Inter-Dinamo Kiev, il pagellone dei 3 su 3 (pareggi)

JULIO CESAR 6: C'è poco da dire, prosegue la sfiga per Julione in questa Champions League. Bastano quattro minuti: punizione, palla sfiorata a caso in area di rigore, arriva l'avversario di cui non sappiamo neanche scrivere il nome, Taras Mikalik o qualcosa del genere, e siamo già sotto.
Non un grande inizio. Tanto per cambiare.
Poi arriva anche l'autogol di Lucio. Tu quoque?
Ma seriamente che cosa abbiamo fatto di male?

Inter-Dinamo Kiev, il pagellone dei 3 su 3 (pareggi) 1 Ranocchiate

MAICON 6: Mette in mezzo tanti cross ma purtroppo in attacco non c'è nessuno a raccoglierli. Milito, Mario, #RITORN che si sente la vostra mancanza 🙁

LUCIO 5 come difensore 9 come attaccante: Partita super caotica di Lucione, tanto per cambiare. Prima si inventa assistman con una delle sue incursioni offensive totalmente a caso, si fa largo tra i centrocampisti della Dinamo e poi serve a Stankovic il gol decisivo del pareggio. Ormai esaltato, si riscopre anche goleador, con una bellissima incornata su calcio d'angolo. Purtroppo nella porta sbagliata, peccato solo per questo piccolo dettaglio. E anche per lo scivolone con cui regala quasi un altro gol alla Dinamo.
Ma appunto sono soltanto dettagli.

SAMUEL 6 come difensore 10 come attaccante: Lui per fortuna azzecca la porta giusta, ma là dietro... aiuto, Shevchenko ci fa soffrire più o meno come avrà sofferto Giacomino nel fingersi milanista in "tu la conosci Claudia"

GRAZIE SHEVAAA SIIIII

CHIVU 5.5: E anche con lui in un paio di occasioni ci tocca reagire alla Giovanni, perché pure Eremenko ci fa venire gli attacchi di panico. Sì, proprio quello che giocava nell'Udinese e nel Siena. Perché nulla è mai casuale.

ZANETTI 6.5: Ottima partita. Peccato solo che non sia riuscito a deviare bene il pallone su quel cross da cui è nato il vantaggio della Dinamo, ma lì sono stati i suoi capelli che, pur di non spettinarsi, si sono abbassati di loro spontanea volontà lisciando il pallone. Al capitano perdoniamo questo e altro. Soprattutto finché continua con le sue cavalcate

CAMBIASSO 6: Ci mette tantissima garra ma non ha la solità lucidità. Colpa degli ucraini che lo randellano di brutto, ma per un 1% colpa anche di René Krhin che lo fa ingelosire con la sua chioma perfetta

STANKOVIC 9: Sono finite le parole per descrivere brate Deki in questo periodo. Indispensabile è poco. Tre giorni dopo il suo super gol da centrocampo col Genoa, ritrova un altro gol importantissimo in Champions, dopo quello fondamentale a Kazan. Un bottino niente male, e siamo solo a ottobre.

MUNTARI 5: Ancora una volta purtroppo dobbiamo rinunciare a Thiagone e sostituirlo con Muntari. Che è come..boh. Fateli voi i paragoni.

SNEIDER 6: Per fortuna c'è lui ad accendere qualche volta la luce in questa serata fredda a San Siro che non passerà di certo alla storia. Tra qualche anno penseremo "ehi ma te la ricordi Inter-Dinamo del 2009!?" Ma ma nessuno si ricorderà nulla. Non sapremo nemmeno di cosa stiamo parlando. Una partita totalmente destinata all'oblio. Stiamo anche perdendo tempo a scrivere questa pagella.

SUAZO 5: Dentro nella ripresa al posto di Muntari, spreca un gol facilissimo dopo che Zanetti si era fatto 90 metri di corsa + assist tutto per lui.
Javier è sempre un signore e anziché incazzarsi a bestia gli dice "va bene David ti rifarai!".
Il capitano è profetico, perché Suazo trova davvero il 3-2 allo scadere, ma purtroppo è in fuorigioco. Con Milito fuori infortunato e Balotelli fuori di testa servono ricambi di altro livello: ARNAUTOVIC CI SERVI, VOGLIAMO IL TUO ESORDIO.

ETO'O 6: La Champions è il suo habitat naturale. La conosce, sa come si vince, ma ancora il gol non è arrivato. Forse perché si sta sacrificando come un dannato? Guai a criticarlo

MATERAZZI 10: Senza Milito e Balotelli, Mou lo butta nella mischia come centravanti e fa comunque meglio di Suazo. Idolo.

MOURINHO 6: Non si capisce perché dobbiamo soffrire così. Se siamo sfigati, o stronzi, o semplicemente interisti. Rubin Kazan che va a vincere clamorosamente al Camp Nou e adesso non si capisce più niente. Siamo ultimi, non vinciamo una partita in Champions da esattamente un anno, però almeno il cuore per le rimonte ce lo mettiamo sempre.

Inter-Dinamo Kiev, il pagellone dei 3 su 3 (pareggi)

JULIO CESAR 6: C'è poco da dire, prosegue la sfiga per Julione in questa Champions League. Bastano quattro minuti: punizione, palla sfiorata a caso in area di rigore, arriva l'avversario di cui non sappiamo neanche scrivere il nome, Taras Mikalik o qualcosa del genere, e siamo già sotto.
Non un grande inizio. Tanto per cambiare.
Poi arriva anche l'autogol di Lucio. Tu quoque?
Ma seriamente che cosa abbiamo fatto di male?

Inter-Dinamo Kiev, il pagellone dei 3 su 3 (pareggi) 4 Ranocchiate

MAICON 6: Mette in mezzo tanti cross ma purtroppo in attacco non c'è nessuno a raccoglierli. Milito, Mario, #RITORN che si sente la vostra mancanza 🙁

LUCIO 5 come difensore 9 come attaccante: Partita super caotica di Lucione, tanto per cambiare. Prima si inventa assistman con una delle sue incursioni offensive totalmente a caso, si fa largo tra i centrocampisti della Dinamo e poi serve a Stankovic il gol decisivo del pareggio. Ormai esaltato, si riscopre anche goleador, con una bellissima incornata su calcio d'angolo. Purtroppo nella porta sbagliata, peccato solo per questo piccolo dettaglio. E anche per lo scivolone con cui regala quasi un altro gol alla Dinamo.
Ma appunto sono soltanto dettagli.

SAMUEL 6 come difensore 10 come attaccante: Lui per fortuna azzecca la porta giusta, ma là dietro... aiuto, Shevchenko ci fa soffrire più o meno come avrà sofferto Giacomino nel fingersi milanista in "tu la conosci Claudia"

GRAZIE SHEVAAA SIIIII

CHIVU 5.5: E anche con lui in un paio di occasioni ci tocca reagire alla Giovanni, perché pure Eremenko ci fa venire gli attacchi di panico. Sì, proprio quello che giocava nell'Udinese e nel Siena. Perché nulla è mai casuale.

ZANETTI 6.5: Ottima partita. Peccato solo che non sia riuscito a deviare bene il pallone su quel cross da cui è nato il vantaggio della Dinamo, ma lì sono stati i suoi capelli che, pur di non spettinarsi, si sono abbassati di loro spontanea volontà lisciando il pallone. Al capitano perdoniamo questo e altro. Soprattutto finché continua con le sue cavalcate

CAMBIASSO 6: Ci mette tantissima garra ma non ha la solità lucidità. Colpa degli ucraini che lo randellano di brutto, ma per un 1% colpa anche di René Krhin che lo fa ingelosire con la sua chioma perfetta

STANKOVIC 9: Sono finite le parole per descrivere brate Deki in questo periodo. Indispensabile è poco. Tre giorni dopo il suo super gol da centrocampo col Genoa, ritrova un altro gol importantissimo in Champions, dopo quello fondamentale a Kazan. Un bottino niente male, e siamo solo a ottobre.

MUNTARI 5: Ancora una volta purtroppo dobbiamo rinunciare a Thiagone e sostituirlo con Muntari. Che è come..boh. Fateli voi i paragoni.

SNEIDER 6: Per fortuna c'è lui ad accendere qualche volta la luce in questa serata fredda a San Siro che non passerà di certo alla storia. Tra qualche anno penseremo "ehi ma te la ricordi Inter-Dinamo del 2009!?" Ma ma nessuno si ricorderà nulla. Non sapremo nemmeno di cosa stiamo parlando. Una partita totalmente destinata all'oblio. Stiamo anche perdendo tempo a scrivere questa pagella.

SUAZO 5: Dentro nella ripresa al posto di Muntari, spreca un gol facilissimo dopo che Zanetti si era fatto 90 metri di corsa + assist tutto per lui.
Javier è sempre un signore e anziché incazzarsi a bestia gli dice "va bene David ti rifarai!".
Il capitano è profetico, perché Suazo trova davvero il 3-2 allo scadere, ma purtroppo è in fuorigioco. Con Milito fuori infortunato e Balotelli fuori di testa servono ricambi di altro livello: ARNAUTOVIC CI SERVI, VOGLIAMO IL TUO ESORDIO.

ETO'O 6: La Champions è il suo habitat naturale. La conosce, sa come si vince, ma ancora il gol non è arrivato. Forse perché si sta sacrificando come un dannato? Guai a criticarlo

MATERAZZI 10: Senza Milito e Balotelli, Mou lo butta nella mischia come centravanti e fa comunque meglio di Suazo. Idolo.

MOURINHO 6: Non si capisce perché dobbiamo soffrire così. Se siamo sfigati, o stronzi, o semplicemente interisti. Rubin Kazan che va a vincere clamorosamente al Camp Nou e adesso non si capisce più niente. Siamo ultimi, non vinciamo una partita in Champions da esattamente un anno, però almeno il cuore per le rimonte ce lo mettiamo sempre.

Ultimi articoli

01/10/2020
Inter in B, il girone che non si vergogna?

Ci siamo, come in ogni stagione ritorna anche l'appuntamento con la seconda competizione europea.Pomeriggi soporiferi passati sul divano a vedere palle che girano, ex campioni ormai resi irriconoscibili dall'età, le stesse grafiche riciclate dal 2005, gli occhi alla Marotta per seguire i vari gironi/intrecci/incroci, insomma, nulla di appassionante in confronto alla nostra amata E.L. Per […]

01/10/2020
Benevento-Inter, il pagellone della trasgressione danese

HANDANOVIC 10: Per fortuna in mezzo a tutta questa esaltazione (KTM VIVA CHILE CONTETUMAREEEE) c'è ancora qualcuno che rimane serio. In fondo avete mai visto un qualsivoglia tifoso balcanico elogiare i suoi giocatori all'estero? Ecco. Ricordiamoci che il gioco del calcio resta prima di tutto una fonte estrema di scazzo. Così quando Samir vede i […]

30/09/2020
Benevento - Inter nel tempo di un aperitivo

1' - Oh. Che bell'orario della sequoia.18 di mercoledi, contro una neopromossa allenata da Pippo Inzaghi.Rischiamo di preLUUUUUUUKAKUUUUUUUUUCambio di campo, uno-due Sanchez/Hakimi con il cileno che la mette in mezzo per Romelone che realizza il più facile dei gol Fifa Style. 1 - 0 quindi.Ah.E si è sempre potuto fare o è legale da poco? […]

30/09/2020
Prepartido: Las diez cosas mas probabiles del Inter que gana contra el Buenoviento

HOLAAAA A TODOS LOS AMIGOS DE RANOCHIADES, UN SALVDO A TODA LA GENTE INTERISTA Y SPECIALMENTE A LOS INTERISTAS CHILENOS, LOS MEJORES DEL MUNDO! Hoy es el dia del partido.El Inter de Milan juega contra el Buenoviento de Pipo Insaghis.Este partido es el segundo que jugamos pero de verdad es el primero de la competencia […]

27/09/2020
Inter-Fiorentina, il pagellone del VAE VICTIS

HANDANOVIC 6: Handa ai compagni nel pre-partita: "ragazzi questo è il nostro anno, finalmente possiamo vincere il campionato, è da una vita che aspetto questo momento. Siamo cresciuti, siamo maturi, non siamo più quelli del passato. Andiamo lì fuori e dimostriamolo." E dopo tre minuti Kouamé e Bonaventura varcano insieme la linea di porta mano […]

linkedin facebook pinterest youtube rss twitter instagram facebook-blank rss-blank linkedin-blank pinterest youtube twitter instagram