11/02/2018

Se stiamo sognando, non svegliateci

Cari amici di Ranocchiate, è tutto così bello che lo voglio ripetere ancora e aver già intitolato l’articolo così non mi basta: se stiamo sognando, vi prego, non svegliateci.
Continuo a dirlo perché ciò che accaduto è talmente bello da farmi aver paura che tutto ciò sia stato solo un sogno.

 

Io, come voi, in questo momento vorrei limitarmi a scrivere un semplicissimo

YANN KARAMOH

 

e non aggiungere nient’altro.

 

Però dai, facciamo tutti finta per qualche minuto che tutto il resto, tutto ciò che sta attorno ALFANTASTICOGOLDIKARAMOHCHECIHAFATTOTORNAREALLAVITTORIA sia importante.

 

La scorsa settimana, dopo la partita di Crotone, ho provato ad improvvisarmi cantastorie raccontandovi una favola improvvisata alla bene e meglio, che tanto della partita in sé era meglio non parlarne più di tanto.

Ed ora che giochiamo col Bologna?
Eh… in tutta onestà, prevedevo uccelli senza zucchero.

 

 

Poi, però, la favola ha deciso di provare a raccontarla il nostro Luciano: confermati Eder e Brozovic, torna Danilone D’Ambrosio sulla fascia al posto di Dalbert.
E fin qui tutto normale.
Fuori Candreva, dentro Karamoh.

E lì già ci spero.

Pronti via, ecco l’eroe in cui non crediamo ma di cui abbiamo bisogno: Eder segna un gol tanto brutto quanto utile, Handanovic fa una bellissima parata su un colpo di testa di Palacio, tutto esattamente come dovrebbe andare. Puntuale come un orologio, arriva la difficoltà: Miranda va in blackout totale, Palacio ringrazia ed è 1-1: quoque tu, Rodrigo…

 

 

Poi da lì accadono cose strane: ad esempio, D’Ambrosio colpisce la palla di testa, prende la traversa, si ri-coordina in rovesciata per cercare la ribattuta ma finisce per ostacolare Skriniar che di testa, a porta vuota, spara alto.
Oppure Brozovic, autore dell’assist e di una bella partita fino a quel momento, da dentro l’area con un difensore davanti…sviene. E’ svenuto, punto.
Poi, dopo una serie di giocate degne dei migliori sketch di Stanlio e Olio, entra anche Rafinha.

E dopo ancora…beh, non avrebbe davvero senso provare a raccontarvi il gol del 2-1 perché anche lo facessi, non ci credereste.
Io non riesco ancora a crederci.

 

E poi volete mettere? Abbiamo scoperto cosa serviva per tornare a vincere.

Bastava giocare in 11 contro 9. E che Karamoh facesse un gol che se facessi a FIFA me ne vanterei per una settimana buona. Facile, no?

Dopo partite del genere, dopo un periodo così buio, i medici dovrebbero mettersi una mano sul cuore ed offrire un controllo gratuito a tappeto su tutto il popolo nerazzurro, che è una cosa diversa.

 

 

Della serie, se nei pacchi di sigarette ci scrivono “Il fumo uccide”, nella prossima campagna abbonamenti un avvertimento alla Padre Maronno “E se poi te ne penti?” ci dovrebbe assolutamente essere.

Bello è bello per carità, ma riprendersi da certe fatiche dovrebbe valere almeno il non dover fare la fila alla posta il giorno dopo, per dire.

Se stiamo sognando, non svegliateci

Cari amici di Ranocchiate, è tutto così bello che lo voglio ripetere ancora e aver già intitolato l’articolo così non mi basta: se stiamo sognando, vi prego, non svegliateci.
Continuo a dirlo perché ciò che accaduto è talmente bello da farmi aver paura che tutto ciò sia stato solo un sogno.

 

Io, come voi, in questo momento vorrei limitarmi a scrivere un semplicissimo

YANN KARAMOH

 

e non aggiungere nient’altro.

 

Però dai, facciamo tutti finta per qualche minuto che tutto il resto, tutto ciò che sta attorno ALFANTASTICOGOLDIKARAMOHCHECIHAFATTOTORNAREALLAVITTORIA sia importante.

 

La scorsa settimana, dopo la partita di Crotone, ho provato ad improvvisarmi cantastorie raccontandovi una favola improvvisata alla bene e meglio, che tanto della partita in sé era meglio non parlarne più di tanto.

Ed ora che giochiamo col Bologna?
Eh… in tutta onestà, prevedevo uccelli senza zucchero.

 

 

Poi, però, la favola ha deciso di provare a raccontarla il nostro Luciano: confermati Eder e Brozovic, torna Danilone D’Ambrosio sulla fascia al posto di Dalbert.
E fin qui tutto normale.
Fuori Candreva, dentro Karamoh.

E lì già ci spero.

Pronti via, ecco l’eroe in cui non crediamo ma di cui abbiamo bisogno: Eder segna un gol tanto brutto quanto utile, Handanovic fa una bellissima parata su un colpo di testa di Palacio, tutto esattamente come dovrebbe andare. Puntuale come un orologio, arriva la difficoltà: Miranda va in blackout totale, Palacio ringrazia ed è 1-1: quoque tu, Rodrigo…

 

 

Poi da lì accadono cose strane: ad esempio, D’Ambrosio colpisce la palla di testa, prende la traversa, si ri-coordina in rovesciata per cercare la ribattuta ma finisce per ostacolare Skriniar che di testa, a porta vuota, spara alto.
Oppure Brozovic, autore dell’assist e di una bella partita fino a quel momento, da dentro l’area con un difensore davanti…sviene. E’ svenuto, punto.
Poi, dopo una serie di giocate degne dei migliori sketch di Stanlio e Olio, entra anche Rafinha.

E dopo ancora…beh, non avrebbe davvero senso provare a raccontarvi il gol del 2-1 perché anche lo facessi, non ci credereste.
Io non riesco ancora a crederci.

 

E poi volete mettere? Abbiamo scoperto cosa serviva per tornare a vincere.

Bastava giocare in 11 contro 9. E che Karamoh facesse un gol che se facessi a FIFA me ne vanterei per una settimana buona. Facile, no?

Dopo partite del genere, dopo un periodo così buio, i medici dovrebbero mettersi una mano sul cuore ed offrire un controllo gratuito a tappeto su tutto il popolo nerazzurro, che è una cosa diversa.

 

 

Della serie, se nei pacchi di sigarette ci scrivono “Il fumo uccide”, nella prossima campagna abbonamenti un avvertimento alla Padre Maronno “E se poi te ne penti?” ci dovrebbe assolutamente essere.

Bello è bello per carità, ma riprendersi da certe fatiche dovrebbe valere almeno il non dover fare la fila alla posta il giorno dopo, per dire.

Notizie flash

Ultimi articoli

03/05/2021
Crotone - Inter, il pagellone dei Campioni d'Italia

HANDA 7: Accendo in ritardo la partita e me lo ritrovo che si lancia ad anticipare un avversario del Crotone come fosse il superman de no altri. Col passare dei minuti il Crotone non si vede più dalle sue parti e può dedicarsi al suo passatempo preferito: la lettura del capolavoro "100 portieri meno #bdun […]

02/05/2021
Crotone - Inter, dieci pensieri post-partita

10 - Mille sfumature di Christian Eriksen per cominciare bene questi dieci pensieri e benedire la vostra giornata. 9 - I pali delle porte entrano di diritto nella top 3 della lista delle cose che odio di più al mondo. 8 - EEEEEE SE NEEE VAAAAAAAAAA LA CAPOLISTA SE NE VAAAAAAAAAAA LA CAPOLISTA SE NE […]

01/05/2021
Crotone - Inter nel tempo di un peperoncino danese

Considerazioni pre partita a caldo: 1) Una volta ci cantavano "avete solo la nebbia". Ora c'è la nebbia pure a Crotone… È proprio vero che chi disprezza ama. 2) Loro hanno Rino Gaetano come inno e noi Povia. Piango assai. Primo tempo 1’ - Ma, che, davvero? Sensi.Titolare. Sono confuso. 3’ - Tutto molto confondente. […]

01/05/2021
Crotone - Inter, 10 cose che ci fanno ben sperare

Siamo interisti e stiamo per vincere uno Scudetto dopo undici anni. AAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAA QUESTO PAZZO COGLI*NE COSA STA DICENDOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOO????? FERMATELOOOOO!!! NON FATELO ANDARE AVANTI!! Dai ragazz*. Non fate come lo Zio Beppe! Vi capisco, ne abbiamo viste di cotte e di crude nella nostra storia nerazzurra e ammetto di essere anch'io uno di quelli che finché […]

29/04/2021
I dolori del giovane Brozo: Moja voljena Hvratska!

Tuto komincia 29 anni fa.Ero epico spermatozoo hvratski nato per kaso: tuti brati morti e durante giro mensijle io ritrovato in pancia mamma Brozo.All'inizio tuto bello: mangijo e dormo. Dormo e mangijo. Poi quando nato cambija tuto: noi bambini Hvratska diversi da bambini qui Italia. Lí se non parli in mesetto dicono tu rotto. Ricordo […]

26/04/2021
Inter - Hellas Verona, il pagellone della santa trinità

HANDA 10: Ci ha preso gusto. Da vero capitano, si innalza a difesa dell'interismo vecchia scuola anche a costo di rovinarsi la carriera: ecco perché aspetta che la palla ricada con la stessa sicurezza con cui aspetto il prossimo disastro ferroviario che mi complicherà la vita.Lui lo fa per noi. Credo.È bello incominciare a urlare […]

linkedin facebook pinterest youtube rss twitter instagram facebook-blank rss-blank linkedin-blank pinterest youtube twitter instagram