05/11/2022

Juventus-Inter, il prepartita in Erasmus

È successo, ragazzi.

Un po’ di contesto: da un paio di mesi a questa parte sono in Erasmus a Madrid. Sì, se ve lo state chiedendo, con Xavi che rode da qui si gode il doppio.

Juventus-Inter, il prepartita in Erasmus 1 Ranocchiate

Pure il triplo, ad essere sinceri, visto che qualche tifoso del Barça che piagnucola, testa china, con un santino di Piqué in tasca e l’occhio lucido come Busquets per strada si vede, ogni tanto. I passanti, com’è giusto che sia, gli tirano occhiatacce, qualche volta vola uno schiaffo sul cozzetto.
E ad ogni lacrima, ad ogni mugolìo, io là che osservo e godo sadicamente, che manco Brozo quando vede L-gante allungare la mano sulla chiappa di Wanda.

Juventus-Inter, il prepartita in Erasmus 2 Ranocchiate

Una roba fuori dal mondo, vi giuro.

Almeno due volte la settimana, di ritorno dall’università, trovo la metro intasata di gente con una camiseta blanca e un sopracciglio che sfiora il soffitto à la Carletto, o con una camiseta colchonera e due pelotas che arrivano al pavimento come il Cholo, diretti al Bernabeu o al Wanda Metropolitano.
A pelle mi stanno più simpatici i secondi, anche perché all’Atletico ora gioca Kondogbia, uno dei miei (e dei vostri, ammettetelo) amori/odi calcistici più intensi, ma quando viaggio con i primi almeno posso appoggiare lo zaino per terra senza rischiare il… fallo in area, per così dire.

Juventus-Inter, il prepartita in Erasmus 3 Ranocchiate
Tifoso medio dell'Atletico essere tipo:

Pro e contro, insomma.
Sapete cos’altro è un po’ pro e un po’ contro?
La notizia vi lascerà spiazzati. Ebbene sì: ho un solo coinquilino. Sorprendendo anche me stesso, sono riuscito a rimediarmi un appartamento in affitto di tutto rispetto, piccolo ma funzionale e, soprattutto, non affollato.
Pro.
Il contro?

Il mio unico coinquilino è JUVENTINO.

Juventus-Inter, il prepartita in Erasmus 4 Ranocchiate

Il che non è proprio sempre un contro, intendiamoci.
Ad esempio, quando abbiamo raggiunto l’«obiettivo stagionale» ( = Juve eliminata dalla Champions, per gli interisti inesperti) è stato fantastico.
Non mi sono proprio gustato il momento appieno, perché Quevedo (nome fittizio per privacy, ndr) non era in casa, ma già solo via Whatsapp l’umore si percepiva. Color violaceo tendente al nero, che comunque d’inverno sarà di tendenza, segnatevelo (Quevedo è molto stiloso).

In certi momenti convivere è fastidioso, però. Esempio: la settimana scorsa, dopo quel gol a ciel sereno di Fagioli e lo 0-1 col Lecce (squadrone con cui noi, ad essere onesti, abbiamo rischiato di pareggiare qualche mese fa, per la gioia delle mie coronarie che quella sera estiva hanno retto non si sa come), per qualche ora in casa si è avvertita una punta di entusiasmo che mi urtava un pochino.
Per fortuna, poco tempo dopo abbiamo vinto in ciabatte e con la sigaretta in bocca contro la Samp in casa, a ristabilire gli equilibri, e soprattutto SENZA GOLEADE, fermandoci sul tetto dei tre gol di scarto (sappiamo tutti cosa succede dal quarto in poi. Se non lo sai, giovane Padelli-wan, hai ancora tanto da apprendere).

Sinceramente ancora non mi capacito di come guarderemo la partita, oggi. Gli scenari che mi vengono in mente sono tre:

  1. La gara di gufate. Ci accomoderemo sul divano con un simpatico “avete già vinto” di accompagnamento, seguito da un modesto “ma no, la vittoria è già vostra” di circostanza. Tutta la partita sarà un susseguirsi di frecciatine al malocchio tipo “ora segnate, è nell’aria”, oppure “ormai avete i tre punti in banca”, ricambiati alternativamente con una contro-gufata o un vaffa carpiato con grattata di contorno.
Juventus-Inter, il prepartita in Erasmus 5 Ranocchiate
Fossi quest'uomo vincerei a mani basse
  1. Lo scandalo arbitrale. A un certo punto della partita, l’arbitro commetterà un errore a favore dell’una o dell’altra squadra, scaldando gli animi nell’appartamentino dei nostri eroi in Erasmus. Per questo caso, grazie a Ranocchiate.com™, sono preparato (per avere risposte pronte in situazioni simili, consultare la Guida allo Sfottò anti-juventino).
  2. Il gioco del silenzio. Costretti dalla pressione sociale a non cantare vittoria e a non insultare pesantemente gli avversari, io e Quevedo ci limiteremo a un grugnito sommesso al posto di esultare ed a un più elegante colpo di tosse misto “Ladri!” al posto di protestare. Alla fine, chi sarà stato zitto più a lungo vincerà il premio Faccia-da-Poker (che consiste in un gratta e vinci perdente e per giunta già grattato, trovato per sbaglio sotto al divano tempo fa).
erasmus

Non so quale spero si avveri.
Comunque, ci tengo a spezzare una lancia in favore di Quevedo. Al di là del calcio, è un coinquilino fantastico. Secondo me è obbligato ad essere bianconero per contratto. Sarà il cuggino juventino di qualcuno, come Costituzione comanda (secondo l’art. 69/420, chi non lo ha è così fuori legge che organizza un rave party ogni settimana).
O magari mette solo troppe lavatrici e le magliette gli si scoloriscono. Con un po' meno candeggina, a quest’ora sarebbe interista di sicuro.

“Ma figurati!”

Era Quevedo, da dietro la mia spalla. È ora di andare. Buona partita!

Juventus-Inter, il prepartita in Erasmus

È successo, ragazzi.

Un po’ di contesto: da un paio di mesi a questa parte sono in Erasmus a Madrid. Sì, se ve lo state chiedendo, con Xavi che rode da qui si gode il doppio.

Juventus-Inter, il prepartita in Erasmus 6 Ranocchiate

Pure il triplo, ad essere sinceri, visto che qualche tifoso del Barça che piagnucola, testa china, con un santino di Piqué in tasca e l’occhio lucido come Busquets per strada si vede, ogni tanto. I passanti, com’è giusto che sia, gli tirano occhiatacce, qualche volta vola uno schiaffo sul cozzetto.
E ad ogni lacrima, ad ogni mugolìo, io là che osservo e godo sadicamente, che manco Brozo quando vede L-gante allungare la mano sulla chiappa di Wanda.

Juventus-Inter, il prepartita in Erasmus 7 Ranocchiate

Una roba fuori dal mondo, vi giuro.

Almeno due volte la settimana, di ritorno dall’università, trovo la metro intasata di gente con una camiseta blanca e un sopracciglio che sfiora il soffitto à la Carletto, o con una camiseta colchonera e due pelotas che arrivano al pavimento come il Cholo, diretti al Bernabeu o al Wanda Metropolitano.
A pelle mi stanno più simpatici i secondi, anche perché all’Atletico ora gioca Kondogbia, uno dei miei (e dei vostri, ammettetelo) amori/odi calcistici più intensi, ma quando viaggio con i primi almeno posso appoggiare lo zaino per terra senza rischiare il… fallo in area, per così dire.

Juventus-Inter, il prepartita in Erasmus 8 Ranocchiate
Tifoso medio dell'Atletico essere tipo:

Pro e contro, insomma.
Sapete cos’altro è un po’ pro e un po’ contro?
La notizia vi lascerà spiazzati. Ebbene sì: ho un solo coinquilino. Sorprendendo anche me stesso, sono riuscito a rimediarmi un appartamento in affitto di tutto rispetto, piccolo ma funzionale e, soprattutto, non affollato.
Pro.
Il contro?

Il mio unico coinquilino è JUVENTINO.

Juventus-Inter, il prepartita in Erasmus 9 Ranocchiate

Il che non è proprio sempre un contro, intendiamoci.
Ad esempio, quando abbiamo raggiunto l’«obiettivo stagionale» ( = Juve eliminata dalla Champions, per gli interisti inesperti) è stato fantastico.
Non mi sono proprio gustato il momento appieno, perché Quevedo (nome fittizio per privacy, ndr) non era in casa, ma già solo via Whatsapp l’umore si percepiva. Color violaceo tendente al nero, che comunque d’inverno sarà di tendenza, segnatevelo (Quevedo è molto stiloso).

In certi momenti convivere è fastidioso, però. Esempio: la settimana scorsa, dopo quel gol a ciel sereno di Fagioli e lo 0-1 col Lecce (squadrone con cui noi, ad essere onesti, abbiamo rischiato di pareggiare qualche mese fa, per la gioia delle mie coronarie che quella sera estiva hanno retto non si sa come), per qualche ora in casa si è avvertita una punta di entusiasmo che mi urtava un pochino.
Per fortuna, poco tempo dopo abbiamo vinto in ciabatte e con la sigaretta in bocca contro la Samp in casa, a ristabilire gli equilibri, e soprattutto SENZA GOLEADE, fermandoci sul tetto dei tre gol di scarto (sappiamo tutti cosa succede dal quarto in poi. Se non lo sai, giovane Padelli-wan, hai ancora tanto da apprendere).

Sinceramente ancora non mi capacito di come guarderemo la partita, oggi. Gli scenari che mi vengono in mente sono tre:

  1. La gara di gufate. Ci accomoderemo sul divano con un simpatico “avete già vinto” di accompagnamento, seguito da un modesto “ma no, la vittoria è già vostra” di circostanza. Tutta la partita sarà un susseguirsi di frecciatine al malocchio tipo “ora segnate, è nell’aria”, oppure “ormai avete i tre punti in banca”, ricambiati alternativamente con una contro-gufata o un vaffa carpiato con grattata di contorno.
Juventus-Inter, il prepartita in Erasmus 10 Ranocchiate
Fossi quest'uomo vincerei a mani basse
  1. Lo scandalo arbitrale. A un certo punto della partita, l’arbitro commetterà un errore a favore dell’una o dell’altra squadra, scaldando gli animi nell’appartamentino dei nostri eroi in Erasmus. Per questo caso, grazie a Ranocchiate.com™, sono preparato (per avere risposte pronte in situazioni simili, consultare la Guida allo Sfottò anti-juventino).
  2. Il gioco del silenzio. Costretti dalla pressione sociale a non cantare vittoria e a non insultare pesantemente gli avversari, io e Quevedo ci limiteremo a un grugnito sommesso al posto di esultare ed a un più elegante colpo di tosse misto “Ladri!” al posto di protestare. Alla fine, chi sarà stato zitto più a lungo vincerà il premio Faccia-da-Poker (che consiste in un gratta e vinci perdente e per giunta già grattato, trovato per sbaglio sotto al divano tempo fa).
erasmus

Non so quale spero si avveri.
Comunque, ci tengo a spezzare una lancia in favore di Quevedo. Al di là del calcio, è un coinquilino fantastico. Secondo me è obbligato ad essere bianconero per contratto. Sarà il cuggino juventino di qualcuno, come Costituzione comanda (secondo l’art. 69/420, chi non lo ha è così fuori legge che organizza un rave party ogni settimana).
O magari mette solo troppe lavatrici e le magliette gli si scoloriscono. Con un po' meno candeggina, a quest’ora sarebbe interista di sicuro.

“Ma figurati!”

Era Quevedo, da dietro la mia spalla. È ora di andare. Buona partita!

Notizie flash

Ultimi articoli

13/11/2022
Atalanta- Inter nel tempo di un ultimo caffè

Primo tempo 1’ - Palomino alla prima da titolare dell’anno dopo lo stop per il presunto caso di doping. Come gli miglioreremo ulteriormente la giornata? 5' - Dopo due sconfitte di fila, Atalanta in versione Olanda di Cruijff 12' - Ma quindi Bastoni era in mood Barella che si rotola e non si fa nulla […]

13/11/2022
Atalanta - Inter, il prepartita dell'ultima di campionato

Non so se essere più basito dal fatto che quella di oggi sia l'ultima partita dell'anno oppure dal fatto che ormai sia arrivato Natale. Cioè raga qui mancano qualcosa come 40 giorni o poco più e io ho ancora le t-shirt a maniche corte nel cesto del panni da lavare. Voi siete consci del fatto […]

10/11/2022
Inter - Bologna, il Pagellone del ritorno della grande Inter

ONANA 7 – La serata comincia con Musa Barrow (uno dei tanti che sembra avere un conto aperto con noi) che sfiora il gol, poi un tiro di Arna viene respinto con le cosce da Andrè, con un intervento che ricorda il sacrificio di Dambro in un derby di qualche anno fa. La differenza è […]

10/11/2022
Inter - Bologna, dieci ranocchie post-partita

🐸 - Abbiamo fatto 6 a 1 anche all’andata l’anno scorso, non serve giocare il ritorno che tanto sappiamo già come va a finire. 🐸- Ma poi non li potevate dividere sto gol, tipo 3 al Bologna e gli altri tre a Torino contro quelli là porcoilcaz 🐸 - Cose che non pensavo di vedere […]

09/11/2022
Inter - Bologna nel tempo di un caffè

0' - Milan e Roma pareggiano, lAtalanta perde, cosa potrebbe andare male oggi?Ah già, giochiamo noi. PRIMO TEMPO: 1’ - Vi diròVi diròVi diròChe la situa, dopo aver guardato FroggyCosì brutta non é 2' - Bare è già dolorante. Non so più se crederci o no 4' - Quasi gol del Bologna dopo un contropiede. […]

09/11/2022
Inter - Bologna, il prepartita delle speranze finite

Siamo fritti. Finiti. Distrutti. Se per una partita in casa contro il Bologna ci tocca scomodare il signore in copertina, ieri in visita alla Pinetina, significa che la situazione è davvero tragica. Non supereremo la notte. A conferma di quanto sto dicendo, arrivano immagini inedite dalla visita del Vate di ieri al centro di allenamento: […]

linkedin facebook pinterest youtube rss twitter instagram facebook-blank rss-blank linkedin-blank pinterest youtube twitter instagram