Barcellona-Inter 2010: Una nuova era

«Avevano superato il confine fra giocare, correre e volare...c’era una volta una squadra bella e invincibile, veniva dalla Catalogna e forse dal futuro. A Milano hanno scoperto di abitare sulla Terra e sono tornati a casa senza le lucine e senza astronave»

Il 28 aprile 2010 i marziani del Barcellona sono sbarcati a San Siro con l'intenzione di disintengrare i terrestri che avevano osato combattere il loro Potere fino a sconfiggerlo.
Con un ragazzino come Balotelli in campo, poi? Sacrilegio.
Più che il sentimento, la settimana che ha separato le due partite ha segnato un confine netto tra il prima e il dopo.
Intendiamoci, i grandi proclami sono umani, ma questi andavano ben oltre.

Adesivi, magliettine, campagne sui social, spot pubblicitari, stampa spagnola: è stato utilizzato ogni mezzo esistente per un scopo, riassunto in poche parole da Piquè:

«Spero che i giocatori dell'Inter arrivino in campo e rimpiangano di essere calciatori per 90 minuti»

Rimpiangere”.
I catalani hanno una sola parola d'ordine: Remuntada.
Hanno talmente tanta paura di non farcela da aver voglia di distruggerci.
Noi abbiamo adottato l'unico rimedio possibile, la "calcificazione dell’amigdala" (l'amigdala è deputata alla gestione delle emozioni, ndr). Siamo incapaci di provare paura.
Moratti&co, che la sapevano lunga, aveva fatto un calciomercato saggio per aiutarci, riuscendo ad unire capacità e Ignoranza.

Barcellona-Inter 2010
+++ANTEPRIMA ASSOLUTA+++
La classica foto di rito prima di andare all’Hollywood, data 21/04/10.

La faccia della paura, però, esisteva eccome: era la mia, la tua, quella di ogni tifoso nerazzurro. Non volevamo però dimenticare una cosa: i nostri undici eroi avevano già fatto fallire la prima missione catalana.
Quindi si va a Barcelona per vincere.
Si fotta il terrorismo psicologico.

Mi ha sempre incuriosito il termine “resilienza”, ovvero quella capacità di superare eventi traumatici senza esserne dominati: l’Inter, quell'anno, ne aveva da vendere. Così come il nostro condottiero portoghese.
Fidatevi, non era facile essere Mourinho, quella sera.
Ma lui, dimostrando tutte le sue competenze psicologiche, ha esorcizzato la paura con poche semplici frasi:

"Abbiamo il sogno di giocare la finale di Champions, mentre per il Barcellona è un'ossessione.
Per loro andare a Madrid a giocare una finale è un'ossessione.
E c'è differenza tra sogno ed ossessione, il sogno è più puro.
Per loro è anti-madridismo."

Barcellona-Inter 2010

Barcellona-Inter 2010: la partita

Un fattore che tendiamo spesso a sottovalutare, presi dalle fisse di moduli e numeri, è la duttilità di una squadra.
Probabilmente avrete notato la “difficoltà” nello schierare i nostri undici graficamente: non è un caso.
Tutto è dovuto al geniale trasformismo del Vate di Setubàl (persino superiore a quello di Joao/Elodie), che dal 4-2-3-1 arrivava al 4-3-1-2 fino al 4-2-1-3.

La partita comincia con l’intenzione di lasciare al centrocampo l’importante funzione di comprendere la partita (Motta e Cambiasso non sono Gargano e Guarin, ma ci si accontenta) per poter gestire coperture, raddoppi, ripartenze.
Come prova, le parole di Repice a fine primo tempo:
“Inter che non sta rischiando nulla e che sta difendendo con un ordine che fa sicuramente rabbia ai 100.000 del Camp Nou”.
Ed è tutto maledettamente vero.

Ma al minuto 28 succede quello che nessuno di noi poteva immaginare: iniziano, senza preavviso, i trailer dei candidati agli Oscar
Ibra, Pedro, fino a Busquets.
I nostri non sono pronti, hanno tolto gli abiti dell’Hollywood e, in scarpini e pantaloncini, credevano di dover giocare a calcio.
Il Barcelona sul red carpet è imbattibile, prende sempre più fiducia. Busquets vince, meritatamente, il premio come miglior attore protagonista.
Rosso a Thiago Motta.

Da lì in poi, dal red carpet ci ritroviamo catapultati alla battaglia delle Termopili.
Siamo in inferiorità numerica e loro, forse, sono più forti di noi.
Non hanno però fatto i conti con la voglia di rivalsa del gruppo storico e con le dosi di ignoranza che Arna distribuiva, giorno dopo giorno, per trasformare i suoi compagni.
Ogni volta che un catalano trova una breccia, viene respinto da uno scudo nerazzurro.
Ogni volta che viene versato del sangue nerazzurro, ci si rialza.
Denti stretti e correre. Senza sosta.

«Correrò come un negro per guadagnare come un bianco»

S. Eto’o

Il tiro di Messi e il volo di Julio Cesar, probabilmente fra le parate più difficili mai compiute da un portiere.
Eto’o che si trasforma in terzino (un atleta dal palmares infinito quanto la sua umiltà in campo).
La simulazione di Dani Alves (che dimostrava già di essere l'uomo perfetto per la carriera futura che lo attenderà di lì a poco).
Muntari per Sneijder.
Il Barça pressa senza sosta, noi difendiamo la nostra area di rigore come se ne dipendesse la nostra vita. I minuti sembrano non passare mai.

Al minuto 84 il Barcellona riesce a trovare la via del gol: Xavi serve Piquè dentro l'area, lo spagnolo con un gesto da attaccante vero si libera di Cordoba e Julio Cesar con una giravolta e appoggia la palla in rete. 1-0 Barca.
Ai catalani basta un altro gol per farcela.
In questi 6 minuti più recupero, dobbiamo lottare ancora di più.
RESISTENZA AD OLTRANZA.

Mariga per Eto’o.
Il cambio più importante e significativo della Champions: il giovane ed umile #mitt per il campione, il fuoriclasse.
Un #mitt venuto dal Kenya, da un piccolo quartiere denominato Dallas: uno che la paura non sa nemmeno cosa sia.

Al 92° il tracollo: la palla arriva in qualche modo a Bojan che si infila nella nostra difesa e deposita in rete il pallone dello 0-2.
Tutti troppo fermi, dopo una partita in cui nessuno si era fermato mai. Strano.
Passano pochi secondi e scopriamo il perché: prima ancora che la palla arrivi al piccolo #mitt catalano, l'arbitro fischia fallo di mano a Yaya Tourè.
Respiro. Questa partita è ancora nostra.
(Però ancora nessuno mi ha restituito i 30 anni di vita che ho perso in quel momento)
Non c’è più nulla da dire.
Anzi sì, elogiare Materazzi che andrà a rubare un pallone con estrema nonchalance. Ti si vuole bene, Matrix.
Dopo 90 minuti (durati 754 per ogni interista), finalmente l'arbitro fischia la fine delle ostilità.
Il Barcelona vince 1-0.
Ma in finale, ci andiamo noi.

“Tutti a Madrid”

“L’Inter va a Madrid!”

Barcellona-Inter 2010: Una nuova era

«Avevano superato il confine fra giocare, correre e volare...c’era una volta una squadra bella e invincibile, veniva dalla Catalogna e forse dal futuro. A Milano hanno scoperto di abitare sulla Terra e sono tornati a casa senza le lucine e senza astronave»

Il 28 aprile 2010 i marziani del Barcellona sono sbarcati a San Siro con l'intenzione di disintengrare i terrestri che avevano osato combattere il loro Potere fino a sconfiggerlo.
Con un ragazzino come Balotelli in campo, poi? Sacrilegio.
Più che il sentimento, la settimana che ha separato le due partite ha segnato un confine netto tra il prima e il dopo.
Intendiamoci, i grandi proclami sono umani, ma questi andavano ben oltre.

Adesivi, magliettine, campagne sui social, spot pubblicitari, stampa spagnola: è stato utilizzato ogni mezzo esistente per un scopo, riassunto in poche parole da Piquè:

«Spero che i giocatori dell'Inter arrivino in campo e rimpiangano di essere calciatori per 90 minuti»

Rimpiangere”.
I catalani hanno una sola parola d'ordine: Remuntada.
Hanno talmente tanta paura di non farcela da aver voglia di distruggerci.
Noi abbiamo adottato l'unico rimedio possibile, la "calcificazione dell’amigdala" (l'amigdala è deputata alla gestione delle emozioni, ndr). Siamo incapaci di provare paura.
Moratti&co, che la sapevano lunga, aveva fatto un calciomercato saggio per aiutarci, riuscendo ad unire capacità e Ignoranza.

Barcellona-Inter 2010
+++ANTEPRIMA ASSOLUTA+++
La classica foto di rito prima di andare all’Hollywood, data 21/04/10.

La faccia della paura, però, esisteva eccome: era la mia, la tua, quella di ogni tifoso nerazzurro. Non volevamo però dimenticare una cosa: i nostri undici eroi avevano già fatto fallire la prima missione catalana.
Quindi si va a Barcelona per vincere.
Si fotta il terrorismo psicologico.

Mi ha sempre incuriosito il termine “resilienza”, ovvero quella capacità di superare eventi traumatici senza esserne dominati: l’Inter, quell'anno, ne aveva da vendere. Così come il nostro condottiero portoghese.
Fidatevi, non era facile essere Mourinho, quella sera.
Ma lui, dimostrando tutte le sue competenze psicologiche, ha esorcizzato la paura con poche semplici frasi:

"Abbiamo il sogno di giocare la finale di Champions, mentre per il Barcellona è un'ossessione.
Per loro andare a Madrid a giocare una finale è un'ossessione.
E c'è differenza tra sogno ed ossessione, il sogno è più puro.
Per loro è anti-madridismo."

Barcellona-Inter 2010

Barcellona-Inter 2010: la partita

Un fattore che tendiamo spesso a sottovalutare, presi dalle fisse di moduli e numeri, è la duttilità di una squadra.
Probabilmente avrete notato la “difficoltà” nello schierare i nostri undici graficamente: non è un caso.
Tutto è dovuto al geniale trasformismo del Vate di Setubàl (persino superiore a quello di Joao/Elodie), che dal 4-2-3-1 arrivava al 4-3-1-2 fino al 4-2-1-3.

La partita comincia con l’intenzione di lasciare al centrocampo l’importante funzione di comprendere la partita (Motta e Cambiasso non sono Gargano e Guarin, ma ci si accontenta) per poter gestire coperture, raddoppi, ripartenze.
Come prova, le parole di Repice a fine primo tempo:
“Inter che non sta rischiando nulla e che sta difendendo con un ordine che fa sicuramente rabbia ai 100.000 del Camp Nou”.
Ed è tutto maledettamente vero.

Ma al minuto 28 succede quello che nessuno di noi poteva immaginare: iniziano, senza preavviso, i trailer dei candidati agli Oscar
Ibra, Pedro, fino a Busquets.
I nostri non sono pronti, hanno tolto gli abiti dell’Hollywood e, in scarpini e pantaloncini, credevano di dover giocare a calcio.
Il Barcelona sul red carpet è imbattibile, prende sempre più fiducia. Busquets vince, meritatamente, il premio come miglior attore protagonista.
Rosso a Thiago Motta.

Da lì in poi, dal red carpet ci ritroviamo catapultati alla battaglia delle Termopili.
Siamo in inferiorità numerica e loro, forse, sono più forti di noi.
Non hanno però fatto i conti con la voglia di rivalsa del gruppo storico e con le dosi di ignoranza che Arna distribuiva, giorno dopo giorno, per trasformare i suoi compagni.
Ogni volta che un catalano trova una breccia, viene respinto da uno scudo nerazzurro.
Ogni volta che viene versato del sangue nerazzurro, ci si rialza.
Denti stretti e correre. Senza sosta.

«Correrò come un negro per guadagnare come un bianco»

S. Eto’o

Il tiro di Messi e il volo di Julio Cesar, probabilmente fra le parate più difficili mai compiute da un portiere.
Eto’o che si trasforma in terzino (un atleta dal palmares infinito quanto la sua umiltà in campo).
La simulazione di Dani Alves (che dimostrava già di essere l'uomo perfetto per la carriera futura che lo attenderà di lì a poco).
Muntari per Sneijder.
Il Barça pressa senza sosta, noi difendiamo la nostra area di rigore come se ne dipendesse la nostra vita. I minuti sembrano non passare mai.

Al minuto 84 il Barcellona riesce a trovare la via del gol: Xavi serve Piquè dentro l'area, lo spagnolo con un gesto da attaccante vero si libera di Cordoba e Julio Cesar con una giravolta e appoggia la palla in rete. 1-0 Barca.
Ai catalani basta un altro gol per farcela.
In questi 6 minuti più recupero, dobbiamo lottare ancora di più.
RESISTENZA AD OLTRANZA.

Mariga per Eto’o.
Il cambio più importante e significativo della Champions: il giovane ed umile #mitt per il campione, il fuoriclasse.
Un #mitt venuto dal Kenya, da un piccolo quartiere denominato Dallas: uno che la paura non sa nemmeno cosa sia.

Al 92° il tracollo: la palla arriva in qualche modo a Bojan che si infila nella nostra difesa e deposita in rete il pallone dello 0-2.
Tutti troppo fermi, dopo una partita in cui nessuno si era fermato mai. Strano.
Passano pochi secondi e scopriamo il perché: prima ancora che la palla arrivi al piccolo #mitt catalano, l'arbitro fischia fallo di mano a Yaya Tourè.
Respiro. Questa partita è ancora nostra.
(Però ancora nessuno mi ha restituito i 30 anni di vita che ho perso in quel momento)
Non c’è più nulla da dire.
Anzi sì, elogiare Materazzi che andrà a rubare un pallone con estrema nonchalance. Ti si vuole bene, Matrix.
Dopo 90 minuti (durati 754 per ogni interista), finalmente l'arbitro fischia la fine delle ostilità.
Il Barcelona vince 1-0.
Ma in finale, ci andiamo noi.

“Tutti a Madrid”

“L’Inter va a Madrid!”

Notizie flash

Ultimi articoli

19/01/2022
Inter – Empoli: cosa potrebbe mai andare storto?

Per il tifoso meno esperto, Inter – Empoli, specialmente di Coppa Italia, potrebbe essere una partita di poco interesse. Un match non degno di attenzioni in un freddo mercoledì sera di Gennaio.  Tuttavia questo non vale certo per il tifoso interista. Perché noi, gli interisti, di serate tranquille  di Coppa Italia ce ne intendiamo fin troppo bene. […]

17/01/2022
Atalanta - Inter, il pagellone delle occasioni mancate

HANDANOVIC 10 – “DLIN DLON: Si avvisa il signor Onana che può accomodarsi in panchina insieme ai signori Cordaz e Radu. A fine partita potrà lucidare i guantoni del nostro n.1” Non è che adesso basta far firmare un foglio al primo portiere che passa per pensare che Samir possa perdere il posto. Handa è […]

17/01/2022
Atalanta - Inter, dieci pensieri post - partita

10 - OOOOOOH finalmente una non vittoria, tutto questo tempo e persino dicembre e gennaio senza un minimo di profumo di CRISIINTER mi stava troppo destabilizzando. 9 - Ah, dobbiamo sempre recuperare una partita?E comunque non abbiamo perso?Quindi non siamo ancora in CRISIINTER?Ah, ok. 8 - Io: madonna ma basta che schifo io con questi […]

16/01/2022
Atalanta - Inter nel tempo di un caffè

Primo tempo 0’ - Eccoci qui di nuovo per la più bella partita dell’anno per tutti coloro che non tifano. Per me, interista in terra bergamasca, una tassa, un supplizio che mi tocca pagare ogni anno. 8’ - Siamo già a 3 occasioni per l’Atalanta che la prospettiva ha fatto sembrare gol. 15’ - Dzeko […]

16/01/2022
Le 5 statistiche più ansiogene di Atalanta - Inter

Sarà la Supercoppa vinta contro la J**e, dopo aver recuperato uno svantaggio con un rigore a favore e vinta al 120’ con un gol del giocatore più umile della storia, sarà la vittoria con la Lazio che ha avuto tanto il sapore della #VENDETT, sarà che si parla di scippare ai nostri acerrimi nemici il […]

13/01/2022
Inter - Juventus, il pagellone del fallo tattico

HANDA 10 - Quanti feels ieri sera con il vicecap: vederlo con quel capello brizzolato da anni di Inter e di tasche piene di sassi mi ha riportato alla mente Francesco Toldo, mio primo amore calcistico.Forse non tutti se ne saranno accorti, ma ieri Handa ha fatto il primo vero tentativo di carriera postcalcistica: la […]

linkedin facebook pinterest youtube rss twitter instagram facebook-blank rss-blank linkedin-blank pinterest youtube twitter instagram