20/12/2016

Caro diario, anche quest'anno speriamo nel prossimo

A cura di Luigi Cardella

Caro diario,

anche quest'anno la Juventus perderà lo scudetto... il prossimo anno. Sentenza affrettata? Magari! I numeri parlano da sé, +7 dalla seconda e vittorie contro le squadre più attrezzate (per calciatori, gioco e feeling), Napoli e Roma.

Questo significa che la squadra bianconera diventi ogni anno più forte? Io non credo. Non credo sia solo mia l'impressione che la Juventus di quest'anno sia molto più battibile, diverse partite tra cui il ritorno con il Sevilla e i match contro Inter e Milan lo dimostrano (contro gli spagnoli e nerazzurri si è vista, mi si permetta, persino inferiorità nel gioco), ma, ciononostante, i campioni d'Italia dominano il campionato.

Il motivo al di là dell'elevatissimo tasso tecnico, feeling, cuore, “stadium” e solidità societaria?

Il campionato italiano ha avuto l'ennesima debacle e parzialmente la colpa è delle ultime gestioni di quelle squadre che, fortunatamente e speriamo per lungo tempo, insieme fanno ancora più scudetti della Juve: Inter e Milan. È innegabile che, se pur ad anni alterni, le squadre milanesi hanno dato fastidio a una Juventus che storicamente ha sempre dominato in Italia... adesso abbiamo Roma e Napoli. Queste, nonostante i vertici a cui sono abituati ormai da anni, continuano in prestazioni poco ciniche al confine tra la provinciale e la big (in questi anni sono veramente tante le partite con le piccole sbagliate che fanno la differenza) ma, ennesimo confine con l'ossimoro concettuale, quello partenopeo è sicuramente il miglior gioco del bel Paese.

Da tifoso nerazzurro rode non poco sapere che la Juventus arriverà al sesto scudetto di fila, superando anche il Nostro filotto composto da quella base che è lo Scudetto n° 14, ma da spettatore rode ancora di più, la sfida è diventata solo quella per i piazzamenti europei tra 8 squadre perché persino per la salvezza tutto è sempre più scontato.

Dunque perché si ha un campionato a 20 squadre quando sono solo 15 le protagoniste che lottano? Ha ancora senso vedere un match come Chievo - Sampdoria? Per i tifosi sicuramente ma sono certo sarebbero più contenti se potessero avere un barlume di speranza nel salire le gerarchie del nostro campionato per cercare di evolvere.

Tavecchio non sembra un grande riformatore ma se guardasse un po' più la serie A, B, Lega Pro si renderebbe conto della mediocrità in cui si trovano. Un grande filosofo francese scriveva che "girando sempre su se stessi, vedendo e facendo sempre le stesse cose, si perde l'abitudine e la possibilità di esercitare la propria intelligenza. Lentamente tutto si chiude, si indurisce e si atrofizza come un muscolo" (A.Camus).

Buonanotte, speriamo in annate migliori

Caro diario, anche quest'anno speriamo nel prossimo

A cura di Luigi Cardella

Caro diario,

anche quest'anno la Juventus perderà lo scudetto... il prossimo anno. Sentenza affrettata? Magari! I numeri parlano da sé, +7 dalla seconda e vittorie contro le squadre più attrezzate (per calciatori, gioco e feeling), Napoli e Roma.

Questo significa che la squadra bianconera diventi ogni anno più forte? Io non credo. Non credo sia solo mia l'impressione che la Juventus di quest'anno sia molto più battibile, diverse partite tra cui il ritorno con il Sevilla e i match contro Inter e Milan lo dimostrano (contro gli spagnoli e nerazzurri si è vista, mi si permetta, persino inferiorità nel gioco), ma, ciononostante, i campioni d'Italia dominano il campionato.

Il motivo al di là dell'elevatissimo tasso tecnico, feeling, cuore, “stadium” e solidità societaria?

Il campionato italiano ha avuto l'ennesima debacle e parzialmente la colpa è delle ultime gestioni di quelle squadre che, fortunatamente e speriamo per lungo tempo, insieme fanno ancora più scudetti della Juve: Inter e Milan. È innegabile che, se pur ad anni alterni, le squadre milanesi hanno dato fastidio a una Juventus che storicamente ha sempre dominato in Italia... adesso abbiamo Roma e Napoli. Queste, nonostante i vertici a cui sono abituati ormai da anni, continuano in prestazioni poco ciniche al confine tra la provinciale e la big (in questi anni sono veramente tante le partite con le piccole sbagliate che fanno la differenza) ma, ennesimo confine con l'ossimoro concettuale, quello partenopeo è sicuramente il miglior gioco del bel Paese.

Da tifoso nerazzurro rode non poco sapere che la Juventus arriverà al sesto scudetto di fila, superando anche il Nostro filotto composto da quella base che è lo Scudetto n° 14, ma da spettatore rode ancora di più, la sfida è diventata solo quella per i piazzamenti europei tra 8 squadre perché persino per la salvezza tutto è sempre più scontato.

Dunque perché si ha un campionato a 20 squadre quando sono solo 15 le protagoniste che lottano? Ha ancora senso vedere un match come Chievo - Sampdoria? Per i tifosi sicuramente ma sono certo sarebbero più contenti se potessero avere un barlume di speranza nel salire le gerarchie del nostro campionato per cercare di evolvere.

Tavecchio non sembra un grande riformatore ma se guardasse un po' più la serie A, B, Lega Pro si renderebbe conto della mediocrità in cui si trovano. Un grande filosofo francese scriveva che "girando sempre su se stessi, vedendo e facendo sempre le stesse cose, si perde l'abitudine e la possibilità di esercitare la propria intelligenza. Lentamente tutto si chiude, si indurisce e si atrofizza come un muscolo" (A.Camus).

Buonanotte, speriamo in annate migliori

Notizie flash

Ultimi articoli

13/11/2022
Atalanta- Inter nel tempo di un ultimo caffè

Primo tempo 1’ - Palomino alla prima da titolare dell’anno dopo lo stop per il presunto caso di doping. Come gli miglioreremo ulteriormente la giornata? 5' - Dopo due sconfitte di fila, Atalanta in versione Olanda di Cruijff 12' - Ma quindi Bastoni era in mood Barella che si rotola e non si fa nulla […]

13/11/2022
Atalanta - Inter, il prepartita dell'ultima di campionato

Non so se essere più basito dal fatto che quella di oggi sia l'ultima partita dell'anno oppure dal fatto che ormai sia arrivato Natale. Cioè raga qui mancano qualcosa come 40 giorni o poco più e io ho ancora le t-shirt a maniche corte nel cesto del panni da lavare. Voi siete consci del fatto […]

10/11/2022
Inter - Bologna, il Pagellone del ritorno della grande Inter

ONANA 7 – La serata comincia con Musa Barrow (uno dei tanti che sembra avere un conto aperto con noi) che sfiora il gol, poi un tiro di Arna viene respinto con le cosce da Andrè, con un intervento che ricorda il sacrificio di Dambro in un derby di qualche anno fa. La differenza è […]

10/11/2022
Inter - Bologna, dieci ranocchie post-partita

🐸 - Abbiamo fatto 6 a 1 anche all’andata l’anno scorso, non serve giocare il ritorno che tanto sappiamo già come va a finire. 🐸- Ma poi non li potevate dividere sto gol, tipo 3 al Bologna e gli altri tre a Torino contro quelli là porcoilcaz 🐸 - Cose che non pensavo di vedere […]

09/11/2022
Inter - Bologna nel tempo di un caffè

0' - Milan e Roma pareggiano, lAtalanta perde, cosa potrebbe andare male oggi?Ah già, giochiamo noi. PRIMO TEMPO: 1’ - Vi diròVi diròVi diròChe la situa, dopo aver guardato FroggyCosì brutta non é 2' - Bare è già dolorante. Non so più se crederci o no 4' - Quasi gol del Bologna dopo un contropiede. […]

09/11/2022
Inter - Bologna, il prepartita delle speranze finite

Siamo fritti. Finiti. Distrutti. Se per una partita in casa contro il Bologna ci tocca scomodare il signore in copertina, ieri in visita alla Pinetina, significa che la situazione è davvero tragica. Non supereremo la notte. A conferma di quanto sto dicendo, arrivano immagini inedite dalla visita del Vate di ieri al centro di allenamento: […]

linkedin facebook pinterest youtube rss twitter instagram facebook-blank rss-blank linkedin-blank pinterest youtube twitter instagram