30/10/2018

L'EPICOCCODRILLISMO

Quando ho letto gli 11 titolari nella mia mente si sono palesati gli scenari più catastrofici.

  • Joao Mario che prende un rosso al decimo ed esce sculettando dal campo.
  • Miranda che fa autogol.
  • Gol di Patric. Se non avete idea di chi sia ecco, avete centrato il punto.
  • Vrsa che si infortuna e ci condanna a Dalbert titolare a vita.
  • Lautaro che scappa via con Wanda per la troppa noia in panchina.
  • Titoloni sulla Gazzetta ‘INTER E' CRISI. I NEROAZZURRI NON RIESCONO PIU’ A VINCERE, SPALLETTI OUT, ZHANG DELUSIONE, ICARDI VIA, SCARPINI SCEMO.’
  • Ad un certo punto ho pure temuto che il troppo vento ci potesse portare via Polinano.

Cattive sensazioni, bad vibes, chiamatele come volete.

 

I primi 10 minuti ho guardato la partita con un occhio socchiuso, quasi a volermi riparare dallo schiaffo imminente che mi sarebbe arrivato, nelle forme di cui sopra.

E invece no.

94 minuti di serenità.

Non pensavo potessero esistere, per noi, serate così.

Una partita che inizia tranquilla e finisce tranquilla.

E nell’intermezzo troviamo (in ordine sparso):

  • Doppietta di Mauro che però continua a non aiutare la squadra e continua a giocare male, Higuain ne avrebbe fatti comunque tre.
  • Joao Mario che sale in cattedra ed impartisce lezioni a Immobile su come diventare il sex symbol incontrastato della squadra.
  • Immobile che non se lo fila, non per cattiveria, ma perché tenta di bendare le caviglie morse ininterrottamente dai nostri due centrali.
  • Perisic che pare essersi risvegliato dal suo letargo semestrale (forse anche qualcosa di più), è ancora intorpidito ma almeno risponde agli stimoli, ad esempio si accorge quando gli passano la palla.
  • Questo.

L'EPICOCCODRILLISMO 1 Ranocchiate

Inoltre, abbiamo avuto l'affermazione di una nuova religione;

Mercoledì è sembrato un episodio.

Ieri invece c’è stata la santificazione.

Benvenuti nella nuova epoca dell’EPICOCCODRILLISMO.

Dobbiamo ancora parlare in pvt con Brozo per stendere un manifesto del nuovo credo, ma vi garantisco che sovvertirà la vostra scala di valori e convinzioni.

E sarà bellissimo, quasi come lui.

L'EPICOCCODRILLISMO 2 Ranocchiate

Dunque, 0-3 secco.

Niente #VENDETT laziale, niente riapparizione mistica di Milinkovic-Savic, niente rotture di palle di Ciro Immobile.

Tutti i telecronisti fanno i complimenti alla squadra, esaltano l'agonismo e il bel gioco. Sono tornati a chiamarci l'ANTIJUVE e si sono ricordati che Icardi non è poi così male.

Oserei dire QUASI noioso.

In mezzo a questa felicità che a noi interisti (di natura pessimisti e catastrofici) inizia a spaventare, voglio ricordarvi che Perisic non ha messo nessun post su Instagram dopo la vittoria.

Potremmo parlare di CRISIVAN. Che suona benissimo.

Finché c'è crisi, c'è vita.

Noi, intanto, ci godiamo questo serenissimo martedì.

 

L'EPICOCCODRILLISMO

Quando ho letto gli 11 titolari nella mia mente si sono palesati gli scenari più catastrofici.

  • Joao Mario che prende un rosso al decimo ed esce sculettando dal campo.
  • Miranda che fa autogol.
  • Gol di Patric. Se non avete idea di chi sia ecco, avete centrato il punto.
  • Vrsa che si infortuna e ci condanna a Dalbert titolare a vita.
  • Lautaro che scappa via con Wanda per la troppa noia in panchina.
  • Titoloni sulla Gazzetta ‘INTER E' CRISI. I NEROAZZURRI NON RIESCONO PIU’ A VINCERE, SPALLETTI OUT, ZHANG DELUSIONE, ICARDI VIA, SCARPINI SCEMO.’
  • Ad un certo punto ho pure temuto che il troppo vento ci potesse portare via Polinano.

Cattive sensazioni, bad vibes, chiamatele come volete.

 

I primi 10 minuti ho guardato la partita con un occhio socchiuso, quasi a volermi riparare dallo schiaffo imminente che mi sarebbe arrivato, nelle forme di cui sopra.

E invece no.

94 minuti di serenità.

Non pensavo potessero esistere, per noi, serate così.

Una partita che inizia tranquilla e finisce tranquilla.

E nell’intermezzo troviamo (in ordine sparso):

  • Doppietta di Mauro che però continua a non aiutare la squadra e continua a giocare male, Higuain ne avrebbe fatti comunque tre.
  • Joao Mario che sale in cattedra ed impartisce lezioni a Immobile su come diventare il sex symbol incontrastato della squadra.
  • Immobile che non se lo fila, non per cattiveria, ma perché tenta di bendare le caviglie morse ininterrottamente dai nostri due centrali.
  • Perisic che pare essersi risvegliato dal suo letargo semestrale (forse anche qualcosa di più), è ancora intorpidito ma almeno risponde agli stimoli, ad esempio si accorge quando gli passano la palla.
  • Questo.

L'EPICOCCODRILLISMO 3 Ranocchiate

Inoltre, abbiamo avuto l'affermazione di una nuova religione;

Mercoledì è sembrato un episodio.

Ieri invece c’è stata la santificazione.

Benvenuti nella nuova epoca dell’EPICOCCODRILLISMO.

Dobbiamo ancora parlare in pvt con Brozo per stendere un manifesto del nuovo credo, ma vi garantisco che sovvertirà la vostra scala di valori e convinzioni.

E sarà bellissimo, quasi come lui.

L'EPICOCCODRILLISMO 4 Ranocchiate

Dunque, 0-3 secco.

Niente #VENDETT laziale, niente riapparizione mistica di Milinkovic-Savic, niente rotture di palle di Ciro Immobile.

Tutti i telecronisti fanno i complimenti alla squadra, esaltano l'agonismo e il bel gioco. Sono tornati a chiamarci l'ANTIJUVE e si sono ricordati che Icardi non è poi così male.

Oserei dire QUASI noioso.

In mezzo a questa felicità che a noi interisti (di natura pessimisti e catastrofici) inizia a spaventare, voglio ricordarvi che Perisic non ha messo nessun post su Instagram dopo la vittoria.

Potremmo parlare di CRISIVAN. Che suona benissimo.

Finché c'è crisi, c'è vita.

Noi, intanto, ci godiamo questo serenissimo martedì.

 

Notizie flash

Ultimi articoli

07/05/2022
Inter - Empoli, il pagellone della follia

HANDA/SKRI/DE VRIJ/DIMA 7x4+5-2:3 -H: "Ciao a tutti ragazzi"in coro "Ehi Samir"H: "Avete presente quella volta che ho parato 3 tiri in un minuto contro il Milan e mi avete detto che mi dovevate un favore?"SK: "Si, certo"DE: "E che c'entra adesso?"DI: "Io manco c'ero…"H: "Dima tu sei l'ultimo arrivato quindi il tuo pensiero non conta. […]

05/10/2022
Inter - Barcellona, dieci cialde croccanti post - partita

🧇 - Posso scrivere questo post - partita o stiamo ancora giocando il recupero e non lo so? 🧇 - Con la benedizione di Froggy è tutto più semplice (e con Nainggolan allo stadio con un cappello da pescatore). 🧇 - Inter contro la Roma: Inter contro il Barcellona: 🧇 - Peccato però, avevo già preparato l’applauso ammirato a […]

04/10/2022
Inter - Barça nel tempo di un caffè salvavita

E quindi dobbiamo davvero giocare contro il Barcelona del Mercato Faraonico e delle speranze rilanciate.Davvero davvero.In effetti lo so da un bel po’, ad essere sinceri.Ma non sono pronto. PRIMO TEMPO: 2’ - Primo pallone toccato, perso in 2 secondi nettiAdesso siamo apposto per 25 minuti. 3’ - Vedo Xavi e vedo il ragazzo prodigio […]

04/10/2022
Inter – Barcelona, 4 chiacchiere prepartita con il mister del futuro

Vivere ad Appiano ultimamente è come starnutire a Wuhan a gennaio 2020: ti guardano tutti male.Lauti e Correa non sono più liberi di fare un asado come ai vecchi tempi, Barella passa il tempo a litigare con sè stesso, Brozo sbuffa e sbraccia anche dal divano di casa. In questo clima di serenità, la dirigenza […]

02/10/2022
Inter – Roma, il Pagellone della migliore prestazione stagionale

HANDANOVIC 10 – Quale altro voto potremmo dare al nostro portierone? Resosi conto che quei cattivoni dei tifosi nerazzurri lo prendono in giro per via delle sue parate laser, Samir ha deciso dare il via ad una nuova performance: buttarsi mandandosi la palla in porta.Siamo a livelli altissimi, al punto che pure Fabio Balaso, libero […]

02/10/2022
Inter - Roma, dieci pensieri sempre più brutti post - partita

🤬 - Buongiornissimo e buona domenica con la solita playlist dei brani consigliati oggi, Maestro Bini per Ranocchiate Edition 🤬 - Descrivere la sosta nazionali senza parolacce non è stato un problema, scrivere questi dieci pensieri anche senza parole brutte non so se ce la faccio. 🤬 - La Banter Era I era più dignitosa. 🤬 - Un’ora di […]

01/10/2022
Inter - Roma nel tempo di un caffè bruciato

KRISTJAN ASLLANI TITOLARE SIGNORI Stavo pensando ad una cosa raga, appena il tizio del corto muso ha detto di togliere i titolari a Milan o Inter le due squadre di Milano hanno cominciato ad essere falcidiate da infortuni. Siamo vicini ad Ambra Angiolini, questo qui ci manda tutti in terapia. PRIMO TEMPO 0’ - BigRom […]

linkedin facebook pinterest youtube rss twitter instagram facebook-blank rss-blank linkedin-blank pinterest youtube twitter instagram