12/02/2017

Sempre avanti

Sempre avanti. Rubo il titolo della discussa autobiografia di Mauro Icardi perché è ciò di cui ha bisogno ora la nostra squadra: guardare avanti, distogliere il pensiero da una settimana di odio, rancore, frasi stupide e comunicati signorili. Guardare avanti rispetto ad una partita che ci ha visti sconfitti, sì, ma non ridimensionati, rispetto a due squalifiche che fanno tanta rabbia e tanto senso d’ingiustizia. Su la testa.

INVERTIRE IL TREND – Ai nostri tocca il compito non semplicissimo di non perdere un’occasione, e invertire quindi il trend che in questa settimana ha circondato l’asse Milano-Torino. In tanti, infatti, hanno perso un’occasione: chi di scusarsi per errori grossolani (Rizzoli), chi di star zitto (Elkann), chi di cambiare sport (Chiellini).. Evitiamo di aggiungere anche Inter-Empoli a questa lista, e andiamo a prendere i tre punti per ricominciare a sognare la Champions.

ALTRO GIRO, ALTRA CORSA – Archiviato ormai il sogno di alzare un trofeo per quest’anno, è tempo di rimettere nel mirino il terzo posto: il Napoli ha già fatto il suo, liquidando nell’anticipo del venerdi il Genoa, la Roma non dovrebbe avere problemi in quel di Crotone, la Lazio accoglie un Milan decimato all’Olimpico; con queste premesse, vincere contro i toscani non è una scelta, è un obbligo, con la Roma potenzialmente a più 8 e fra due settimane attesa a San Siro per un crocevia fondamentale.

COSI IN CAMPO – Mai come in questa giornata le scelte di Pioli sembrano assolutamente già decise: davanti ad Handanovic linea a 4 con D’Ambrosio, Miranda, Medel e Ansaldi; in mezzo, complice gli infortuni di Brozovic e Banega, Kondo e Gagliardini formeranno il triangolo con Joao Mario; davanti, orfani di Perisic e Icardi, si rivedranno Eder e Palacio, con Candreva confermato.

OFF TOPIC – Prima di chiudere, spezzo una lancia a favore di Nainggolan: ci si lamenta spesso di come frasi e dichiarazioni siano, nell’universo-calcio, sempre le solite, trite e ritrite, senza mai una voce fuori dal coro; Radja ha solo detto ciò che pensa, ciò che sente, e soprattutto ciò che per troppi anni è stata la realtà: c’è chi della sua storia può essere orgoglioso, e chi invece sembra averla dimenticata troppo in fretta.

 

Federico Viafora   

Sempre avanti

Sempre avanti. Rubo il titolo della discussa autobiografia di Mauro Icardi perché è ciò di cui ha bisogno ora la nostra squadra: guardare avanti, distogliere il pensiero da una settimana di odio, rancore, frasi stupide e comunicati signorili. Guardare avanti rispetto ad una partita che ci ha visti sconfitti, sì, ma non ridimensionati, rispetto a due squalifiche che fanno tanta rabbia e tanto senso d’ingiustizia. Su la testa.

INVERTIRE IL TREND – Ai nostri tocca il compito non semplicissimo di non perdere un’occasione, e invertire quindi il trend che in questa settimana ha circondato l’asse Milano-Torino. In tanti, infatti, hanno perso un’occasione: chi di scusarsi per errori grossolani (Rizzoli), chi di star zitto (Elkann), chi di cambiare sport (Chiellini).. Evitiamo di aggiungere anche Inter-Empoli a questa lista, e andiamo a prendere i tre punti per ricominciare a sognare la Champions.

ALTRO GIRO, ALTRA CORSA – Archiviato ormai il sogno di alzare un trofeo per quest’anno, è tempo di rimettere nel mirino il terzo posto: il Napoli ha già fatto il suo, liquidando nell’anticipo del venerdi il Genoa, la Roma non dovrebbe avere problemi in quel di Crotone, la Lazio accoglie un Milan decimato all’Olimpico; con queste premesse, vincere contro i toscani non è una scelta, è un obbligo, con la Roma potenzialmente a più 8 e fra due settimane attesa a San Siro per un crocevia fondamentale.

COSI IN CAMPO – Mai come in questa giornata le scelte di Pioli sembrano assolutamente già decise: davanti ad Handanovic linea a 4 con D’Ambrosio, Miranda, Medel e Ansaldi; in mezzo, complice gli infortuni di Brozovic e Banega, Kondo e Gagliardini formeranno il triangolo con Joao Mario; davanti, orfani di Perisic e Icardi, si rivedranno Eder e Palacio, con Candreva confermato.

OFF TOPIC – Prima di chiudere, spezzo una lancia a favore di Nainggolan: ci si lamenta spesso di come frasi e dichiarazioni siano, nell’universo-calcio, sempre le solite, trite e ritrite, senza mai una voce fuori dal coro; Radja ha solo detto ciò che pensa, ciò che sente, e soprattutto ciò che per troppi anni è stata la realtà: c’è chi della sua storia può essere orgoglioso, e chi invece sembra averla dimenticata troppo in fretta.

 

Federico Viafora   

Notizie flash

Ultimi articoli

07/05/2022
Inter - Empoli, il pagellone della follia

HANDA/SKRI/DE VRIJ/DIMA 7x4+5-2:3 -H: "Ciao a tutti ragazzi"in coro "Ehi Samir"H: "Avete presente quella volta che ho parato 3 tiri in un minuto contro il Milan e mi avete detto che mi dovevate un favore?"SK: "Si, certo"DE: "E che c'entra adesso?"DI: "Io manco c'ero…"H: "Dima tu sei l'ultimo arrivato quindi il tuo pensiero non conta. […]

04/10/2022
Inter – Barcelona, 4 chiacchiere prepartita con il mister del futuro

Vivere ad Appiano ultimamente è come starnutire a Wuhan a gennaio 2020: ti guardano tutti male.Lauti e Correa non sono più liberi di fare un asado come ai vecchi tempi, Barella passa il tempo a litigare con sè stesso, Brozo sbuffa e sbraccia anche dal divano di casa. In questo clima di serenità, la dirigenza […]

02/10/2022
Inter – Roma, il Pagellone della migliore prestazione stagionale

HANDANOVIC 10 – Quale altro voto potremmo dare al nostro portierone? Resosi conto che quei cattivoni dei tifosi nerazzurri lo prendono in giro per via delle sue parate laser, Samir ha deciso dare il via ad una nuova performance: buttarsi mandandosi la palla in porta.Siamo a livelli altissimi, al punto che pure Fabio Balaso, libero […]

02/10/2022
Inter - Roma, dieci pensieri sempre più brutti post - partita

🤬 - Buongiornissimo e buona domenica con la solita playlist dei brani consigliati oggi, Maestro Bini per Ranocchiate Edition 🤬 - Descrivere la sosta nazionali senza parolacce non è stato un problema, scrivere questi dieci pensieri anche senza parole brutte non so se ce la faccio. 🤬 - La Banter Era I era più dignitosa. 🤬 - Un’ora di […]

01/10/2022
Inter - Roma nel tempo di un caffè bruciato

KRISTJAN ASLLANI TITOLARE SIGNORI Stavo pensando ad una cosa raga, appena il tizio del corto muso ha detto di togliere i titolari a Milan o Inter le due squadre di Milano hanno cominciato ad essere falcidiate da infortuni. Siamo vicini ad Ambra Angiolini, questo qui ci manda tutti in terapia. PRIMO TEMPO 0’ - BigRom […]

01/10/2022
Inter - Roma, il prepartita della resilienza

Cari amici di Ranocchiate, come sono andati questi 2190 giorni di pausa nazionale?Tutto bene? Se la risposta è sì, i miei complimenti: anni ed anni di interismo vi hanno permesso di sbloccare la "modalità distacco" e di godere a pieno del tempo libero fra un evento e l'altro.Se la risposta è no, potreste spiegare ai […]

19/09/2022
Udinese - Inter, il pagellone in sciopero

HANDANOVIC 0 - io non ho visto niente della partita e a quanto pare nemmeno lui SKRI - DE VRIJ - BASTONI 3 - ma il bonus psicologo vale anche per la terapia di gruppo? C’è un cumulativo per famiglie? ACERBI 10 - due mesi passati a pensare a come avrebbe potuto sabotarci dall’interno e […]

linkedin facebook pinterest youtube rss twitter instagram facebook-blank rss-blank linkedin-blank pinterest youtube twitter instagram