Dinamo Kiev-Inter: La resurrezione secondo Wes

Riuscite ad immaginare Khrin che dice “Come sono brutto” davanti allo specchio?
Ovviamente no.
Allora perché continuare a ripetere “l’Inter non mi ha fatto dannare nell’anno del Triplete"?

Che tu sia figlio dell’Inter di Zaccheroni o di Simoni, del siluro di Andy RIPIGLBASTAFARELECHALLENGECONLEBOTTIGLIETORNADANOI Van Der Meyde, dello scontro Ronaldo-Iuliano e delle bestemmie a Ceccarini, il 4 novembre 2009 eri con un piede nella fossa, all’ultimo posto nel girone di Champion's.
Con tanto di Shevchenko e compagni di scuola gobbi in agguato pronti a ricordartelo in loop dal giorno prima.

Ci ripenso ogni volta che papà mi dice “Ma ci pensi se Snejider non avesse segnato quasi alla fine della partita?”.
Certo che ci penso, papà.
Il giorno dopo entrata in classe non sarei sembrata Schelotto dopo l’1-1 nel derby se non fosse successo.
Ma questo è un altro discorso.

La formazione avversaria è comprensibile quanto gli schemi di De Boer, ma rileggendo la formazione un nome in particolare mi diceva tutto e niente. Magrao.
Chissà, forse per la dolorosa assonanza con Brandao o con Lucio Maranhao.
O con Joao (#TORN).

Dinamo Kiev-Inter: La resurrezione secondo Wes 1 Ranocchiate
Dinamo Kiev-Inter: La resurrezione secondo Wes 2 Ranocchiate

Noi scendiamo in campo con il solito 4-3-1-2 con Deki titolare, bello come il dannato scenario decadente ucraino, ma forse un po' spaesato: probabilmente non è il tipo capace di adattarsi ad un ambiente così criminale ed intriso di bratesimo.

Dinamo Kiev-Inter: La resurrezione secondo Wes 3 Ranocchiate

Dinamo Kiev-Inter 1-2: La partita

Wes, con la febbre alta fino a pochi giorni prima, viene recuperato e buttato in campo in extremis. DEO GRATIAS.

I primi 45’ mi hanno trasmesso la stessa gioia di vivere che avrei conosciuto solo qualche anno dopo guardando l’Inter di Mazzarri.
20’ minuti di nulla, poi lo scherzo del destino.
Sponda di petto di Milevsky, Shevchenko in gol.

Le maledizioni che ho riservato ai miei compagni di classe forse solo a Gasperini.
Poi Mourinho solito incompetente che schiera Sneijder alle spalle di Eto’o e Milito: se fosse bravo quanto il Gasp dei giorni nostri capirebbe che è un mediano. Ma lui no, nulla.
Ignorante.
Non sarai mai un vincente come lui.

Vi piacciono queste sfasature temporali?
Lo sono, sono quasi ubriacanti quanto i dribbling di Kovacic (ammetto sia abbastanza difficile essere a quel livello perché lui è TROPPO SUPERIORE), ma devo pur ravvivare un po' le cose.
Adesso gli unici rimasti in difesa sono Zanetti e Julio Cesar ma non riusciamo comunque a segnare.

Quanto è bello Lucio che scorrazza indisturbato in attAAAAA HA SEGNATO MILITOOOOOO.
COSA SI E' INVENTATO IL MEDIANACCIO OLANDESEEEE.
Manda al bar due della Dinamo, Oggdfdfkodjbcshgdd e Tadhsdghgdftafh (si, li scrivo così che tanto qualche lettera in comune coi loro nomi veri la becco sicuro), serve ALLA PERFEZIONE Milito che di sinistro spiazza Bogush all’ 85°.

Cioè noi oggi ci lamentiamo della tenuta atletica di Biraghi, ma Bogush sembra una vecchietta con l’artrosi.
Coso, devi essere scattante come Wes che SI BEVE GLI AVVERSARI COME UN CRODINOOOOOOOO.
Mamma mia che emozioni mi regala il Follettino.
Pensate che in un universo parallelo non ha vinto il Pallone d’Oro.
Infami.

Attacchiamo senza sosta. I minuti passano.
SOFFRO MALE.

Poi, un lampo accecante.

Wes scambia con Thiago Motta (ottimo #mitt), palla a Balotelli che si inventa un colpo di tacco sulla trequarti (ottimo #mitt pt.2, Josè tu si che li capisci <3 ) per Muntari che MACHETIRIDALIIII, Bogush sbaglia la paratAAAAAAMACHEE', Milito carica il destro e tira ma BOGUSH MALEDETTO LA TIENE FUORI DALLA LINEA, Wes si infila come un rapace E SIGLA L’1-2 all'89!.
E’ GOL E’ GOL E’ GOL (X3) WESLEY SNEIJDERRRRR.
Sto male. Chiamate un cardiologo.
Finisce così.

Chi era la squadra spacciata?
Quella che ha rimontato una partita in 6 minuti?
Non ci conoscete abbastanza.
CIAO GUFI, SARA' PER LA PROSSIMA.

(Si, ancora GODO pensando ai miei compagni a scuola il giorno dopo).

Dinamo Kiev-Inter: La resurrezione secondo Wes

Riuscite ad immaginare Khrin che dice “Come sono brutto” davanti allo specchio?
Ovviamente no.
Allora perché continuare a ripetere “l’Inter non mi ha fatto dannare nell’anno del Triplete"?

Che tu sia figlio dell’Inter di Zaccheroni o di Simoni, del siluro di Andy RIPIGLBASTAFARELECHALLENGECONLEBOTTIGLIETORNADANOI Van Der Meyde, dello scontro Ronaldo-Iuliano e delle bestemmie a Ceccarini, il 4 novembre 2009 eri con un piede nella fossa, all’ultimo posto nel girone di Champion's.
Con tanto di Shevchenko e compagni di scuola gobbi in agguato pronti a ricordartelo in loop dal giorno prima.

Ci ripenso ogni volta che papà mi dice “Ma ci pensi se Snejider non avesse segnato quasi alla fine della partita?”.
Certo che ci penso, papà.
Il giorno dopo entrata in classe non sarei sembrata Schelotto dopo l’1-1 nel derby se non fosse successo.
Ma questo è un altro discorso.

La formazione avversaria è comprensibile quanto gli schemi di De Boer, ma rileggendo la formazione un nome in particolare mi diceva tutto e niente. Magrao.
Chissà, forse per la dolorosa assonanza con Brandao o con Lucio Maranhao.
O con Joao (#TORN).

Dinamo Kiev-Inter: La resurrezione secondo Wes 4 Ranocchiate
Dinamo Kiev-Inter: La resurrezione secondo Wes 5 Ranocchiate

Noi scendiamo in campo con il solito 4-3-1-2 con Deki titolare, bello come il dannato scenario decadente ucraino, ma forse un po' spaesato: probabilmente non è il tipo capace di adattarsi ad un ambiente così criminale ed intriso di bratesimo.

Dinamo Kiev-Inter: La resurrezione secondo Wes 6 Ranocchiate

Dinamo Kiev-Inter 1-2: La partita

Wes, con la febbre alta fino a pochi giorni prima, viene recuperato e buttato in campo in extremis. DEO GRATIAS.

I primi 45’ mi hanno trasmesso la stessa gioia di vivere che avrei conosciuto solo qualche anno dopo guardando l’Inter di Mazzarri.
20’ minuti di nulla, poi lo scherzo del destino.
Sponda di petto di Milevsky, Shevchenko in gol.

Le maledizioni che ho riservato ai miei compagni di classe forse solo a Gasperini.
Poi Mourinho solito incompetente che schiera Sneijder alle spalle di Eto’o e Milito: se fosse bravo quanto il Gasp dei giorni nostri capirebbe che è un mediano. Ma lui no, nulla.
Ignorante.
Non sarai mai un vincente come lui.

Vi piacciono queste sfasature temporali?
Lo sono, sono quasi ubriacanti quanto i dribbling di Kovacic (ammetto sia abbastanza difficile essere a quel livello perché lui è TROPPO SUPERIORE), ma devo pur ravvivare un po' le cose.
Adesso gli unici rimasti in difesa sono Zanetti e Julio Cesar ma non riusciamo comunque a segnare.

Quanto è bello Lucio che scorrazza indisturbato in attAAAAA HA SEGNATO MILITOOOOOO.
COSA SI E' INVENTATO IL MEDIANACCIO OLANDESEEEE.
Manda al bar due della Dinamo, Oggdfdfkodjbcshgdd e Tadhsdghgdftafh (si, li scrivo così che tanto qualche lettera in comune coi loro nomi veri la becco sicuro), serve ALLA PERFEZIONE Milito che di sinistro spiazza Bogush all’ 85°.

Cioè noi oggi ci lamentiamo della tenuta atletica di Biraghi, ma Bogush sembra una vecchietta con l’artrosi.
Coso, devi essere scattante come Wes che SI BEVE GLI AVVERSARI COME UN CRODINOOOOOOOO.
Mamma mia che emozioni mi regala il Follettino.
Pensate che in un universo parallelo non ha vinto il Pallone d’Oro.
Infami.

Attacchiamo senza sosta. I minuti passano.
SOFFRO MALE.

Poi, un lampo accecante.

Wes scambia con Thiago Motta (ottimo #mitt), palla a Balotelli che si inventa un colpo di tacco sulla trequarti (ottimo #mitt pt.2, Josè tu si che li capisci <3 ) per Muntari che MACHETIRIDALIIII, Bogush sbaglia la paratAAAAAAMACHEE', Milito carica il destro e tira ma BOGUSH MALEDETTO LA TIENE FUORI DALLA LINEA, Wes si infila come un rapace E SIGLA L’1-2 all'89!.
E’ GOL E’ GOL E’ GOL (X3) WESLEY SNEIJDERRRRR.
Sto male. Chiamate un cardiologo.
Finisce così.

Chi era la squadra spacciata?
Quella che ha rimontato una partita in 6 minuti?
Non ci conoscete abbastanza.
CIAO GUFI, SARA' PER LA PROSSIMA.

(Si, ancora GODO pensando ai miei compagni a scuola il giorno dopo).

Notizie flash

Ultimi articoli

19/01/2022
Inter – Empoli: cosa potrebbe mai andare storto?

Per il tifoso meno esperto, Inter – Empoli, specialmente di Coppa Italia, potrebbe essere una partita di poco interesse. Un match non degno di attenzioni in un freddo mercoledì sera di Gennaio.  Tuttavia questo non vale certo per il tifoso interista. Perché noi, gli interisti, di serate tranquille  di Coppa Italia ce ne intendiamo fin troppo bene. […]

17/01/2022
Atalanta - Inter, il pagellone delle occasioni mancate

HANDANOVIC 10 – “DLIN DLON: Si avvisa il signor Onana che può accomodarsi in panchina insieme ai signori Cordaz e Radu. A fine partita potrà lucidare i guantoni del nostro n.1” Non è che adesso basta far firmare un foglio al primo portiere che passa per pensare che Samir possa perdere il posto. Handa è […]

17/01/2022
Atalanta - Inter, dieci pensieri post - partita

10 - OOOOOOH finalmente una non vittoria, tutto questo tempo e persino dicembre e gennaio senza un minimo di profumo di CRISIINTER mi stava troppo destabilizzando. 9 - Ah, dobbiamo sempre recuperare una partita?E comunque non abbiamo perso?Quindi non siamo ancora in CRISIINTER?Ah, ok. 8 - Io: madonna ma basta che schifo io con questi […]

16/01/2022
Atalanta - Inter nel tempo di un caffè

Primo tempo 0’ - Eccoci qui di nuovo per la più bella partita dell’anno per tutti coloro che non tifano. Per me, interista in terra bergamasca, una tassa, un supplizio che mi tocca pagare ogni anno. 8’ - Siamo già a 3 occasioni per l’Atalanta che la prospettiva ha fatto sembrare gol. 15’ - Dzeko […]

16/01/2022
Le 5 statistiche più ansiogene di Atalanta - Inter

Sarà la Supercoppa vinta contro la J**e, dopo aver recuperato uno svantaggio con un rigore a favore e vinta al 120’ con un gol del giocatore più umile della storia, sarà la vittoria con la Lazio che ha avuto tanto il sapore della #VENDETT, sarà che si parla di scippare ai nostri acerrimi nemici il […]

13/01/2022
Inter - Juventus, il pagellone del fallo tattico

HANDA 10 - Quanti feels ieri sera con il vicecap: vederlo con quel capello brizzolato da anni di Inter e di tasche piene di sassi mi ha riportato alla mente Francesco Toldo, mio primo amore calcistico.Forse non tutti se ne saranno accorti, ma ieri Handa ha fatto il primo vero tentativo di carriera postcalcistica: la […]

linkedin facebook pinterest youtube rss twitter instagram facebook-blank rss-blank linkedin-blank pinterest youtube twitter instagram