26/09/2018

Una settimana da Dio

A questa partita, noi tifosi, siamo arrivati già stanchi.

In soli 10 giorni Parma, Tottenham e Sampdoria.

Che fatica.

Sugli spalti ci guardiamo tutti un po’ confusi.

 

Scusa, che tu sappia, siamo ancora in crisi?”

“Ma io in verità non ho nemmeno capito perché ci abbiano annullato il gol di Nainggolan.”

“Ok, a posto.”

“Comunque, secondo me, siamo in crisi-campionato ma non in crisi-Champions.”

 

Per i primi cinque minuti vedo 11 riproduzioni fedeli di Macaulay Culkin passeggiare perse per il capo.

A voi decidere se il Culkin perso e spaventato in ‘Mamma ho perso l’aereo’ o il Culkin qualche anno dopo in terapia riabilitativa per l’eroina.

Fatto sta che Mirallas al 4’ prende palo, ecchecazzo.

una settimana da dio vecino
La manifestazione fenomenica del Vecino-Culkin

Oggi ho una nuova vicina di posto.

È da quando è iniziata la partita che urla “coglione” come un mantra buddista e (spoiler alert) lo farà fino al 95esimo.

All’arbitro, a Lafont, a #Spallettiout, al tipo che vende le birre, al tabellone che non si è aggiornato.

Fossimo state più in confidenza, probabilmente l’avrebbe urlato anche a me.

Usciti dalla crisi dei 5 minuti (o dal rehab), le cose si mettono un po’ meglio.

Il tiro di Candreva, il cross di Candreva, Candreva su Biraghi, Candreva che corre.

TONINO PRIMA DONNA.

MITT ESCI DA QUESTO CORPO E TORNATENE IN FRANCIA CHE A NOI ANTONIO COSI’ PROATTIVO SPAVENTA UN PO’.

Insomma, questi 40 minuti si possono riassumere in noi-che-prendiamo-a-pallonate-i-viola-ma-figuriamoci-se-una-entra-per-sbaglio.

Secondo la dura legge dell’Inter, quando va così ci segnano.

Alla fine. Di contropiede.

L’ex.

dimarco esultanza una settimana da dio

 

Ma Candreva al 45esimo salta su come un grillo e chiede un rigore.

TATONE.

Lo vanno a vedere al VAR.

RIGORE. PER NOI.

La mia vicina continua con il suo mantra.

Maurito, freddo quasi come Yuto con il Pordenone, realizza senza troppi problemi.

Sempre lei; “coglioneee”.

Inizio a pensare porti fortuna.


Secondo tempo. I nostri, ovviamente, lasciano la testa negli spogliatoi.

 Eh, ragazzi, DUE TEMPI FATTI BENE VOLETE? E poi, pure il caffè a fine partita?

Ve la faccio breve, ci segna (ovviamente su deviazione, non dirò di chi perché è talmente bello, bravo e simpatico che facciamo tutti finta di non averla vista) quel pendolino impazzito di Chiesa che (ri-spoiler alert) romperà gli zebedei fino alla fine, cadendo, svenendo, tirando, piangendo e implorando pure i fili d’erba.

Classica partita da Inter.

Un prevedibile 1-1 finale e tutti a casa con la gastroINTERite.

NON OGGI PERO’, CARI AMICI.

Lo scugnizzo Danilone decide di infilarla con nonchalanche sul primo palo con una giocata difficilissima che da oggi in poi prova a sbagliare i passaggi elementari e ti faccio saltare la testa con una carabina.

 L’arbitro prima di convalidarlo inizia a parlottare all’auricolare.

EH NO, BASTA.

BASTA.

IL MIO CUORE NON AVREBBE RETTO AD UN ALTRO GOL ANNULLATO.

Convalidato. Grazie Dio, o chi per te.

una settimana da dio d'ambrosio

Cinque (INFINITI) minuti di recupero.

Ehi, @inter, al posto che fare concorsi e mettere in palio viaggi in aereo con la squadra, cosa ne pensate di alzare la posta e mettere delle visite dal cardiologo?

Più che una trasferta a noi servirebbe controllare le coronarie.

 

Quando mi chiederanno cosa voglia dire essere interista, risponderò che l’interista, al 90esimo sul 2-1, non incita la squadra a perdere tempo, perché è talmente sicuro del gol degli avversari che pensa già a dover fare il 3-2.

 

MA NON OGGI.

 In questa settimana essere interisti è stato un onore.

Siamo pronti a ripiombare nella CRISI.

Ma è stato bello finché è durato.

 Ah, a fine partita ho incontrato la mia vicina sulle scale. Sorrideva e stava in silenzio.

 

Una settimana da Dio

A questa partita, noi tifosi, siamo arrivati già stanchi.

In soli 10 giorni Parma, Tottenham e Sampdoria.

Che fatica.

Sugli spalti ci guardiamo tutti un po’ confusi.

 

Scusa, che tu sappia, siamo ancora in crisi?”

“Ma io in verità non ho nemmeno capito perché ci abbiano annullato il gol di Nainggolan.”

“Ok, a posto.”

“Comunque, secondo me, siamo in crisi-campionato ma non in crisi-Champions.”

 

Per i primi cinque minuti vedo 11 riproduzioni fedeli di Macaulay Culkin passeggiare perse per il capo.

A voi decidere se il Culkin perso e spaventato in ‘Mamma ho perso l’aereo’ o il Culkin qualche anno dopo in terapia riabilitativa per l’eroina.

Fatto sta che Mirallas al 4’ prende palo, ecchecazzo.

una settimana da dio vecino
La manifestazione fenomenica del Vecino-Culkin

Oggi ho una nuova vicina di posto.

È da quando è iniziata la partita che urla “coglione” come un mantra buddista e (spoiler alert) lo farà fino al 95esimo.

All’arbitro, a Lafont, a #Spallettiout, al tipo che vende le birre, al tabellone che non si è aggiornato.

Fossimo state più in confidenza, probabilmente l’avrebbe urlato anche a me.

Usciti dalla crisi dei 5 minuti (o dal rehab), le cose si mettono un po’ meglio.

Il tiro di Candreva, il cross di Candreva, Candreva su Biraghi, Candreva che corre.

TONINO PRIMA DONNA.

MITT ESCI DA QUESTO CORPO E TORNATENE IN FRANCIA CHE A NOI ANTONIO COSI’ PROATTIVO SPAVENTA UN PO’.

Insomma, questi 40 minuti si possono riassumere in noi-che-prendiamo-a-pallonate-i-viola-ma-figuriamoci-se-una-entra-per-sbaglio.

Secondo la dura legge dell’Inter, quando va così ci segnano.

Alla fine. Di contropiede.

L’ex.

dimarco esultanza una settimana da dio

 

Ma Candreva al 45esimo salta su come un grillo e chiede un rigore.

TATONE.

Lo vanno a vedere al VAR.

RIGORE. PER NOI.

La mia vicina continua con il suo mantra.

Maurito, freddo quasi come Yuto con il Pordenone, realizza senza troppi problemi.

Sempre lei; “coglioneee”.

Inizio a pensare porti fortuna.


Secondo tempo. I nostri, ovviamente, lasciano la testa negli spogliatoi.

 Eh, ragazzi, DUE TEMPI FATTI BENE VOLETE? E poi, pure il caffè a fine partita?

Ve la faccio breve, ci segna (ovviamente su deviazione, non dirò di chi perché è talmente bello, bravo e simpatico che facciamo tutti finta di non averla vista) quel pendolino impazzito di Chiesa che (ri-spoiler alert) romperà gli zebedei fino alla fine, cadendo, svenendo, tirando, piangendo e implorando pure i fili d’erba.

Classica partita da Inter.

Un prevedibile 1-1 finale e tutti a casa con la gastroINTERite.

NON OGGI PERO’, CARI AMICI.

Lo scugnizzo Danilone decide di infilarla con nonchalanche sul primo palo con una giocata difficilissima che da oggi in poi prova a sbagliare i passaggi elementari e ti faccio saltare la testa con una carabina.

 L’arbitro prima di convalidarlo inizia a parlottare all’auricolare.

EH NO, BASTA.

BASTA.

IL MIO CUORE NON AVREBBE RETTO AD UN ALTRO GOL ANNULLATO.

Convalidato. Grazie Dio, o chi per te.

una settimana da dio d'ambrosio

Cinque (INFINITI) minuti di recupero.

Ehi, @inter, al posto che fare concorsi e mettere in palio viaggi in aereo con la squadra, cosa ne pensate di alzare la posta e mettere delle visite dal cardiologo?

Più che una trasferta a noi servirebbe controllare le coronarie.

 

Quando mi chiederanno cosa voglia dire essere interista, risponderò che l’interista, al 90esimo sul 2-1, non incita la squadra a perdere tempo, perché è talmente sicuro del gol degli avversari che pensa già a dover fare il 3-2.

 

MA NON OGGI.

 In questa settimana essere interisti è stato un onore.

Siamo pronti a ripiombare nella CRISI.

Ma è stato bello finché è durato.

 Ah, a fine partita ho incontrato la mia vicina sulle scale. Sorrideva e stava in silenzio.

 

Notizie flash

Ultimi articoli

10/07/2021
Come affrontare i 10 disturbi più tipici dell'interismo

+++ Attenzione: questa satira potrebbe contenere tracce di articolo: ci scusiamo per il disagio ++++ SIGNORE! SIGNORI! MAMME, ZIE, PADRI ZII, FRATELLI CUGINI, QUASI NIPOTI! ACCORRETE TUTTI! Cari amici di Ranocchiate, prima di cominciare la nuova stagione, abbiamo pensato che fosse arrivato il momento adatto per una importante riflessione.Ogni giorno un interista soffre. Secondo uno […]

11/06/2021
Dieci pensieri su #Euro2020

10 - Sono talmente in astinenza da calcio che ho guardato pure tutte le amichevoli, anche in contemporanea. 9 - A questo proposito, far giocare Tino Lazaro e Christian Eriksen alla stessa ora è illegale, a meno che i due non giochino nella stessa squadra (tipo l’Inter). 8 - Possiamo passare direttamente al punto in […]

05/06/2021
5 motivi per voler bene a Simone Inzaghi

1. PERCHÉ C'ERA ANCHE LUI IL 5 MAGGIO Dopo Antonio Conte, ospitiamo sulla nostra panchina un altro dei protagonisti di quella maledetta giornata che noi interisti non dimenticheremo mai.Se anche Inzaghi dovesse riuscire a vincere come il suo predecessore, avremo esorcizzato un altro pezzettino del 5 maggio.A quel punto, ci basterà soltanto vincere un Triplete […]

27/05/2021
Il nostro libro

Nonostante tutto quello che è successo ieri.Nonostante non si possa passare un giorno, nella vita di noi interisti, sereni.Nonostante l’interismo sia eterna dannazione.Nonostante abbiano deciso di rovinarci la festa.Nonostante tutto, noi abbiamo vinto lo scudetto. Cazzo.E, nonostante tutto, avevamo in programma il lancio di un libro, il nostro, per oggi. Il frutto di settimane di […]

24/05/2021
Inter - Udinese, dieci pensieri post - partita

10 - Io quando mi rendo conto che questa è l'ultima partita dell'Inter: 9 - Ma poi mi ricordo che L'ABBIAMO ALZATA NOI 8 - Ma questo non ci permette di far passare in sordina il fatto che Goeffrey Kondogbia e Sime Vrsaljko sono diventati Campioni di Spagna. 7 - Ecco, bravi, salutatelo e rimandatecelo […]

23/05/2021
Inter - Udinese, il pagellone del finale di stagione

HANDA 19: I latini dicevano "Vincit qui patitur", vince chi resiste.Tu non è che hai semplicemente resistito, hai lottato come uno spartano contro le sfighe, le più che lecite blasfemie, i ribaltoni e, a volte, anche contro la nostra stessa difesa. Anni di miracoli e di bocconi amari che ti hanno reso un degno leader […]

linkedin facebook pinterest youtube rss twitter instagram facebook-blank rss-blank linkedin-blank pinterest youtube twitter instagram