INTER CAROL - A Black and Blue MITTmas Story

PRIMA STROFA – IL FANTASMA DI MOGGEY

Moggey era stato condannato, tanto per cominciare. La sua condanna era stata firmata dal giudice, dal magistrato e virtualmente da tutti i tifosi interisti. La notizia l’aveva appresa anche il suo socio in affari, Beppeneezer Scroogiotta, ed il suo nome aveva una grande importanza in tutto l’ambiente della Lega di Serie A. Insomma Lucjacob Moggey era stato condannato, e questo deve essere assolutamente chiaro a tutti coloro che leggono questa storia, altrimenti nulla avrebbe senso.

Scroogiotta non aveva mai cancellato il nome del suo socio Moggey dall’ufficio, esso rimase lì per anni a fianco della porta d’ingresso: “Scroogiotta e Moggey” e qualche volta, gente nuova nel mondo del calcio, chiedeva ancora se Moggey fosse dentro negli affari.

 Beppeneezer non se ne curava, lui sapeva spremere e sfruttare i propri collaboratori, cogliere i migliori parametri zero soffiandoli alla concorrenza con estrema avidità, cattiveria e senza rimorso alcuno. Quando camminava verso il suo ufficio, il suo viso era duro ed acuto. La cuffietta gli copriva il capo e la pelata lucida, un occhio fisso sulla via da percorrere, l’altro, alla Malocchio Moody, girava in continuazione alla ricerca di qualche colpo di mercato da strappare agli avversari. Guanti e sciarpa sempre ben indossati, rigorosamente neri. I bambini scappavano quando si palesava in fondo alla via, i cani dei ciechi tiravano i propri padroni da un lato per evitare il malocchio. Nessuno lo fermava, nessuno ci parlava, nessuno gli chiedeva la via per lo stadio o l’ora della partita.  Diciamo pure che a Beppeneezer questo andava bene, nessuno scocciatore lo disturbava dai suoi affari, nessuno lo distraeva dai suoi conti.

INTER CAROL - A Black and Blue MITTmas Story 1 Ranocchiate
Beppeneezer Scroogiotta.

Un giorno, alla Vigilia di Natale, Scroogiotta era nel suo ufficio come sempre. Faceva particolarmente freddo quel giorno, la nebbia entrava da ogni fessura delle finestre, dalle porte, e nonostante fosse ancora pomeriggio, già il cielo era buio. Nemmeno i riflettori del Centro Sportivo della Pinetina riuscivano a penetrare quella nebbia. La porta dell’ufficio di Scroogiotta era aperta così che lui potesse tenere sotto controllo con l’occhio magico il suo collaboratore sfruttato e malpagato Peter Auscractchit, il quale stava cercando di scaldarsi con un tizzone ardente nel camino. Questo perché Scroogiotta era maledettamente avido e tirchio, non solo sul calciomercato, ma anche e soprattutto nella quotidianità.

“Felice Natale e forza Inter zio, che i MITT siano con te” gridò l’allegra voce di Javred.

“Bah sciocchezze…” rispose con un mugugno il vecchio affarista.

 “Forza Inter… che diritto hai tu di dire buon Natale e forza Inter? Non avete vinto niente di recente mi pare!”. Javred gli sorrise rispondendo prontamente “Zio ma che motivo avete voi di essere così triste? Avete vinto tanto negli ultimi anni invece.” Dalla strada fuori si udivano voci lontane di bambini giocosi e gli parve di sentire le urla di allenatori passati “Bisogna vincere di ‘orto muso! Te ne intendi tu di ippica?”

Scroogiotta le ignorò e continuò “Forza Inter… se potessi fare a modo mio, tutti coloro che vanno in giro con codesto Inter Bells sulle labbra dovrebbero essere bolliti nel loro brodo! Questo vorrei!”

 “Ma zio!”

 “Nipote”

“Io niente voglio, niente vi chiedo. L’Inter è una squadra bellissima, pazza, particolare. Sono convinto che sia una di quelle società che porti i tifosi a vedere i #MITT non come se fossero oggetti misteriosi o creature di un’altra specie, ma giovani promesse degne di minutaggio e posto in Prima Squadra per far sì che possano crescere. E anche se l’Inter a Natale non mi ha mai messo niente in bacheca, a parte un Mondiale per Club, ma voi non sapete nemmeno di che si tratti, io dico PEPPINO PRISCO LA BENEDICA!”

In quel momento a Peter Auscratchit partì quasi involontariamente un caloroso applauso rivolto alle parole del giovane Javred.

“Fatemi sentire un altro rantolo Peter, e festeggerete il titolo di campioni d’inverno perdendo il vostro posto” disse Beppeneezer. Poi si rivolse ancora al nipote “Sei un bravo oratore, strano che tu non sia nel Consiglio della Lega di Serie A”. “Dai zio non essere in collera, vieni a pranzo da me al mio ristorante de carne argentina “El Patio del Gaucho”, ci terrei molto ad averti come ospite, dopotutto è Natale.” Scroogiotta, si voltò e si sedette. “Preferirei vederti in Serie D piuttosto, buona sera Javred”. Javred non perse comunque la Garra Charrua, salutò il buon Peter Auscratchit e se ne andò.

Qualche minuto più tardi si sentì bussare alla porta, subito entrarono in maniera garbata due distinti signori, con in mano un microfono, dei bizzarri auricolari nelle orecchie, ed uno smanicato nero.

INTER CAROL - A Black and Blue MITTmas Story 2 Ranocchiate
Di Marzio e Nebuloni

“Abbiamo l’onore di parlare col signor Moggey o il signor Scroogiotta?”. Dissero porgendo il loro tesserino da giornalisti per qualificarsi. “Il signor Moggey è stato squalificato nel 2006…” rispose con voce rauca Beppeneezer. Sul tesserino capeggiava la scritta –Di Marzio & Nebuloni -.

Il primo, imbarazzato, si schiarì la voce: “In questo gioioso periodo dell’anno, stiamo raccogliendo news per il mercato di riparazione di gennaio. Sono molte le squadre che non hanno #MITT e che sono piene di #BDUN, che vorrebbero scambiare. Squadre a cui manca financo un centrocampista centrale. Sono certo che voi vorrete darci qualche news succulenta, qualche traccia, offrire qualche prestito con diritto di riscatto. Cosa posso segnare a vostro nome?”.

Beppeneezer li fissò, passando l’occhio buono prima su uno, poi sull’altro. I microfoni erano ormai tesi sotto il suo mento, pronti a raccogliere ogni preziosa notizia. “Niente” disse.

“Oh allora preferite restare anonimo”. “Preferisco non essere seccato 24 ore al giorno, tutti i giorni. Sono una persona seria. E ora fuori dai piedi, sono in silenzio stampa.” I due giornalisti si guardarono delusi, poi mestamente uscirono dall’ufficio.

Il campanile batteva le nove quando Scroogiotta, camminando lento ed affaticato, si avviava verso casa. La notte era particolarmente buia e fredda, la nebbia fitta. Arrivato davanti alla villa, stava aprendo il cancello, quando al suo occhio magico parve di scorgere… no, non può essere. Parve di scorgere il viso di Moggey sulla porta.

INTER CAROL - A Black and Blue MITTmas Story 3 Ranocchiate
Moggey

Beppeneezer strizzò gli occhi, il volto non c’era più. Eppure quella visione era così viva. Esaminò per bene la porta ma nulla. Entrò in casa, salì le scale piano, l’orecchio attento a scorgere rumori molesti. Ma tutto taceva nell’oscurità della casa. Si sedette sulla poltrona. “Devo essermi suggestionato, proprio così, che giornata pesante”. Mentre ancora pensava queste cose, udì il portone aprirsi, dalle scale provenire rumori di catene e passi pesanti trascinarsi per le scale. Scroogiotta estrasse lo smartphone –batteria scarica- “Mannaggia a me che non lo carico da una settimana per risparmiare”.

Cominciò a sudare, le mani erano bagnate ma di un sudore gelido, i passi si facevano sempre più pesanti e vicini. Poi tutto tacque. All’improvviso la porta fu attraversata da un uomo che fluttuava nell’aria, coperto di catene lunghissime alle quali erano attaccate diverse coppe scudetto. Lo spettro urlò e si palesò al povero umano. Beppeneezer balbettando scostò la cuffia dall’occhio buono “Mo…Mo… ma non è possibile, Moggey”.

Il fantasma si avvicinò “Siii sono proprio io. Vedi queste catene Beppeneezer? Sono quelle che mi sono forgiato in attività, quando rubavo scudetti e corrompevo arbitri. Ora per punizione sono costretto a vagare per il mondo a guardare VAR.” Il vecchio affarista era palesemente spaventato. “Ma come? Voi siete stato il più bravo uomo d’affari del calcio, ma come…” “No no no, ero cieco! Non vedevo le opportunità dei #MITT che il mercato mi metteva davanti! Ma ti do un’opportunità Scroogiotta per convertirti. Stanotte riceverai la visita di tre Spiriti. Dai loro ascolto! Fai quel che dicono! O le tue catene saranno molto più pesanti delle mie! Quanto al rivedermi, non accadrà più”.

“No aspetta Moggey dimmi di più, a cosa mi devo convertire! Non voglio fare la tua fine!”. Ma fu tutto inutile, il fantasma del socio Moggey era ormai uscito dalla finestra ed era sparito nella nebbia. A Beppeneezer parve per un momento di averlo sognato. Prima di coricarsi, controllò accuratamente le serrature delle porte, guardò sotto al letto, mise perfino lo Smartphone in carica, prima di lasciarsi andare ad un sonno nervoso e pieno di incubi.

CONTINUA...

Ideazione e Supervisione: Vincenzo Aversa
Illustrazioni a cura di Andrea Pisani
Testi di: Alessandro Maria Salbego


INTER CAROL - A Black and Blue MITTmas Story

PRIMA STROFA – IL FANTASMA DI MOGGEY

Moggey era stato condannato, tanto per cominciare. La sua condanna era stata firmata dal giudice, dal magistrato e virtualmente da tutti i tifosi interisti. La notizia l’aveva appresa anche il suo socio in affari, Beppeneezer Scroogiotta, ed il suo nome aveva una grande importanza in tutto l’ambiente della Lega di Serie A. Insomma Lucjacob Moggey era stato condannato, e questo deve essere assolutamente chiaro a tutti coloro che leggono questa storia, altrimenti nulla avrebbe senso.

Scroogiotta non aveva mai cancellato il nome del suo socio Moggey dall’ufficio, esso rimase lì per anni a fianco della porta d’ingresso: “Scroogiotta e Moggey” e qualche volta, gente nuova nel mondo del calcio, chiedeva ancora se Moggey fosse dentro negli affari.

 Beppeneezer non se ne curava, lui sapeva spremere e sfruttare i propri collaboratori, cogliere i migliori parametri zero soffiandoli alla concorrenza con estrema avidità, cattiveria e senza rimorso alcuno. Quando camminava verso il suo ufficio, il suo viso era duro ed acuto. La cuffietta gli copriva il capo e la pelata lucida, un occhio fisso sulla via da percorrere, l’altro, alla Malocchio Moody, girava in continuazione alla ricerca di qualche colpo di mercato da strappare agli avversari. Guanti e sciarpa sempre ben indossati, rigorosamente neri. I bambini scappavano quando si palesava in fondo alla via, i cani dei ciechi tiravano i propri padroni da un lato per evitare il malocchio. Nessuno lo fermava, nessuno ci parlava, nessuno gli chiedeva la via per lo stadio o l’ora della partita.  Diciamo pure che a Beppeneezer questo andava bene, nessuno scocciatore lo disturbava dai suoi affari, nessuno lo distraeva dai suoi conti.

INTER CAROL - A Black and Blue MITTmas Story 4 Ranocchiate
Beppeneezer Scroogiotta.

Un giorno, alla Vigilia di Natale, Scroogiotta era nel suo ufficio come sempre. Faceva particolarmente freddo quel giorno, la nebbia entrava da ogni fessura delle finestre, dalle porte, e nonostante fosse ancora pomeriggio, già il cielo era buio. Nemmeno i riflettori del Centro Sportivo della Pinetina riuscivano a penetrare quella nebbia. La porta dell’ufficio di Scroogiotta era aperta così che lui potesse tenere sotto controllo con l’occhio magico il suo collaboratore sfruttato e malpagato Peter Auscractchit, il quale stava cercando di scaldarsi con un tizzone ardente nel camino. Questo perché Scroogiotta era maledettamente avido e tirchio, non solo sul calciomercato, ma anche e soprattutto nella quotidianità.

“Felice Natale e forza Inter zio, che i MITT siano con te” gridò l’allegra voce di Javred.

“Bah sciocchezze…” rispose con un mugugno il vecchio affarista.

 “Forza Inter… che diritto hai tu di dire buon Natale e forza Inter? Non avete vinto niente di recente mi pare!”. Javred gli sorrise rispondendo prontamente “Zio ma che motivo avete voi di essere così triste? Avete vinto tanto negli ultimi anni invece.” Dalla strada fuori si udivano voci lontane di bambini giocosi e gli parve di sentire le urla di allenatori passati “Bisogna vincere di ‘orto muso! Te ne intendi tu di ippica?”

Scroogiotta le ignorò e continuò “Forza Inter… se potessi fare a modo mio, tutti coloro che vanno in giro con codesto Inter Bells sulle labbra dovrebbero essere bolliti nel loro brodo! Questo vorrei!”

 “Ma zio!”

 “Nipote”

“Io niente voglio, niente vi chiedo. L’Inter è una squadra bellissima, pazza, particolare. Sono convinto che sia una di quelle società che porti i tifosi a vedere i #MITT non come se fossero oggetti misteriosi o creature di un’altra specie, ma giovani promesse degne di minutaggio e posto in Prima Squadra per far sì che possano crescere. E anche se l’Inter a Natale non mi ha mai messo niente in bacheca, a parte un Mondiale per Club, ma voi non sapete nemmeno di che si tratti, io dico PEPPINO PRISCO LA BENEDICA!”

In quel momento a Peter Auscratchit partì quasi involontariamente un caloroso applauso rivolto alle parole del giovane Javred.

“Fatemi sentire un altro rantolo Peter, e festeggerete il titolo di campioni d’inverno perdendo il vostro posto” disse Beppeneezer. Poi si rivolse ancora al nipote “Sei un bravo oratore, strano che tu non sia nel Consiglio della Lega di Serie A”. “Dai zio non essere in collera, vieni a pranzo da me al mio ristorante de carne argentina “El Patio del Gaucho”, ci terrei molto ad averti come ospite, dopotutto è Natale.” Scroogiotta, si voltò e si sedette. “Preferirei vederti in Serie D piuttosto, buona sera Javred”. Javred non perse comunque la Garra Charrua, salutò il buon Peter Auscratchit e se ne andò.

Qualche minuto più tardi si sentì bussare alla porta, subito entrarono in maniera garbata due distinti signori, con in mano un microfono, dei bizzarri auricolari nelle orecchie, ed uno smanicato nero.

INTER CAROL - A Black and Blue MITTmas Story 5 Ranocchiate
Di Marzio e Nebuloni

“Abbiamo l’onore di parlare col signor Moggey o il signor Scroogiotta?”. Dissero porgendo il loro tesserino da giornalisti per qualificarsi. “Il signor Moggey è stato squalificato nel 2006…” rispose con voce rauca Beppeneezer. Sul tesserino capeggiava la scritta –Di Marzio & Nebuloni -.

Il primo, imbarazzato, si schiarì la voce: “In questo gioioso periodo dell’anno, stiamo raccogliendo news per il mercato di riparazione di gennaio. Sono molte le squadre che non hanno #MITT e che sono piene di #BDUN, che vorrebbero scambiare. Squadre a cui manca financo un centrocampista centrale. Sono certo che voi vorrete darci qualche news succulenta, qualche traccia, offrire qualche prestito con diritto di riscatto. Cosa posso segnare a vostro nome?”.

Beppeneezer li fissò, passando l’occhio buono prima su uno, poi sull’altro. I microfoni erano ormai tesi sotto il suo mento, pronti a raccogliere ogni preziosa notizia. “Niente” disse.

“Oh allora preferite restare anonimo”. “Preferisco non essere seccato 24 ore al giorno, tutti i giorni. Sono una persona seria. E ora fuori dai piedi, sono in silenzio stampa.” I due giornalisti si guardarono delusi, poi mestamente uscirono dall’ufficio.

Il campanile batteva le nove quando Scroogiotta, camminando lento ed affaticato, si avviava verso casa. La notte era particolarmente buia e fredda, la nebbia fitta. Arrivato davanti alla villa, stava aprendo il cancello, quando al suo occhio magico parve di scorgere… no, non può essere. Parve di scorgere il viso di Moggey sulla porta.

INTER CAROL - A Black and Blue MITTmas Story 6 Ranocchiate
Moggey

Beppeneezer strizzò gli occhi, il volto non c’era più. Eppure quella visione era così viva. Esaminò per bene la porta ma nulla. Entrò in casa, salì le scale piano, l’orecchio attento a scorgere rumori molesti. Ma tutto taceva nell’oscurità della casa. Si sedette sulla poltrona. “Devo essermi suggestionato, proprio così, che giornata pesante”. Mentre ancora pensava queste cose, udì il portone aprirsi, dalle scale provenire rumori di catene e passi pesanti trascinarsi per le scale. Scroogiotta estrasse lo smartphone –batteria scarica- “Mannaggia a me che non lo carico da una settimana per risparmiare”.

Cominciò a sudare, le mani erano bagnate ma di un sudore gelido, i passi si facevano sempre più pesanti e vicini. Poi tutto tacque. All’improvviso la porta fu attraversata da un uomo che fluttuava nell’aria, coperto di catene lunghissime alle quali erano attaccate diverse coppe scudetto. Lo spettro urlò e si palesò al povero umano. Beppeneezer balbettando scostò la cuffia dall’occhio buono “Mo…Mo… ma non è possibile, Moggey”.

Il fantasma si avvicinò “Siii sono proprio io. Vedi queste catene Beppeneezer? Sono quelle che mi sono forgiato in attività, quando rubavo scudetti e corrompevo arbitri. Ora per punizione sono costretto a vagare per il mondo a guardare VAR.” Il vecchio affarista era palesemente spaventato. “Ma come? Voi siete stato il più bravo uomo d’affari del calcio, ma come…” “No no no, ero cieco! Non vedevo le opportunità dei #MITT che il mercato mi metteva davanti! Ma ti do un’opportunità Scroogiotta per convertirti. Stanotte riceverai la visita di tre Spiriti. Dai loro ascolto! Fai quel che dicono! O le tue catene saranno molto più pesanti delle mie! Quanto al rivedermi, non accadrà più”.

“No aspetta Moggey dimmi di più, a cosa mi devo convertire! Non voglio fare la tua fine!”. Ma fu tutto inutile, il fantasma del socio Moggey era ormai uscito dalla finestra ed era sparito nella nebbia. A Beppeneezer parve per un momento di averlo sognato. Prima di coricarsi, controllò accuratamente le serrature delle porte, guardò sotto al letto, mise perfino lo Smartphone in carica, prima di lasciarsi andare ad un sonno nervoso e pieno di incubi.

CONTINUA...

Ideazione e Supervisione: Vincenzo Aversa
Illustrazioni a cura di Andrea Pisani
Testi di: Alessandro Maria Salbego


Notizie flash

Ultimi articoli

10/07/2021
Come affrontare i 10 disturbi più tipici dell'interismo

+++ Attenzione: questa satira potrebbe contenere tracce di articolo: ci scusiamo per il disagio ++++ SIGNORE! SIGNORI! MAMME, ZIE, PADRI ZII, FRATELLI CUGINI, QUASI NIPOTI! ACCORRETE TUTTI! Cari amici di Ranocchiate, prima di cominciare la nuova stagione, abbiamo pensato che fosse arrivato il momento adatto per una importante riflessione.Ogni giorno un interista soffre. Secondo uno […]

11/06/2021
Dieci pensieri su #Euro2020

10 - Sono talmente in astinenza da calcio che ho guardato pure tutte le amichevoli, anche in contemporanea. 9 - A questo proposito, far giocare Tino Lazaro e Christian Eriksen alla stessa ora è illegale, a meno che i due non giochino nella stessa squadra (tipo l’Inter). 8 - Possiamo passare direttamente al punto in […]

05/06/2021
5 motivi per voler bene a Simone Inzaghi

1. PERCHÉ C'ERA ANCHE LUI IL 5 MAGGIO Dopo Antonio Conte, ospitiamo sulla nostra panchina un altro dei protagonisti di quella maledetta giornata che noi interisti non dimenticheremo mai.Se anche Inzaghi dovesse riuscire a vincere come il suo predecessore, avremo esorcizzato un altro pezzettino del 5 maggio.A quel punto, ci basterà soltanto vincere un Triplete […]

27/05/2021
Il nostro libro

Nonostante tutto quello che è successo ieri.Nonostante non si possa passare un giorno, nella vita di noi interisti, sereni.Nonostante l’interismo sia eterna dannazione.Nonostante abbiano deciso di rovinarci la festa.Nonostante tutto, noi abbiamo vinto lo scudetto. Cazzo.E, nonostante tutto, avevamo in programma il lancio di un libro, il nostro, per oggi. Il frutto di settimane di […]

24/05/2021
Inter - Udinese, dieci pensieri post - partita

10 - Io quando mi rendo conto che questa è l'ultima partita dell'Inter: 9 - Ma poi mi ricordo che L'ABBIAMO ALZATA NOI 8 - Ma questo non ci permette di far passare in sordina il fatto che Goeffrey Kondogbia e Sime Vrsaljko sono diventati Campioni di Spagna. 7 - Ecco, bravi, salutatelo e rimandatecelo […]

23/05/2021
Inter - Udinese, il pagellone del finale di stagione

HANDA 19: I latini dicevano "Vincit qui patitur", vince chi resiste.Tu non è che hai semplicemente resistito, hai lottato come uno spartano contro le sfighe, le più che lecite blasfemie, i ribaltoni e, a volte, anche contro la nostra stessa difesa. Anni di miracoli e di bocconi amari che ti hanno reso un degno leader […]

linkedin facebook pinterest youtube rss twitter instagram facebook-blank rss-blank linkedin-blank pinterest youtube twitter instagram