Chelsea-Inter 2010: God save Samuel Eto'o

16 marzo 2010
Uno scapestrato Mario Balotelli fa ancora parlare di sé, costringendo José Mourinho a non convocarlo per la trasferta di Londra valevole per la qualificazione ai quarti di finale. Vabbè dai, alla fine si tratta di quelle ragazzate che si fanno quando hai diciott’a…

Chelsea-Inter 2010

Come dite? Non ha ancora smesso di farle?
Dettagli.
In fondo si sa che i MITT non spiccano proprio per indole temperata.
Li conosciamo per imprese eroiche come, ad esempio, uscire come ballerini di tektonik dallo spogliatoio senza essere malmenati da Materazzi.
Mourinho però stavolta non ci sta: metterebbe un difensore come punta piuttosto che portarsi dietro Marione Nazionale (José, lo sappiamo benissimo che se fossi stato ancora sulla panchina dell’Inter nove anni dopo, avresti sempre e comunque scelto il Sommo come centravanti piuttosto che il consumatore di Fernet Branca con la manascer più ambita come mogljia).

Allo Stamford Bridge è uno scontro tra titani.

Chelsea-Inter 2010

Pereira e Kuzmanovic avranno l’arduo compito di contenere il pluriskillato Moses, che mi sembra avere le carte in regola per essere un MITT: treccine, scarsa capacità di concentrazione, testardaggine nella corsa. Ce lo vedrei bene all'Inter, un giorno...
Ah, ma ho sbagliato formazione... vabbè però Mourinho c'è, Inter pure...
...
OK LO AMMETTO. HO VISTO JONATHAN E NON HO RESISTITO.
Andiamo alla partita.

Chelsea-Inter 2010: God save Samuel Eto'o 1 Ranocchiate
Chelsea-Inter 2010: God save Samuel Eto'o 2 Ranocchiate

Chelsea-Inter 2010: la partita

Scegliere il più forte tra Eto’o e Drogba è come scegliere il più bello tra Joao Mario e Lazaro.
IMPOSSIBILE. Come scegliere quale dei microinfarti avuti quella sera sia stato il peggiore..
Bomba di Ballack.
Poi Drogba , ma SI IMMOLA SISENANDO. Mi sento tipo Filippo Tramontana perennemente intento a cercare di mantenere un basso profilo.

Chelsea-Inter 2010: God save Samuel Eto'o 3 Ranocchiate

Maicon e le sue percussioni. Ed anche qui saltano le coronarie. Ma per l’emozione.
Il Chelsea reclama un rigore per una trattenuta di Thiago Motta su Ivanovic in area, ma l’arbitro non lo concede. RUBLETE
A quanti infarti siamo? Ho perso il conto.
* menzione speciale per l’inserimento di Pandev dopo il tacco illuminante di Wes. Madonna che forte, dovremmo prendere più spesso giocatori dal Genoa. Ah no, c'è andato dopo, vero. Vabbè, siamo li.*
Milito non si regola bene due volte. Non sfondiamo.
Fallisce persino Samuel di testa. Uno che si si chiama "Cabeza" su Instagram, per dire. Non è serata.
E pensare che in porta c'è Turnbull, uno che fino a 5 minuti fa non conosceva nemmeno le regole del Calcio.
Al 77° minuto però, l'illuminazione: Sneijder inventa un' apertura perfetta per Eto’o che scatta sul sul filo del fuorigioco e d’esterno SEGNA l'1-0! SEEEEEE!!!! THERE IS A NEW KING IN TOWN, DIDIER!.
E Drogba non la prende bene: all'85° decide di pestare Thiago Motta. Rosso diretto, Blues in 10.
Finisce così.
Ad occhio e croce credo di essere arrivata ai dieci infarti, ma le mie coronarie sono pronte a tutto per questa cavalcata verso Madrid.
FINALMENTE SIAMO AI QUARTI!

Piccola nota a margine.
Ho avuto la fortuna di rivivere tutte queste emozioni ad 8 anni di distanza, quando ho visitato Stamford Bridge durante un viaggio a Londra con mio padre.
La scintillante coppa della Champion's troneggiava al centro della sala trofei.
Nella classica foto di rito, ho ovviamente esibito la mia sciarpa ‘FC Internazionale’.
Poi la domanda provocatoria a mio padre, casualmente di fronte ad una coppia con braccialetti Scoloriti: “Papà, noi la Champions l’abbiamo vinta anche qui. Scommettiamo che la vinciamo di nuovo prima dei gobbi?”.
Ma questa è un'altra storia. Forse, un'altra goduria.

Chelsea-Inter 2010: God save Samuel Eto'o

16 marzo 2010
Uno scapestrato Mario Balotelli fa ancora parlare di sé, costringendo José Mourinho a non convocarlo per la trasferta di Londra valevole per la qualificazione ai quarti di finale. Vabbè dai, alla fine si tratta di quelle ragazzate che si fanno quando hai diciott’a…

Chelsea-Inter 2010

Come dite? Non ha ancora smesso di farle?
Dettagli.
In fondo si sa che i MITT non spiccano proprio per indole temperata.
Li conosciamo per imprese eroiche come, ad esempio, uscire come ballerini di tektonik dallo spogliatoio senza essere malmenati da Materazzi.
Mourinho però stavolta non ci sta: metterebbe un difensore come punta piuttosto che portarsi dietro Marione Nazionale (José, lo sappiamo benissimo che se fossi stato ancora sulla panchina dell’Inter nove anni dopo, avresti sempre e comunque scelto il Sommo come centravanti piuttosto che il consumatore di Fernet Branca con la manascer più ambita come mogljia).

Allo Stamford Bridge è uno scontro tra titani.

Chelsea-Inter 2010

Pereira e Kuzmanovic avranno l’arduo compito di contenere il pluriskillato Moses, che mi sembra avere le carte in regola per essere un MITT: treccine, scarsa capacità di concentrazione, testardaggine nella corsa. Ce lo vedrei bene all'Inter, un giorno...
Ah, ma ho sbagliato formazione... vabbè però Mourinho c'è, Inter pure...
...
OK LO AMMETTO. HO VISTO JONATHAN E NON HO RESISTITO.
Andiamo alla partita.

Chelsea-Inter 2010: God save Samuel Eto'o 4 Ranocchiate
Chelsea-Inter 2010: God save Samuel Eto'o 5 Ranocchiate

Chelsea-Inter 2010: la partita

Scegliere il più forte tra Eto’o e Drogba è come scegliere il più bello tra Joao Mario e Lazaro.
IMPOSSIBILE. Come scegliere quale dei microinfarti avuti quella sera sia stato il peggiore..
Bomba di Ballack.
Poi Drogba , ma SI IMMOLA SISENANDO. Mi sento tipo Filippo Tramontana perennemente intento a cercare di mantenere un basso profilo.

Chelsea-Inter 2010: God save Samuel Eto'o 6 Ranocchiate

Maicon e le sue percussioni. Ed anche qui saltano le coronarie. Ma per l’emozione.
Il Chelsea reclama un rigore per una trattenuta di Thiago Motta su Ivanovic in area, ma l’arbitro non lo concede. RUBLETE
A quanti infarti siamo? Ho perso il conto.
* menzione speciale per l’inserimento di Pandev dopo il tacco illuminante di Wes. Madonna che forte, dovremmo prendere più spesso giocatori dal Genoa. Ah no, c'è andato dopo, vero. Vabbè, siamo li.*
Milito non si regola bene due volte. Non sfondiamo.
Fallisce persino Samuel di testa. Uno che si si chiama "Cabeza" su Instagram, per dire. Non è serata.
E pensare che in porta c'è Turnbull, uno che fino a 5 minuti fa non conosceva nemmeno le regole del Calcio.
Al 77° minuto però, l'illuminazione: Sneijder inventa un' apertura perfetta per Eto’o che scatta sul sul filo del fuorigioco e d’esterno SEGNA l'1-0! SEEEEEE!!!! THERE IS A NEW KING IN TOWN, DIDIER!.
E Drogba non la prende bene: all'85° decide di pestare Thiago Motta. Rosso diretto, Blues in 10.
Finisce così.
Ad occhio e croce credo di essere arrivata ai dieci infarti, ma le mie coronarie sono pronte a tutto per questa cavalcata verso Madrid.
FINALMENTE SIAMO AI QUARTI!

Piccola nota a margine.
Ho avuto la fortuna di rivivere tutte queste emozioni ad 8 anni di distanza, quando ho visitato Stamford Bridge durante un viaggio a Londra con mio padre.
La scintillante coppa della Champion's troneggiava al centro della sala trofei.
Nella classica foto di rito, ho ovviamente esibito la mia sciarpa ‘FC Internazionale’.
Poi la domanda provocatoria a mio padre, casualmente di fronte ad una coppia con braccialetti Scoloriti: “Papà, noi la Champions l’abbiamo vinta anche qui. Scommettiamo che la vinciamo di nuovo prima dei gobbi?”.
Ma questa è un'altra storia. Forse, un'altra goduria.

Notizie flash

Ultimi articoli

20/05/2024
Inter – Lazio, il pagellone dolceamaro

MR. HUNZIKER 7 –  Con il record di clean sheet al sicuro, Yann si concentra più sul post-partita che sulle insidie di Taty Castellanos. Se a molti è apparso distratto sul tiro di Kamada, è solo perchè stava pensando che la figlia più piccola doveva cambiare il pannolino. E poi dalla società gli avevano spiegato […]

19/05/2024
Inter - Lazio nel tempo di un caffè

0’ - Non é iniziata la partita ed ho già visto una coreografia commovente e Patrick e SpongeBob allo stadioNon ci capisco nulla ma sto piangendo PRIMO TEMPO: 1' - NOI PATRICK VOI PATRIC 2’ - ma oggi dobbiamo essere felici o tristi? 3’ - Taty ma che vuoi oh?Lasciaci festeggiare per 3 minuti dico […]

19/05/2024
Inter - Lazio. Il prepartita della festa

UEEEEEEEEEEE Cazzarola Steven si parlava di festeggiamenti piuttosto importanti ma non pensavamo che avresti presa per vera la canzone delle lampadine che si canta ad ogni comunione sulla faccia della terra. LA NOSTRA FESTA NON DEVE FINIRE NON DEVE FINIRE E NON FINIRÀ AAAAAAAAAAALLELUJA ALLELUJA AAAAAAAAAAAA Vabbè ma se vogliamo continuare per noi va bene. […]

11/05/2024
Frosinone – Inter, il pagellone goleador

MR. HUNZIKER 10 –  Non si può lasciare la porta incustodita un secondo a Reggio Emilia, che i ragazzi tornano a casa con una sconfitta e, cosa ancora peggiore, il record di clean sheet a forte rischio. Allora Yann decide di prendere la situazione nel guantone e comincia a sfoderare tutto il repertorio di parate […]

10/05/2024
Frosinone - Inter nel tempo di cinque caffè

Primo tempo 1' - Mone ha le occhiaie da ansia anche oggi. Forse pensa a Laurientè 7' - un po' di Moneball per compiacere il pubblico 11’ - sembra un’amichevole estiva 11'- Con la differenza che il Frosinone si gioca la serie A 13' - Frat cambia i tacchetti per favore 16' -  cross poetico di […]

10/05/2024
Frosinone - Inter, qualche pensierino prepartita

💭 Sì andiamo in versione ridotta perché oh Lukaku può permettersi di sparire nelle partite che contano e noi non possiamo mettere qualche punto in meno al prepartita di FrosinoneCulone - Inter valevole per 'sta grandissima ceppa? Sempre con affetto eh Romè. 💭 Che poi a proposito di culoni, visto bella settimana? Manca solo che […]

linkedin facebook pinterest youtube rss twitter instagram facebook-blank rss-blank linkedin-blank pinterest youtube twitter instagram