29/11/2020

Vidal esclusivo: chi sarei diventato senza il calcio? Tutti ascoltano musica rock, io ho il mio modo per caricarmi....

Aggressivo, veemente ed istintivo, siamo abituati a descrivere in questi termini il neo acquisto neroazzurro ma si sa, come diceva Pirandello “imparerai a tue spese che nel lungo tragitto della
vita incontrerai tante maschere e pochi volti”.


Arturo, se non fosse diventato calciatore professionista, cosa avrebbe fatto nella vita?
“Non è semplice per me rispondere a questa domanda, ma le racconto un aneddoto per spiegarmi meglio. Siamo abituati a vedere i calciatori arrivare allo stadio con le cuffie, addirittura in molti ascoltano musica fino a pochi minuti dalla partita per caricarsi.

Ebbene non è il mio caso, approfitto del prepartita per indossare le cuffie e riascoltare i miei appunti su Schopenhauer.
Sono un grande appassionato di filosofia e letteratura, una passione che fonda le sue antiche radici negli insegnamenti della mia maestra delle scuole elementari, Ines Diadora Beghelli.

In gran segreto ho portato avanti questa declinazione della mia personalità fino a laurearmi, lo scorso anno, in lettere e filosofia presso l’Universidade Catolica de Chile, fucina dei più noti intellettuali contemporanei come il mio amico Edu Vargas.”

Pensa che in futuro potrà diventare questa la sua professione?

“Me lo auguro con tutto il cuore. Sinceramente non ho mai abbandonato questo sogno. Questa estate quando l’ inter mi ha chiamato ho avuto l’illuminazione per scrivere un trattato gnoseologico dal titolo “e se l’attesa di un terzino sinistro all’altezza fosse essa stessa un terzino sinistro all’altezza”. Insomma mi tengo in allenamento in attesa di spiccare il volo come l’aquila di Nietzsche”.

Veemente, istintivo ma con aspetti sconosciuti ai più, ecco Arturo Vidal. Sono queste, inevitabilmente, le storie che ci lasciano riflettere, che ci consentono di vedere oltre al personaggio e di spaziare in quel fantastico universo che è la natura umana.

Vidal esclusivo: chi sarei diventato senza il calcio? Tutti ascoltano musica rock, io ho il mio modo per caricarmi....

Aggressivo, veemente ed istintivo, siamo abituati a descrivere in questi termini il neo acquisto neroazzurro ma si sa, come diceva Pirandello “imparerai a tue spese che nel lungo tragitto della
vita incontrerai tante maschere e pochi volti”.


Arturo, se non fosse diventato calciatore professionista, cosa avrebbe fatto nella vita?
“Non è semplice per me rispondere a questa domanda, ma le racconto un aneddoto per spiegarmi meglio. Siamo abituati a vedere i calciatori arrivare allo stadio con le cuffie, addirittura in molti ascoltano musica fino a pochi minuti dalla partita per caricarsi.

Ebbene non è il mio caso, approfitto del prepartita per indossare le cuffie e riascoltare i miei appunti su Schopenhauer.
Sono un grande appassionato di filosofia e letteratura, una passione che fonda le sue antiche radici negli insegnamenti della mia maestra delle scuole elementari, Ines Diadora Beghelli.

In gran segreto ho portato avanti questa declinazione della mia personalità fino a laurearmi, lo scorso anno, in lettere e filosofia presso l’Universidade Catolica de Chile, fucina dei più noti intellettuali contemporanei come il mio amico Edu Vargas.”

Pensa che in futuro potrà diventare questa la sua professione?

“Me lo auguro con tutto il cuore. Sinceramente non ho mai abbandonato questo sogno. Questa estate quando l’ inter mi ha chiamato ho avuto l’illuminazione per scrivere un trattato gnoseologico dal titolo “e se l’attesa di un terzino sinistro all’altezza fosse essa stessa un terzino sinistro all’altezza”. Insomma mi tengo in allenamento in attesa di spiccare il volo come l’aquila di Nietzsche”.

Veemente, istintivo ma con aspetti sconosciuti ai più, ecco Arturo Vidal. Sono queste, inevitabilmente, le storie che ci lasciano riflettere, che ci consentono di vedere oltre al personaggio e di spaziare in quel fantastico universo che è la natura umana.

Notizie flash

Ultimi articoli

20/10/2021
Inter - Sheriff, dieci coccodrilli post - partita

🐊 Quanto è bello svegliarsi alla mattina quando sai di essere stata la prima squadra a battere lo Sheriff Tiraspol in Champions League. Ciao Real Madrid, tu questo non lo sai fare. 🐊 Comunque mi state simpatici, amici dell’ONU datevi una mossa e riconoscete questo bellissimo stato con una popolazione magnifica, non vedo l’ora di […]

19/10/2021
Uno sceriffo strapazzato nel tempo di un caffè

Terza partita del girone e siamo già qua, a dover strappare con i denti 3 punti per non vedere già andare in frantumi il sogno europeo. Tutto molto interista. Almeno però negli ultimi anni aspettavamo l’ultima giornata. Beh, godiamoci lo spettacolo dello Sceriffo. Primo tempo 4’ - Prima discesa degli uomini dello Sceriffo e sto […]

19/10/2021
10 cose più probabili di una vittoria con lo Sheriff Tiraspol

10 – Mauro Ica**i e Max Allegri decidono di fondare una società di consulenza matrimoniale 9 – Il dR.anocchio scopre una nuova fondamentale porzione anatomica del ginocchio umano e decide di chiamarla capsula di Sensi 8 – Il Napoli vince lo scudetto a punteggio pieno 7 – Fifino Dumfries si ritira, si dà alla boxe […]

17/10/2021
Lazio - Inter, il pagellone rissoso

HANDA 6+10 - Una prestazione normale per il vicecap, che mi toglie la possibilità di difenderlo a spada tratta perché sul 3-1 decide di abbandonarci a noi stessi lasciando entrare la palla in porta. Ma nel megarissone dà il meglio di sé: lo trovi in tutte le situazioni più calde e a fine partita è […]

17/10/2021
Lazio - Inter, dieci pensieri post - partita

10 - Simon Kjaer che festeggia la qualificazione della Danimarca ai Mondiali con addosso la 10 di Chris l’unica cosa bella della sosta nazionali. 9 - Però è stato bello pensare che mi mancasse il campionato per quasi due settimane. 8 - GRAZIE SIGNORA BEST MANAGER NARA WANDA PER IL DRAMA DELLA SERATA che bello […]

16/10/2021
Lazio - Inter nel tempo di un'infamata

Primo tempo 0’ - Se non altro Pardo mi conferma che non sono l’unico ad aver perplessità a intendere la nostra formazione. 10’ - Rigoreeeeeee Mamma Mbare che giocatore che sei diventato!E ora chi cazzo lo tira il rigore? 11’ - PERRYYYYYYYYYYYY RIGORE PERFETTOChi ha bisogno 18’ - Comunque Felipe Anderson ogni volta che vede […]

linkedin facebook pinterest youtube rss twitter instagram facebook-blank rss-blank linkedin-blank pinterest youtube twitter instagram