22/10/2017

Un punto gradito

Possiamo essere fieri di quanto visto questa sera.

E’ stata una settimana abbastanza lunga, per un paio di giorni mi sono goduto il post-sbornia del derby, buttando lì fra una lezione e l’altra un “Oh ma quanto è forte Mauro?”; così, fosse anche per sorridere ripensando alla bellezza di quanto abbiamo avuto l’onore di vedere.

Poi, un fugace pensiero ha sfiorato la mia mente.
E lì, proprio in quel momento, sono stati uccelli senza zucchero a prima vista.

Già, il Napoli.
Il Napoli di Sarri.
Il Napoli che con quei 3 lì davanti fa passare le pene dell’inferno a qualunque squadra in Europa.
E giochiamo da loro.

A quel punto la settimana è diventata dura come un macigno, perché ammetto di essere uno di quelli che pensava ce la potessimo fare davvero a portare a casa i 3 punti.

Per cui sei lì, a cercare di convincerti che il Napoli è una squadra superiore alle nostre possibilità perché loro giocano la Champions e noi a PES, con ancora negli occhi la magia del derby appena passato.

Un po' come andare a fare la spesa al supermercato a stomaco vuoto.
Una pessima combinazione.

Poi è arrivata la partita, la paura mi ha assalito.
Ho realizzato che l’unico modo in cui avrei voluto che D’Ambrosio si occupasse di Insigne è picchiandolo.
E lì lo vedi. Col numero 55. Ancora là. Eh già, oggi marca lui Callejon.
Ho realizzato di essere innamorato di Nagatomo, non può essere altrimenti: ogni volta che lo inquadrano il mio cuore sussulta, non riesco a capire cosa potrebbe accadere di lì a poco, inizio a sudare freddo.

Dicono che se non distrugge non sia amore e dio solo sa quanto mi distrugga vederlo tutt’oggi in campo.
E’ amore, lo amiamo tutti, non c’è altra spiegazione.

Su il sipario, siamo entrati in scena.
Senza timore reverenziale, abbiamo giocato la nostra onesta partita, rispondendo colpo su colpo alla dinamicità partenopea.
E ne siamo usciti in pareggio.

Occasioni da una parte e dall’altra, Handanovic che para senza mai cambiare espressione e tanto, tanto sacrificio ed applicazione tattica.

Ha vinto la bravura dei due tecnici, hanno vinto il tatticismo e l’equilibrio, in una serata in cui cercavamo di capire chi siamo: abbiamo incrociato le spade con la squadra più in forma del campionato e ne siamo usciti indenni e fieri come non mai.

Perché questa squadra, la nostra squadra, passata lo scorso anno da quattro allenatori e due gestioni societarie, può giocarsela con tutti.
Usciamo dal doppio impegno Milan-Napoli con 4 punti su 6.

Considerato che abbiamo anche affrontato la Roma e siamo secondi in classifica, direi che ci sia molto di cui essere soddisfatti.

Verrà il tempo in cui dovranno essere gli altri a fare questi ragionamenti prima di affrontarci, ma finché Vecino fa questi coast to coast e Candreva gioca a Calcio e non al tiro al bersaglio, possiamo dormire sonni tranquilli.

Beh si, aspettando Ranocchia ovviamente.
Lì sarà scudetto ad honorem.

Un punto gradito

Possiamo essere fieri di quanto visto questa sera.

E’ stata una settimana abbastanza lunga, per un paio di giorni mi sono goduto il post-sbornia del derby, buttando lì fra una lezione e l’altra un “Oh ma quanto è forte Mauro?”; così, fosse anche per sorridere ripensando alla bellezza di quanto abbiamo avuto l’onore di vedere.

Poi, un fugace pensiero ha sfiorato la mia mente.
E lì, proprio in quel momento, sono stati uccelli senza zucchero a prima vista.

Già, il Napoli.
Il Napoli di Sarri.
Il Napoli che con quei 3 lì davanti fa passare le pene dell’inferno a qualunque squadra in Europa.
E giochiamo da loro.

A quel punto la settimana è diventata dura come un macigno, perché ammetto di essere uno di quelli che pensava ce la potessimo fare davvero a portare a casa i 3 punti.

Per cui sei lì, a cercare di convincerti che il Napoli è una squadra superiore alle nostre possibilità perché loro giocano la Champions e noi a PES, con ancora negli occhi la magia del derby appena passato.

Un po' come andare a fare la spesa al supermercato a stomaco vuoto.
Una pessima combinazione.

Poi è arrivata la partita, la paura mi ha assalito.
Ho realizzato che l’unico modo in cui avrei voluto che D’Ambrosio si occupasse di Insigne è picchiandolo.
E lì lo vedi. Col numero 55. Ancora là. Eh già, oggi marca lui Callejon.
Ho realizzato di essere innamorato di Nagatomo, non può essere altrimenti: ogni volta che lo inquadrano il mio cuore sussulta, non riesco a capire cosa potrebbe accadere di lì a poco, inizio a sudare freddo.

Dicono che se non distrugge non sia amore e dio solo sa quanto mi distrugga vederlo tutt’oggi in campo.
E’ amore, lo amiamo tutti, non c’è altra spiegazione.

Su il sipario, siamo entrati in scena.
Senza timore reverenziale, abbiamo giocato la nostra onesta partita, rispondendo colpo su colpo alla dinamicità partenopea.
E ne siamo usciti in pareggio.

Occasioni da una parte e dall’altra, Handanovic che para senza mai cambiare espressione e tanto, tanto sacrificio ed applicazione tattica.

Ha vinto la bravura dei due tecnici, hanno vinto il tatticismo e l’equilibrio, in una serata in cui cercavamo di capire chi siamo: abbiamo incrociato le spade con la squadra più in forma del campionato e ne siamo usciti indenni e fieri come non mai.

Perché questa squadra, la nostra squadra, passata lo scorso anno da quattro allenatori e due gestioni societarie, può giocarsela con tutti.
Usciamo dal doppio impegno Milan-Napoli con 4 punti su 6.

Considerato che abbiamo anche affrontato la Roma e siamo secondi in classifica, direi che ci sia molto di cui essere soddisfatti.

Verrà il tempo in cui dovranno essere gli altri a fare questi ragionamenti prima di affrontarci, ma finché Vecino fa questi coast to coast e Candreva gioca a Calcio e non al tiro al bersaglio, possiamo dormire sonni tranquilli.

Beh si, aspettando Ranocchia ovviamente.
Lì sarà scudetto ad honorem.

Notizie flash

Ultimi articoli

07/05/2022
Inter - Empoli, il pagellone della follia

HANDA/SKRI/DE VRIJ/DIMA 7x4+5-2:3 -H: "Ciao a tutti ragazzi"in coro "Ehi Samir"H: "Avete presente quella volta che ho parato 3 tiri in un minuto contro il Milan e mi avete detto che mi dovevate un favore?"SK: "Si, certo"DE: "E che c'entra adesso?"DI: "Io manco c'ero…"H: "Dima tu sei l'ultimo arrivato quindi il tuo pensiero non conta. […]

16/05/2022
Cagliari - Inter, dieci gufetti post - partita

🦉 - Io di vivere con questa ansia fino al 22 maggio non me lo meritavo. 🦉 - La settimana degli interisti (ricordatevi che le messe contro costano di più): 🦉 - Chissà se ieri sono tornati a casa tranquilli o se hanno trovato molto traffico. 🦉 - Sampdoria e Sassuolo: 🦉 - Scamacca fai […]

15/05/2022
Cagliari - Inter nel tempo di un caffè

Primo tempo 0’ - Seguirò questa partita con una boccia di voglia di morire in succo di fianco 5’ - Sono cinque minuti che cerco “come smettere di seguire il calcio” su wikihow ma non ho trovato niente 6’ - se trovo qualcosa vi faccio sapere 7' - Uh, stasera c'è lo speciale su Sanremo […]

15/05/2022
Cagliari-Inter, il prepartita dell'ultima spiaggia

Le sentite le vibes estive? Eddai che le sentite!Il primo anticiclone africano, il sole che tramonta tardi, gli aperitivi all'aperto, le camicie sbottonate, l'odore d'ascella che bypassa anche la FFP2, la voglia di spiaggia...EDDAI CHE LA SENTITE!Per altro, quale posto migliore della Sardegna per parlare di spiagge?Ah già, uno ci sarebbe. Anche abbastanza famoso: Comunque, […]

14/05/2022
Cronistoria di una finale di Coppa Italia vista dal lato sbagliato dell'Olimpico

di Guglielmo Poggi Ho trentun anni, ho sovente guidato in stato di ebrezza e sono cresciuto in unquartiere di Roma dove per divertimento si praticava la cinghiamattanza (cerca su google);eppure, la grande preoccupazione di mia madre è che io vada a vedere una partita allo stadio.Quello che non sa, è che più degli ultras avversari, […]

12/05/2022
Juventus - Inter, il pagellone del godimento mistico

HANDA ? - Pronti, via e succede un miracolo: È VIVOOOOOSiamo finalmente riusciti a scoprire il vero motivo del suo calo in questa stagione: non gli andava di parare, s'era scocciato.D'altronde, siamo bravi tutti adesso a criticarlo mentre prova a governare il suo nuovo superpotere: ma ve li ricordate i bei tempi andati di Rolando, […]

12/05/2022
Juventus - Inter, dieci pensieri post - Coppa Italia

🏆- Buongiorno a voi vincitori della Coppa Italia, come state? Io ore di sonno in corpo quattro ma per vedere la diretta di Hakan Calhanoglu su Instagram questo e altro. 🏆- Complimenti però anche a Leonardo Bonucci che è riuscito finalmente a bonucciare in campo contro l’Inter dopo 277 minuti. 🏆- Aggiornamento domanda posta negli […]

linkedin facebook pinterest youtube rss twitter instagram facebook-blank rss-blank linkedin-blank pinterest youtube twitter instagram