Samuele Longo: l'ultimo cult generazionale

In una società che sta perdendo pezzo dopo pezzo tutti i suoi principali punti di riferimento, e nel quale ci sentiamo sempre più spaesati e alla ricerca di un simbolo, dove altro possiamo trovare ancora degli eroi se non nel calcio?

Abbiamo avuto un'infinità di ragazzini che di fronte ai poster dei loro campionissimi imitavano il codino alla Baggio o la frangetta del Fenomeno.

Tra questi campionissimi avrebbe potuto esserci, ma non c'è stato solo per errore, anche SAMUELE LONGO.

Affermazione forte, certo, ma solo per chi non conosce bene Longo.

Cresciuto nelle giovanili dell'Inter, la storia di Longo è quella di un ragazzino di Valdobbiadene che si è fatto largo nel mondo di calcio fino ad arrivare a segnare gol a raffica nella primavera di Strama, con cui trionfa in campionato (da capocannoniere) e in NextGen Series.

Debutta proprio con il suo mentore Andrea Stramaccioni in Serie A, nell'ultima giornata di campionato, il 13 maggio 2012.

INDOVINATE UN PO' CONTRO CHI SI GIOCAVA? MA CERTO! CONTRO LA LAZIO TANTO PER CAMBIARE.

Perdiamo 3-1, riusciamo a prendere gol da Candreva, arriviamo sesti facendo 2 turni preliminari di Europa League, incassiamo la quattrordicesima sconfitta stagionale e il cinquantacinquesimo gol.
Sembrerebbe tutto tragico, ma come detto non lo è, perché debutta il nostro Samuelino.

La rivincita arriva qualche giorno dopo a livello di Primavera, nella sfida decisiva della Final Eight.
Vinciamo 3-2 con reti di Livaja (un altro da tenere bene d'occhio), Garritano e proprio di Longo.

Il destino di Longo sembra lanciatissimo, da poco ci siamo fatti sfuggire l'attaccante più prolifico del futuro della Serie A e della Nazionale, il cui valore ha raggiunto cifre da capogiro, intorno ai 15 milioni di euro.
L'Inter promette di aver imparato la lezione, e di far sì che non ci saranno mai più casi simili. I giovani talenti verranno fatti crescere:

MAI PIU' CASI COME QUELLO DI MATTIA DESTRO.

Samuele Longo: l'ultimo cult generazionale 1 Ranocchiate

Così Longo fa tutta la preparazione estiva nella nuova Inter di Strama. Arriva anche il ricordo dell'esordio internazionale in una magica notte di Europa League. Un tristissimo preliminare in un agosto afoso in cui le prendiamo dall'Hajduk Spalato.

Che cazzo di gol si era inventato sto Vukovic.

Samuele Longo: l'ultimo cult generazionale 2 Ranocchiate

L'Inter però come abbiamo detto NON VUOLE FARE ERRORI e decide di cautelarsi: Livaja resta a fare il bomber di coppa, Longo va a crescere in prestito.

L'Inter lo manda a Barcellona, in una delle città più importanti del mondo calcistico dove avrà l'opportunità di grandi campioni.

Ma no, che avete capito, non al Barça. All'Espanyol! La stessa squadra in cui pochi mesi prima era andato con ottimi risultati Coutinho. Mannaggia la miseria.

L'impatto è straordinario, alla prima partita segna già un gol.
Si ripete nella seconda partita, dove prende anche un cartellino rosso per aver esultato con i tifosi. MAGICO.

Conclude la stagione con 18 presenze e 3 gol, un bottino discreto per un esordiente assoluto.
Il secondo anno dovrebbe essere quello della conferma: questa volta il nostro Sam torna in Italia, dove è conteso tra le due neopromosse Livorno e Verona.

Longo insiste per andare al Verona anziché seguire Ruben Botta al Livorno.

Scelta PESSIMA perché si trova davanti un Luca Toni in stato di grazia e non vede quasi mai il campo, solo 2 presenze in campionato, e una in Coppa Italia dove segna questo gran gol. Ennesima dimostrazione del fatto che i colpi giusti li avrebbe.

A gennaio scappa dal Verona, proprio il 31 gennaio si trasferisce all'ultimo secondo nel campionato che preferisce, la Liga.
Si trasferisce a Madrid. MA NON AL REAL MADRID, NEMMENO AL BARCELLONA.
A LUI PIACCIONO LE SQUADRE PICCOLE NELLE BELLE CITTA'.
Passa al Rayo Vallecano ma non riesce ad inserirsi a stagione iniziata e conclude con soltanto 9 presenze e 0 gol.

L'Inter però come abbiamo ripetuto ormai 20000 volte vuole continuare a credere in lui.
Si prepara per l'ennesimo prestito a Cagliari. L'allenatore è Zeman, ha spazio da titolare, ci sono tutti i presupposti per fare bene.

E invece conclude la stagione ancora una volta con 0 reti. Una l'ha anche segnata, ma è stato dato autogol a Carrizo. EH SI, A CARRIZO.

INFATTI PER LA SOLITA SFIGA DELL'INTER INDOVINATE CONTRO CHI SEGNA??????

TIRO - PALO - SCHIENA DEL PORTIERE - GOL

A parte questa non ne azzecca una per 27 giornate, l'anno dopo va al Frosinone, anche questa volta niente.

Così ci rinuncia, va in Spagna, quello è il posto giusto per lui.

A Girona si scatena, segna 14 gol in 34 partite. Probabilmente la Liga Adelante non è il campionato più difficile del mondo, però riesce a trascinare la squadra al secondo posto e alla sua prima qualificazione nella Liga in 86 anni di storia.

Da lì in poi Longo ha continuato la sua carriera entrando in un loop infinito:
Dopo 48 presenze e 0 gol in Serie A ha capito che il nostro campionato non fa per lui.

Samuele Longo: l'ultimo cult generazionale 3 RanocchiateSamuele Longo: l'ultimo cult generazionale 4 Ranocchiate
Torna qui solo in estate per farsi una rimpatriata con gli amici dell'Inter, qualche sgambatella nel precampionato, rinnovare il contratto e ripartire in prestito verso una qualche destinazione esotica della Spagna.

Lo abbiamo visto in azione a Tenerife, e attualmente all'Huesca.

Insomma quello che doveva essere l'attaccante del futuro è arrivato all'OTTAVO prestito consecutivo, ma questa girandola sembra non avere ancora fine.

Cosa ci resta da dire se non: GRAZIE DI TUTTO CAMPIONE.

Samuele Longo: l'ultimo cult generazionale

In una società che sta perdendo pezzo dopo pezzo tutti i suoi principali punti di riferimento, e nel quale ci sentiamo sempre più spaesati e alla ricerca di un simbolo, dove altro possiamo trovare ancora degli eroi se non nel calcio?

Abbiamo avuto un'infinità di ragazzini che di fronte ai poster dei loro campionissimi imitavano il codino alla Baggio o la frangetta del Fenomeno.

Tra questi campionissimi avrebbe potuto esserci, ma non c'è stato solo per errore, anche SAMUELE LONGO.

Affermazione forte, certo, ma solo per chi non conosce bene Longo.

Cresciuto nelle giovanili dell'Inter, la storia di Longo è quella di un ragazzino di Valdobbiadene che si è fatto largo nel mondo di calcio fino ad arrivare a segnare gol a raffica nella primavera di Strama, con cui trionfa in campionato (da capocannoniere) e in NextGen Series.

Debutta proprio con il suo mentore Andrea Stramaccioni in Serie A, nell'ultima giornata di campionato, il 13 maggio 2012.

INDOVINATE UN PO' CONTRO CHI SI GIOCAVA? MA CERTO! CONTRO LA LAZIO TANTO PER CAMBIARE.

Perdiamo 3-1, riusciamo a prendere gol da Candreva, arriviamo sesti facendo 2 turni preliminari di Europa League, incassiamo la quattrordicesima sconfitta stagionale e il cinquantacinquesimo gol.
Sembrerebbe tutto tragico, ma come detto non lo è, perché debutta il nostro Samuelino.

La rivincita arriva qualche giorno dopo a livello di Primavera, nella sfida decisiva della Final Eight.
Vinciamo 3-2 con reti di Livaja (un altro da tenere bene d'occhio), Garritano e proprio di Longo.

Il destino di Longo sembra lanciatissimo, da poco ci siamo fatti sfuggire l'attaccante più prolifico del futuro della Serie A e della Nazionale, il cui valore ha raggiunto cifre da capogiro, intorno ai 15 milioni di euro.
L'Inter promette di aver imparato la lezione, e di far sì che non ci saranno mai più casi simili. I giovani talenti verranno fatti crescere:

MAI PIU' CASI COME QUELLO DI MATTIA DESTRO.

Samuele Longo: l'ultimo cult generazionale 5 Ranocchiate

Così Longo fa tutta la preparazione estiva nella nuova Inter di Strama. Arriva anche il ricordo dell'esordio internazionale in una magica notte di Europa League. Un tristissimo preliminare in un agosto afoso in cui le prendiamo dall'Hajduk Spalato.

Che cazzo di gol si era inventato sto Vukovic.

Samuele Longo: l'ultimo cult generazionale 6 Ranocchiate

L'Inter però come abbiamo detto NON VUOLE FARE ERRORI e decide di cautelarsi: Livaja resta a fare il bomber di coppa, Longo va a crescere in prestito.

L'Inter lo manda a Barcellona, in una delle città più importanti del mondo calcistico dove avrà l'opportunità di grandi campioni.

Ma no, che avete capito, non al Barça. All'Espanyol! La stessa squadra in cui pochi mesi prima era andato con ottimi risultati Coutinho. Mannaggia la miseria.

L'impatto è straordinario, alla prima partita segna già un gol.
Si ripete nella seconda partita, dove prende anche un cartellino rosso per aver esultato con i tifosi. MAGICO.

Conclude la stagione con 18 presenze e 3 gol, un bottino discreto per un esordiente assoluto.
Il secondo anno dovrebbe essere quello della conferma: questa volta il nostro Sam torna in Italia, dove è conteso tra le due neopromosse Livorno e Verona.

Longo insiste per andare al Verona anziché seguire Ruben Botta al Livorno.

Scelta PESSIMA perché si trova davanti un Luca Toni in stato di grazia e non vede quasi mai il campo, solo 2 presenze in campionato, e una in Coppa Italia dove segna questo gran gol. Ennesima dimostrazione del fatto che i colpi giusti li avrebbe.

A gennaio scappa dal Verona, proprio il 31 gennaio si trasferisce all'ultimo secondo nel campionato che preferisce, la Liga.
Si trasferisce a Madrid. MA NON AL REAL MADRID, NEMMENO AL BARCELLONA.
A LUI PIACCIONO LE SQUADRE PICCOLE NELLE BELLE CITTA'.
Passa al Rayo Vallecano ma non riesce ad inserirsi a stagione iniziata e conclude con soltanto 9 presenze e 0 gol.

L'Inter però come abbiamo ripetuto ormai 20000 volte vuole continuare a credere in lui.
Si prepara per l'ennesimo prestito a Cagliari. L'allenatore è Zeman, ha spazio da titolare, ci sono tutti i presupposti per fare bene.

E invece conclude la stagione ancora una volta con 0 reti. Una l'ha anche segnata, ma è stato dato autogol a Carrizo. EH SI, A CARRIZO.

INFATTI PER LA SOLITA SFIGA DELL'INTER INDOVINATE CONTRO CHI SEGNA??????

TIRO - PALO - SCHIENA DEL PORTIERE - GOL

A parte questa non ne azzecca una per 27 giornate, l'anno dopo va al Frosinone, anche questa volta niente.

Così ci rinuncia, va in Spagna, quello è il posto giusto per lui.

A Girona si scatena, segna 14 gol in 34 partite. Probabilmente la Liga Adelante non è il campionato più difficile del mondo, però riesce a trascinare la squadra al secondo posto e alla sua prima qualificazione nella Liga in 86 anni di storia.

Da lì in poi Longo ha continuato la sua carriera entrando in un loop infinito:
Dopo 48 presenze e 0 gol in Serie A ha capito che il nostro campionato non fa per lui.

Samuele Longo: l'ultimo cult generazionale 7 RanocchiateSamuele Longo: l'ultimo cult generazionale 8 Ranocchiate
Torna qui solo in estate per farsi una rimpatriata con gli amici dell'Inter, qualche sgambatella nel precampionato, rinnovare il contratto e ripartire in prestito verso una qualche destinazione esotica della Spagna.

Lo abbiamo visto in azione a Tenerife, e attualmente all'Huesca.

Insomma quello che doveva essere l'attaccante del futuro è arrivato all'OTTAVO prestito consecutivo, ma questa girandola sembra non avere ancora fine.

Cosa ci resta da dire se non: GRAZIE DI TUTTO CAMPIONE.

Notizie flash

Ultimi articoli

28/02/2021
Inter - Genoa, dieci pensieri post-partita

10 - Premessa: non ho potuto vedere proprio tutta tutta la partita, ma ho letto il caffè, quindi ho l'autorizzazione a scrivere questo post. 9 - Eriksen ormai titolare fisso mi destabilizza, se poi me lo fa giocare pure per tutta la partita crollano tutte le mie certezze.Ma godo. 8 - Invia anche tu un […]

28/02/2021
Inter - Genoa nel tempo di un caffè a tinte bianconere

Ho un brutto presentimento.Giocare contro questo Genoa, dopo il passo falso della Juve. Non c’è niente di buono. In più ieri ha pure segnato Karamoh.Nuvole oscure ci attendono all’orizzonte. Mi manchi Yann. Primo tempo 1’ - NON CI CREDO LUKAKONEEEEEEE Progressione infinita sul lancio di Bastoni e punisce Perin senza pietà. 3’ - Che noia […]

28/02/2021
Inter - Genoa: 3 motivi per non perderti questa partita

Premessa: diamo a Cesare quel che è di Cesare. Il nostro allenatore – che è una pesantezza di uomo – già alle 17.15 di domenica scorsa diceva di essere concentrato solo sulla prossima partita, e alle 9 di lunedì mattina faceva già sputare fuoco a Vidal facendolo allenare con Zanetti. Ecco, ringraziamo il fatto che […]

22/02/2021
Milan - Inter, il pagellone che non ci si crede

HANDA 52: EUREKA! IL LASER FUNZIONA!Non esistono altre possibili spiegazioni al fatto che il tiro di Theo Hernandez non sia entrato: giuro, finché non è ripreso il gioco avrei giurato di essere stato vittima di un allucinazione.E invece no.E' TUTTO VERO.Poi però non gli basta e decide di fare 3 parate che valgono 3 gol […]

21/02/2021
Milan-Inter, dieci pensieri post-derby

10 - Buonasera buonasera buonasera buonasera, sono un'interista, sono a digiuno, e tra le 15 e le 17 circa sono morta e risorta un centinaio di volte, sono capolista e serenamente godo. 9 - MADOOOOOOOOO SIAMO PRIMI GRAZIE A UN DERBY CON TRE GOL RIFILATI AL MILAN IO GODISSIMO E SE NEEE VAAAAAAAA 8 - […]

21/02/2021
Il Derby nel tempo di tre schiaffi in faccia

Primo tempo 1’ - E niente sono già deluso. Ho aspettato invano lo scambio di strette di mano tra Lukaku e Ibra con possibile improvvisazione in scazzottata / la più bella royal rumble mai vista. E invece niente strette di mano e niente. Triste. 4’ - LA LULA COLPISCE ANCORAAAAAAAAAAAAAAAA Perché Romelu?Perché?Perché continui ad attentare […]

linkedin facebook pinterest youtube rss twitter instagram facebook-blank rss-blank linkedin-blank pinterest youtube twitter instagram