02/10/2017

Tutto è bene ciò che finisce a Benevento

Cari amici di Ranocchiate, mi scuso per l’assenza della scorsa settimana, a volte la vita reale manda ancora dei richiami, purtroppo.

Ad esempio, domenica scorsa stavo per iniziare un viaggio in pullman di 14 ore per ritornare nella mia regione natia, la Calafrica.

Pesante sicuramente, ma almeno tutto ciò mi ha impedito di vedere la partita col Genoa e, tutto sommato, forse meglio le 14 ore di pullman che aspettare 87 minuti per vedere la partita sbloccarsi grazie ad un colpo di testa del Danilone Nazionale su calcio d’angolo: lungi da me lamentarmi di una partita in cui abbiamo ottenuto 3 punti, ma dovrà pur esserci concessa una partita normale, ogni tanto.

Già, dovrà…prima o poi probabilmente accadrà, ma dovremo aspettare ancora, considerato come sono andate le cose oggi.

In principio fu Nagatomo, a cui onestamente non chiediamo molto, basta che giochi il meno possibile: è così difficile?

Poi col numero 87 Antonio Candreva: per i meno informati, 87 è la media dei cross sbagliati a partita da Andonio ultimamente; oggi continua sulla stessa falsa riga, ma si ricorda che in teoria sarebbe anche forte e mette in mezzo l’assist per il primo cross.

Dulcis in fundo, Brozovic.

E lì ti passa davvero la voglia di spegnere tutto e spendere le 2 ore di partita a goderti la pennichella della domenica, esattamente come fa di solito lui in campo.

Ma Marcelo e la coerenza, si sa, non si conoscono nemmeno ed in 3 minuti fa doppietta: così, come fosse una cosa che potrebbe fare anche con una gamba sola.

Ti ritrovi davanti al televisore confuso, sai che dovresti essere felice, ma la paura che per compensare si faccia espellere per 5 giornate è tanta; meglio rimanere cauti.

Anche perché fa strano: 21° minuto, 0-2 contro il Benevento: qualcosa non torna, è tutto troppo…normale, appunto.

Avremo finalmente trovato l’efficacia delle grandi squadre? Illusi.

Ci si aspettava che il Benevento, dopo aver perso un'amichevole in settimana con il FREGENE (che non so nemmeno in che divisione milita e forse è meglio che sia così, dopotutto), potesse diventare il Barçavento in onore della nostra visita, ma i campani sono più originali: col numero 7 quest’oggi schierano Cristiano Ronaldo, con la maglia di Marco D’Alessandro; il ragazzo è sempre stato bravino, ma mai lo avevo visto imperversare costantemente nell’area avversaria come fosse un uragano.

Sarà pure che Nagatomo è un po' la pillola blu dei suoi avversari, fatto sta che al 42° minuto un liberissimo D’Alessandro sigla il 2-1, tanto per farci andare al riposo con quell’ansietta bella che ti mantiene sveglio.

E poi?
Beh, poi il Benevento ha più volte sfiorato il gol del pareggio, prendendo un palo ed una traversa, mentre noi siamo andati via via spegnendoci, probabilmente stanchi dall’impegno europeo che non abbiamo affrontato.

E si, purtroppo anche stavolta ci è toccato guardare la partita sperando che l’arbitro fischiasse il prima possibile, perchè per poco il Benevento non riesce a pareggiare.

Ci aspettiamo sicuramente qualcosa in più, ma finché riusciamo a portare a casa i 3 punti penso si debba guardare al bicchiere mezzo pieno.

Nella pelata del buon Big Luciano vedo e prevedo tanta concretezza, al di là di tutto.

Per fortuna, per oggi, tutto è bene ciò che finisce a Benevento.

 

Tutto è bene ciò che finisce a Benevento

Cari amici di Ranocchiate, mi scuso per l’assenza della scorsa settimana, a volte la vita reale manda ancora dei richiami, purtroppo.

Ad esempio, domenica scorsa stavo per iniziare un viaggio in pullman di 14 ore per ritornare nella mia regione natia, la Calafrica.

Pesante sicuramente, ma almeno tutto ciò mi ha impedito di vedere la partita col Genoa e, tutto sommato, forse meglio le 14 ore di pullman che aspettare 87 minuti per vedere la partita sbloccarsi grazie ad un colpo di testa del Danilone Nazionale su calcio d’angolo: lungi da me lamentarmi di una partita in cui abbiamo ottenuto 3 punti, ma dovrà pur esserci concessa una partita normale, ogni tanto.

Già, dovrà…prima o poi probabilmente accadrà, ma dovremo aspettare ancora, considerato come sono andate le cose oggi.

In principio fu Nagatomo, a cui onestamente non chiediamo molto, basta che giochi il meno possibile: è così difficile?

Poi col numero 87 Antonio Candreva: per i meno informati, 87 è la media dei cross sbagliati a partita da Andonio ultimamente; oggi continua sulla stessa falsa riga, ma si ricorda che in teoria sarebbe anche forte e mette in mezzo l’assist per il primo cross.

Dulcis in fundo, Brozovic.

E lì ti passa davvero la voglia di spegnere tutto e spendere le 2 ore di partita a goderti la pennichella della domenica, esattamente come fa di solito lui in campo.

Ma Marcelo e la coerenza, si sa, non si conoscono nemmeno ed in 3 minuti fa doppietta: così, come fosse una cosa che potrebbe fare anche con una gamba sola.

Ti ritrovi davanti al televisore confuso, sai che dovresti essere felice, ma la paura che per compensare si faccia espellere per 5 giornate è tanta; meglio rimanere cauti.

Anche perché fa strano: 21° minuto, 0-2 contro il Benevento: qualcosa non torna, è tutto troppo…normale, appunto.

Avremo finalmente trovato l’efficacia delle grandi squadre? Illusi.

Ci si aspettava che il Benevento, dopo aver perso un'amichevole in settimana con il FREGENE (che non so nemmeno in che divisione milita e forse è meglio che sia così, dopotutto), potesse diventare il Barçavento in onore della nostra visita, ma i campani sono più originali: col numero 7 quest’oggi schierano Cristiano Ronaldo, con la maglia di Marco D’Alessandro; il ragazzo è sempre stato bravino, ma mai lo avevo visto imperversare costantemente nell’area avversaria come fosse un uragano.

Sarà pure che Nagatomo è un po' la pillola blu dei suoi avversari, fatto sta che al 42° minuto un liberissimo D’Alessandro sigla il 2-1, tanto per farci andare al riposo con quell’ansietta bella che ti mantiene sveglio.

E poi?
Beh, poi il Benevento ha più volte sfiorato il gol del pareggio, prendendo un palo ed una traversa, mentre noi siamo andati via via spegnendoci, probabilmente stanchi dall’impegno europeo che non abbiamo affrontato.

E si, purtroppo anche stavolta ci è toccato guardare la partita sperando che l’arbitro fischiasse il prima possibile, perchè per poco il Benevento non riesce a pareggiare.

Ci aspettiamo sicuramente qualcosa in più, ma finché riusciamo a portare a casa i 3 punti penso si debba guardare al bicchiere mezzo pieno.

Nella pelata del buon Big Luciano vedo e prevedo tanta concretezza, al di là di tutto.

Per fortuna, per oggi, tutto è bene ciò che finisce a Benevento.

 

Notizie flash

Ultimi articoli

07/05/2022
Inter - Empoli, il pagellone della follia

HANDA/SKRI/DE VRIJ/DIMA 7x4+5-2:3 -H: "Ciao a tutti ragazzi"in coro "Ehi Samir"H: "Avete presente quella volta che ho parato 3 tiri in un minuto contro il Milan e mi avete detto che mi dovevate un favore?"SK: "Si, certo"DE: "E che c'entra adesso?"DI: "Io manco c'ero…"H: "Dima tu sei l'ultimo arrivato quindi il tuo pensiero non conta. […]

23/05/2022
Inter - Sampdoria, dieci pensieri post - finale di stagione

10 - È FINITAAAAAAAAAA È FINITAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAA BASTA INTEEEEEEEEEER BASTA CAMPIONATIII oh che bello, finalmente un po’ di meritato relax, fino alla prossima settim…come? Non si riprende la prossima settimana? Ad agosto? E io cosa faccio con la mia vita adesso scusate? 9 - Ma si, ma si, bravi anche a quelli là che vanno in […]

22/05/2022
Inter - Sampdoria nel tempo di un caffè bruciato

0’ - mi viene da vomitare 2' - La prima sbracciata della partita è di…PERRY?!No aspetta non ho capito c'è qualcosa di strano 10’ - grazie Candreva, mi devi dieci anni di vita 15’ - onde evitare di compiere insani gesti, oggi ho messo lo stendino davanti alla finestra perché per aprire la finestra dovrei […]

22/05/2022
Inter - Samp, il prepartita della partita più inutile di sempre

Nello scrivere queste righe mi trovo oggettivamente in difficoltà: è una settimana che il mio cuore non sa da che parte girarsi, che il cervello si ribella a sé stesso e il fegato fa strani rumori simili a quelli di una sega circolare.Un momento rosico, quello dopo piango, quello successivo nutro speranze...mi sento tipo Eriksen […]

16/05/2022
Cagliari – Inter, il Pagellone resiliente

HANDANOVIC 6.5 – Ad ogni partita ci chiediamo se Samir sarà Benji Price o Alan Crocker. La questione è irresolvibile, perchè abbiamo capito che Samir è un misto tra i due, e ad ogni azione può prevalere una delle due componenti.E’ sicuramente Benji quando a mano aperta devia nel primo tempo la botta da fuori […]

16/05/2022
Cagliari - Inter, dieci gufetti post - partita

🦉 - Io di vivere con questa ansia fino al 22 maggio non me lo meritavo. 🦉 - La settimana degli interisti (ricordatevi che le messe contro costano di più): 🦉 - Chissà se ieri sono tornati a casa tranquilli o se hanno trovato molto traffico. 🦉 - Sampdoria e Sassuolo: 🦉 - Scamacca fai […]

15/05/2022
Cagliari - Inter nel tempo di un caffè

Primo tempo 0’ - Seguirò questa partita con una boccia di voglia di morire in succo di fianco 5’ - Sono cinque minuti che cerco “come smettere di seguire il calcio” su wikihow ma non ho trovato niente 6’ - se trovo qualcosa vi faccio sapere 7' - Uh, stasera c'è lo speciale su Sanremo […]

linkedin facebook pinterest youtube rss twitter instagram facebook-blank rss-blank linkedin-blank pinterest youtube twitter instagram