22/05/2020

Inter-Bayern 2010: il pagellone degli Eroi di Madrid

JULIO CESAR 10: Quando arrivi a giocarti una finale sai che gli interventi saranno pochi ma decisivi. Ecco i due migliori di Julione di questa sera: prima la parata su Muller, al termine di una bella combinazione dell'attacco bavarese, poi un riflesso sul più classico dei tiri a giro di Robben.
Parte da un suo rinvio anche il gol di Milito, un pallone come tanti che però da il via alla triangolazione decisiva per il gol del Principe..., anzi, scusate...del Re.
E infine tocca sempre a Julio toccare l'ultimo pallone di questa partita fantastica, un altro rinvio, ma questa volta si aspetta solo il fischio finale di Webb per correre a festeggiare in campo.

ZANETTI 10: Lui è semplicemente il simbolo di questa Inter, il capitano di una squadra, come spiega direttamente lui, composta da uomini prima che calciatori. Quando scendiamo in campo si sente già un'atmosfera speciale. Certo, c'è una partita giocare contro un avversario fortissimo, ma dopo tutto quello che abbiamo passato, in questa stagione, ma nel caso di Zanetti in questi 15 anni, si sente già aria di vittoria. La partita è solo un extra prima arrivare al vero momento che aspettavamo da tanto tempo, Javier che alza al cielo la coppa, nel giorno della sua presenza numero 700 con i nostri colori.

Ma in realtà rendiamo onore anche a un altro uomo importantissimo in questa serata: MARKO ARNAUTOVIC, IL PHOTOBOMBER PERFETTO, in prima linea in TUTTE le foto della festa accanto a Zanetti.

Inter-Bayern 2010: il pagellone degli Eroi di Madrid 1 Ranocchiate
ARNA SEI ANCHE TU TIMELESS
Inter-Bayern 2010: il pagellone degli Eroi di Madrid 2 Ranocchiate
Tre uomini chiave dell'Inter: il Capitano, il vicecapitano, ma soprattutto il nostro Markolino

SAMUEL 10: The Wall anche a Madrid, un muro umano, come i tre anelli del Bernabeu ricoperti dai tifosi e dalle bandiere dell'Inter. Samuel fa tesoro di tutta la loro spinta, e anche stasera ci tiene a far capire subito chi è che comanda: SBAM, BASTANO TRE MINUTI PER LA CANONICA ENTRATACCIA DI RITO SU ROBBEN.
Da quel momento in poi possiamo stare tranquilli, sappiamo che andrà tutto per il verso giusto. The Wall è con noi.

LUCIO 10: Fino all'anno scorso era lì, nelle fila dei bavaresi. Cinque anni di carriera nel Bayern fino all'arrivo del nuovo allenatore Van Gaal, che decide di scaricarlo.
"Dal Bayern Monaco mi sarei aspettato più rispetto", queste le parole di Lucio il giorno della sua presentazione in nerazzurro. Pochi mesi dopo, possiamo dire che si è preso una bella rivincita.

MAICON 10: a causa del vulcano dell'Eyjafjallafyokjull (eroe del triplete anche lui, mitico) l'Inter vola a Madrid in anticipo di tre giorni, per non correre rischi e svolgere lì tutto il ritiro e la preparazione. Maicon non la prende benissimo questa decisione ma Mou gli dice che se non gli sta bene può stare a casa e aspettarci a Milano. Per fortuna Maic si convince e parte con noi. Diciamo che ne valeva la pena dai.

MATERAZZI 10: Tre minuti che sono tutt'altro che una banale passerella. RIVOLETE ANCHE QUESTA???

Inter-Bayern 2010: il pagellone degli Eroi di Madrid 3 Ranocchiate

CHIVU 10: Anche la storia di Chivu è una di quelle da raccontare: la sua stagione è stata cambiata dall'infortunio di Verona, ma, superati quei primi istanti di paura, in mente aveva sempre un obiettivo: essere con noi per questa partita.
Il 22 maggio, dopo quel 6 gennaio 2010, Chivu è tornato a giocare e parte da titolare nella finale di Champions League, e, con il suo caschetto in testa, ha di fronte l'avversario più ostico di tutto il Bayern: Arjen Robben.
Chivu accetta la sfida contro l'olandese con umiltà e sacrificio, come ha sempre fatto, ma senza tirarsi mai indietro. Tante volte non riesce a stargli dietro, ma non lo molla mai. E così neanche Robben, uno dei giocatori più forti di sempre, è riuscito quel giorno a passare dalle parti di Cristian Chivu.

CAMBIASSO 10: Uomo ovunque del centrocampo interista, è l'estensione tattica di Mourinho all'interno del rettangolo di gioco. Una partita studiata alla perfezione, in cui soffriamo poco e godiamo tanto.
Quest'oggi tocca a Cambiasso anche impostare, visto che Thiago Motta è costretto a stare in tribuna (BUSQUETS INFAME È GIA' STATO DETTO? NEL CASO LO RIPETIAMO SENZA PROBLEMI)
Ma la cosa più bella non la fa durante la partita, bensì alla fine, con l'esultanza con la maglia dell'indimenticato capitano Giacinto Facchetti.

Inter-Bayern 2010: il pagellone degli Eroi di Madrid 4 Ranocchiate
Molto più di una semplice vittoria.
Quando si dice "metterci la faccia"

SNEIJDER 10: Un altro intreccio in questa partita piena di ex: Sneijder torna nel suo ex stadio dalla porta principale, quel Bernabéu dove non era mai riuscito a diventare un protagonista, dove aveva perso anche i capelli!!!
Per fortuna ha trovato noi, la famiglia interista, un gruppo che lo ha accolto, un gruppo dove anche con i capelli di Pandev o la pelata di Cambiasso puoi dire la tua, dove non devi essere per forza l'impeccabile Zanetti per giocare bene.
E lui ci ha ricambiato tutto regalandoci la sua stagione migliore di sempre.

STANKOVIC 10: Robben continua a fare il furbo con Chivu allora Mou manda in campo Deki e usiamo le cattive maniere per sistemarlo

Inter-Bayern 2010: il pagellone degli Eroi di Madrid 5 Ranocchiate

PANDEV 10: Una stagione semplicemente pazzesca la sua. La prima metà vissuta da fuori rosa, alla Lazio. Praticamente ha passato più tempo a parlare con gli avvocati di Lotito che a giocare a pallone. Finalmente a gennaio l'Odissea è finita, e il nostro figliol prodigo è tornato a casa, all'Inter.
Un #RIPIGL di tutto rispetto, che lo ha visto decisivo fin da subito. È stato amore a prima vista e anche oggi, questa partita straordinaria lo ha fissato per sempre nei nostri cuori.
Ringraziamo ancora la Lazio.

DIEGO ALBERTO MILITO 10: IL PRINCIPE CHE DIVENTA RE.
CHE DIRE???? CHE DIRE???? Gol decisivo nella finale di coppa Italia, gol decisivo nella "finale" Scudetto, doppietta incredibile nella finale di Champions.
Diego è in stato di grazia, e ora ci saranno i Mondiali e incanterà anche lì. DATE SUBITO UN PALLONE D'ORO A QUEST'UOMO, COSA STATE ASPETTANDO.

ETO'O 10: Finalmente può godersi tutte le soddisfazioni che merita dopo una stagione di sacrifici immensi:
-Ripiegamenti difensivi
-chilometri e chilometri di corse infinite
-ADDIRITTURA UNA BENTLEY DATA IN PRESTITO E MAI PIU' RIVISTA.

Ma Eto'o non si è mai lamentato, non ha mai battuto ciglio, e ora può godersi il suo secondo Triplete di fila.

(Ma quello vinto con noi è stato più bello, vero Samu??? vero????)

MOURINHO 10: Ed ecco infine il nostro condottiero, il SOGNO, adesso, è realtà.
Una festa enorme per una squadra immensa, che ha raggiunto una delle imprese più belle di sempre. Non solo dal punto di vista sportivo, ma dal punto di vista umano, delle emozioni e dei sentimenti.
Di squadre che hanno vinto la Champions ce ne sono state tante, e speriamo di tornare a rivivere presto momenti così, ma quello che ha realizzato questa squadra, questo gruppo, dall'allenatore, ai giocatori al presidente, rimarrà per sempre #TIMELESS.

Inter-Bayern 2010: il pagellone degli Eroi di Madrid

JULIO CESAR 10: Quando arrivi a giocarti una finale sai che gli interventi saranno pochi ma decisivi. Ecco i due migliori di Julione di questa sera: prima la parata su Muller, al termine di una bella combinazione dell'attacco bavarese, poi un riflesso sul più classico dei tiri a giro di Robben.
Parte da un suo rinvio anche il gol di Milito, un pallone come tanti che però da il via alla triangolazione decisiva per il gol del Principe..., anzi, scusate...del Re.
E infine tocca sempre a Julio toccare l'ultimo pallone di questa partita fantastica, un altro rinvio, ma questa volta si aspetta solo il fischio finale di Webb per correre a festeggiare in campo.

ZANETTI 10: Lui è semplicemente il simbolo di questa Inter, il capitano di una squadra, come spiega direttamente lui, composta da uomini prima che calciatori. Quando scendiamo in campo si sente già un'atmosfera speciale. Certo, c'è una partita giocare contro un avversario fortissimo, ma dopo tutto quello che abbiamo passato, in questa stagione, ma nel caso di Zanetti in questi 15 anni, si sente già aria di vittoria. La partita è solo un extra prima arrivare al vero momento che aspettavamo da tanto tempo, Javier che alza al cielo la coppa, nel giorno della sua presenza numero 700 con i nostri colori.

Ma in realtà rendiamo onore anche a un altro uomo importantissimo in questa serata: MARKO ARNAUTOVIC, IL PHOTOBOMBER PERFETTO, in prima linea in TUTTE le foto della festa accanto a Zanetti.

Inter-Bayern 2010: il pagellone degli Eroi di Madrid 6 Ranocchiate
ARNA SEI ANCHE TU TIMELESS
Inter-Bayern 2010: il pagellone degli Eroi di Madrid 7 Ranocchiate
Tre uomini chiave dell'Inter: il Capitano, il vicecapitano, ma soprattutto il nostro Markolino

SAMUEL 10: The Wall anche a Madrid, un muro umano, come i tre anelli del Bernabeu ricoperti dai tifosi e dalle bandiere dell'Inter. Samuel fa tesoro di tutta la loro spinta, e anche stasera ci tiene a far capire subito chi è che comanda: SBAM, BASTANO TRE MINUTI PER LA CANONICA ENTRATACCIA DI RITO SU ROBBEN.
Da quel momento in poi possiamo stare tranquilli, sappiamo che andrà tutto per il verso giusto. The Wall è con noi.

LUCIO 10: Fino all'anno scorso era lì, nelle fila dei bavaresi. Cinque anni di carriera nel Bayern fino all'arrivo del nuovo allenatore Van Gaal, che decide di scaricarlo.
"Dal Bayern Monaco mi sarei aspettato più rispetto", queste le parole di Lucio il giorno della sua presentazione in nerazzurro. Pochi mesi dopo, possiamo dire che si è preso una bella rivincita.

MAICON 10: a causa del vulcano dell'Eyjafjallafyokjull (eroe del triplete anche lui, mitico) l'Inter vola a Madrid in anticipo di tre giorni, per non correre rischi e svolgere lì tutto il ritiro e la preparazione. Maicon non la prende benissimo questa decisione ma Mou gli dice che se non gli sta bene può stare a casa e aspettarci a Milano. Per fortuna Maic si convince e parte con noi. Diciamo che ne valeva la pena dai.

MATERAZZI 10: Tre minuti che sono tutt'altro che una banale passerella. RIVOLETE ANCHE QUESTA???

Inter-Bayern 2010: il pagellone degli Eroi di Madrid 8 Ranocchiate

CHIVU 10: Anche la storia di Chivu è una di quelle da raccontare: la sua stagione è stata cambiata dall'infortunio di Verona, ma, superati quei primi istanti di paura, in mente aveva sempre un obiettivo: essere con noi per questa partita.
Il 22 maggio, dopo quel 6 gennaio 2010, Chivu è tornato a giocare e parte da titolare nella finale di Champions League, e, con il suo caschetto in testa, ha di fronte l'avversario più ostico di tutto il Bayern: Arjen Robben.
Chivu accetta la sfida contro l'olandese con umiltà e sacrificio, come ha sempre fatto, ma senza tirarsi mai indietro. Tante volte non riesce a stargli dietro, ma non lo molla mai. E così neanche Robben, uno dei giocatori più forti di sempre, è riuscito quel giorno a passare dalle parti di Cristian Chivu.

CAMBIASSO 10: Uomo ovunque del centrocampo interista, è l'estensione tattica di Mourinho all'interno del rettangolo di gioco. Una partita studiata alla perfezione, in cui soffriamo poco e godiamo tanto.
Quest'oggi tocca a Cambiasso anche impostare, visto che Thiago Motta è costretto a stare in tribuna (BUSQUETS INFAME È GIA' STATO DETTO? NEL CASO LO RIPETIAMO SENZA PROBLEMI)
Ma la cosa più bella non la fa durante la partita, bensì alla fine, con l'esultanza con la maglia dell'indimenticato capitano Giacinto Facchetti.

Inter-Bayern 2010: il pagellone degli Eroi di Madrid 9 Ranocchiate
Molto più di una semplice vittoria.
Quando si dice "metterci la faccia"

SNEIJDER 10: Un altro intreccio in questa partita piena di ex: Sneijder torna nel suo ex stadio dalla porta principale, quel Bernabéu dove non era mai riuscito a diventare un protagonista, dove aveva perso anche i capelli!!!
Per fortuna ha trovato noi, la famiglia interista, un gruppo che lo ha accolto, un gruppo dove anche con i capelli di Pandev o la pelata di Cambiasso puoi dire la tua, dove non devi essere per forza l'impeccabile Zanetti per giocare bene.
E lui ci ha ricambiato tutto regalandoci la sua stagione migliore di sempre.

STANKOVIC 10: Robben continua a fare il furbo con Chivu allora Mou manda in campo Deki e usiamo le cattive maniere per sistemarlo

Inter-Bayern 2010: il pagellone degli Eroi di Madrid 10 Ranocchiate

PANDEV 10: Una stagione semplicemente pazzesca la sua. La prima metà vissuta da fuori rosa, alla Lazio. Praticamente ha passato più tempo a parlare con gli avvocati di Lotito che a giocare a pallone. Finalmente a gennaio l'Odissea è finita, e il nostro figliol prodigo è tornato a casa, all'Inter.
Un #RIPIGL di tutto rispetto, che lo ha visto decisivo fin da subito. È stato amore a prima vista e anche oggi, questa partita straordinaria lo ha fissato per sempre nei nostri cuori.
Ringraziamo ancora la Lazio.

DIEGO ALBERTO MILITO 10: IL PRINCIPE CHE DIVENTA RE.
CHE DIRE???? CHE DIRE???? Gol decisivo nella finale di coppa Italia, gol decisivo nella "finale" Scudetto, doppietta incredibile nella finale di Champions.
Diego è in stato di grazia, e ora ci saranno i Mondiali e incanterà anche lì. DATE SUBITO UN PALLONE D'ORO A QUEST'UOMO, COSA STATE ASPETTANDO.

ETO'O 10: Finalmente può godersi tutte le soddisfazioni che merita dopo una stagione di sacrifici immensi:
-Ripiegamenti difensivi
-chilometri e chilometri di corse infinite
-ADDIRITTURA UNA BENTLEY DATA IN PRESTITO E MAI PIU' RIVISTA.

Ma Eto'o non si è mai lamentato, non ha mai battuto ciglio, e ora può godersi il suo secondo Triplete di fila.

(Ma quello vinto con noi è stato più bello, vero Samu??? vero????)

MOURINHO 10: Ed ecco infine il nostro condottiero, il SOGNO, adesso, è realtà.
Una festa enorme per una squadra immensa, che ha raggiunto una delle imprese più belle di sempre. Non solo dal punto di vista sportivo, ma dal punto di vista umano, delle emozioni e dei sentimenti.
Di squadre che hanno vinto la Champions ce ne sono state tante, e speriamo di tornare a rivivere presto momenti così, ma quello che ha realizzato questa squadra, questo gruppo, dall'allenatore, ai giocatori al presidente, rimarrà per sempre #TIMELESS.

Notizie flash

Ultimi articoli

21/02/2021
Milan-Inter, dieci pensieri post-derby

10 - Buonasera buonasera buonasera buonasera, sono un'interista, sono a digiuno, e tra le 15 e le 17 circa sono morta e risorta un centinaio di volte, sono capolista e serenamente godo. 9 - MADOOOOOOOOO SIAMO PRIMI GRAZIE A UN DERBY CON TRE GOL RIFILATI AL MILAN IO GODISSIMO E SE NEEE VAAAAAAAA 8 - […]

21/02/2021
Il Derby nel tempo di tre schiaffi in faccia

Primo tempo 1’ - E niente sono già deluso. Ho aspettato invano lo scambio di strette di mano tra Lukaku e Ibra con possibile improvvisazione in scazzottata / la più bella royal rumble mai vista. E invece niente strette di mano e niente. Triste. 4’ - LA LULA COLPISCE ANCORAAAAAAAAAAAAAAAA Perché Romelu?Perché?Perché continui ad attentare […]

21/02/2021
Alla Ricerca del Derby Perfetto

Ho diversi anni di interismo alle spalle ed ho vissuto tantissimi derby. Molti, da bambino, attaccato alla radio e raccontati dalle voci di Sandro Ciotti ed Enrico Ameri.Diversi, da adolescente, visti in TV a casa di amici, o in un bar, in stato di ebrezza e blasfemia.Nessuno putroppo vissuto allo stadio, avendo abitato sempre a […]

19/02/2021
Milan - Inter: il Derby in 5 istantanee

Sinceramente ragazzi, il Derby di Milano è una partita così unica, particolare e ricca di aneddoti nella storia, che scegliere 5 istantanee è davvero difficile. Noi "Bauscia" (Inter squadra della borghesia) e loro "casciavitt" (Milan squadra degli operai e del popolo) siamo sempre stati in competizione, eppure mai nemici, ma sempre cugini. Grandi campioni hanno […]

15/02/2021
Inter - Lazio, il pagellone in ideogrammi

汉达诺维奇 10: Dice il saggio "Fare 5 clean sheet di fila sventure attira"Dice 汉达诺维奇: "Queste non si parano nemmeno col laser!"Anche i tifosi interisti hanno detto qualcosa in quel momento, ma manteniamo il mistero. 什克里尼亚尔, 德弗赖, 巴斯托尼 7: Nell'era dell'integrazione, del "Love is Love" e delle famiglie di ogni tipo, il QG non si lascia […]

15/02/2021
Inter-Lazio, dieci pensieri post-partita

10 - Come si scrive SPIAZE PER I RAGASSI in cinese? 9 - Bella partita, vittoria netta, ma noi tranquilli mai con Brozo, Barella e Bastoni diffidati e a rischio squalifica per il Derby in campo per 90 minuti. 8 - Antonio Conte nel frattempo: 7 - Più in alto dell'Inter capolista solo il livello […]

linkedin facebook pinterest youtube rss twitter instagram facebook-blank rss-blank linkedin-blank pinterest youtube twitter instagram