25/02/2018

Tu chiamale se vuoi, emozioni

E’ GOL! E’ GOL! E’ GOL E’ GOL E’ GOL! IL CAAAAAAPIIIIIITANOOOOOOOO!

Cari amici di Ranocchiate, non potevo non partire da qui, ovviamente.

Ho risposto così persino a mia madre, stamattina.

 

Dai, onesto! Quanto è bello svegliarsi dopo una vittoria – mai scontata di questo periodo, persino contro al Benevento – ma soprattutto dopo che HAFATTOGOLPROPRIOANDREAAAAA?!

E’ stata una di quelle giornate in cui la magia era nell’aria già dalla mattinata, per cui poca cronaca quest’oggi, ha più senso dare spazio alle emozioni, che cose del genere devi provare a viverle, per capirle davvero.

 

Ore 12.34 - Sono al telefono con Luca, mio amico di lunga data, si parla di fantacalcio: Luca, povero miscredente juventino, osa schierarsi contro Andrea.

 

Sommo, perdonali, non sanno quello che dicono.

 

Al che, ovviamente, è partita la mia orgogliosa difesa del nostro VERO capitano, conclusasi con un “Vedrai, oggi segna e si riscatta! Te lo dico!”

 

Brividi.

 

Ore 13.30 – Scorro la formazione del Benevento e cerco di capire chi potrebbe giocare la partita della vita questa sera: immagino già Djimisiti versione Samuel, Cataldi che fa lanci di 40 metri sul piede manco fosse Xavi.
E chi diventerà il Messi della serata?
Punto tutto su Brignola: sconosciuto, gol alla scorsa giornata, versione cinese di Brignoli, ormai secondo portiere; ce lo vedo bene a far ammattire tutta la nostra difesa con dribbling ubriacanti ed inserimenti letali.

 

Ore 20.45 – Nel pomeriggio mi sono reso conto di essere teso per questa partita: sono messo male.

La partita però comincia, col Benevento dobbiamo farcela.

 

All’improvviso, dopo 2 minuti di partita, la mia connessione WiFi salta per via del maltempo: provo la qualunque per farla ripartire, nulla da fare.
E non ho nemmeno la radio.

Bene.

 

Gli altri Ranocchi commentano come sempre la partita sul gruppo Whatsapp: uno di noi è allo stadio, pare non tiri una bella aria; qualcuno ha voglia di spegnere la TV, qualcun altro parla di Barçavento.

Altri, cioè io, imprecano per la connessione non funzionante.

 

Decido quindi di interpellare il mio fedele cugino interista, Nicholas, per chiedergli cosa sta succedendo: “ZERO VOGLIA” è la sua risposta iniziale, seguita da una descrizione della situazione che ricorda più un film comico che una partita di calcio; finisce il primo tempo e la mia connessione ancora non funziona.

Ma decido di fare ancora una volta lo sborone e dico a Nicholas: “Massì dai! Sanno che non mi funziona la connessione e stanno solo creando un po' di suspense! Vedrai che appena la connessione torna a funzionare segniamo”

 

Ora, voi siate liberi di credermi o meno ovviamente, ma vi assicuro che la mia connessione è ripartita 1 minuto prima del gol di Skriniar e si è bloccata di nuovo un minuto dopo.

E’ ripartita su un calcio di punizione, vedo Andrea che si stacca, la palla entra in rete, si blocca di nuovo.

 

 

MA OHMMMIODIOHASEGNATOANDREAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAA

 

Ora, mi domando: COSA CAZZO E’ SUCCESSO?! COME ABBIAMO FATTO A SEGNARE DUE GOL IN TRE MINUTI?!

 

Ah, è entrato Yann

 

<3 <3 <3

 

Da lì in poi ho potuto finalmente seguire il resto della partita, anche se pensavo solo al fatto che HASEGNATOANDREA e quindi non l’ho seguita davvero.

 

Mi ha fatto troppo ridere il fatto che abbia esultato come Del Piero, fare la linguaccia sembra persino un gesto scomposto fatto da lui: per chi di voi ha seguito Bojack Horseman, mi ha ricordato più Mr.PeanutButter che Del Piero; sono troppo belli tutti e due per non amarli.

Tu chiamale se vuoi, emozioni 1 Ranocchiate

 

E’ tutto così bello che persino un altro amico che nemmeno lo segue il calcio, Mario, scopre del gol di Andrea e mi scrive

 

Tu chiamale se vuoi, emozioni 2 Ranocchiate

Eh vabbè, giusto per farvi capire quanto sia bello Andrea, ce ne fosse bisogno.

Vincere col Benevento, ultimo in classifica, era l’unico risultato ammissibile.
Non abbiamo giocato bene ed oltre ai gol abbiamo prodotto ben poco.

 

Da adesso però, conta solo una cosa:

Domenica 4 Marzo, ore 20.45, Milan-Inter.

…E Joao Mario, stavolta, non gioca.

 

Tu chiamale se vuoi, emozioni

E’ GOL! E’ GOL! E’ GOL E’ GOL E’ GOL! IL CAAAAAAPIIIIIITANOOOOOOOO!

Cari amici di Ranocchiate, non potevo non partire da qui, ovviamente.

Ho risposto così persino a mia madre, stamattina.

 

Dai, onesto! Quanto è bello svegliarsi dopo una vittoria – mai scontata di questo periodo, persino contro al Benevento – ma soprattutto dopo che HAFATTOGOLPROPRIOANDREAAAAA?!

E’ stata una di quelle giornate in cui la magia era nell’aria già dalla mattinata, per cui poca cronaca quest’oggi, ha più senso dare spazio alle emozioni, che cose del genere devi provare a viverle, per capirle davvero.

 

Ore 12.34 - Sono al telefono con Luca, mio amico di lunga data, si parla di fantacalcio: Luca, povero miscredente juventino, osa schierarsi contro Andrea.

 

Sommo, perdonali, non sanno quello che dicono.

 

Al che, ovviamente, è partita la mia orgogliosa difesa del nostro VERO capitano, conclusasi con un “Vedrai, oggi segna e si riscatta! Te lo dico!”

 

Brividi.

 

Ore 13.30 – Scorro la formazione del Benevento e cerco di capire chi potrebbe giocare la partita della vita questa sera: immagino già Djimisiti versione Samuel, Cataldi che fa lanci di 40 metri sul piede manco fosse Xavi.
E chi diventerà il Messi della serata?
Punto tutto su Brignola: sconosciuto, gol alla scorsa giornata, versione cinese di Brignoli, ormai secondo portiere; ce lo vedo bene a far ammattire tutta la nostra difesa con dribbling ubriacanti ed inserimenti letali.

 

Ore 20.45 – Nel pomeriggio mi sono reso conto di essere teso per questa partita: sono messo male.

La partita però comincia, col Benevento dobbiamo farcela.

 

All’improvviso, dopo 2 minuti di partita, la mia connessione WiFi salta per via del maltempo: provo la qualunque per farla ripartire, nulla da fare.
E non ho nemmeno la radio.

Bene.

 

Gli altri Ranocchi commentano come sempre la partita sul gruppo Whatsapp: uno di noi è allo stadio, pare non tiri una bella aria; qualcuno ha voglia di spegnere la TV, qualcun altro parla di Barçavento.

Altri, cioè io, imprecano per la connessione non funzionante.

 

Decido quindi di interpellare il mio fedele cugino interista, Nicholas, per chiedergli cosa sta succedendo: “ZERO VOGLIA” è la sua risposta iniziale, seguita da una descrizione della situazione che ricorda più un film comico che una partita di calcio; finisce il primo tempo e la mia connessione ancora non funziona.

Ma decido di fare ancora una volta lo sborone e dico a Nicholas: “Massì dai! Sanno che non mi funziona la connessione e stanno solo creando un po' di suspense! Vedrai che appena la connessione torna a funzionare segniamo”

 

Ora, voi siate liberi di credermi o meno ovviamente, ma vi assicuro che la mia connessione è ripartita 1 minuto prima del gol di Skriniar e si è bloccata di nuovo un minuto dopo.

E’ ripartita su un calcio di punizione, vedo Andrea che si stacca, la palla entra in rete, si blocca di nuovo.

 

 

MA OHMMMIODIOHASEGNATOANDREAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAA

 

Ora, mi domando: COSA CAZZO E’ SUCCESSO?! COME ABBIAMO FATTO A SEGNARE DUE GOL IN TRE MINUTI?!

 

Ah, è entrato Yann

 

<3 <3 <3

 

Da lì in poi ho potuto finalmente seguire il resto della partita, anche se pensavo solo al fatto che HASEGNATOANDREA e quindi non l’ho seguita davvero.

 

Mi ha fatto troppo ridere il fatto che abbia esultato come Del Piero, fare la linguaccia sembra persino un gesto scomposto fatto da lui: per chi di voi ha seguito Bojack Horseman, mi ha ricordato più Mr.PeanutButter che Del Piero; sono troppo belli tutti e due per non amarli.

Tu chiamale se vuoi, emozioni 3 Ranocchiate

 

E’ tutto così bello che persino un altro amico che nemmeno lo segue il calcio, Mario, scopre del gol di Andrea e mi scrive

 

Tu chiamale se vuoi, emozioni 4 Ranocchiate

Eh vabbè, giusto per farvi capire quanto sia bello Andrea, ce ne fosse bisogno.

Vincere col Benevento, ultimo in classifica, era l’unico risultato ammissibile.
Non abbiamo giocato bene ed oltre ai gol abbiamo prodotto ben poco.

 

Da adesso però, conta solo una cosa:

Domenica 4 Marzo, ore 20.45, Milan-Inter.

…E Joao Mario, stavolta, non gioca.

 

Notizie flash

Ultimi articoli

03/05/2021
Crotone - Inter, il pagellone dei Campioni d'Italia

HANDA 7: Accendo in ritardo la partita e me lo ritrovo che si lancia ad anticipare un avversario del Crotone come fosse il superman de no altri. Col passare dei minuti il Crotone non si vede più dalle sue parti e può dedicarsi al suo passatempo preferito: la lettura del capolavoro "100 portieri meno #bdun […]

02/05/2021
Crotone - Inter, dieci pensieri post-partita

10 - Mille sfumature di Christian Eriksen per cominciare bene questi dieci pensieri e benedire la vostra giornata. 9 - I pali delle porte entrano di diritto nella top 3 della lista delle cose che odio di più al mondo. 8 - EEEEEE SE NEEE VAAAAAAAAAA LA CAPOLISTA SE NE VAAAAAAAAAAA LA CAPOLISTA SE NE […]

01/05/2021
Crotone - Inter nel tempo di un peperoncino danese

Considerazioni pre partita a caldo: 1) Una volta ci cantavano "avete solo la nebbia". Ora c'è la nebbia pure a Crotone… È proprio vero che chi disprezza ama. 2) Loro hanno Rino Gaetano come inno e noi Povia. Piango assai. Primo tempo 1’ - Ma, che, davvero? Sensi.Titolare. Sono confuso. 3’ - Tutto molto confondente. […]

01/05/2021
Crotone - Inter, 10 cose che ci fanno ben sperare

Siamo interisti e stiamo per vincere uno Scudetto dopo undici anni. AAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAA QUESTO PAZZO COGLI*NE COSA STA DICENDOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOO????? FERMATELOOOOO!!! NON FATELO ANDARE AVANTI!! Dai ragazz*. Non fate come lo Zio Beppe! Vi capisco, ne abbiamo viste di cotte e di crude nella nostra storia nerazzurra e ammetto di essere anch'io uno di quelli che finché […]

29/04/2021
I dolori del giovane Brozo: Moja voljena Hvratska!

Tuto komincia 29 anni fa.Ero epico spermatozoo hvratski nato per kaso: tuti brati morti e durante giro mensijle io ritrovato in pancia mamma Brozo.All'inizio tuto bello: mangijo e dormo. Dormo e mangijo. Poi quando nato cambija tuto: noi bambini Hvratska diversi da bambini qui Italia. Lí se non parli in mesetto dicono tu rotto. Ricordo […]

26/04/2021
Inter - Hellas Verona, il pagellone della santa trinità

HANDA 10: Ci ha preso gusto. Da vero capitano, si innalza a difesa dell'interismo vecchia scuola anche a costo di rovinarsi la carriera: ecco perché aspetta che la palla ricada con la stessa sicurezza con cui aspetto il prossimo disastro ferroviario che mi complicherà la vita.Lui lo fa per noi. Credo.È bello incominciare a urlare […]

linkedin facebook pinterest youtube rss twitter instagram facebook-blank rss-blank linkedin-blank pinterest youtube twitter instagram