05/04/2018

Questione di occasioni

Cari amici di Ranocchiate, dire che sono incazzato è decisamente l'eufemismo dell'anno.
Un pareggio in un derby ci può certamente stare, ma guardando alla partita di ieri questo punto ci sta decisamente stretto.

Era LA partita di cartello di giornata, di quella maledetta giornata rimandata per via della tragica scomparsa di Astori: incredibile quanto siano cambiate le cose nel giro di un mese, considerato che appunto il mese scorso noi eravamo in balia di una crisi di cui non si vedeva la fine, mentre i nostri poco amati cugini avevano ingranato la quarta, fra Europa League e Campionato; ieri, invece, gli scenari erano completamente ribaltati, considerato che il Milan ha affrontato non poche disfatte in questi 30 giorni, mentre noi siamo riusciti a far tornare il sereno, recuperando quasi totalmente la fiducia nei nostri mesi.

Una cosa non è cambiata: un mese fa come ieri, si giocava per 3 punti importantissimi per le speranze europee.

Sono scesi in campo i soliti 11 visti nelle ultime uscite: squadra che vince non si cambia è da sempre un principio molto apprezzato dal buon Luciano.

Pronti,via e siamo subito su dei ritmi tambureggianti: una lotta su tutti i palloni a centrocampo, con le squadre che fanno fatica a rendersi pericolose ma che danno la sensazione di poterne fare anche 3 per parte.
Prima Handanovic si candida alla santità con un intervento mostruoso su colpo di testa di Bonucci e poi, sul finire del primo tempo, Candreva inventa un assist geniale per Icardi che la mette dentro senza alcun problema; sembra poter essere la svolta, ma la punta della scarpa di Icardi si trova in fuorigioco al momento del passaggio.

 

Punto e a capo quindi, aver sprecato un'occasione del genere fa però tanta rabbia.
Ci si sente abbastanza ebeti ad esultare per un gol che finisce poi per essere annullato, ma ho compensato con le imprecazioni (come probabilmente tutti voi).

Il gol annullato mi ha fatto salire ancor di più l'ansia, perché a quanto pare quella non è mai abbastanza. Evviva.

Poi, nel secondo tempo, momento revival: Rafinha inventa per Candreva, Candreva la mette in mezzo per Icardi, ma l'arbitro fischia il fuorigico.
Che poi ero talmente incazzato per il fuorigioco inesistente che non mi sono nemmeno reso conto che Icardi l'avesse mandata fuori. Tutto molto bene

Da lì in poi una serie di occasioni da una parte e dall'altra, e proprio all'ultima occasione disponibile, Cancelo riesce a far filtrare un ottimo passaggio per Mauro che, a porta vuota, arriva male sulla palla e la spedisce a lato.

Sono rimasto fermo con la mano ed il busto protesi in avanti pronto per esultare, ma ghiacciato da quanto avevo visto, per buoni 3 minuti.

Avremmo decisamente potuto ottenere di più, è fuor di dubbio, ma al di là della prestazione, alcune volte gira ed alcune volte no, purtroppo.

Note liete di ieri:
Brozovic nel nuovo ruolo di regista arretrato sembra aver trovato la giusta continuità, ieri quasi ogni suo lancio era millimetrico, ogni copertura sempre decisiva.
Cancelo ha faticato difensivamente in alcune fasi, ma un terzino come lui va riscattato e blindato il prima possibile

Sul finire, permettetemi di citare l'onestà sempre disarmante del mio corregionale Ringhio, che ha ammesso senza alcuna remora che avremmo meritato certamente di più, alla faccia delle dichiarazioni di rito post-partita.

E' andata così, meglio un punto che nulla in mano certamente.
Ma da adesso in poi non possiamo più permetterci errori se vogliamo arrivare in Champion's.

Sono rimaste 8 finali da giocare al meglio ed ho una tremenda voglia di rivedere i nostri in campo contro le migliori d'Europa. Possiamo farcela.

Questione di occasioni

Cari amici di Ranocchiate, dire che sono incazzato è decisamente l'eufemismo dell'anno.
Un pareggio in un derby ci può certamente stare, ma guardando alla partita di ieri questo punto ci sta decisamente stretto.

Era LA partita di cartello di giornata, di quella maledetta giornata rimandata per via della tragica scomparsa di Astori: incredibile quanto siano cambiate le cose nel giro di un mese, considerato che appunto il mese scorso noi eravamo in balia di una crisi di cui non si vedeva la fine, mentre i nostri poco amati cugini avevano ingranato la quarta, fra Europa League e Campionato; ieri, invece, gli scenari erano completamente ribaltati, considerato che il Milan ha affrontato non poche disfatte in questi 30 giorni, mentre noi siamo riusciti a far tornare il sereno, recuperando quasi totalmente la fiducia nei nostri mesi.

Una cosa non è cambiata: un mese fa come ieri, si giocava per 3 punti importantissimi per le speranze europee.

Sono scesi in campo i soliti 11 visti nelle ultime uscite: squadra che vince non si cambia è da sempre un principio molto apprezzato dal buon Luciano.

Pronti,via e siamo subito su dei ritmi tambureggianti: una lotta su tutti i palloni a centrocampo, con le squadre che fanno fatica a rendersi pericolose ma che danno la sensazione di poterne fare anche 3 per parte.
Prima Handanovic si candida alla santità con un intervento mostruoso su colpo di testa di Bonucci e poi, sul finire del primo tempo, Candreva inventa un assist geniale per Icardi che la mette dentro senza alcun problema; sembra poter essere la svolta, ma la punta della scarpa di Icardi si trova in fuorigioco al momento del passaggio.

 

Punto e a capo quindi, aver sprecato un'occasione del genere fa però tanta rabbia.
Ci si sente abbastanza ebeti ad esultare per un gol che finisce poi per essere annullato, ma ho compensato con le imprecazioni (come probabilmente tutti voi).

Il gol annullato mi ha fatto salire ancor di più l'ansia, perché a quanto pare quella non è mai abbastanza. Evviva.

Poi, nel secondo tempo, momento revival: Rafinha inventa per Candreva, Candreva la mette in mezzo per Icardi, ma l'arbitro fischia il fuorigico.
Che poi ero talmente incazzato per il fuorigioco inesistente che non mi sono nemmeno reso conto che Icardi l'avesse mandata fuori. Tutto molto bene

Da lì in poi una serie di occasioni da una parte e dall'altra, e proprio all'ultima occasione disponibile, Cancelo riesce a far filtrare un ottimo passaggio per Mauro che, a porta vuota, arriva male sulla palla e la spedisce a lato.

Sono rimasto fermo con la mano ed il busto protesi in avanti pronto per esultare, ma ghiacciato da quanto avevo visto, per buoni 3 minuti.

Avremmo decisamente potuto ottenere di più, è fuor di dubbio, ma al di là della prestazione, alcune volte gira ed alcune volte no, purtroppo.

Note liete di ieri:
Brozovic nel nuovo ruolo di regista arretrato sembra aver trovato la giusta continuità, ieri quasi ogni suo lancio era millimetrico, ogni copertura sempre decisiva.
Cancelo ha faticato difensivamente in alcune fasi, ma un terzino come lui va riscattato e blindato il prima possibile

Sul finire, permettetemi di citare l'onestà sempre disarmante del mio corregionale Ringhio, che ha ammesso senza alcuna remora che avremmo meritato certamente di più, alla faccia delle dichiarazioni di rito post-partita.

E' andata così, meglio un punto che nulla in mano certamente.
Ma da adesso in poi non possiamo più permetterci errori se vogliamo arrivare in Champion's.

Sono rimaste 8 finali da giocare al meglio ed ho una tremenda voglia di rivedere i nostri in campo contro le migliori d'Europa. Possiamo farcela.

Notizie flash

Ultimi articoli

25/10/2021
Inter - Juve, dieci pensieri post - partita

10 - Che fatica scrivere sti dieci pensieri, è passata una notte, una colazione con caffè e succhino avanzato di ieri e comunque mi vengono in mente solo cose che qui non posso scrivere perché comunque c'è una certa classe da mantenere 9 - King Arturo che già sapeva come sarebbe andata a finire 8 […]

24/10/2021
Inter - Juve nel tempo di un caffè

PRIMO TEMPO: 0' - Pardo: "Insomma, dico parole per fare scena"Standing ovation degli universitari. 7' - Oh mamma mia.Tiro di Morata su ribattuta da calcio d'angolo, Handa respinge male, poi ci pensa Alex Sandro a riportare la tranquillità con una deviazione verso la porta degna di lui su cui il vicecap para senza troppi problemi. […]

24/10/2021
Inter - Juve, il prepartita ansioso in 5 step

Dopo il 3 – 1 rissoso subito dalla Lazio e quello festoso inflitto ai simpatici Tiraspolesi dello Sheriff, ci troviamo ad affrontare la nostra nemesi dai tempi del Pleistocene: è tempo di Inter – Juve. Avrò vissuto centinaia di derby d’Italia, tra campionati e Coppe Heineken, Supercoppe, trofei Birra Moretti e Coppe Italia. Quale che […]

20/10/2021
Inter - Sheriff, il pagellone della speranza

HANDA 74 - *sospira*Giuro, ce la posso fare. Forse anche senza diventare volgare, ma non ne sono sicuro.*altro sospiro da noncelafacciopiumacomefate*Questa sera ero contento. 3-1 agli Sceriffi, prima vittoria nel girone e robe così.Ma ormai la questione Handa è talmente sfuggita di mano che sembra diventata quella barzelletta che fa"73...73...73...73""Scusa perché continui a dire 73?""Ecco […]

20/10/2021
Inter - Sheriff, dieci coccodrilli post - partita

🐊 Quanto è bello svegliarsi alla mattina quando sai di essere stata la prima squadra a battere lo Sheriff Tiraspol in Champions League. Ciao Real Madrid, tu questo non lo sai fare. 🐊 Comunque mi state simpatici, amici dell’ONU datevi una mossa e riconoscete questo bellissimo stato con una popolazione magnifica, non vedo l’ora di […]

19/10/2021
Uno sceriffo strapazzato nel tempo di un caffè

Terza partita del girone e siamo già qua, a dover strappare con i denti 3 punti per non vedere già andare in frantumi il sogno europeo. Tutto molto interista. Almeno però negli ultimi anni aspettavamo l’ultima giornata. Beh, godiamoci lo spettacolo dello Sceriffo. Primo tempo 4’ - Prima discesa degli uomini dello Sceriffo e sto […]

linkedin facebook pinterest youtube rss twitter instagram facebook-blank rss-blank linkedin-blank pinterest youtube twitter instagram