24/04/2017

Un senso

Cari amici di Ranocchiate, “voglio trovare un senso”, cantava Vasco Rossi in uno dei suoi pezzi più apprezzati: credo sia questo il pensiero con cui ogni tifoso interista si sia risvegliato questa mattina, dopo aver assistito alla partita di ieri sera.

È che credo sia inevitabile pensare di essere finiti in una gag degna di “scherzi a parte”, in cui ad ampi tratti la nostra difesa sembra non capirci assolutamente nulla, Kondogbia e Gagliardini ricordano Fantozzi e Pozzetto e, alla lunga, si manda all’aria tutto ciò che di buono si era fatto in partita o, in maniera più ampia, in questi mesi di lavoro.

Proprio ieri, ad esempio, la squadra sembrava aver risposto bene al lavoro svolto in settimana, tutto sembrava andare per il verso giusto: poi, nel secondo tempo, in 27 minuti, abbiamo concesso 4 gol ed un rigore, quasi come se non fossimo scesi in campo per giocare la seconda parte del match; poi, giusto per rimanere incoerenti, il tutto si è concluso con 2 gol di Icardi negli ultimi 3 minuti.

Credo sia impossibile non sentirsi presi in giro, dopo prestazioni come queste.

Nel post-partita mi è umanamente dispiaciuto ascoltare le dichiarazioni di Pioli, che in questo momento dà l’impressione di non essere “troppo sul pezzo”, anche se ci prova maledettamente.

Menzione d’onore per Maurito, Handa e Perisic dopo la partita di ieri, ma questo post-partita finisce qui, per oggi.

Il nostro compito, in questi mesi, è certamente stato quello di scrivere e raccontarvi, con un pizzico di sarcasmo, una realtà bella e coinvolgente come quella del calcio, dell’Inter.

Ma in situazioni del genere, credo sia stupido dilungarsi: è il momento di passare ai fatti, per cercare di chiudere al meglio una stagione troppo altalenante.

Il tutto, senza mai dimenticare la prima legge dell’interismo

AMALA, in questi periodi più che mai.

Un senso

Cari amici di Ranocchiate, “voglio trovare un senso”, cantava Vasco Rossi in uno dei suoi pezzi più apprezzati: credo sia questo il pensiero con cui ogni tifoso interista si sia risvegliato questa mattina, dopo aver assistito alla partita di ieri sera.

È che credo sia inevitabile pensare di essere finiti in una gag degna di “scherzi a parte”, in cui ad ampi tratti la nostra difesa sembra non capirci assolutamente nulla, Kondogbia e Gagliardini ricordano Fantozzi e Pozzetto e, alla lunga, si manda all’aria tutto ciò che di buono si era fatto in partita o, in maniera più ampia, in questi mesi di lavoro.

Proprio ieri, ad esempio, la squadra sembrava aver risposto bene al lavoro svolto in settimana, tutto sembrava andare per il verso giusto: poi, nel secondo tempo, in 27 minuti, abbiamo concesso 4 gol ed un rigore, quasi come se non fossimo scesi in campo per giocare la seconda parte del match; poi, giusto per rimanere incoerenti, il tutto si è concluso con 2 gol di Icardi negli ultimi 3 minuti.

Credo sia impossibile non sentirsi presi in giro, dopo prestazioni come queste.

Nel post-partita mi è umanamente dispiaciuto ascoltare le dichiarazioni di Pioli, che in questo momento dà l’impressione di non essere “troppo sul pezzo”, anche se ci prova maledettamente.

Menzione d’onore per Maurito, Handa e Perisic dopo la partita di ieri, ma questo post-partita finisce qui, per oggi.

Il nostro compito, in questi mesi, è certamente stato quello di scrivere e raccontarvi, con un pizzico di sarcasmo, una realtà bella e coinvolgente come quella del calcio, dell’Inter.

Ma in situazioni del genere, credo sia stupido dilungarsi: è il momento di passare ai fatti, per cercare di chiudere al meglio una stagione troppo altalenante.

Il tutto, senza mai dimenticare la prima legge dell’interismo

AMALA, in questi periodi più che mai.

Ultimi articoli

19/09/2020
Inter-Pisa, la partita segreta nel tempo di un caffé

Oggi in concomitanza con la prima giornata di Serie A (CHE NOIAAAAAA MA CHI SE NE FREGAAAA) è andata in scena una partita molto più importante, ma purtroppo i poteri forti hanno deciso di oscurarla. Per fortuna i 1000 tifosi interisti che hanno avuto l'occasione di tornare a San Siro potranno raccontarla... MA NON NOI, […]

15/09/2020
Inter-Lugano nel tempo di un caffé

CI SIAMO. DALLO STADIO “Campetto dietro la Pinetina”, TUTTO PRONTO PER INTER-LUGANO. IL TERZO APPUNTAMENTO CON LA PRESTIGIOSISSIMA LUGANO CUP, ORMAI UN VERO E PROPRIO CULT DEL CALCIO ESTIVO, ASSOLUTAMENTE DA NON PERDERE. L’Inter viene da due edizioni consecutive in cui abbiamo sollevato la coppa, e non ho capito perché quest’anno si parli di “amichevole” […]

22/08/2020
Siviglia-Inter, un pagellone con tantissime lacrime

HANDANOVIC s.v: Un uomo talmente baciato dalla sfortuna che arriva in finale per la prima volta nella sua carriera e prende tre gol senza fare una parata, e uno di questi gli arriva pure dal suo centravanti. A quanto pare è la giornata dello scambio di ruoli, visto che Samir in compenso fa più passaggi […]

21/08/2020
Siviglia - Inter nel tempo di un c'abbiamo creduto

“Il Siviglia viene da 20 risultati utili consecutivi, non perde da Febbraio!”LI MORTACCI TUA MARIANÉ IO STO SOFFRENDO COME UN CANE E TU MI DICI STE COSE?!Ma Mannaggia a voi mannaggia. PRIMO TEMPO: 1’ - Un minuto di gioco, DD33 fa capire subito chi comanda con due falli E poi ci si chiede perché giochi! […]

21/08/2020
10 cose più probabili della vittoria dell’Europa League

Cari amici di Ranocchiate, siamo di nuovo qui.A 10 anni di distanza dalla vittoria della Champions League, ci giochiamo un’altra finale: solo che questa volta ci giochiamo COPPA PIÙ BELLA DEL MONDO ❤️❤️❤️Immagino che per questa occasione vorreste un articolo gasante, incoraggiante: un misto fra 300 ed Ogni maledetta domenica.AHAHAH ILLUSI. Ecco quindi, senza ulteriori […]

linkedin facebook pinterest youtube rss twitter instagram facebook-blank rss-blank linkedin-blank pinterest youtube twitter instagram