20/09/2018

La seconda occasione per Joao il Bellissimo

Caro Joao Mario.
Anzi, caro Joao Il Bello (spacchiamo subito il ghiaccio chiarendo subito cosa sei per noi),

Ti parla qualcuno che in te, sotto sotto ma molto sotto, non ha mai smesso di credere.

Sei arrivato da noi incoronato Campione d’Europa e già in partenza eravamo tutti innamorati di te, sia per le tue giocate fatte vedere con il Portogallo, sia perché sei uno dei più bei giocatori che hanno giocato con la nostra maglia.

La nostra cotta estiva ha resistito per i primi mesi ai primi segnali di supponenza che hai dato, poca corsa, sbuffi, occhi al cielo e freddezza.

‘Si dovrà ambientare’
‘Magari si sente a disagio a giocare con giocatori del calibro di Kondogbia o Biabiany’
‘Diamogli del tempo’

Abbiamo tenuto duro anche quando hai voluto la 10, dopo una stagione opaca e deludente.

Abbiamo fatto finta di non vedere il tuo disaccordo quando venivi tolto dopo 80 minuti di insofferenza.

Noi interisti, si sa, ci innamoriamo sempre delle persone sbagliate.

L’insofferenza peró abbiamo iniziato a provarla quel 28 dicembre 2017, quando hai fatto passare Donnarumma per fenomeno con quella scarpata sotto porta che avrebbe probabilmente cambiato il corso della Coppa Italia.

Poi il prestito al West Ham, senza nemmeno un ringraziamento o un saluto, e dopo 6 mesi il tuo (non) ritorno.

Oggi hai rilasciato queste dichiarazioni;
“Voglio trasformare i fischi in applausi”.

Ti svelerò un segreto.

Siamo anche disposti a far finta che tu non abbia mai detto che “Nel calcio, come nella vita, bisogna essere onesti nel capire quando le cose finiscono. E con l’Inter è finita.”

Possiamo anche ignorare il “Troppa pressione per i 40 milioni più 5 di bonus spesi per acquistarmi dallo Sporting Lisbona? Macché, io valgo questa cifra. La Premier League è un altro mondo".

Noi interisti non siamo gente rancorosa e tantomeno siamo una tifoseria che chiede l’inverosimile ai suoi giocatori.

A noi interisti interessa la rabbia, la passione, la volontà, il sacrificio e l’attaccamento alla maglia.

Per questo motivo, caro Joao Mario, ecco la tua seconda occasione.
Finché indosserai la nostra maglia, sarai uno di noi. E l’unica cosa che ti chiediamo è di portarla come merita.

Fuori le palle e inizia a lottare, vedrai che i fischi diventeranno applausi prima di quello che credi.

La seconda occasione per Joao il Bellissimo

Caro Joao Mario.
Anzi, caro Joao Il Bello (spacchiamo subito il ghiaccio chiarendo subito cosa sei per noi),

Ti parla qualcuno che in te, sotto sotto ma molto sotto, non ha mai smesso di credere.

Sei arrivato da noi incoronato Campione d’Europa e già in partenza eravamo tutti innamorati di te, sia per le tue giocate fatte vedere con il Portogallo, sia perché sei uno dei più bei giocatori che hanno giocato con la nostra maglia.

La nostra cotta estiva ha resistito per i primi mesi ai primi segnali di supponenza che hai dato, poca corsa, sbuffi, occhi al cielo e freddezza.

‘Si dovrà ambientare’
‘Magari si sente a disagio a giocare con giocatori del calibro di Kondogbia o Biabiany’
‘Diamogli del tempo’

Abbiamo tenuto duro anche quando hai voluto la 10, dopo una stagione opaca e deludente.

Abbiamo fatto finta di non vedere il tuo disaccordo quando venivi tolto dopo 80 minuti di insofferenza.

Noi interisti, si sa, ci innamoriamo sempre delle persone sbagliate.

L’insofferenza peró abbiamo iniziato a provarla quel 28 dicembre 2017, quando hai fatto passare Donnarumma per fenomeno con quella scarpata sotto porta che avrebbe probabilmente cambiato il corso della Coppa Italia.

Poi il prestito al West Ham, senza nemmeno un ringraziamento o un saluto, e dopo 6 mesi il tuo (non) ritorno.

Oggi hai rilasciato queste dichiarazioni;
“Voglio trasformare i fischi in applausi”.

Ti svelerò un segreto.

Siamo anche disposti a far finta che tu non abbia mai detto che “Nel calcio, come nella vita, bisogna essere onesti nel capire quando le cose finiscono. E con l’Inter è finita.”

Possiamo anche ignorare il “Troppa pressione per i 40 milioni più 5 di bonus spesi per acquistarmi dallo Sporting Lisbona? Macché, io valgo questa cifra. La Premier League è un altro mondo".

Noi interisti non siamo gente rancorosa e tantomeno siamo una tifoseria che chiede l’inverosimile ai suoi giocatori.

A noi interisti interessa la rabbia, la passione, la volontà, il sacrificio e l’attaccamento alla maglia.

Per questo motivo, caro Joao Mario, ecco la tua seconda occasione.
Finché indosserai la nostra maglia, sarai uno di noi. E l’unica cosa che ti chiediamo è di portarla come merita.

Fuori le palle e inizia a lottare, vedrai che i fischi diventeranno applausi prima di quello che credi.

Notizie flash

Ultimi articoli

23/01/2023
Inter - Empoli, il prepartita della goduria

Quelli più scaramantici tra voi diranno che non devo crogiolarmi troppo nella goduria perché il karma è un attimo che torna indietro come un boomerang. Ora però, vorrei fare una domanda a tutti voi: andando a memoria, ricordate, in tutto il vostro percorso da interisti, una sola volta in cui il karma non ci abbia […]

29/01/2023
Cremonese - Inter, dieci tori post-partita

🐂 - È durata giusto il tempo di farsi una doccia 🐂 - Che voglia di chiudermi in camera scrivendo frasi sulla Smemo ascoltando Bella Senz’Anima di Riccardo Cocciante 🐂 - Non so cosa sia peggio questa settimana tra Skriniar alla Juv…scusate, PSG, i ricordi di Eriksen che arriva all’Inter e sapere che esiste un Epic Team dal […]

28/01/2023
Cremonese - Inter, la partita nel tempo di un caffè con Gaglia capitano

0’ - non siamo pronti a vedere Gagliardini con la fascia NON SIAMO PRONTI Primo tempo 1' - Mariani fischia dopo aver regolato i suoi sedici orologi 4’ - qui dal settore ospiti Cremona tutto ok. Tanti ravioli e tanto vino, ma ok.  Finita la birra, vi aggiorniamo. 5’ - il primo piano su dzeko […]

28/01/2023
Cremonese-Inter, il prepartita sul cruscotto

La vedete quella luce rossa in lontananza? Ma sì, dai, se guardate bene riuscite a notarla anche voi.Là, in fondo a destra, dopo tutti i nomi delle squadre di Serie A, vicino alla scritta "Retrocessione"!Ecco, quello è il fanalino di coda del campionato.Quella è la Cremonese. Ebbene sì, è appena passata un'altra settimana sulle montagne […]

24/01/2023
Inter - Empoli, il pagellone incredulo

ONANA 5 - Ah che bella fase l’innamoramento.Le farfalle nello stomaco, quella inspiegabile voglia di passare più tempo possibile insieme…guardi quella persona e pensi: ma dove sei stato tutto questo tempo? Come facevo io senza di te?E soprattutto, hai davvero dei difetti o lo dici per dire?Bene, benvenuti a “il dopo”, ovvero quella simpatica fase […]

24/01/2023
Inter - Empoli, dieci rossi post-partita

🤬 - Stamattina con una gran voglia di disdire anche io qualsiasi cosa, ve lo giuro. ❤️ - È comunque il 24 di gennaio, buon BrozoDay a tutti, TORNA KAPETANE MOJ MI MANCHI 🤬 - Non avessi già espatriato l’avrei fatto di corsa stamattina. N.B. L’espatrio non protegge dagli effetti collaterali di Inter - Empoli 🤬 - Comunque volevo […]

23/01/2023
Inter - Empoli nel tempo di un caffè scadente

0’ - Non credevo che avrei mai ringraziato DAZN per qualcosa. Poi chiamano Strama. E allora ditelo.. PRIMO TEMPO: 1'- L'intesa tra Lauti e Tucu è commovente, nel senso che mi sto già disperando 4’ - sono quattro minuti che cantiamo ‘Milan merda’. Spero di cuore che ci stiate sentendo da casa perché non ho […]

linkedin facebook pinterest youtube rss twitter instagram facebook-blank rss-blank linkedin-blank pinterest youtube twitter instagram