o lo dici per dire?Bene, benvenuti a “il dopo”, ovvero quella simpatica fase […]

24/01/2023
Inter - Empoli, dieci rossi post-partita

🤬 - Stamattina con una gran voglia di disdire anche io qualsiasi cosa, ve lo giuro. ❤️ - È comunque il 24 di gennaio, buon BrozoDay a tutti, TORNA KAPETANE MOJ MI MANCHI 🤬 - Non avessi già espatriato l’avrei fatto di corsa stamattina. N.B. L’espatrio non protegge dagli effetti collaterali di Inter - Empoli 🤬 - Comunque volevo […]

23/01/2023
Inter - Empoli nel tempo di un caffè scadente

0’ - Non credevo che avrei mai ringraziato DAZN per qualcosa. Poi chiamano Strama. E allora ditelo.. PRIMO TEMPO: 1'- L'intesa tra Lauti e Tucu è commovente, nel senso che mi sto già disperando 4’ - sono quattro minuti che cantiamo ‘Milan merda’. Spero di cuore che ci stiate sentendo da casa perché non ho […]

linkedin facebook pinterest youtube rss twitter instagram facebook-blank rss-blank linkedin-blank pinterest youtube twitter instagram