15/04/2022

Spezia - Inter, 5 scenari (im)probabili

Brati e sestre... BUONGIORNOOOOO.
10 giorni fa eravamo nel punto più basso del meme di mr Incredible: terzi in classifica pronti a sfilare al quarto posto dietro gli scoloriti nell'acme della #CRISINTER. Oggi, 10 giorni dopo, siamo secondi in classifica, con la REMOTISSIMA possibilità di sorpassare il Milan grazie al recupero contro il Bologna che finalmente, e direi GIUSTAMENTE (crying in pain...), è stato fissato. Ora, non ho idea di cosa possa succedere da qui al 27 aprile, fatto sta che ad oggi la situazione è decisamente migliorata.

Spezia - Inter, 5 scenari (im)probabili 1 Ranocchiate
noi ora vs noi due settimane fa.

Queste ultime due vittorie son state la crasi del gioco di Conte e del gioco di Inzaghi, abbiamo vinto demeritando con la Juve e poi abbiamo vinto giocando bene con il Verona. Ora è il momento di unire anche la filosofia di Spalletti: fallire l'appuntamento sulla carta più facile, lo Spezia.
Tra l'altro lo Spezia è una squadra che mi sta molto simpatica; L'anno scorso ha battuto il Milan 2-0 permettendoci di sorpassarli e permettendoci di sfruttare a nostro favore la celebre frase IL SORPASSO? LA PROSSIMA VOLTAAA, IL SORPASSO? LA PROSSIMA VOLTAA (c'è chi l'ha letto con la sua voce e chi mente).
Quest'anno poi li hanno ribattuti 2-1 nel recupero dopo che Massa non ha concesso la regola del vantaggio su Rebic. Vi ricorderete i titoloni scandalistici post partita, con l'arbitro in lacrime nello spogliatoio e i giocatori del Milan, candidati al premio nobel per la pace, a consolarlo.

Non c'è due senza tre, e quindi cari amici speziani, speziesi, va beh... cari amici tifosi dello Spezia, fateci il terzo favore della stagione, fateci vincere dai, siamo così carini e coccolosi, il vostro allenatore ha vinto un triplete con noi da protagonista (Messi se lo sogna ancora la notte), tanto siete già salvi, cosa ve ne frega di darci fastidio. Facciamo così, facciamo un patto, un gentleman agreement come dicono quelli studiati... voi ci fate vincere e noi non lo mettiamo in campo.
Avete capito bene, se voi ci eviterete lo piscodramma, noi lasceremo in panchina LUI, l'innominabile, il vostro castigatore: GERRARDINI.
Al sol sentir nominare quel nome le case di voi liguri tremano e i vostri occhi lacrimano, e non è quello che noi vogliamo: noi veniamo in pace, nel nome di Crist... vabbeh è Venerdì santo, lasciamolo stare in quei tre giorni di ferie che si è preso.

Spezia - Inter, 5 scenari (im)probabili 2 Ranocchiate
cosa vedono tutte le squadre vs cosa vedono le squadre liguri

A proposito del giorno... si gioca di Venerdì santo.
Non so se sia peggio il fatto che è un venerdì o che è un giorno di celebrazione cattolica.
Per quanto riguarda il Venerdì, beh che dire, lo sappiamo tutti che giocar in orari non consoni non ci porta mai fortuna, inoltre, essendo l'anticipo, se va male (e andrà male) ci rovineremo tutto il weekend. Quando perdiamo di domenica abbiamo solo una notte di sconforto prima che ricominci lo sconforto settimanale classico (Schopenhauer, is it you?), di sabato abbiamo solo un giorno prima dello sconforto feriale, ma perdendo di venerdì ci roviniamo tutto il weekend: saremo più cadaverici di Gesù in quei giorni.
Ecco appunto, non è un venerdì qualsiasi, è Venerdì santo ed è noto come durante i 90 minuti settimanali di Inter il nostro rapporto con la religione si incrina: son 90 minuti in cui infrangiamo sicuramente il secondo comandamento, non pronunciare il nome di Dio invano, per non parlare del fatto che noi crediamo nel politeismo e veneriamo diverse divinità: il Sommo Capitano in primis, ma poi ci sono i vari Perisic, Brozovic, Barella, Skirinar, Bastoni, Eriksen, Rafinha, Riky Alvarez, Hakimi e i vari #MITT.

Spezia - Inter, 5 scenari (im)probabili 3 Ranocchiate
come si fa a non venerarlooooooo.

Ecco a proposito, i #MITT, quella categoria di semi Dei esotici, giovani e inesperti, che i laici allenatori interisti non hanno il coraggio di lanciare nonostante un'intera comunità li voglia vedere, potrebbero ritorcersi contro di noi in questa partita.
Ebbene si amici, lo Spezia in attacco può schierare non uno, ma due ex #MITT interisti, Salcedo e O Rey Manaj.
Il primo non viene convocato da 8 partite e non entra in campo da 17, quale migliore occasione per tornare a brillare se non contro la sua ex squadra che gentilmente sarà in grado di farlo resuscitare (bastaaaa, devo smetterla di fare ste battute in questi giorni!).
Manaj invece è titolare fisso di questa squadra e probabilmente partirà titolare contro di noi: ha fatto 4 gol in 24 partite, è palese che ci purgherà per aver precisamente la radice quadrata di gol rispetto alle partite giocate in campionato (5 in 25). Un dato letteralmente clamoroso, com'è clamoroso che io non sia ancora in un manicomio dato che scrivo certe cose.

Quindi ricapitolando, a nostro favore c'è l'entusiasmo del momento e il fatto di giocar per primi, che da una settimana a questa parte sembra diventato il fattore principale delle nostre vittorie, insieme agli aiuti degli arbitri e al Var, mentre a favor loro c'è che giocare di Venerdì Santo sicuramente non ci porterà bene data la nostra costante blasfemia.
Inoltre entrambe le compagini possono schierare un'arma segreta, subdola e letale: l'Inter ha dalla sua Gerrardini, mentre lo Spezia ha dalla sua i MITTINI.
Fatte le doverose premesse su questa sfida importantissima, e date le variabili impazzite che ci sono, è il momento di immaginarsi 5 scenari (im)probabili su come possa finire.

SCENARIO ANDREA RANOCCHIA
Inutile dire che è lo scenario migliore: entriamo in campo con la stessa voglia che ha Vidal nel fare tiktok cringe e la sblocchiamo subito con un incredibile azione binaria del Toro e del Cigno. 10 minuti dopo si alternano gli ruoli, 2 gol e 2 assist in 30 minuti per la coppia che (solitamente non) scoppia.
Nel secondo tempo Gosens trova il primo gol con questa maglia su assist di Perisic e i due fieri marcantoni esultano con un meraviglioso bacio sotto la Nord che si colora di arcobaleno per l'occasione.
AL 70esimo Inzaghi (che è infido e bastardo come la rucola! -cit.) decide sadicamente di far entrare il Gaglia che fa doppietta con un gol in rovesciata e uno in scorpione.

Spezia - Inter, 5 scenari (im)probabili 4 Ranocchiate
perché non hai questa voglia in campo? PERCHÈÈÈÈÈÈ

SCENARIO RAFINHA
Già dal nome si intuisce che è uno scenario felice seppur pieno di sofferenza.
La sfangheremo con il classico decisivo gol primaverile di Darmian, subentrato a un Fifino in lacrime per aver commesso un goffo autogol. Il gol decisivo avverrà all'88esimo e porterà a uno stiramento del polpaccio di Inzaghi che improvviserà una corsa di Mazzoniana memoria per festeggiare l'insperato vantaggio.
Dolorante in conferenza stampa affermerà: "MA IO PENSO CHEEEEEEEEEEEEEEEEEEEEEEEEEEEEEEEEEEEEEEEEEEEEEEEEEEEEEEEEEEEEEEEEEEEEEEEEEEEEEE il polpazzio mi faccia molto male"

Spezia - Inter, 5 scenari (im)probabili 5 Ranocchiate
non ci arriviamo alla fine di questa stagione, letteralmente.

SCENARIO KOLAROV
Beh che dire, è quel classico scenario insapore, triste e inutile tipico dei due mesi di #CRISINTER appena avuti. Attaccheremo ma senza fluidità, non subiremo gol ma rischieremo qualcosina che ci farà dimenticare la religiosità della giornata, creeremo qualche occasione ma non centreremo la porta... insomma finirà 0-0 tra grandi rimpianti scatenando la gioia del popolo milanista che sfruttando a favore questo stop nerazzurro vincerà con sprazzi di Piolismo sul Genoa.
In conferenza stampa mr. coerenza Stefano Pioli dirà che per la sua squadra è stato ininfluente aver saputo l'esito della partita dell'Inter qualche minuto prima, dato che a loro del risultato degli altri non frega niente.

Spezia - Inter, 5 scenari (im)probabili 6 Ranocchiate
la nostra faccia a sentire Pioli che a distanza di una settimana afferma: "non ci interessa delle altre squadre" e poi: "è ingiusto che l'Inter giochi sempre prima di noi"

SCENARIO GASPERINI
Nomen omen, dicevano i latini. Chiaramente si tratta di uno scenario doloroso, antipatico e nefasto, quella classica partita che ti fa andare a letto arrabbiato con il mondo e non ti fa dormire.
Passiamo in vantaggio con la nostra cialda croccante e sembra che vada tutto bene, ma poi nel secondo tempo su palla persa di Vidal e su dribbling sbagliato di Sanchez con annessa ripartenza dello Spezia veniamo purgati.
Abbiamo perso e fallito l'appuntamento più facile nel momento più importante della stagione, la delusione è tanta e pure i Cileni sembrano davvero rammaricati: aspetteranno ben 30 minuti prima di pubblicare un balletto su TikTok e una foto di un leone.

Spezia - Inter, 5 scenari (im)probabili 7 Ranocchiate
per non dimenticare...

SCENARIO MAURO I****I
Se per i liguri il nome di Gagliardini è impronunciabile, beh, per i nerazzurri lo è altrettanto il suo.
Scinochio, Makism Jovanovic, il cagnolino di quella là che si chiama come lo stadio dell'Atletico Madrid... insomma abbiamo trovato molti modi per non pronunciare il suo nome.
Uno scenario che viene intitolato alla sua memoria non può che essere tragico, deludente e distruttivo, portatore di discordie interne e #CRISINTER.
i due #MITT segneranno due gol ciascuno, due gol a tempo, ad ogni gol di uno segue l'assist dell'altro. Rey Manaj, ex mittino interista si trasforma in O REY PELE, atto II, e farà due gol strabilianti. Eddie Salcedo a sua volta si trasforma in Felipe Caiced.. ehm ho sbagliato, vabbeh si trasforma in un misto di Van Basten e Di Stefano e segnerà due gol di una potenza ed eleganza fuori dal comune (ehi, vengo dal futuro, nel 2035 si ritira con solo quella doppietta all'attivo).
Thiago Motta, inebriato da questo tiki taka della sua squadra, decide di infilarsi gli scarpini e di scendere in campo: dopo pochi minuti segna grazie a una serpentina di Bruno Peresiana memoria superando e bruciando in velocità prima Perisic e poi Gosens.
A fine partita, rientrati negli spogliatoi, scoppia una furente lite tra gli slavi e i sud americani (2018 vibeees) che culminerà con la spaccatura dello spogliatoio, sia in senso metaforico che materiale.
L'Inter non si rialzerà più da una batosta del genere, affranta e delusa soprattutto per essersi illusa qualche giorno prima di poter vincere nuovamente lo scudetto e finirà la stagione quinta in classifica dietro anche alla Roma.

Spezia - Inter, 5 scenari (im)probabili 8 Ranocchiate
o muori da #mitt, o vivi tanto a lungo da diventare il cattivo -semi cit.

Questi sono i 5 scenari (im)probabili in cui si concluderà la partita di Venerdì santo.
Se credete in Dio, dato il periodo, pregate per noi e per la nostra Inter; Se credete nella ragione, spero non abbiate letto fino a qua i miei deliri calcistici; Se siete ottimisti, spero abbiate letto soltanto i primi due scenari e speriamo tutti insieme che se ne possa verificare uno dei due.
Buon Spezia - Inter e buona pasqua a tutti amici!

Spezia - Inter, 5 scenari (im)probabili

Brati e sestre... BUONGIORNOOOOO.
10 giorni fa eravamo nel punto più basso del meme di mr Incredible: terzi in classifica pronti a sfilare al quarto posto dietro gli scoloriti nell'acme della #CRISINTER. Oggi, 10 giorni dopo, siamo secondi in classifica, con la REMOTISSIMA possibilità di sorpassare il Milan grazie al recupero contro il Bologna che finalmente, e direi GIUSTAMENTE (crying in pain...), è stato fissato. Ora, non ho idea di cosa possa succedere da qui al 27 aprile, fatto sta che ad oggi la situazione è decisamente migliorata.

Spezia - Inter, 5 scenari (im)probabili 9 Ranocchiate
noi ora vs noi due settimane fa.

Queste ultime due vittorie son state la crasi del gioco di Conte e del gioco di Inzaghi, abbiamo vinto demeritando con la Juve e poi abbiamo vinto giocando bene con il Verona. Ora è il momento di unire anche la filosofia di Spalletti: fallire l'appuntamento sulla carta più facile, lo Spezia.
Tra l'altro lo Spezia è una squadra che mi sta molto simpatica; L'anno scorso ha battuto il Milan 2-0 permettendoci di sorpassarli e permettendoci di sfruttare a nostro favore la celebre frase IL SORPASSO? LA PROSSIMA VOLTAAA, IL SORPASSO? LA PROSSIMA VOLTAA (c'è chi l'ha letto con la sua voce e chi mente).
Quest'anno poi li hanno ribattuti 2-1 nel recupero dopo che Massa non ha concesso la regola del vantaggio su Rebic. Vi ricorderete i titoloni scandalistici post partita, con l'arbitro in lacrime nello spogliatoio e i giocatori del Milan, candidati al premio nobel per la pace, a consolarlo.

Non c'è due senza tre, e quindi cari amici speziani, speziesi, va beh... cari amici tifosi dello Spezia, fateci il terzo favore della stagione, fateci vincere dai, siamo così carini e coccolosi, il vostro allenatore ha vinto un triplete con noi da protagonista (Messi se lo sogna ancora la notte), tanto siete già salvi, cosa ve ne frega di darci fastidio. Facciamo così, facciamo un patto, un gentleman agreement come dicono quelli studiati... voi ci fate vincere e noi non lo mettiamo in campo.
Avete capito bene, se voi ci eviterete lo piscodramma, noi lasceremo in panchina LUI, l'innominabile, il vostro castigatore: GERRARDINI.
Al sol sentir nominare quel nome le case di voi liguri tremano e i vostri occhi lacrimano, e non è quello che noi vogliamo: noi veniamo in pace, nel nome di Crist... vabbeh è Venerdì santo, lasciamolo stare in quei tre giorni di ferie che si è preso.

Spezia - Inter, 5 scenari (im)probabili 10 Ranocchiate
cosa vedono tutte le squadre vs cosa vedono le squadre liguri

A proposito del giorno... si gioca di Venerdì santo.
Non so se sia peggio il fatto che è un venerdì o che è un giorno di celebrazione cattolica.
Per quanto riguarda il Venerdì, beh che dire, lo sappiamo tutti che giocar in orari non consoni non ci porta mai fortuna, inoltre, essendo l'anticipo, se va male (e andrà male) ci rovineremo tutto il weekend. Quando perdiamo di domenica abbiamo solo una notte di sconforto prima che ricominci lo sconforto settimanale classico (Schopenhauer, is it you?), di sabato abbiamo solo un giorno prima dello sconforto feriale, ma perdendo di venerdì ci roviniamo tutto il weekend: saremo più cadaverici di Gesù in quei giorni.
Ecco appunto, non è un venerdì qualsiasi, è Venerdì santo ed è noto come durante i 90 minuti settimanali di Inter il nostro rapporto con la religione si incrina: son 90 minuti in cui infrangiamo sicuramente il secondo comandamento, non pronunciare il nome di Dio invano, per non parlare del fatto che noi crediamo nel politeismo e veneriamo diverse divinità: il Sommo Capitano in primis, ma poi ci sono i vari Perisic, Brozovic, Barella, Skirinar, Bastoni, Eriksen, Rafinha, Riky Alvarez, Hakimi e i vari #MITT.

Spezia - Inter, 5 scenari (im)probabili 11 Ranocchiate
come si fa a non venerarlooooooo.

Ecco a proposito, i #MITT, quella categoria di semi Dei esotici, giovani e inesperti, che i laici allenatori interisti non hanno il coraggio di lanciare nonostante un'intera comunità li voglia vedere, potrebbero ritorcersi contro di noi in questa partita.
Ebbene si amici, lo Spezia in attacco può schierare non uno, ma due ex #MITT interisti, Salcedo e O Rey Manaj.
Il primo non viene convocato da 8 partite e non entra in campo da 17, quale migliore occasione per tornare a brillare se non contro la sua ex squadra che gentilmente sarà in grado di farlo resuscitare (bastaaaa, devo smetterla di fare ste battute in questi giorni!).
Manaj invece è titolare fisso di questa squadra e probabilmente partirà titolare contro di noi: ha fatto 4 gol in 24 partite, è palese che ci purgherà per aver precisamente la radice quadrata di gol rispetto alle partite giocate in campionato (5 in 25). Un dato letteralmente clamoroso, com'è clamoroso che io non sia ancora in un manicomio dato che scrivo certe cose.

Quindi ricapitolando, a nostro favore c'è l'entusiasmo del momento e il fatto di giocar per primi, che da una settimana a questa parte sembra diventato il fattore principale delle nostre vittorie, insieme agli aiuti degli arbitri e al Var, mentre a favor loro c'è che giocare di Venerdì Santo sicuramente non ci porterà bene data la nostra costante blasfemia.
Inoltre entrambe le compagini possono schierare un'arma segreta, subdola e letale: l'Inter ha dalla sua Gerrardini, mentre lo Spezia ha dalla sua i MITTINI.
Fatte le doverose premesse su questa sfida importantissima, e date le variabili impazzite che ci sono, è il momento di immaginarsi 5 scenari (im)probabili su come possa finire.

SCENARIO ANDREA RANOCCHIA
Inutile dire che è lo scenario migliore: entriamo in campo con la stessa voglia che ha Vidal nel fare tiktok cringe e la sblocchiamo subito con un incredibile azione binaria del Toro e del Cigno. 10 minuti dopo si alternano gli ruoli, 2 gol e 2 assist in 30 minuti per la coppia che (solitamente non) scoppia.
Nel secondo tempo Gosens trova il primo gol con questa maglia su assist di Perisic e i due fieri marcantoni esultano con un meraviglioso bacio sotto la Nord che si colora di arcobaleno per l'occasione.
AL 70esimo Inzaghi (che è infido e bastardo come la rucola! -cit.) decide sadicamente di far entrare il Gaglia che fa doppietta con un gol in rovesciata e uno in scorpione.

Spezia - Inter, 5 scenari (im)probabili 12 Ranocchiate
perché non hai questa voglia in campo? PERCHÈÈÈÈÈÈ

SCENARIO RAFINHA
Già dal nome si intuisce che è uno scenario felice seppur pieno di sofferenza.
La sfangheremo con il classico decisivo gol primaverile di Darmian, subentrato a un Fifino in lacrime per aver commesso un goffo autogol. Il gol decisivo avverrà all'88esimo e porterà a uno stiramento del polpaccio di Inzaghi che improvviserà una corsa di Mazzoniana memoria per festeggiare l'insperato vantaggio.
Dolorante in conferenza stampa affermerà: "MA IO PENSO CHEEEEEEEEEEEEEEEEEEEEEEEEEEEEEEEEEEEEEEEEEEEEEEEEEEEEEEEEEEEEEEEEEEEEEEEEEEEEEE il polpazzio mi faccia molto male"

Spezia - Inter, 5 scenari (im)probabili 13 Ranocchiate
non ci arriviamo alla fine di questa stagione, letteralmente.

SCENARIO KOLAROV
Beh che dire, è quel classico scenario insapore, triste e inutile tipico dei due mesi di #CRISINTER appena avuti. Attaccheremo ma senza fluidità, non subiremo gol ma rischieremo qualcosina che ci farà dimenticare la religiosità della giornata, creeremo qualche occasione ma non centreremo la porta... insomma finirà 0-0 tra grandi rimpianti scatenando la gioia del popolo milanista che sfruttando a favore questo stop nerazzurro vincerà con sprazzi di Piolismo sul Genoa.
In conferenza stampa mr. coerenza Stefano Pioli dirà che per la sua squadra è stato ininfluente aver saputo l'esito della partita dell'Inter qualche minuto prima, dato che a loro del risultato degli altri non frega niente.

Spezia - Inter, 5 scenari (im)probabili 14 Ranocchiate
la nostra faccia a sentire Pioli che a distanza di una settimana afferma: "non ci interessa delle altre squadre" e poi: "è ingiusto che l'Inter giochi sempre prima di noi"

SCENARIO GASPERINI
Nomen omen, dicevano i latini. Chiaramente si tratta di uno scenario doloroso, antipatico e nefasto, quella classica partita che ti fa andare a letto arrabbiato con il mondo e non ti fa dormire.
Passiamo in vantaggio con la nostra cialda croccante e sembra che vada tutto bene, ma poi nel secondo tempo su palla persa di Vidal e su dribbling sbagliato di Sanchez con annessa ripartenza dello Spezia veniamo purgati.
Abbiamo perso e fallito l'appuntamento più facile nel momento più importante della stagione, la delusione è tanta e pure i Cileni sembrano davvero rammaricati: aspetteranno ben 30 minuti prima di pubblicare un balletto su TikTok e una foto di un leone.

Spezia - Inter, 5 scenari (im)probabili 15 Ranocchiate
per non dimenticare...

SCENARIO MAURO I****I
Se per i liguri il nome di Gagliardini è impronunciabile, beh, per i nerazzurri lo è altrettanto il suo.
Scinochio, Makism Jovanovic, il cagnolino di quella là che si chiama come lo stadio dell'Atletico Madrid... insomma abbiamo trovato molti modi per non pronunciare il suo nome.
Uno scenario che viene intitolato alla sua memoria non può che essere tragico, deludente e distruttivo, portatore di discordie interne e #CRISINTER.
i due #MITT segneranno due gol ciascuno, due gol a tempo, ad ogni gol di uno segue l'assist dell'altro. Rey Manaj, ex mittino interista si trasforma in O REY PELE, atto II, e farà due gol strabilianti. Eddie Salcedo a sua volta si trasforma in Felipe Caiced.. ehm ho sbagliato, vabbeh si trasforma in un misto di Van Basten e Di Stefano e segnerà due gol di una potenza ed eleganza fuori dal comune (ehi, vengo dal futuro, nel 2035 si ritira con solo quella doppietta all'attivo).
Thiago Motta, inebriato da questo tiki taka della sua squadra, decide di infilarsi gli scarpini e di scendere in campo: dopo pochi minuti segna grazie a una serpentina di Bruno Peresiana memoria superando e bruciando in velocità prima Perisic e poi Gosens.
A fine partita, rientrati negli spogliatoi, scoppia una furente lite tra gli slavi e i sud americani (2018 vibeees) che culminerà con la spaccatura dello spogliatoio, sia in senso metaforico che materiale.
L'Inter non si rialzerà più da una batosta del genere, affranta e delusa soprattutto per essersi illusa qualche giorno prima di poter vincere nuovamente lo scudetto e finirà la stagione quinta in classifica dietro anche alla Roma.

Spezia - Inter, 5 scenari (im)probabili 16 Ranocchiate
o muori da #mitt, o vivi tanto a lungo da diventare il cattivo -semi cit.

Questi sono i 5 scenari (im)probabili in cui si concluderà la partita di Venerdì santo.
Se credete in Dio, dato il periodo, pregate per noi e per la nostra Inter; Se credete nella ragione, spero non abbiate letto fino a qua i miei deliri calcistici; Se siete ottimisti, spero abbiate letto soltanto i primi due scenari e speriamo tutti insieme che se ne possa verificare uno dei due.
Buon Spezia - Inter e buona pasqua a tutti amici!

Notizie flash

Ultimi articoli

13/11/2022
Atalanta- Inter nel tempo di un ultimo caffè

Primo tempo 1’ - Palomino alla prima da titolare dell’anno dopo lo stop per il presunto caso di doping. Come gli miglioreremo ulteriormente la giornata? 5' - Dopo due sconfitte di fila, Atalanta in versione Olanda di Cruijff 12' - Ma quindi Bastoni era in mood Barella che si rotola e non si fa nulla […]

13/11/2022
Atalanta - Inter, il prepartita dell'ultima di campionato

Non so se essere più basito dal fatto che quella di oggi sia l'ultima partita dell'anno oppure dal fatto che ormai sia arrivato Natale. Cioè raga qui mancano qualcosa come 40 giorni o poco più e io ho ancora le t-shirt a maniche corte nel cesto del panni da lavare. Voi siete consci del fatto […]

10/11/2022
Inter - Bologna, il Pagellone del ritorno della grande Inter

ONANA 7 – La serata comincia con Musa Barrow (uno dei tanti che sembra avere un conto aperto con noi) che sfiora il gol, poi un tiro di Arna viene respinto con le cosce da Andrè, con un intervento che ricorda il sacrificio di Dambro in un derby di qualche anno fa. La differenza è […]

10/11/2022
Inter - Bologna, dieci ranocchie post-partita

🐸 - Abbiamo fatto 6 a 1 anche all’andata l’anno scorso, non serve giocare il ritorno che tanto sappiamo già come va a finire. 🐸- Ma poi non li potevate dividere sto gol, tipo 3 al Bologna e gli altri tre a Torino contro quelli là porcoilcaz 🐸 - Cose che non pensavo di vedere […]

09/11/2022
Inter - Bologna nel tempo di un caffè

0' - Milan e Roma pareggiano, lAtalanta perde, cosa potrebbe andare male oggi?Ah già, giochiamo noi. PRIMO TEMPO: 1’ - Vi diròVi diròVi diròChe la situa, dopo aver guardato FroggyCosì brutta non é 2' - Bare è già dolorante. Non so più se crederci o no 4' - Quasi gol del Bologna dopo un contropiede. […]

09/11/2022
Inter - Bologna, il prepartita delle speranze finite

Siamo fritti. Finiti. Distrutti. Se per una partita in casa contro il Bologna ci tocca scomodare il signore in copertina, ieri in visita alla Pinetina, significa che la situazione è davvero tragica. Non supereremo la notte. A conferma di quanto sto dicendo, arrivano immagini inedite dalla visita del Vate di ieri al centro di allenamento: […]

linkedin facebook pinterest youtube rss twitter instagram facebook-blank rss-blank linkedin-blank pinterest youtube twitter instagram