19/07/2020

Roma - Inter: E alla fine arriva Handa

Che questa non sia una partita come le altre lo abbiamo sempre saputo, oggi però forse ci giochiamo qualcosa di più che un posto in Champions: quindi ragazzi mettetevi comodi e state a sentire come ciò che ci serviva in questo momento, forse è proprio Handa.

Noi interisti siamo quelli che ci credono fino alla fine, in barba a tutte le superstizioni e tutte le smentite, nonostante i nostri tira e molla a metà del campionato: ci proviamo sempre e, se all'inizio sembra possa andare tutto bene, una crisi improvvisa dettata da un’assenza, finisce per catapultarci lontano da quel momento felice che vorremmo veder arrivare.
Eppure siamo qui a giocarcela, a sei punti dalla vetta con cinque da giocare, in un matrimonio già dato per scontato dall’inizio della contesa.
E troviamo lei, la Roma: quante gioie abbiamo vissuto, quante volte abbiamo festeggiato proprio contro di loro...
Sappiamo bene che questa sera non sarà facile vincere, ma mentre aspettiamo quel treno chiamato Campionato, potrebbe capitare che quell’ombrello passato di mano in mano con le iniziali TM (Totti Montella per loro, Toldo Martins per noi), un giorno torneremo a renderglielo.
E noi ci troveremo ancora li, in quel bar, con il tabellone di freccette a sfidare Barney Stinsovic (un mago delle conquiste grazie alla sua fantomatica voglia di vivere), ascoltando le storie di Christian Marshall Eriksen sulle nostre malefatte giovanili mentre Lily Bareldrin lo guarda completamente innamorato, incitandoci a trovare il nostro vero amore.

Che poi è sempre stato lì, seduto con noi, quel Robin Ranocchiatsky per cui abbiamo perso completamente la testa.
C’è ancora tempo per un ultima birra e per vedere dove questo treno ci porterà, ma una cosa è sicura: comunque vada, quando quella palla arriverà, potremo sempre contare su Handa.

Roma - Inter: E alla fine arriva Handa

Che questa non sia una partita come le altre lo abbiamo sempre saputo, oggi però forse ci giochiamo qualcosa di più che un posto in Champions: quindi ragazzi mettetevi comodi e state a sentire come ciò che ci serviva in questo momento, forse è proprio Handa.

Noi interisti siamo quelli che ci credono fino alla fine, in barba a tutte le superstizioni e tutte le smentite, nonostante i nostri tira e molla a metà del campionato: ci proviamo sempre e, se all'inizio sembra possa andare tutto bene, una crisi improvvisa dettata da un’assenza, finisce per catapultarci lontano da quel momento felice che vorremmo veder arrivare.
Eppure siamo qui a giocarcela, a sei punti dalla vetta con cinque da giocare, in un matrimonio già dato per scontato dall’inizio della contesa.
E troviamo lei, la Roma: quante gioie abbiamo vissuto, quante volte abbiamo festeggiato proprio contro di loro...
Sappiamo bene che questa sera non sarà facile vincere, ma mentre aspettiamo quel treno chiamato Campionato, potrebbe capitare che quell’ombrello passato di mano in mano con le iniziali TM (Totti Montella per loro, Toldo Martins per noi), un giorno torneremo a renderglielo.
E noi ci troveremo ancora li, in quel bar, con il tabellone di freccette a sfidare Barney Stinsovic (un mago delle conquiste grazie alla sua fantomatica voglia di vivere), ascoltando le storie di Christian Marshall Eriksen sulle nostre malefatte giovanili mentre Lily Bareldrin lo guarda completamente innamorato, incitandoci a trovare il nostro vero amore.

Che poi è sempre stato lì, seduto con noi, quel Robin Ranocchiatsky per cui abbiamo perso completamente la testa.
C’è ancora tempo per un ultima birra e per vedere dove questo treno ci porterà, ma una cosa è sicura: comunque vada, quando quella palla arriverà, potremo sempre contare su Handa.

Ultimi articoli

19/09/2020
Inter-Pisa, la partita segreta nel tempo di un caffé

Oggi in concomitanza con la prima giornata di Serie A (CHE NOIAAAAAA MA CHI SE NE FREGAAAA) è andata in scena una partita molto più importante, ma purtroppo i poteri forti hanno deciso di oscurarla. Per fortuna i 1000 tifosi interisti che hanno avuto l'occasione di tornare a San Siro potranno raccontarla... MA NON NOI, […]

15/09/2020
Inter-Lugano nel tempo di un caffé

CI SIAMO. DALLO STADIO “Campetto dietro la Pinetina”, TUTTO PRONTO PER INTER-LUGANO. IL TERZO APPUNTAMENTO CON LA PRESTIGIOSISSIMA LUGANO CUP, ORMAI UN VERO E PROPRIO CULT DEL CALCIO ESTIVO, ASSOLUTAMENTE DA NON PERDERE. L’Inter viene da due edizioni consecutive in cui abbiamo sollevato la coppa, e non ho capito perché quest’anno si parli di “amichevole” […]

22/08/2020
Siviglia-Inter, un pagellone con tantissime lacrime

HANDANOVIC s.v: Un uomo talmente baciato dalla sfortuna che arriva in finale per la prima volta nella sua carriera e prende tre gol senza fare una parata, e uno di questi gli arriva pure dal suo centravanti. A quanto pare è la giornata dello scambio di ruoli, visto che Samir in compenso fa più passaggi […]

21/08/2020
Siviglia - Inter nel tempo di un c'abbiamo creduto

“Il Siviglia viene da 20 risultati utili consecutivi, non perde da Febbraio!”LI MORTACCI TUA MARIANÉ IO STO SOFFRENDO COME UN CANE E TU MI DICI STE COSE?!Ma Mannaggia a voi mannaggia. PRIMO TEMPO: 1’ - Un minuto di gioco, DD33 fa capire subito chi comanda con due falli E poi ci si chiede perché giochi! […]

21/08/2020
10 cose più probabili della vittoria dell’Europa League

Cari amici di Ranocchiate, siamo di nuovo qui.A 10 anni di distanza dalla vittoria della Champions League, ci giochiamo un’altra finale: solo che questa volta ci giochiamo COPPA PIÙ BELLA DEL MONDO ❤️❤️❤️Immagino che per questa occasione vorreste un articolo gasante, incoraggiante: un misto fra 300 ed Ogni maledetta domenica.AHAHAH ILLUSI. Ecco quindi, senza ulteriori […]

linkedin facebook pinterest youtube rss twitter instagram facebook-blank rss-blank linkedin-blank pinterest youtube twitter instagram