01/03/2017

Caro diario, ma alla fine questa Champions chi la fa?

Caro diario,

tu a chi toglieresti la qualificazione in Champions League e perché?
Arriva puntuale come non mai questo momento, come quando ti accorgi che sono passati 20 giorni e l’indomani avrai esame: la situazione e le emozioni simili, il risultato speriamo non sia come quello di domenica sera.

Ci eravamo ripromessi di analizzare il perché l’Inter meriterebbe di andare in Champions League a dispetto della Roma per l’annata nazionale in corso e adesso ci troviamo di fronte a un campionato completo per il 70% e uno scontro diretto pesante. Forse questa volta non arriverà una non-risposta come in precedenza. (vedi QUI)

L’Inter ha perso per 3 a 1 e a mio modesto parere ciò che è mancato è stato il conoscersi bene, l’avere dei meccanismi ormai rodati e un crack come Nainggolan in giornata di grazia. Queste sarebbero le motivazioni al cui colpa è da additarsi a: Mancini e società tutta.

Indubbio che se oggi l’Inter ha dei meccanismi ben definiti lo deve a Pioli.
Indubbio che se l’Inter fino ad agosto 2016 (600 giorni) non aveva un gioco ben definito ed efficace lo deve a Mancini. Potremmo stare qui a scrivere di tutti i meriti manciniani (di cui ero un estimatore) soprattutto in alcuni giocatori selezionati e probabili radici dell’Inter futura ma sarebbe poco funzionale in termini di “perché è successo?” e “quanti demeriti ci sono?”.  La scarsa tempistica manciniana e della società (che comunque aveva dei sentori ma io non credo avrebbe potuto immaginare) hanno portato un olandese che, più che volante, si è rivelato cadente, ma non per colpa sua quanto più per una realtà completamente diversa e nella quale è difficile adattarsi immediatamente.
Forse basterebbe questa dinamica a far capire perché l’Inter 2016/2017 non merita la competizione europea maggiore, essere diventata una squadra dignitosa dopo circa 120 giorni non cancella il fatto di essere la più sconfitta e la penultima per reti realizzate nelle prime 8 posizioni.

La squadra nerazzurra e giallorossa hanno un futuro roseo ma la potenza economica di Suning mi fa protendere comunque nel dare una piccola speranza di merito alla milanese, nel caso di miracolosa qualificazione. È probabile che pezzi pregiati romanisti voleranno per altri lidi (economicamente il fattore stadio potrà aiutare solo dal 2020), uno probabilmente all’Inter, e persino l’allenatore potrebbe cambiare aria. Se i nerazzurri possono contare sulla nomea e sul dio denaro che fa vacillare Conte, la Roma non credo abbia lo stesso spessore. La qualificazione interista così sembrerebbe più meritata per una prospettiva futura possibile.

In ogni caso un dato forse è cambiato, sembra il Napoli la squadra candidata alla quale sottrarre i preliminari, mancano pochi giorni per rendere sicuro ciò e mano 2 mesi per chiarire quanto l’Inter sia superiore/inferiore ai partenopei. Nel frattempo solo una cosa resta da fare, sperare e cercare di sottrare un posto che per costanza e gioco altri sembrano meritare di più.

Buonanotte, #amala

Caro diario, ma alla fine questa Champions chi la fa?

Caro diario,

tu a chi toglieresti la qualificazione in Champions League e perché?
Arriva puntuale come non mai questo momento, come quando ti accorgi che sono passati 20 giorni e l’indomani avrai esame: la situazione e le emozioni simili, il risultato speriamo non sia come quello di domenica sera.

Ci eravamo ripromessi di analizzare il perché l’Inter meriterebbe di andare in Champions League a dispetto della Roma per l’annata nazionale in corso e adesso ci troviamo di fronte a un campionato completo per il 70% e uno scontro diretto pesante. Forse questa volta non arriverà una non-risposta come in precedenza. (vedi QUI)

L’Inter ha perso per 3 a 1 e a mio modesto parere ciò che è mancato è stato il conoscersi bene, l’avere dei meccanismi ormai rodati e un crack come Nainggolan in giornata di grazia. Queste sarebbero le motivazioni al cui colpa è da additarsi a: Mancini e società tutta.

Indubbio che se oggi l’Inter ha dei meccanismi ben definiti lo deve a Pioli.
Indubbio che se l’Inter fino ad agosto 2016 (600 giorni) non aveva un gioco ben definito ed efficace lo deve a Mancini. Potremmo stare qui a scrivere di tutti i meriti manciniani (di cui ero un estimatore) soprattutto in alcuni giocatori selezionati e probabili radici dell’Inter futura ma sarebbe poco funzionale in termini di “perché è successo?” e “quanti demeriti ci sono?”.  La scarsa tempistica manciniana e della società (che comunque aveva dei sentori ma io non credo avrebbe potuto immaginare) hanno portato un olandese che, più che volante, si è rivelato cadente, ma non per colpa sua quanto più per una realtà completamente diversa e nella quale è difficile adattarsi immediatamente.
Forse basterebbe questa dinamica a far capire perché l’Inter 2016/2017 non merita la competizione europea maggiore, essere diventata una squadra dignitosa dopo circa 120 giorni non cancella il fatto di essere la più sconfitta e la penultima per reti realizzate nelle prime 8 posizioni.

La squadra nerazzurra e giallorossa hanno un futuro roseo ma la potenza economica di Suning mi fa protendere comunque nel dare una piccola speranza di merito alla milanese, nel caso di miracolosa qualificazione. È probabile che pezzi pregiati romanisti voleranno per altri lidi (economicamente il fattore stadio potrà aiutare solo dal 2020), uno probabilmente all’Inter, e persino l’allenatore potrebbe cambiare aria. Se i nerazzurri possono contare sulla nomea e sul dio denaro che fa vacillare Conte, la Roma non credo abbia lo stesso spessore. La qualificazione interista così sembrerebbe più meritata per una prospettiva futura possibile.

In ogni caso un dato forse è cambiato, sembra il Napoli la squadra candidata alla quale sottrarre i preliminari, mancano pochi giorni per rendere sicuro ciò e mano 2 mesi per chiarire quanto l’Inter sia superiore/inferiore ai partenopei. Nel frattempo solo una cosa resta da fare, sperare e cercare di sottrare un posto che per costanza e gioco altri sembrano meritare di più.

Buonanotte, #amala

Notizie flash

Ultimi articoli

01/12/2021
Inter - Spezia nel tempo di un caffè allo squaquaraus

ORE 17.30. Si sparge la voce che Sandrino Bastoncino sia rimasto vittima nella notte della sindorme di Montezuma, o gastroenterite acuta, insomma squaquaraus in termini strettamente tecnici.Genitore 1 Stefan è rimasto a casa ad assisterlo amorevolmente, mentre Genitore 2 Skri si è dovuto sobbarcare il compito di guidare la difesa. Ai suoi lati Dima e […]

01/12/2021
10 buoni motivi per non perdervi Inter - Spezia

Carissimi, buonasera.Siamo qui riuniti oggi, in questo giorno a metà della settimana, per celebrare l'ennesima notte di Champio..ah no?Per goderci un bel big match infrasettiman..ah no?Almeno un turno ad eliminazione diretta in Coppa Ital..nemmeno questo?!Ma cosa caaaaaaaaaahhhhhh, LO SPEZIA! Dai, noi siamo lanciatissimi, fortissimi, bellissimi, informissimi e loro hanno un terzo dei nostri punti, arrancano […]

28/11/2021
Venezia - Inter, il pagellone cantando sotto la pioggia

HANDA 10 - ARAMU MA CHE COMPORTAMENTO È QUESTO?!CIOÈ TUTTI I TUOI COMPAGNI DEL VENEZIA EDUCATI E TRANQUILLI E TU INVECE TI INVENTI IL TIRO ALLA HOLLY E BENJI DA LONTANISSIMO?Povero Handa. Ho fatto fatica con te su quel tuffo, davvero.Ora: so che la tentazione è tanta, ma visto che c'hai ripreso la mano, perché […]

28/11/2021
Venezia - Inter, dieci cialde croccanti post - partita

10 - La domenica mattina dopo una vittoria dell’Inter spiegata con una foto: 9 - Non posso usare questo spazio per prendere in giro chi è a meno dieci da noi, non posso usare questo spazio per prendere in giro chi è a meno dieci da noi, non posso usare questo spazio per prendere in […]

27/11/2021
Venezia - Inter nel tempo di un caffè

PRIMO TEMPO 0’- con Froggy sempre in campo si vincerebbe il campionato a febbraio. Bravo Simone che lo fa riposare per movimentare un po’ la cosa 4' - Kyine io ti capiscoAnche io vorrei la maglia di Skrigno, ma aspetta almeno la fine del primo tempo 6' - Ma a fine partita ci possono lasciare […]

27/11/2021
L'Inter in gita a Venezia

Cari Brati, io sono sempre stato solito immaginare lo spogliatoio interista come una classe di alunni del più diroccato ed ignorante istituto professionale, alla stregua di quelli presenti nella periferia di Caracas (che poi è effettivamente la scuola che ha frequentato Guarin🕊). Quindi ho pensato: perché non fargli fare, al quinto anno, una bella gita...a […]

linkedin facebook pinterest youtube rss twitter instagram facebook-blank rss-blank linkedin-blank pinterest youtube twitter instagram