Inter-Chelsea, come siamo diventati grandi

Per una partita come Inter-Chelsea non servono introduzioni.
Basta una partenza in medias res, magari già dal terzo minuto. Una partenza secca, rabbiosa, precisa, letale.
Proprio come il gol di Milito.

Inter-Chelsea, come siamo diventati grandi 1 Ranocchiate

Un gol che, a differenza di tanti altri nella carriera del Principe, nell'Inter o nel calcio in generale, non ha nemmeno bisogno di essere associato a una telecronaca o a delle parole in particolare per essere fissato nella memoria.

Basta un boato, un attimo di fiato sospeso, mentre Diego manda a spasso John Terry, con una finta che riproporrà in modo simile qualche partita dopo, e poi di nuovo un boato, molto più forte di quello di prima.
Il rumore di quel pallone che si infila in rete rimane tuttora inconfondibile, ed è esattamente il rumore che fa una maledizione che si spezza.

Quella di una squadra che per il terzo anno di fila trova un'avversaria inglese agli ottavi, dopo due eliminazioni dolorose, in cui è sempre mancato quel salto di qualità, quello step ulteriore tra il dominare in Italia e l'imporsi in Europa.

In tempi in cui ancora non si parlava di Brexit, le inglesi erano tra le più temute e quella partita, tra la sfida al passato di Mou e il ritorno di Ancelotti a San Siro, poteva benissimo essere una finale anticipata. Solo che non lo sapevamo ancora. Ci serviva ancora quel gol, per capirlo.

Kujit, Gerrard, Torres, e poi Vidic e Ronaldo avevano sottolineato più volte i nostri limiti, che avevano radici profonde e di vario genere.
La stessa Inter della prima parte di stagione, soprattutto in Europa, stava ancora prendendo forma, ed era tutt'altro che pronta per certi livelli, come abbiamo visto finora nel racconto del nostro girone.

L'Inter vista da gennaio in poi, invece, quella che aprirà un nuovo decennio, fatto di gioie, dolori e grandissimi cambiamenti, sembra una squadra diversa.

Prima di tutto si è vista una squadra migliorata dal punto di vista mentale.
Abbiamo già delle prove in questo nuovo avvio di anno, come l'esultanza di Samuel al 94' contro il Siena, sotto il diluvio di quella rimonta epica, o il 2-0 a dir poco eroico rifilato al Milan in inferiorità numerica.

Questa Inter è una squadra che ha raggiunto una maturità nuova, che ha metabolizzato la difficoltà di vivere ai livelli più alti e ha trasformato la sofferenza in un carburante fondamentale per far funzionare al massimo il proprio motore.

La gestione dell'avvicinamento a questi ottavi di Champions è un capolavoro di strategia comunicativa da parte di Mourinho.

Già nel prepartita di Inter-Sampdoria del 20 febbraio, Mou si lancia in tackle a difesa dei suoi ragazzi, concentrando in tutti i modi possibili l'attenzione dei media su di sé, come un condottiero che si lancia in pasto ai nemici per facilitare le cose al proprio esercito.

Lo Special One ne ha per tutti: per la Juve, per Bettega, per il Napoli, per la Roma. Non risparmia nessuno. Verrà additato come irrispettoso, nervoso, stressato, la gente penserà che è matto o che non sa più che pesci prendere, ma le sue frasi machiavelliche che sono tutt'altro che una sfuriata fine a sé stessa o, impressione ancor più sbagliata, un'ammissione di debolezza.
Questa Inter ormai è tutt'altro che debole e se ne sta rendendo conto sempre di più.

L'esca è lanciata, poi arriva finalmente la tanto discussa partita con la Sampdoria.
Una partita difficilissima, perché i blucerchiati nel 2010 vivono un'annata strepitosa e sono un'avversaria di primo livello, capace di mettere in difficoltà chiunque.
La Samp infatti ci ha già battuto, da capolista, nel girone di andata e di lì a poco ci fermerà di nuovo, nella celebre partita della "pañolada".
A modo suo la Samp sarà una protagonista chiave del nostro campionato, con la vittoria in casa della Roma che regalerà alla squadra di Garrone uno storico piazzamento in Champions e a noi anche qualcosa in più.

È una digressione oggettivamente lunga per parlare di un ottavo di Champions, ma 4 giorni prima di questo Inter-Chelsea, a San Siro assistiamo a uno dei momenti più iconici della nostra storia recente.

Inter-Chelsea, come siamo diventati grandi 2 Ranocchiate

E così, il giorno prima della partita, quasi non si pensa al Chelsea: arrivano le tre giornate a Mourinho, due a Cambiasso, due a Muntari, una a Samuel, una a Cordoba.
Per di più ,con tempismo hollywoodiano, Julio Cesar finisce per fare un incidente d'auto e non sappiamo ancora se sarà in campo o meno.

È così che, dopo tutta questa serie di eventi, il 24 febbraio, per Inter-Chelsea non si vede una squadra spaventata. Non c'è paura, ma curiosità e trepidazione.

L'Inter che si presenta di fronte ai futuri campioni d'Inghilterra non è solo una squadra forte dal punto dei vista dei nervi, tutt'altro, è una squadra matura anche dal punto di vista tattico.
Mou sceglie un approccio offensivo e coraggioso, e interpreta la partita con la volontà di giocarsela a viso aperto, da grande squadra.

Ed eccoci di nuovo dove eravamo partiti, mi scuserete per la digressione.

Inter-Chelsea 2010: la partita

Inter-Chelsea, come siamo diventati grandi 3 Ranocchiate
Inter-Chelsea, come siamo diventati grandi 4 Ranocchiate

Come dicevamo, dopo tre minuti l'Inter è già in vantaggio, col gran gol di Milito, la finta su Terry (un capitano che si fa beccare con la fidanzata di un compagno di squadra? PFFFF DILETTANTE VIENI QUI CHE TI SPIEGHIAMO NOI DUE COSINE) e il boato di San Siro.

In quel momento la "piccola" Inter è diventata grande. Dopo il Liverpool, dopo il Manchester, al quinto tentativo siamo finalmente riusciti ad andare in gol in un ottavo di Champions League.
Ed è un piccolo dettaglio che da solo ci porta già a metà dell'opera.

Il Chelsea da quel momento in poi non ci teme, certo, ma sicuramente ci rispetta. La partita è tutt'altro che chiusa, è tutt'altro che semplice, e ovviamente c'è da soffrire. Prima di tutto perché abbiamo dei grandi giocatori davanti (uno strepitoso Drogba su tutti), secondo perché comunque siamo interisti, terzo perché come abbiamo detto ormai la sofferenza è la nostra benzina e più ce n'è, più siamo motivati a dare il massimo.
E così anche quando il nostro incidentato Julio prende un gol evitabile su un tiro beffardo di Kalou, ci bastano appena quattro minuti per rimettere le cose in ordine.

Arriva un tiro da fuori di Cambiasso, uno dei giocatori che magari fino a questo punto della stagione sono stati meno "appariscenti", ma che sono l'anima di questa squadra. Scaglia un pallone a tutta velocità verso Cech, un sinistro rabbioso, preciso e potente. Il pallone però va a sbattere sulla pancia di Ivanovic (a distanza di tutti questi anni tanta stima per lui per essere rimasto in piedi, non sarei mai e poi mai voluto essere al suo posto).

Forse per la vecchia Inter quell'azione sarebbe finita lì. Ma questa volta è diverso, quest'anno è diverso.
Come se fosse telecomandato, il pallone ritorna precisamente sui piedi di Cambiasso. Il Cuchu non si scompone, e ci riprova.
Un sinistro ancora più rabbioso, ancora più preciso, ancora più potente. Cech, spiazzato, può solo osservare la palla che si infila in rete.

Inter-Chelsea, come siamo diventati grandi 5 Ranocchiate

C'è ancora tanto da giocare, 35 minuti qui, e almeno altri 90 lunghissimi a Londra. Ci sarà da soffrire, certo.
Ma nel caso in cui a qualcuno servisse una seconda conferma, è appena arrivata: questa Inter è diventata grande.

Inter-Chelsea, come siamo diventati grandi

Per una partita come Inter-Chelsea non servono introduzioni.
Basta una partenza in medias res, magari già dal terzo minuto. Una partenza secca, rabbiosa, precisa, letale.
Proprio come il gol di Milito.

Inter-Chelsea, come siamo diventati grandi 6 Ranocchiate

Un gol che, a differenza di tanti altri nella carriera del Principe, nell'Inter o nel calcio in generale, non ha nemmeno bisogno di essere associato a una telecronaca o a delle parole in particolare per essere fissato nella memoria.

Basta un boato, un attimo di fiato sospeso, mentre Diego manda a spasso John Terry, con una finta che riproporrà in modo simile qualche partita dopo, e poi di nuovo un boato, molto più forte di quello di prima.
Il rumore di quel pallone che si infila in rete rimane tuttora inconfondibile, ed è esattamente il rumore che fa una maledizione che si spezza.

Quella di una squadra che per il terzo anno di fila trova un'avversaria inglese agli ottavi, dopo due eliminazioni dolorose, in cui è sempre mancato quel salto di qualità, quello step ulteriore tra il dominare in Italia e l'imporsi in Europa.

In tempi in cui ancora non si parlava di Brexit, le inglesi erano tra le più temute e quella partita, tra la sfida al passato di Mou e il ritorno di Ancelotti a San Siro, poteva benissimo essere una finale anticipata. Solo che non lo sapevamo ancora. Ci serviva ancora quel gol, per capirlo.

Kujit, Gerrard, Torres, e poi Vidic e Ronaldo avevano sottolineato più volte i nostri limiti, che avevano radici profonde e di vario genere.
La stessa Inter della prima parte di stagione, soprattutto in Europa, stava ancora prendendo forma, ed era tutt'altro che pronta per certi livelli, come abbiamo visto finora nel racconto del nostro girone.

L'Inter vista da gennaio in poi, invece, quella che aprirà un nuovo decennio, fatto di gioie, dolori e grandissimi cambiamenti, sembra una squadra diversa.

Prima di tutto si è vista una squadra migliorata dal punto di vista mentale.
Abbiamo già delle prove in questo nuovo avvio di anno, come l'esultanza di Samuel al 94' contro il Siena, sotto il diluvio di quella rimonta epica, o il 2-0 a dir poco eroico rifilato al Milan in inferiorità numerica.

Questa Inter è una squadra che ha raggiunto una maturità nuova, che ha metabolizzato la difficoltà di vivere ai livelli più alti e ha trasformato la sofferenza in un carburante fondamentale per far funzionare al massimo il proprio motore.

La gestione dell'avvicinamento a questi ottavi di Champions è un capolavoro di strategia comunicativa da parte di Mourinho.

Già nel prepartita di Inter-Sampdoria del 20 febbraio, Mou si lancia in tackle a difesa dei suoi ragazzi, concentrando in tutti i modi possibili l'attenzione dei media su di sé, come un condottiero che si lancia in pasto ai nemici per facilitare le cose al proprio esercito.

Lo Special One ne ha per tutti: per la Juve, per Bettega, per il Napoli, per la Roma. Non risparmia nessuno. Verrà additato come irrispettoso, nervoso, stressato, la gente penserà che è matto o che non sa più che pesci prendere, ma le sue frasi machiavelliche che sono tutt'altro che una sfuriata fine a sé stessa o, impressione ancor più sbagliata, un'ammissione di debolezza.
Questa Inter ormai è tutt'altro che debole e se ne sta rendendo conto sempre di più.

L'esca è lanciata, poi arriva finalmente la tanto discussa partita con la Sampdoria.
Una partita difficilissima, perché i blucerchiati nel 2010 vivono un'annata strepitosa e sono un'avversaria di primo livello, capace di mettere in difficoltà chiunque.
La Samp infatti ci ha già battuto, da capolista, nel girone di andata e di lì a poco ci fermerà di nuovo, nella celebre partita della "pañolada".
A modo suo la Samp sarà una protagonista chiave del nostro campionato, con la vittoria in casa della Roma che regalerà alla squadra di Garrone uno storico piazzamento in Champions e a noi anche qualcosa in più.

È una digressione oggettivamente lunga per parlare di un ottavo di Champions, ma 4 giorni prima di questo Inter-Chelsea, a San Siro assistiamo a uno dei momenti più iconici della nostra storia recente.

Inter-Chelsea, come siamo diventati grandi 7 Ranocchiate

E così, il giorno prima della partita, quasi non si pensa al Chelsea: arrivano le tre giornate a Mourinho, due a Cambiasso, due a Muntari, una a Samuel, una a Cordoba.
Per di più ,con tempismo hollywoodiano, Julio Cesar finisce per fare un incidente d'auto e non sappiamo ancora se sarà in campo o meno.

È così che, dopo tutta questa serie di eventi, il 24 febbraio, per Inter-Chelsea non si vede una squadra spaventata. Non c'è paura, ma curiosità e trepidazione.

L'Inter che si presenta di fronte ai futuri campioni d'Inghilterra non è solo una squadra forte dal punto dei vista dei nervi, tutt'altro, è una squadra matura anche dal punto di vista tattico.
Mou sceglie un approccio offensivo e coraggioso, e interpreta la partita con la volontà di giocarsela a viso aperto, da grande squadra.

Ed eccoci di nuovo dove eravamo partiti, mi scuserete per la digressione.

Inter-Chelsea 2010: la partita

Inter-Chelsea, come siamo diventati grandi 8 Ranocchiate
Inter-Chelsea, come siamo diventati grandi 9 Ranocchiate

Come dicevamo, dopo tre minuti l'Inter è già in vantaggio, col gran gol di Milito, la finta su Terry (un capitano che si fa beccare con la fidanzata di un compagno di squadra? PFFFF DILETTANTE VIENI QUI CHE TI SPIEGHIAMO NOI DUE COSINE) e il boato di San Siro.

In quel momento la "piccola" Inter è diventata grande. Dopo il Liverpool, dopo il Manchester, al quinto tentativo siamo finalmente riusciti ad andare in gol in un ottavo di Champions League.
Ed è un piccolo dettaglio che da solo ci porta già a metà dell'opera.

Il Chelsea da quel momento in poi non ci teme, certo, ma sicuramente ci rispetta. La partita è tutt'altro che chiusa, è tutt'altro che semplice, e ovviamente c'è da soffrire. Prima di tutto perché abbiamo dei grandi giocatori davanti (uno strepitoso Drogba su tutti), secondo perché comunque siamo interisti, terzo perché come abbiamo detto ormai la sofferenza è la nostra benzina e più ce n'è, più siamo motivati a dare il massimo.
E così anche quando il nostro incidentato Julio prende un gol evitabile su un tiro beffardo di Kalou, ci bastano appena quattro minuti per rimettere le cose in ordine.

Arriva un tiro da fuori di Cambiasso, uno dei giocatori che magari fino a questo punto della stagione sono stati meno "appariscenti", ma che sono l'anima di questa squadra. Scaglia un pallone a tutta velocità verso Cech, un sinistro rabbioso, preciso e potente. Il pallone però va a sbattere sulla pancia di Ivanovic (a distanza di tutti questi anni tanta stima per lui per essere rimasto in piedi, non sarei mai e poi mai voluto essere al suo posto).

Forse per la vecchia Inter quell'azione sarebbe finita lì. Ma questa volta è diverso, quest'anno è diverso.
Come se fosse telecomandato, il pallone ritorna precisamente sui piedi di Cambiasso. Il Cuchu non si scompone, e ci riprova.
Un sinistro ancora più rabbioso, ancora più preciso, ancora più potente. Cech, spiazzato, può solo osservare la palla che si infila in rete.

Inter-Chelsea, come siamo diventati grandi 10 Ranocchiate

C'è ancora tanto da giocare, 35 minuti qui, e almeno altri 90 lunghissimi a Londra. Ci sarà da soffrire, certo.
Ma nel caso in cui a qualcuno servisse una seconda conferma, è appena arrivata: questa Inter è diventata grande.

Notizie flash

Ultimi articoli

28/02/2021
Inter - Genoa, dieci pensieri post-partita

10 - Premessa: non ho potuto vedere proprio tutta tutta la partita, ma ho letto il caffè, quindi ho l'autorizzazione a scrivere questo post. 9 - Eriksen ormai titolare fisso mi destabilizza, se poi me lo fa giocare pure per tutta la partita crollano tutte le mie certezze.Ma godo. 8 - Invia anche tu un […]

28/02/2021
Inter - Genoa nel tempo di un caffè a tinte bianconere

Ho un brutto presentimento.Giocare contro questo Genoa, dopo il passo falso della Juve. Non c’è niente di buono. In più ieri ha pure segnato Karamoh.Nuvole oscure ci attendono all’orizzonte. Mi manchi Yann. Primo tempo 1’ - NON CI CREDO LUKAKONEEEEEEE Progressione infinita sul lancio di Bastoni e punisce Perin senza pietà. 3’ - Che noia […]

28/02/2021
Inter - Genoa: 3 motivi per non perderti questa partita

Premessa: diamo a Cesare quel che è di Cesare. Il nostro allenatore – che è una pesantezza di uomo – già alle 17.15 di domenica scorsa diceva di essere concentrato solo sulla prossima partita, e alle 9 di lunedì mattina faceva già sputare fuoco a Vidal facendolo allenare con Zanetti. Ecco, ringraziamo il fatto che […]

22/02/2021
Milan - Inter, il pagellone che non ci si crede

HANDA 52: EUREKA! IL LASER FUNZIONA!Non esistono altre possibili spiegazioni al fatto che il tiro di Theo Hernandez non sia entrato: giuro, finché non è ripreso il gioco avrei giurato di essere stato vittima di un allucinazione.E invece no.E' TUTTO VERO.Poi però non gli basta e decide di fare 3 parate che valgono 3 gol […]

21/02/2021
Milan-Inter, dieci pensieri post-derby

10 - Buonasera buonasera buonasera buonasera, sono un'interista, sono a digiuno, e tra le 15 e le 17 circa sono morta e risorta un centinaio di volte, sono capolista e serenamente godo. 9 - MADOOOOOOOOO SIAMO PRIMI GRAZIE A UN DERBY CON TRE GOL RIFILATI AL MILAN IO GODISSIMO E SE NEEE VAAAAAAAA 8 - […]

21/02/2021
Il Derby nel tempo di tre schiaffi in faccia

Primo tempo 1’ - E niente sono già deluso. Ho aspettato invano lo scambio di strette di mano tra Lukaku e Ibra con possibile improvvisazione in scazzottata / la più bella royal rumble mai vista. E invece niente strette di mano e niente. Triste. 4’ - LA LULA COLPISCE ANCORAAAAAAAAAAAAAAAA Perché Romelu?Perché?Perché continui ad attentare […]

linkedin facebook pinterest youtube rss twitter instagram facebook-blank rss-blank linkedin-blank pinterest youtube twitter instagram