25/04/2021

Inter – Hellas Verona, il prepartita dei ricordi: l’ultima volta a San Siro

Cari brati, oggi voglio raccontarvi una storia: ho deciso di fare le prove per il momento in cui dovrò raccontare a mio nipote di quando dodici top club europei capitanati dalla J**e si erano accordati per mettere in piedi un nuovo super torneo che è finito dopo neanche 48 ore; sì, quando ci sono di mezzo loro i tornei europei lo finiscono sempre molto presto e di solito se non vincono (cioè sempre) si inventano complotti orditi con l’unico scopo di farli fuori. Già me li immagino i futuri nonni j*****ini impazzire per inventare riunioni segrete e pizzini nelle giacche che in confronto la trama dell’Odissea sarà poco meno di Cappuccetto Rosso.

Inter – Hellas Verona, il prepartita dei ricordi: l’ultima volta a San Siro 1 Ranocchiate
Ci divertiremo.

Torniamo però alla storia che volevo raccontarvi, la mia ultima volta a San Siro. Era il 9 novembre 2019, per l’ultimo Inter – Hellas con il pubblico; primo anello arancione, prima fila. Praticamente volevo passare una partita intera attaccato all’esterno di centrocampo per capire quale caspita di divinità egizia avessimo infamato per meritarci Biraghi, non mi importava di quanto avrei dovuto soffrire. Annuncio delle formazioni, Lazaro e Biraghi titolari, con LVI, IL PRODE CONQVISTATORE DEL LATO SINISTRO DELLE ATTIVE RETROGVARDIE DEL FEROCE NEMICO SCALIGERO subito sulla mia fascia.

Secondo minuto.

Inter – Hellas Verona, il prepartita dei ricordi: l’ultima volta a San Siro 2 Ranocchiate
IL FURORE GINNICO

Saltelli e passi di danza a palla pericolosamente vicina, primi palloni persi; comincio a imprecare. La mia ragazza cerca di calmarmi, a fatica mi tiene a bada.

Minuto 19, gol di Verre su rigore. L’unico tifoso veronese allo stadio è seduto qualche fila dietro di me, inizia a ballare e a esultare in faccia a tutto il settore.

Inter – Hellas Verona, il prepartita dei ricordi: l’ultima volta a San Siro 3 Ranocchiate
È andata più o meno così

Vi risparmio le ansie dei restanti 25 minuti del primo tempo e dei nostri millemila tiri verso la porta di Ter Steg… Silvestri. Scusate, piccola défaillance, ero lontano, non ho visto bene (ride, n.d.r.).

Secondo tempo, cambio campo, treccine a me.

Inter – Hellas Verona, il prepartita dei ricordi: l’ultima volta a San Siro 4 Ranocchiate

Pensavo di recuperare qualche mese di vita, mi sarei accontentato persino di pochi giorni, invece mentre i compagni si sbattono per pareggiare, lui passa il tempo a sorseggiare uno Spritz saggiamente camuffato dalla borraccia. Verso il 65° è costretto ad avanzare e mettere l’unica palla buona della sua carriera all’Inter per Vecino, come se nulla fosse: 1-1. LAZARO GRANDE UOMO GUARDAMI NEGLI OCCHI E DIMMI IL MOTIVO PER CUI HAI DECISO DI ABBANDONARCI, AVREMMO FATTO GRANDI COSE INSIEME.

Verso il minuto 75, il mister decide di invertire le ali e si realizza l’incontro con il vate degli esterni, pochi minuti intensissimi.

Inter – Hellas Verona, il prepartita dei ricordi: l’ultima volta a San Siro 5 Ranocchiate
Ravanate, passi sculettanti e finte corsette. What else?

I miei neuroni già labili iniziano a vacillare seriamente, giungo alla conclusione che abbiamo offeso Sobek, la divinità egizia che aveva le fattezze di un coccodrillo, particolarmente temuto perché considerato estremamente vendicativo. Sì, non c’è altra spiegazione, non l’abbiamo celebrato abbastanza.

Inter – Hellas Verona, il prepartita dei ricordi: l’ultima volta a San Siro 6 Ranocchiate

Meno male che la bomba di Barellino all’incrocio scaccia parecchi pensieri sinistri.
Vi lascio immaginare la velocità con cui ho fatto la decina di scalette che mi separavano dalla fila del veronese e il colore delle guance della mia ragazza quando ha realizzato dove stessi andando.

Inter – Hellas Verona, il prepartita dei ricordi: l’ultima volta a San Siro 7 Ranocchiate
Qui potete notare l’ardore erotico verso Mbare di Brozo, placcato dal #mitt Dimarco.

Ah, che bei ricordi: quella è stata l’unica volta che ho visto l’Inter vincere a San Siro, perché di solito quando parto io da casa se non è catastrofe poco ci manca: un esempio su tutti, Inter – Juve dell’aprile 2018, 2-3. E non vado oltre.

Vi ricordate come erano belli i tempi in cui si soffriva? In cui non potevi vincere due partite di fila che avevi la bestia nera di turno pronta ad infilarti il didietro con il quattordicenne all’esordio? In cui Lukaku era un panterone moscione e Gagliardini era meglio averlo in panchina che in campo?

Inter – Hellas Verona, il prepartita dei ricordi: l’ultima volta a San Siro 8 Ranocchiate
Vi sblocco un ricordo

Adesso è tutto diverso, si vincono UNDICI partite di fila, il Sassuolo si batte senza soffrire, squadre imbottite di quattordicenni all’esordio vengono sconfitte facilmente (INCREDIBILE VOI DIRETE), Lukaku è il miglior attaccante del campionato e Gagliardini… no Gagliardini sta sempre bene in panchina, questo non cambia. Anche perché adesso in campo abbiamo di melio melio gioca gioca cosa volete di melio melio?

Per inciso, non so se avete notato ANDIAMO CAZZO! sulle sue labbra divine dopo il gol al Napoli; ora ditemi che non spiccica una parola di italiano.

Inter – Hellas Verona, il prepartita dei ricordi: l’ultima volta a San Siro 9 Ranocchiate
melio melio gioca gioca baci baci

Meno male che ogni tanto arriva lo Spezia di turno che ci rinfresca la memoria e fa riaffacciare la #crisiinter, perché tu puoi essere settimo in campionato oppure primo a debita distanza dai secondi, ma che sia per causa degli stipendi non pagati, della Super League o delle parate laser, se scrivi #crisiinter acchiappi più di quando metti le frasi dell’Etica Nicomachea di Aristotele sotto le foto del culo.

Inter – Hellas Verona, il prepartita dei ricordi: l’ultima volta a San Siro

Cari brati, oggi voglio raccontarvi una storia: ho deciso di fare le prove per il momento in cui dovrò raccontare a mio nipote di quando dodici top club europei capitanati dalla J**e si erano accordati per mettere in piedi un nuovo super torneo che è finito dopo neanche 48 ore; sì, quando ci sono di mezzo loro i tornei europei lo finiscono sempre molto presto e di solito se non vincono (cioè sempre) si inventano complotti orditi con l’unico scopo di farli fuori. Già me li immagino i futuri nonni j*****ini impazzire per inventare riunioni segrete e pizzini nelle giacche che in confronto la trama dell’Odissea sarà poco meno di Cappuccetto Rosso.

Inter – Hellas Verona, il prepartita dei ricordi: l’ultima volta a San Siro 10 Ranocchiate
Ci divertiremo.

Torniamo però alla storia che volevo raccontarvi, la mia ultima volta a San Siro. Era il 9 novembre 2019, per l’ultimo Inter – Hellas con il pubblico; primo anello arancione, prima fila. Praticamente volevo passare una partita intera attaccato all’esterno di centrocampo per capire quale caspita di divinità egizia avessimo infamato per meritarci Biraghi, non mi importava di quanto avrei dovuto soffrire. Annuncio delle formazioni, Lazaro e Biraghi titolari, con LVI, IL PRODE CONQVISTATORE DEL LATO SINISTRO DELLE ATTIVE RETROGVARDIE DEL FEROCE NEMICO SCALIGERO subito sulla mia fascia.

Secondo minuto.

Inter – Hellas Verona, il prepartita dei ricordi: l’ultima volta a San Siro 11 Ranocchiate
IL FURORE GINNICO

Saltelli e passi di danza a palla pericolosamente vicina, primi palloni persi; comincio a imprecare. La mia ragazza cerca di calmarmi, a fatica mi tiene a bada.

Minuto 19, gol di Verre su rigore. L’unico tifoso veronese allo stadio è seduto qualche fila dietro di me, inizia a ballare e a esultare in faccia a tutto il settore.

Inter – Hellas Verona, il prepartita dei ricordi: l’ultima volta a San Siro 12 Ranocchiate
È andata più o meno così

Vi risparmio le ansie dei restanti 25 minuti del primo tempo e dei nostri millemila tiri verso la porta di Ter Steg… Silvestri. Scusate, piccola défaillance, ero lontano, non ho visto bene (ride, n.d.r.).

Secondo tempo, cambio campo, treccine a me.

Inter – Hellas Verona, il prepartita dei ricordi: l’ultima volta a San Siro 13 Ranocchiate

Pensavo di recuperare qualche mese di vita, mi sarei accontentato persino di pochi giorni, invece mentre i compagni si sbattono per pareggiare, lui passa il tempo a sorseggiare uno Spritz saggiamente camuffato dalla borraccia. Verso il 65° è costretto ad avanzare e mettere l’unica palla buona della sua carriera all’Inter per Vecino, come se nulla fosse: 1-1. LAZARO GRANDE UOMO GUARDAMI NEGLI OCCHI E DIMMI IL MOTIVO PER CUI HAI DECISO DI ABBANDONARCI, AVREMMO FATTO GRANDI COSE INSIEME.

Verso il minuto 75, il mister decide di invertire le ali e si realizza l’incontro con il vate degli esterni, pochi minuti intensissimi.

Inter – Hellas Verona, il prepartita dei ricordi: l’ultima volta a San Siro 14 Ranocchiate
Ravanate, passi sculettanti e finte corsette. What else?

I miei neuroni già labili iniziano a vacillare seriamente, giungo alla conclusione che abbiamo offeso Sobek, la divinità egizia che aveva le fattezze di un coccodrillo, particolarmente temuto perché considerato estremamente vendicativo. Sì, non c’è altra spiegazione, non l’abbiamo celebrato abbastanza.

Inter – Hellas Verona, il prepartita dei ricordi: l’ultima volta a San Siro 15 Ranocchiate

Meno male che la bomba di Barellino all’incrocio scaccia parecchi pensieri sinistri.
Vi lascio immaginare la velocità con cui ho fatto la decina di scalette che mi separavano dalla fila del veronese e il colore delle guance della mia ragazza quando ha realizzato dove stessi andando.

Inter – Hellas Verona, il prepartita dei ricordi: l’ultima volta a San Siro 16 Ranocchiate
Qui potete notare l’ardore erotico verso Mbare di Brozo, placcato dal #mitt Dimarco.

Ah, che bei ricordi: quella è stata l’unica volta che ho visto l’Inter vincere a San Siro, perché di solito quando parto io da casa se non è catastrofe poco ci manca: un esempio su tutti, Inter – Juve dell’aprile 2018, 2-3. E non vado oltre.

Vi ricordate come erano belli i tempi in cui si soffriva? In cui non potevi vincere due partite di fila che avevi la bestia nera di turno pronta ad infilarti il didietro con il quattordicenne all’esordio? In cui Lukaku era un panterone moscione e Gagliardini era meglio averlo in panchina che in campo?

Inter – Hellas Verona, il prepartita dei ricordi: l’ultima volta a San Siro 17 Ranocchiate
Vi sblocco un ricordo

Adesso è tutto diverso, si vincono UNDICI partite di fila, il Sassuolo si batte senza soffrire, squadre imbottite di quattordicenni all’esordio vengono sconfitte facilmente (INCREDIBILE VOI DIRETE), Lukaku è il miglior attaccante del campionato e Gagliardini… no Gagliardini sta sempre bene in panchina, questo non cambia. Anche perché adesso in campo abbiamo di melio melio gioca gioca cosa volete di melio melio?

Per inciso, non so se avete notato ANDIAMO CAZZO! sulle sue labbra divine dopo il gol al Napoli; ora ditemi che non spiccica una parola di italiano.

Inter – Hellas Verona, il prepartita dei ricordi: l’ultima volta a San Siro 18 Ranocchiate
melio melio gioca gioca baci baci

Meno male che ogni tanto arriva lo Spezia di turno che ci rinfresca la memoria e fa riaffacciare la #crisiinter, perché tu puoi essere settimo in campionato oppure primo a debita distanza dai secondi, ma che sia per causa degli stipendi non pagati, della Super League o delle parate laser, se scrivi #crisiinter acchiappi più di quando metti le frasi dell’Etica Nicomachea di Aristotele sotto le foto del culo.

Notizie flash

Ultimi articoli

10/07/2021
Come affrontare i 10 disturbi più tipici dell'interismo

+++ Attenzione: questa satira potrebbe contenere tracce di articolo: ci scusiamo per il disagio ++++ SIGNORE! SIGNORI! MAMME, ZIE, PADRI ZII, FRATELLI CUGINI, QUASI NIPOTI! ACCORRETE TUTTI! Cari amici di Ranocchiate, prima di cominciare la nuova stagione, abbiamo pensato che fosse arrivato il momento adatto per una importante riflessione.Ogni giorno un interista soffre. Secondo uno […]

11/06/2021
Dieci pensieri su #Euro2020

10 - Sono talmente in astinenza da calcio che ho guardato pure tutte le amichevoli, anche in contemporanea. 9 - A questo proposito, far giocare Tino Lazaro e Christian Eriksen alla stessa ora è illegale, a meno che i due non giochino nella stessa squadra (tipo l’Inter). 8 - Possiamo passare direttamente al punto in […]

05/06/2021
5 motivi per voler bene a Simone Inzaghi

1. PERCHÉ C'ERA ANCHE LUI IL 5 MAGGIO Dopo Antonio Conte, ospitiamo sulla nostra panchina un altro dei protagonisti di quella maledetta giornata che noi interisti non dimenticheremo mai.Se anche Inzaghi dovesse riuscire a vincere come il suo predecessore, avremo esorcizzato un altro pezzettino del 5 maggio.A quel punto, ci basterà soltanto vincere un Triplete […]

27/05/2021
Il nostro libro

Nonostante tutto quello che è successo ieri.Nonostante non si possa passare un giorno, nella vita di noi interisti, sereni.Nonostante l’interismo sia eterna dannazione.Nonostante abbiano deciso di rovinarci la festa.Nonostante tutto, noi abbiamo vinto lo scudetto. Cazzo.E, nonostante tutto, avevamo in programma il lancio di un libro, il nostro, per oggi. Il frutto di settimane di […]

24/05/2021
Inter - Udinese, dieci pensieri post - partita

10 - Io quando mi rendo conto che questa è l'ultima partita dell'Inter: 9 - Ma poi mi ricordo che L'ABBIAMO ALZATA NOI 8 - Ma questo non ci permette di far passare in sordina il fatto che Goeffrey Kondogbia e Sime Vrsaljko sono diventati Campioni di Spagna. 7 - Ecco, bravi, salutatelo e rimandatecelo […]

23/05/2021
Inter - Udinese, il pagellone del finale di stagione

HANDA 19: I latini dicevano "Vincit qui patitur", vince chi resiste.Tu non è che hai semplicemente resistito, hai lottato come uno spartano contro le sfighe, le più che lecite blasfemie, i ribaltoni e, a volte, anche contro la nostra stessa difesa. Anni di miracoli e di bocconi amari che ti hanno reso un degno leader […]

linkedin facebook pinterest youtube rss twitter instagram facebook-blank rss-blank linkedin-blank pinterest youtube twitter instagram