01/03/2017

Caro diario, ma alla fine questa Champions chi la fa?

Caro diario,

tu a chi toglieresti la qualificazione in Champions League e perché?
Arriva puntuale come non mai questo momento, come quando ti accorgi che sono passati 20 giorni e l’indomani avrai esame: la situazione e le emozioni simili, il risultato speriamo non sia come quello di domenica sera.

Ci eravamo ripromessi di analizzare il perché l’Inter meriterebbe di andare in Champions League a dispetto della Roma per l’annata nazionale in corso e adesso ci troviamo di fronte a un campionato completo per il 70% e uno scontro diretto pesante. Forse questa volta non arriverà una non-risposta come in precedenza. (vedi QUI)

L’Inter ha perso per 3 a 1 e a mio modesto parere ciò che è mancato è stato il conoscersi bene, l’avere dei meccanismi ormai rodati e un crack come Nainggolan in giornata di grazia. Queste sarebbero le motivazioni al cui colpa è da additarsi a: Mancini e società tutta.

Indubbio che se oggi l’Inter ha dei meccanismi ben definiti lo deve a Pioli.
Indubbio che se l’Inter fino ad agosto 2016 (600 giorni) non aveva un gioco ben definito ed efficace lo deve a Mancini. Potremmo stare qui a scrivere di tutti i meriti manciniani (di cui ero un estimatore) soprattutto in alcuni giocatori selezionati e probabili radici dell’Inter futura ma sarebbe poco funzionale in termini di “perché è successo?” e “quanti demeriti ci sono?”.  La scarsa tempistica manciniana e della società (che comunque aveva dei sentori ma io non credo avrebbe potuto immaginare) hanno portato un olandese che, più che volante, si è rivelato cadente, ma non per colpa sua quanto più per una realtà completamente diversa e nella quale è difficile adattarsi immediatamente.
Forse basterebbe questa dinamica a far capire perché l’Inter 2016/2017 non merita la competizione europea maggiore, essere diventata una squadra dignitosa dopo circa 120 giorni non cancella il fatto di essere la più sconfitta e la penultima per reti realizzate nelle prime 8 posizioni.

La squadra nerazzurra e giallorossa hanno un futuro roseo ma la potenza economica di Suning mi fa protendere comunque nel dare una piccola speranza di merito alla milanese, nel caso di miracolosa qualificazione. È probabile che pezzi pregiati romanisti voleranno per altri lidi (economicamente il fattore stadio potrà aiutare solo dal 2020), uno probabilmente all’Inter, e persino l’allenatore potrebbe cambiare aria. Se i nerazzurri possono contare sulla nomea e sul dio denaro che fa vacillare Conte, la Roma non credo abbia lo stesso spessore. La qualificazione interista così sembrerebbe più meritata per una prospettiva futura possibile.

In ogni caso un dato forse è cambiato, sembra il Napoli la squadra candidata alla quale sottrarre i preliminari, mancano pochi giorni per rendere sicuro ciò e mano 2 mesi per chiarire quanto l’Inter sia superiore/inferiore ai partenopei. Nel frattempo solo una cosa resta da fare, sperare e cercare di sottrare un posto che per costanza e gioco altri sembrano meritare di più.

Buonanotte, #amala

Caro diario, ma alla fine questa Champions chi la fa?

Caro diario,

tu a chi toglieresti la qualificazione in Champions League e perché?
Arriva puntuale come non mai questo momento, come quando ti accorgi che sono passati 20 giorni e l’indomani avrai esame: la situazione e le emozioni simili, il risultato speriamo non sia come quello di domenica sera.

Ci eravamo ripromessi di analizzare il perché l’Inter meriterebbe di andare in Champions League a dispetto della Roma per l’annata nazionale in corso e adesso ci troviamo di fronte a un campionato completo per il 70% e uno scontro diretto pesante. Forse questa volta non arriverà una non-risposta come in precedenza. (vedi QUI)

L’Inter ha perso per 3 a 1 e a mio modesto parere ciò che è mancato è stato il conoscersi bene, l’avere dei meccanismi ormai rodati e un crack come Nainggolan in giornata di grazia. Queste sarebbero le motivazioni al cui colpa è da additarsi a: Mancini e società tutta.

Indubbio che se oggi l’Inter ha dei meccanismi ben definiti lo deve a Pioli.
Indubbio che se l’Inter fino ad agosto 2016 (600 giorni) non aveva un gioco ben definito ed efficace lo deve a Mancini. Potremmo stare qui a scrivere di tutti i meriti manciniani (di cui ero un estimatore) soprattutto in alcuni giocatori selezionati e probabili radici dell’Inter futura ma sarebbe poco funzionale in termini di “perché è successo?” e “quanti demeriti ci sono?”.  La scarsa tempistica manciniana e della società (che comunque aveva dei sentori ma io non credo avrebbe potuto immaginare) hanno portato un olandese che, più che volante, si è rivelato cadente, ma non per colpa sua quanto più per una realtà completamente diversa e nella quale è difficile adattarsi immediatamente.
Forse basterebbe questa dinamica a far capire perché l’Inter 2016/2017 non merita la competizione europea maggiore, essere diventata una squadra dignitosa dopo circa 120 giorni non cancella il fatto di essere la più sconfitta e la penultima per reti realizzate nelle prime 8 posizioni.

La squadra nerazzurra e giallorossa hanno un futuro roseo ma la potenza economica di Suning mi fa protendere comunque nel dare una piccola speranza di merito alla milanese, nel caso di miracolosa qualificazione. È probabile che pezzi pregiati romanisti voleranno per altri lidi (economicamente il fattore stadio potrà aiutare solo dal 2020), uno probabilmente all’Inter, e persino l’allenatore potrebbe cambiare aria. Se i nerazzurri possono contare sulla nomea e sul dio denaro che fa vacillare Conte, la Roma non credo abbia lo stesso spessore. La qualificazione interista così sembrerebbe più meritata per una prospettiva futura possibile.

In ogni caso un dato forse è cambiato, sembra il Napoli la squadra candidata alla quale sottrarre i preliminari, mancano pochi giorni per rendere sicuro ciò e mano 2 mesi per chiarire quanto l’Inter sia superiore/inferiore ai partenopei. Nel frattempo solo una cosa resta da fare, sperare e cercare di sottrare un posto che per costanza e gioco altri sembrano meritare di più.

Buonanotte, #amala

Ultimi articoli

14/07/2020
Chiesti da voi: 10 cose più possibili di un ritorno di René Krhin

Scrivere correttamente Krhin al primo tentativo con la H nella posizione giusta 2. Trovare un calciatore che stia meglio con la tinta bionda 3. Vederlo approdare al Real Madrid 4. Ricordare a memoria tutte le sue 5 presenze nella stagione 2014-2015, incluse quelle in Europa League 5. Vedere Berni in campo 6. Passare un giorno […]

14/07/2020
Inter-Torino, il pagellone sbronzo

HANDANOVIC 4: Ancora non sono chiari i motivi del suo errore. Forse era già con la testa al suo compleanno, forse voleva dare un po' di carica a tutta la squadra che si stava sedendo sugli allori, forse era una trollata per quelli che lo criticano ancora e lo chiamano portiere mediocre dopo che ha […]

13/07/2020
Inter-Torino nel tempo di un caffè al semaforo

Primo tempo 1’ - Ma io mi chiedo cosa le guardo a fare certe partite: possiamo arrivare secondi quindi perdiamo sicuro Brozo è costretto a giocare sotto lo 0,54 Non gioca Eriksen Non ha MITT AGOUME 5’ - Mi sono dimenticato di inserire nella lista Ansaldi che farà il fenomeno per tutta la sera. 7’ […]

13/07/2020
10 cose più probabili di una tranquilla vittoria col Torino

10 - Una sofferta vittoria col Torino 9 - Veder passare una intera settimana senza drammi 8 - "Ma quello è Messi?" No, è Verdi 7 - Primi cambi al 60' 6 - Un sofferto pareggio col Torino 5 - Giudicare le prestazioni di Eriksen in maniera imparziale 4 - Il tribunale si pronuncia a […]

10/07/2020
Verona-Inter, il pagellone che bastaaaa quando finisce

HANDANOVIC 6: È sempre più vicino a diventare il recordman di presenze di tutti i tempi dell'Europa League. Grande Samir il nostro sogno si avvicina SKRINIAR 4: Più in difficoltà di me nelle partite su Warzone che mi sono fatto nel primo tempo per sfogare la rabbia dopo la sua puttanata nel gol. Il suo […]

linkedin facebook pinterest youtube rss twitter instagram facebook-blank rss-blank linkedin-blank pinterest youtube twitter instagram