20/09/2018

La seconda occasione per Joao il Bellissimo

Caro Joao Mario.
Anzi, caro Joao Il Bello (spacchiamo subito il ghiaccio chiarendo subito cosa sei per noi),

Ti parla qualcuno che in te, sotto sotto ma molto sotto, non ha mai smesso di credere.

Sei arrivato da noi incoronato Campione d’Europa e già in partenza eravamo tutti innamorati di te, sia per le tue giocate fatte vedere con il Portogallo, sia perché sei uno dei più bei giocatori che hanno giocato con la nostra maglia.

La nostra cotta estiva ha resistito per i primi mesi ai primi segnali di supponenza che hai dato, poca corsa, sbuffi, occhi al cielo e freddezza.

‘Si dovrà ambientare’
‘Magari si sente a disagio a giocare con giocatori del calibro di Kondogbia o Biabiany’
‘Diamogli del tempo’

Abbiamo tenuto duro anche quando hai voluto la 10, dopo una stagione opaca e deludente.

Abbiamo fatto finta di non vedere il tuo disaccordo quando venivi tolto dopo 80 minuti di insofferenza.

Noi interisti, si sa, ci innamoriamo sempre delle persone sbagliate.

L’insofferenza peró abbiamo iniziato a provarla quel 28 dicembre 2017, quando hai fatto passare Donnarumma per fenomeno con quella scarpata sotto porta che avrebbe probabilmente cambiato il corso della Coppa Italia.

Poi il prestito al West Ham, senza nemmeno un ringraziamento o un saluto, e dopo 6 mesi il tuo (non) ritorno.

Oggi hai rilasciato queste dichiarazioni;
“Voglio trasformare i fischi in applausi”.

Ti svelerò un segreto.

Siamo anche disposti a far finta che tu non abbia mai detto che “Nel calcio, come nella vita, bisogna essere onesti nel capire quando le cose finiscono. E con l’Inter è finita.”

Possiamo anche ignorare il “Troppa pressione per i 40 milioni più 5 di bonus spesi per acquistarmi dallo Sporting Lisbona? Macché, io valgo questa cifra. La Premier League è un altro mondo".

Noi interisti non siamo gente rancorosa e tantomeno siamo una tifoseria che chiede l’inverosimile ai suoi giocatori.

A noi interisti interessa la rabbia, la passione, la volontà, il sacrificio e l’attaccamento alla maglia.

Per questo motivo, caro Joao Mario, ecco la tua seconda occasione.
Finché indosserai la nostra maglia, sarai uno di noi. E l’unica cosa che ti chiediamo è di portarla come merita.

Fuori le palle e inizia a lottare, vedrai che i fischi diventeranno applausi prima di quello che credi.

La seconda occasione per Joao il Bellissimo

Caro Joao Mario.
Anzi, caro Joao Il Bello (spacchiamo subito il ghiaccio chiarendo subito cosa sei per noi),

Ti parla qualcuno che in te, sotto sotto ma molto sotto, non ha mai smesso di credere.

Sei arrivato da noi incoronato Campione d’Europa e già in partenza eravamo tutti innamorati di te, sia per le tue giocate fatte vedere con il Portogallo, sia perché sei uno dei più bei giocatori che hanno giocato con la nostra maglia.

La nostra cotta estiva ha resistito per i primi mesi ai primi segnali di supponenza che hai dato, poca corsa, sbuffi, occhi al cielo e freddezza.

‘Si dovrà ambientare’
‘Magari si sente a disagio a giocare con giocatori del calibro di Kondogbia o Biabiany’
‘Diamogli del tempo’

Abbiamo tenuto duro anche quando hai voluto la 10, dopo una stagione opaca e deludente.

Abbiamo fatto finta di non vedere il tuo disaccordo quando venivi tolto dopo 80 minuti di insofferenza.

Noi interisti, si sa, ci innamoriamo sempre delle persone sbagliate.

L’insofferenza peró abbiamo iniziato a provarla quel 28 dicembre 2017, quando hai fatto passare Donnarumma per fenomeno con quella scarpata sotto porta che avrebbe probabilmente cambiato il corso della Coppa Italia.

Poi il prestito al West Ham, senza nemmeno un ringraziamento o un saluto, e dopo 6 mesi il tuo (non) ritorno.

Oggi hai rilasciato queste dichiarazioni;
“Voglio trasformare i fischi in applausi”.

Ti svelerò un segreto.

Siamo anche disposti a far finta che tu non abbia mai detto che “Nel calcio, come nella vita, bisogna essere onesti nel capire quando le cose finiscono. E con l’Inter è finita.”

Possiamo anche ignorare il “Troppa pressione per i 40 milioni più 5 di bonus spesi per acquistarmi dallo Sporting Lisbona? Macché, io valgo questa cifra. La Premier League è un altro mondo".

Noi interisti non siamo gente rancorosa e tantomeno siamo una tifoseria che chiede l’inverosimile ai suoi giocatori.

A noi interisti interessa la rabbia, la passione, la volontà, il sacrificio e l’attaccamento alla maglia.

Per questo motivo, caro Joao Mario, ecco la tua seconda occasione.
Finché indosserai la nostra maglia, sarai uno di noi. E l’unica cosa che ti chiediamo è di portarla come merita.

Fuori le palle e inizia a lottare, vedrai che i fischi diventeranno applausi prima di quello che credi.

Notizie flash

Ultimi articoli

07/05/2022
Inter - Empoli, il pagellone della follia

HANDA/SKRI/DE VRIJ/DIMA 7x4+5-2:3 -H: "Ciao a tutti ragazzi"in coro "Ehi Samir"H: "Avete presente quella volta che ho parato 3 tiri in un minuto contro il Milan e mi avete detto che mi dovevate un favore?"SK: "Si, certo"DE: "E che c'entra adesso?"DI: "Io manco c'ero…"H: "Dima tu sei l'ultimo arrivato quindi il tuo pensiero non conta. […]

16/05/2022
Cagliari - Inter, dieci gufetti post - partita

🦉 - Io di vivere con questa ansia fino al 22 maggio non me lo meritavo. 🦉 - La settimana degli interisti (ricordatevi che le messe contro costano di più): 🦉 - Chissà se ieri sono tornati a casa tranquilli o se hanno trovato molto traffico. 🦉 - Sampdoria e Sassuolo: 🦉 - Scamacca fai […]

15/05/2022
Cagliari - Inter nel tempo di un caffè

Primo tempo 0’ - Seguirò questa partita con una boccia di voglia di morire in succo di fianco 5’ - Sono cinque minuti che cerco “come smettere di seguire il calcio” su wikihow ma non ho trovato niente 6’ - se trovo qualcosa vi faccio sapere 7' - Uh, stasera c'è lo speciale su Sanremo […]

15/05/2022
Cagliari-Inter, il prepartita dell'ultima spiaggia

Le sentite le vibes estive? Eddai che le sentite!Il primo anticiclone africano, il sole che tramonta tardi, gli aperitivi all'aperto, le camicie sbottonate, l'odore d'ascella che bypassa anche la FFP2, la voglia di spiaggia...EDDAI CHE LA SENTITE!Per altro, quale posto migliore della Sardegna per parlare di spiagge?Ah già, uno ci sarebbe. Anche abbastanza famoso: Comunque, […]

14/05/2022
Cronistoria di una finale di Coppa Italia vista dal lato sbagliato dell'Olimpico

di Guglielmo Poggi Ho trentun anni, ho sovente guidato in stato di ebrezza e sono cresciuto in unquartiere di Roma dove per divertimento si praticava la cinghiamattanza (cerca su google);eppure, la grande preoccupazione di mia madre è che io vada a vedere una partita allo stadio.Quello che non sa, è che più degli ultras avversari, […]

12/05/2022
Juventus - Inter, il pagellone del godimento mistico

HANDA ? - Pronti, via e succede un miracolo: È VIVOOOOOSiamo finalmente riusciti a scoprire il vero motivo del suo calo in questa stagione: non gli andava di parare, s'era scocciato.D'altronde, siamo bravi tutti adesso a criticarlo mentre prova a governare il suo nuovo superpotere: ma ve li ricordate i bei tempi andati di Rolando, […]

12/05/2022
Juventus - Inter, dieci pensieri post - Coppa Italia

🏆- Buongiorno a voi vincitori della Coppa Italia, come state? Io ore di sonno in corpo quattro ma per vedere la diretta di Hakan Calhanoglu su Instagram questo e altro. 🏆- Complimenti però anche a Leonardo Bonucci che è riuscito finalmente a bonucciare in campo contro l’Inter dopo 277 minuti. 🏆- Aggiornamento domanda posta negli […]

linkedin facebook pinterest youtube rss twitter instagram facebook-blank rss-blank linkedin-blank pinterest youtube twitter instagram