19/08/2020

Tutorial: come affrontare al meglio la finale di Europa League

Poteva essere un'estate tranquilla e rilassante come tutte le altre e invece no, non c'è via di scampo: ci tocca sempre l'ANSIA PER L'INTER

Le nostre super prestazioni ci hanno portato fino al boss finale, il traguardo che avevamo praticamente dal 2016 quando è nato questo sito, l'unica e vera FINALISSIMA DI EUROPA LEAGUE.

Cinquina allo Shaktar, feste, brindisi, Toni Doblas, tutto molto bello.

Ma adesso? che si fa?

Siamo così poco abituati a realizzare i nostri sogni che ci ritroviamo anche noi spiazzati. Queste vittorie facili, il sorprendente minutaggio di Eriksen che entra addirittura in campo al settantesimo, il sito che viene intasato da tutti voi brati e si blocca dopo ogni partita (<3)
In realtà noi non ci aspettavamo di andare oltre gli ottavi, dobbiamo inventarci qualcosa.

Serve una strategia:
Serve un altro delirante e inutilissimo articolo di preparazione.

COME AFFRONTARE AL MEGLIO LA FINALE:

Punto 1: RENDERSI CONTO CHE SIAMO IN FINALE

Questa è la parte più semplice ma allo stesso tempo è anche la più difficile.
Dilly ding dilly dong! Ce l'abbiamo fatta davvero!

Abbiamo vinto col Ludogorets grazie a Capitan Andrea in campo, poi la fase finale tedesca: abbiamo superato MARX CVCVRELLA, quei folli assoluti del Leverkusen, i minatori brasileiri dello Shaktar, e ora siamo qua.

Ne è passato di tempo dall'ultima volta eh?

C'è gente che nel 2010 era troppo giovane e non si ricorda nemmeno le sensazioni pre-finalissima.
(che in questo caso sono amplificate perché EUROPA LEAGUE >>>>> CHAMPIONS!)

Tanti nostri brati hanno vissuto solo gli anni più recenti dell'interismo (i migliori, senza ombra di dubbio)

Altri, come noi, rispetto al 2010, per affrontare certe partite non hanno proprio più il fisico.

Tutorial: come affrontare al meglio la finale di Europa League 1 Ranocchiate
Noi mentre ci sediamo sul divano per la finalissima sperando di rivivere i tempi d'oro

PUNTO 2: MA CHE COS'È UNA FINALE?

Ecco, bella domanda.
È difficile spiegarlo quando non sei abituato a viverne una praticamente da dieci anni.

Una finale è...beh, avete presente quando pareggiate contro il Chievo Verona in casa e dite "Da qui in poi sono tutte finali?"

Ecco, non c'entra un cazzo.
Le vere finali non sono 11 consecutive. E soprattutto non puoi permetterti di pareggiarne metà.

Tutorial: come affrontare al meglio la finale di Europa League 2 Ranocchiate

Le finali sono partite tipo questa, in cui giochi con la maglia più figa del mondo, il calciatore più forte del mondo e ti prendi un posto nella storia del calcio.

La zigzag ce l'abbiamo, Froggy pure, direi che siamo a posto.

Tutorial: come affrontare al meglio la finale di Europa League 3 Ranocchiate

La finale è quando dopo mille sofferenze, torti, fatiche, pianti, difficoltà e tanto altro puoi finalmente toglierti le soddisfazioni che aspettavi.

Anche di queste direi che ne abbiamo avute a sufficienza.

Tutorial: come affrontare al meglio la finale di Europa League 4 Ranocchiate

Le finali sono quelle partite che dopo che le hai vinte vanno a finire così.

"AAAAAH E DILLO SUBITO NO?"

Si avete ragione, che perdita di tempo che sono state le altre due foto. Bastava Yuto per capire tutto.

PUNTO 3: IL PREPARTITA

L'avvicinamento alla partita è un momento delicato, si sa.
Ma qui stiamo raggiungendo livelli di nervosismo che non si sono mai visti prima.

Stamattina per esempio per distrarmi, visto che fa caldo, sono uscito a prendermi un gelato.
La commessa mi fa:

Buongiorno, cono o coppetta?

ALLORA GUARDA CHE QUELLA CHE TU CHIAMI COPPETTA IN REALTA' E' UN TROFEO RICCO DI STORIA E DI PRESTIGIO E CE LA SIAMO SUDATA QUESTA FINALE E' MERITATISSIMA CAPITO GUARDA CHE ABBIAMO UN GRANDE GRUPPO E UN BEL LIVELLO DI GIOCO DOVETE SMETTERLA CAPITO UN PO' DI RISPETTO

Mi hanno scortato fuori con la forza.

Quindi ho capito che forse è inutile cercare di nascondere la tensione e ho iniziato il mio ritiro spirituale.

Nel dubbio Ranocchiate è qui con voi. Articoli, live, vecchi post, vi facciamo compagnia noi. SU CON LA VITA ANTONELLO LOVE LINE TI VUOLE BENE!!!

PUNTO 4: STUDIARE L'AVVERSARIO

No cazzo, Suso, Banega. Magari più avanti. Ora no. Stiamo cercando di costruire un mindset positivo.

PUNTO 5: RIPETERE CHE CE LA FAREMO

Dopotutto è lo slogan del 2020.
CE LA FAREMOOOOOOOOOOOOOOOOOO
CE LA FAREMOOOOOOOOOOOOOOOOOOO

#ANDRATUTTOBENE

PUNTO 6: IL GIORNO DELLA PARTITA:

Ecco il momento più delicato. Ci arriverete di sicuro dopo una nottata insonne. Il caldo, l'afa, le zanzare, Suso. Non aspettatevi di dormire.

Insomma sarà proprio un venerdì di merda.

Tutorial: come affrontare al meglio la finale di Europa League 5 Ranocchiate

Farete colazione e le persone intorno a voi vi vedranno così.
"Ma non era finita la sessione estiva?"

Magari diteglielo in anticipo di non preoccuparsi, è solo che con Gagliardini titolare è ancora più complicata la vita.

PUNTO 7: L'ALIMENTAZIONE

Per uno sportivo è fondamentale.

Per noi che dobbiamo soltanto soffrire sul divano, no
(vedi foto di Sneijder di prima)

La prima cosa ovviamente sono gli alcolici (47+1, RICORDATEVI)
Noi dello staff, in Germania per colpa dell'Inter abbiamo rischiato di rimanerci per ben due volte, quindi forse tutta questa storia della "prevenzione" e delle porte chiuse ha dei lati positivi.
Perché di sicuro avremmo scatenato il panico anche stavolta.

(vi ricordo la nostra disavventura numero uno e la disavventura numero due)

Quest'anno niente trasferta a Colonia (né a Gdansk, peccato) ma ecco la soluzione che vi farà sembrare di essere proprio lì insieme alla squadra:

Tutorial: come affrontare al meglio la finale di Europa League 6 Ranocchiate

Doner Mangal: il migliore ristorante di Colonia per distacco, garantisce il vostro kebabbaro di fiducia: Prinz Lukas Podolski.

E per dessert? Sicuramente ci sta un bel gelato: Ice Cream United, la migliore gelateria di tutta la Germania. Dove il nostro Poldi il Bello vi servirà con il suo sorriso smagliante.

Tutorial: come affrontare al meglio la finale di Europa League 7 Ranocchiate

PERO' RICORDATEVI DI ORDINARE IL CONO BORGA DI GUELLA DROIA

PUNTO 8: IL VESTIARIO

Un'altra cosa fondamentale, che ci mette sempre più in crisi di una sedicenne la sera del prom di fine anno nei telefilm americani:
"CHE COSA MI METTO?"

Regola numero 1: Niente panico
Regola numero 2: Non strafare!!!

Probabilmente vi verrà la tentazione di tirare giù dalla cornice la maglia ufficiale del 2010 di Zanetti autografata. NON - LO - FATE

Tutorial: come affrontare al meglio la finale di Europa League 8 Ranocchiate

Se siete arrivati in finale indossando la mashup cinese del derby di Joao Miranda, ci sarà un motivo.

Ricordatevi che la scaramanzia è importante. Certi abbinamenti azzardati, propri alla vigilia di un'occasione importante, possono rivelarsi dannosi.

PUNTO 9: IL PREPARTITA

Su Ranocchiate. Che domande.
Articolo prepartita, live su Twitch e post ufficiale nello Stagno.

Tutorial: come affrontare al meglio la finale di Europa League 9 Ranocchiate

PUNTO 10: LA PARTITA

Cari amici, qui purtroppo ci sono pochi consigli da dare, ognuno sopravvive per sé.

Tutorial: come affrontare al meglio la finale di Europa League 10 Ranocchiate
Ci vediamo al fischio finale. Chi c'è c'è.

PUNTO 11: POST PARTITA

Ed eccoci alla fine del nostro tutorial. Cosa succederà dopo la partita?
Come andrà a finire?

Non lo sappiamo, ovviamente non abbiamo mica la sfera di cristallo, e ovviamente se la avessimo la useremmo per quesiti migliori, come "Quando torna Rafinha?" e "Dov'è Gnoukouri?"

Ovviamente la speranza è quella di festeggiare insieme, comunque vada ci saremo con la solita combo caffé + twitch + pagelle

(qui inserite il tris di fotogrammi di Berlusconi, o di Sneijder, a vostro piacere)

E se dovesse andare male...beh, è difficile dirlo.
Momento serietà: Purtroppo nella vita le delusioni capitano. Noi cerchiamo sempre di essere allegri e strapparvi un sorriso. Se volete prepararvi al meglio, vi linkiamo il sito di un team di psicoterapeuti francesi molto bravi, che spiegano bene come comportarsi in questi casi. Può aiutare molto.

Tutorial: come affrontare al meglio la finale di Europa League

Poteva essere un'estate tranquilla e rilassante come tutte le altre e invece no, non c'è via di scampo: ci tocca sempre l'ANSIA PER L'INTER

Le nostre super prestazioni ci hanno portato fino al boss finale, il traguardo che avevamo praticamente dal 2016 quando è nato questo sito, l'unica e vera FINALISSIMA DI EUROPA LEAGUE.

Cinquina allo Shaktar, feste, brindisi, Toni Doblas, tutto molto bello.

Ma adesso? che si fa?

Siamo così poco abituati a realizzare i nostri sogni che ci ritroviamo anche noi spiazzati. Queste vittorie facili, il sorprendente minutaggio di Eriksen che entra addirittura in campo al settantesimo, il sito che viene intasato da tutti voi brati e si blocca dopo ogni partita (<3)
In realtà noi non ci aspettavamo di andare oltre gli ottavi, dobbiamo inventarci qualcosa.

Serve una strategia:
Serve un altro delirante e inutilissimo articolo di preparazione.

COME AFFRONTARE AL MEGLIO LA FINALE:

Punto 1: RENDERSI CONTO CHE SIAMO IN FINALE

Questa è la parte più semplice ma allo stesso tempo è anche la più difficile.
Dilly ding dilly dong! Ce l'abbiamo fatta davvero!

Abbiamo vinto col Ludogorets grazie a Capitan Andrea in campo, poi la fase finale tedesca: abbiamo superato MARX CVCVRELLA, quei folli assoluti del Leverkusen, i minatori brasileiri dello Shaktar, e ora siamo qua.

Ne è passato di tempo dall'ultima volta eh?

C'è gente che nel 2010 era troppo giovane e non si ricorda nemmeno le sensazioni pre-finalissima.
(che in questo caso sono amplificate perché EUROPA LEAGUE >>>>> CHAMPIONS!)

Tanti nostri brati hanno vissuto solo gli anni più recenti dell'interismo (i migliori, senza ombra di dubbio)

Altri, come noi, rispetto al 2010, per affrontare certe partite non hanno proprio più il fisico.

Tutorial: come affrontare al meglio la finale di Europa League 11 Ranocchiate
Noi mentre ci sediamo sul divano per la finalissima sperando di rivivere i tempi d'oro

PUNTO 2: MA CHE COS'È UNA FINALE?

Ecco, bella domanda.
È difficile spiegarlo quando non sei abituato a viverne una praticamente da dieci anni.

Una finale è...beh, avete presente quando pareggiate contro il Chievo Verona in casa e dite "Da qui in poi sono tutte finali?"

Ecco, non c'entra un cazzo.
Le vere finali non sono 11 consecutive. E soprattutto non puoi permetterti di pareggiarne metà.

Tutorial: come affrontare al meglio la finale di Europa League 12 Ranocchiate

Le finali sono partite tipo questa, in cui giochi con la maglia più figa del mondo, il calciatore più forte del mondo e ti prendi un posto nella storia del calcio.

La zigzag ce l'abbiamo, Froggy pure, direi che siamo a posto.

Tutorial: come affrontare al meglio la finale di Europa League 13 Ranocchiate

La finale è quando dopo mille sofferenze, torti, fatiche, pianti, difficoltà e tanto altro puoi finalmente toglierti le soddisfazioni che aspettavi.

Anche di queste direi che ne abbiamo avute a sufficienza.

Tutorial: come affrontare al meglio la finale di Europa League 14 Ranocchiate

Le finali sono quelle partite che dopo che le hai vinte vanno a finire così.

"AAAAAH E DILLO SUBITO NO?"

Si avete ragione, che perdita di tempo che sono state le altre due foto. Bastava Yuto per capire tutto.

PUNTO 3: IL PREPARTITA

L'avvicinamento alla partita è un momento delicato, si sa.
Ma qui stiamo raggiungendo livelli di nervosismo che non si sono mai visti prima.

Stamattina per esempio per distrarmi, visto che fa caldo, sono uscito a prendermi un gelato.
La commessa mi fa:

Buongiorno, cono o coppetta?

ALLORA GUARDA CHE QUELLA CHE TU CHIAMI COPPETTA IN REALTA' E' UN TROFEO RICCO DI STORIA E DI PRESTIGIO E CE LA SIAMO SUDATA QUESTA FINALE E' MERITATISSIMA CAPITO GUARDA CHE ABBIAMO UN GRANDE GRUPPO E UN BEL LIVELLO DI GIOCO DOVETE SMETTERLA CAPITO UN PO' DI RISPETTO

Mi hanno scortato fuori con la forza.

Quindi ho capito che forse è inutile cercare di nascondere la tensione e ho iniziato il mio ritiro spirituale.

Nel dubbio Ranocchiate è qui con voi. Articoli, live, vecchi post, vi facciamo compagnia noi. SU CON LA VITA ANTONELLO LOVE LINE TI VUOLE BENE!!!

PUNTO 4: STUDIARE L'AVVERSARIO

No cazzo, Suso, Banega. Magari più avanti. Ora no. Stiamo cercando di costruire un mindset positivo.

PUNTO 5: RIPETERE CHE CE LA FAREMO

Dopotutto è lo slogan del 2020.
CE LA FAREMOOOOOOOOOOOOOOOOOO
CE LA FAREMOOOOOOOOOOOOOOOOOOO

#ANDRATUTTOBENE

PUNTO 6: IL GIORNO DELLA PARTITA:

Ecco il momento più delicato. Ci arriverete di sicuro dopo una nottata insonne. Il caldo, l'afa, le zanzare, Suso. Non aspettatevi di dormire.

Insomma sarà proprio un venerdì di merda.

Tutorial: come affrontare al meglio la finale di Europa League 15 Ranocchiate

Farete colazione e le persone intorno a voi vi vedranno così.
"Ma non era finita la sessione estiva?"

Magari diteglielo in anticipo di non preoccuparsi, è solo che con Gagliardini titolare è ancora più complicata la vita.

PUNTO 7: L'ALIMENTAZIONE

Per uno sportivo è fondamentale.

Per noi che dobbiamo soltanto soffrire sul divano, no
(vedi foto di Sneijder di prima)

La prima cosa ovviamente sono gli alcolici (47+1, RICORDATEVI)
Noi dello staff, in Germania per colpa dell'Inter abbiamo rischiato di rimanerci per ben due volte, quindi forse tutta questa storia della "prevenzione" e delle porte chiuse ha dei lati positivi.
Perché di sicuro avremmo scatenato il panico anche stavolta.

(vi ricordo la nostra disavventura numero uno e la disavventura numero due)

Quest'anno niente trasferta a Colonia (né a Gdansk, peccato) ma ecco la soluzione che vi farà sembrare di essere proprio lì insieme alla squadra:

Tutorial: come affrontare al meglio la finale di Europa League 16 Ranocchiate

Doner Mangal: il migliore ristorante di Colonia per distacco, garantisce il vostro kebabbaro di fiducia: Prinz Lukas Podolski.

E per dessert? Sicuramente ci sta un bel gelato: Ice Cream United, la migliore gelateria di tutta la Germania. Dove il nostro Poldi il Bello vi servirà con il suo sorriso smagliante.

Tutorial: come affrontare al meglio la finale di Europa League 17 Ranocchiate

PERO' RICORDATEVI DI ORDINARE IL CONO BORGA DI GUELLA DROIA

PUNTO 8: IL VESTIARIO

Un'altra cosa fondamentale, che ci mette sempre più in crisi di una sedicenne la sera del prom di fine anno nei telefilm americani:
"CHE COSA MI METTO?"

Regola numero 1: Niente panico
Regola numero 2: Non strafare!!!

Probabilmente vi verrà la tentazione di tirare giù dalla cornice la maglia ufficiale del 2010 di Zanetti autografata. NON - LO - FATE

Tutorial: come affrontare al meglio la finale di Europa League 18 Ranocchiate

Se siete arrivati in finale indossando la mashup cinese del derby di Joao Miranda, ci sarà un motivo.

Ricordatevi che la scaramanzia è importante. Certi abbinamenti azzardati, propri alla vigilia di un'occasione importante, possono rivelarsi dannosi.

PUNTO 9: IL PREPARTITA

Su Ranocchiate. Che domande.
Articolo prepartita, live su Twitch e post ufficiale nello Stagno.

Tutorial: come affrontare al meglio la finale di Europa League 19 Ranocchiate

PUNTO 10: LA PARTITA

Cari amici, qui purtroppo ci sono pochi consigli da dare, ognuno sopravvive per sé.

Tutorial: come affrontare al meglio la finale di Europa League 20 Ranocchiate
Ci vediamo al fischio finale. Chi c'è c'è.

PUNTO 11: POST PARTITA

Ed eccoci alla fine del nostro tutorial. Cosa succederà dopo la partita?
Come andrà a finire?

Non lo sappiamo, ovviamente non abbiamo mica la sfera di cristallo, e ovviamente se la avessimo la useremmo per quesiti migliori, come "Quando torna Rafinha?" e "Dov'è Gnoukouri?"

Ovviamente la speranza è quella di festeggiare insieme, comunque vada ci saremo con la solita combo caffé + twitch + pagelle

(qui inserite il tris di fotogrammi di Berlusconi, o di Sneijder, a vostro piacere)

E se dovesse andare male...beh, è difficile dirlo.
Momento serietà: Purtroppo nella vita le delusioni capitano. Noi cerchiamo sempre di essere allegri e strapparvi un sorriso. Se volete prepararvi al meglio, vi linkiamo il sito di un team di psicoterapeuti francesi molto bravi, che spiegano bene come comportarsi in questi casi. Può aiutare molto.

Notizie flash

Ultimi articoli

10/07/2021
Come affrontare i 10 disturbi più tipici dell'interismo

+++ Attenzione: questa satira potrebbe contenere tracce di articolo: ci scusiamo per il disagio ++++ SIGNORE! SIGNORI! MAMME, ZIE, PADRI ZII, FRATELLI CUGINI, QUASI NIPOTI! ACCORRETE TUTTI! Cari amici di Ranocchiate, prima di cominciare la nuova stagione, abbiamo pensato che fosse arrivato il momento adatto per una importante riflessione.Ogni giorno un interista soffre. Secondo uno […]

11/06/2021
Dieci pensieri su #Euro2020

10 - Sono talmente in astinenza da calcio che ho guardato pure tutte le amichevoli, anche in contemporanea. 9 - A questo proposito, far giocare Tino Lazaro e Christian Eriksen alla stessa ora è illegale, a meno che i due non giochino nella stessa squadra (tipo l’Inter). 8 - Possiamo passare direttamente al punto in […]

05/06/2021
5 motivi per voler bene a Simone Inzaghi

1. PERCHÉ C'ERA ANCHE LUI IL 5 MAGGIO Dopo Antonio Conte, ospitiamo sulla nostra panchina un altro dei protagonisti di quella maledetta giornata che noi interisti non dimenticheremo mai.Se anche Inzaghi dovesse riuscire a vincere come il suo predecessore, avremo esorcizzato un altro pezzettino del 5 maggio.A quel punto, ci basterà soltanto vincere un Triplete […]

27/05/2021
Il nostro libro

Nonostante tutto quello che è successo ieri.Nonostante non si possa passare un giorno, nella vita di noi interisti, sereni.Nonostante l’interismo sia eterna dannazione.Nonostante abbiano deciso di rovinarci la festa.Nonostante tutto, noi abbiamo vinto lo scudetto. Cazzo.E, nonostante tutto, avevamo in programma il lancio di un libro, il nostro, per oggi. Il frutto di settimane di […]

24/05/2021
Inter - Udinese, dieci pensieri post - partita

10 - Io quando mi rendo conto che questa è l'ultima partita dell'Inter: 9 - Ma poi mi ricordo che L'ABBIAMO ALZATA NOI 8 - Ma questo non ci permette di far passare in sordina il fatto che Goeffrey Kondogbia e Sime Vrsaljko sono diventati Campioni di Spagna. 7 - Ecco, bravi, salutatelo e rimandatecelo […]

23/05/2021
Inter - Udinese, il pagellone del finale di stagione

HANDA 19: I latini dicevano "Vincit qui patitur", vince chi resiste.Tu non è che hai semplicemente resistito, hai lottato come uno spartano contro le sfighe, le più che lecite blasfemie, i ribaltoni e, a volte, anche contro la nostra stessa difesa. Anni di miracoli e di bocconi amari che ti hanno reso un degno leader […]

linkedin facebook pinterest youtube rss twitter instagram facebook-blank rss-blank linkedin-blank pinterest youtube twitter instagram