13/07/2017

Il Romanticismo al tempo di Spalletti

Cari amici di Ranocchiate, oggi vi svelo un piccolo segreto che mi riguarda: sono un gran romanticone, come un po’ tutti i membri dello staff di questo piccolo grande blog, d'altronde.
Siamo romantici, ed un po' ce ne vergogniamo, è difficile saper dimostrare l’amore che proviamo verso una squadra che tanto ci fa soffrire, nel momento in cui ci sembra di vivere in un circolo di ingiustizie, scelte inesatte e sfortune inspiegabili che paiono offrire degna memoria al buon Paolo Villaggio, nel suo celeberrimo “Fantozzi”.
Ma amare, si sa, non appartiene all’ambito della razionalità, è un qualcosa che per tanti aspetti rientra nella categoria dell’ineffabile.
E quindi proviamo a farlo a modo nostro, giocando sarcasticamente sulle nostre stesse sorti: non sarà il massimo della vita, ma in certi casi meglio riderci su ed imparare a non prendersi troppo sul serio.

Già, però fino a che punto?
Fino a che punto è giusto non prendersi sul serio, accettando una realtà che è palesemente e semplicemente sbagliata, per ciò che realmente meriteremmo?

Chi vi scrive è estremamente soddisfatto della scelta operata dalla società di affidare la gestione della squadra a Spalletti, uno che di calcio ne capisce come pochi.

Basta scommesse.
Basta previsioni insensate, normalizzatori (non me ne voglia l’ottimo Pioli, ha fatto ciò che ha potuto).
In un momento storico in cui, in maniera quasi impercettibile a volte, è tutto così profondamente cambiato, diventa oggettivamente difficile continuare a sperare di tornare ai fasti di una volta.

A meno che, non lo si voglia maledettamente. E questo Big Luciano sembra averlo capito al volo.

Basta alibi.
E' un dentro o fuori per la dignità di ognuno dei giocatori che indosserà la maglia della nostra squadra, quest'anno. E’ quel “non te la do vinta mai” che ne dimostra appieno la potenza del giusto eloquio.
E’ quel volersi allontanare da tifosi capaci ormai solo di insultare i protagonisti di questa storia, anche se, onestamente, non mi sento di biasimarli più di tanto: amore e odio son da sempre gemelli intrinsecamente legati, ed ora bisogna lottare anche per loro.
Bisogna lottare per quel nome che ormai sembra aver perso il suo originario significato. Football Club Internazionale Milano. Dal 1908, la squadra più imprevedibile del mondo.

Cosa fare, dunque?
Avere il coraggio di crederci.
Avere il coraggio di credere, ancora una volta nell’operato della società, nella possibilità di dire la nostra, proprio quando ormai il distacco dalle squadra al vertice in questi anni sembra incolmabile.
Sostenere la squadra, tornare ad essere una grande famiglia e mettersi tutto alle spalle.

Chi non è disposto a credere in questo progetto, chi non ha voglia di sudare partita dopo partita per il posto in squadra, faccia pure le valigie.
Per essere capaci di vincere, bisogna volerlo con tutte le proprie forze.

E’ questo il messaggio che ci viene lanciato in più modi dalla nostra nuova guida, il punto migliore da cui ripartire.

Delle volte, il lieto fine arriva
Perché smettere di crederci?

Il Romanticismo al tempo di Spalletti

Cari amici di Ranocchiate, oggi vi svelo un piccolo segreto che mi riguarda: sono un gran romanticone, come un po’ tutti i membri dello staff di questo piccolo grande blog, d'altronde.
Siamo romantici, ed un po' ce ne vergogniamo, è difficile saper dimostrare l’amore che proviamo verso una squadra che tanto ci fa soffrire, nel momento in cui ci sembra di vivere in un circolo di ingiustizie, scelte inesatte e sfortune inspiegabili che paiono offrire degna memoria al buon Paolo Villaggio, nel suo celeberrimo “Fantozzi”.
Ma amare, si sa, non appartiene all’ambito della razionalità, è un qualcosa che per tanti aspetti rientra nella categoria dell’ineffabile.
E quindi proviamo a farlo a modo nostro, giocando sarcasticamente sulle nostre stesse sorti: non sarà il massimo della vita, ma in certi casi meglio riderci su ed imparare a non prendersi troppo sul serio.

Già, però fino a che punto?
Fino a che punto è giusto non prendersi sul serio, accettando una realtà che è palesemente e semplicemente sbagliata, per ciò che realmente meriteremmo?

Chi vi scrive è estremamente soddisfatto della scelta operata dalla società di affidare la gestione della squadra a Spalletti, uno che di calcio ne capisce come pochi.

Basta scommesse.
Basta previsioni insensate, normalizzatori (non me ne voglia l’ottimo Pioli, ha fatto ciò che ha potuto).
In un momento storico in cui, in maniera quasi impercettibile a volte, è tutto così profondamente cambiato, diventa oggettivamente difficile continuare a sperare di tornare ai fasti di una volta.

A meno che, non lo si voglia maledettamente. E questo Big Luciano sembra averlo capito al volo.

Basta alibi.
E' un dentro o fuori per la dignità di ognuno dei giocatori che indosserà la maglia della nostra squadra, quest'anno. E’ quel “non te la do vinta mai” che ne dimostra appieno la potenza del giusto eloquio.
E’ quel volersi allontanare da tifosi capaci ormai solo di insultare i protagonisti di questa storia, anche se, onestamente, non mi sento di biasimarli più di tanto: amore e odio son da sempre gemelli intrinsecamente legati, ed ora bisogna lottare anche per loro.
Bisogna lottare per quel nome che ormai sembra aver perso il suo originario significato. Football Club Internazionale Milano. Dal 1908, la squadra più imprevedibile del mondo.

Cosa fare, dunque?
Avere il coraggio di crederci.
Avere il coraggio di credere, ancora una volta nell’operato della società, nella possibilità di dire la nostra, proprio quando ormai il distacco dalle squadra al vertice in questi anni sembra incolmabile.
Sostenere la squadra, tornare ad essere una grande famiglia e mettersi tutto alle spalle.

Chi non è disposto a credere in questo progetto, chi non ha voglia di sudare partita dopo partita per il posto in squadra, faccia pure le valigie.
Per essere capaci di vincere, bisogna volerlo con tutte le proprie forze.

E’ questo il messaggio che ci viene lanciato in più modi dalla nostra nuova guida, il punto migliore da cui ripartire.

Delle volte, il lieto fine arriva
Perché smettere di crederci?

Notizie flash

Ultimi articoli

10/07/2021
Come affrontare i 10 disturbi più tipici dell'interismo

+++ Attenzione: questa satira potrebbe contenere tracce di articolo: ci scusiamo per il disagio ++++ SIGNORE! SIGNORI! MAMME, ZIE, PADRI ZII, FRATELLI CUGINI, QUASI NIPOTI! ACCORRETE TUTTI! Cari amici di Ranocchiate, prima di cominciare la nuova stagione, abbiamo pensato che fosse arrivato il momento adatto per una importante riflessione.Ogni giorno un interista soffre. Secondo uno […]

11/06/2021
Dieci pensieri su #Euro2020

10 - Sono talmente in astinenza da calcio che ho guardato pure tutte le amichevoli, anche in contemporanea. 9 - A questo proposito, far giocare Tino Lazaro e Christian Eriksen alla stessa ora è illegale, a meno che i due non giochino nella stessa squadra (tipo l’Inter). 8 - Possiamo passare direttamente al punto in […]

05/06/2021
5 motivi per voler bene a Simone Inzaghi

1. PERCHÉ C'ERA ANCHE LUI IL 5 MAGGIO Dopo Antonio Conte, ospitiamo sulla nostra panchina un altro dei protagonisti di quella maledetta giornata che noi interisti non dimenticheremo mai.Se anche Inzaghi dovesse riuscire a vincere come il suo predecessore, avremo esorcizzato un altro pezzettino del 5 maggio.A quel punto, ci basterà soltanto vincere un Triplete […]

27/05/2021
Il nostro libro

Nonostante tutto quello che è successo ieri.Nonostante non si possa passare un giorno, nella vita di noi interisti, sereni.Nonostante l’interismo sia eterna dannazione.Nonostante abbiano deciso di rovinarci la festa.Nonostante tutto, noi abbiamo vinto lo scudetto. Cazzo.E, nonostante tutto, avevamo in programma il lancio di un libro, il nostro, per oggi. Il frutto di settimane di […]

24/05/2021
Inter - Udinese, dieci pensieri post - partita

10 - Io quando mi rendo conto che questa è l'ultima partita dell'Inter: 9 - Ma poi mi ricordo che L'ABBIAMO ALZATA NOI 8 - Ma questo non ci permette di far passare in sordina il fatto che Goeffrey Kondogbia e Sime Vrsaljko sono diventati Campioni di Spagna. 7 - Ecco, bravi, salutatelo e rimandatecelo […]

23/05/2021
Inter - Udinese, il pagellone del finale di stagione

HANDA 19: I latini dicevano "Vincit qui patitur", vince chi resiste.Tu non è che hai semplicemente resistito, hai lottato come uno spartano contro le sfighe, le più che lecite blasfemie, i ribaltoni e, a volte, anche contro la nostra stessa difesa. Anni di miracoli e di bocconi amari che ti hanno reso un degno leader […]

linkedin facebook pinterest youtube rss twitter instagram facebook-blank rss-blank linkedin-blank pinterest youtube twitter instagram