07/02/2022

Il RanoRiassunto della 24a giornata di Serie A

ROMA - GENOA: la Serie A riprende dopo la sosta con un interessantissimo Roma - Genoa.
Che è un po' come tornare a casa dopo 10 ore consecutive di lavoro e ritrovarsi per cena la Polenta avanzata dalla sera prima: se non c'è altro di pronto e non c'hai voglia di cucinare, meglio di ostriche e champagne.
In un tripudio di QUASIIIII, chicazz'è quello e Mourinho #RITORN, la partita rispetta le aspettative concludendosi con uno 0-0 che sa di 90 minuti rubati che avrei potuto buttare in qualcosa di più emozionante, coinvolgente ed utile: che so, imparare una nuova lingua.
Oppure imparare finalmente a stirare.
O che so, anche imparare veri termini marinareschi piuttosto che continuare a pensare che "cazzare la randa" significhi davvero qualcosa.
No, Roma - Genoa di Sabato alle 15. Giusto così.
Che poi la Roma aveva anche segnato, ma l'arbitro ha deciso di annullare per eccesso di emozioni.
Man of the match: Niccolò Zaniolo che segna, si toglie la maglia, prende un giallo, si vede annullare il gol, viene posseduto da Er Mutanda, si fa espellere e in tutto ciò ne esce quasi da martire. INSEGNAMI.

DALLE 18 ALLE 20 NON CI SONO STATE PARTITE.
E se c'erano guardavo le repliche di Don Matteo.

FIORENTINA - LAZIO: Meglio Piatek o Cabral?
Meglio Sottil o Saponara?
Ikonè o Callejon?
Meglio Immobile e quel #pigl di un Milinkovic.
Easy.
Man of the match: Biraghi. Deluso dalla sconfitta, si fa un autogol perché o si perde con 0-3 tondo o nulla.
Vae Victis.

ATALANTA - CAGLIARI: Quel marpione del Gasp se ne inventa un'altra delle sue.
3-5-2? Naaa.
3-4-3? BANALE.
3-4-1-2? Sorpassato.
Dopo averci fatto due Gresko così sulla validità della difesa a 3, ecco il 4-2-3-1 con Malinovskyi ormai in preda alle crisi d'identità (DATE UN RUOLO A QUEST'UOMO) e Toloi escluso solo per riaffermare il suo Fantacalcistico clima del terrore.
A dimostrazione del fatto che nel calcio l'unica cosa certa sono le schedine strappate a fine giornata, ecco che il Cagliari di Mazzarri sbanca il Gewiss con una doppietta di Gaston Pereiro: un mattatore talmente imprevedibile da non poter essere nemmeno definito #MITT.
Man of the match: Walterone tutto cuore.
Batte Gasp, riesce a vincere una partita senza attaccanti con assist di DALB.
Ebbro per la gioia, dà il meglio di sé a fine partita immaginando il nuovo Roberto Carlos trequartista o mezz'ala.
Nemmeno noi avremmo mai osato tanto.

BOLOGNA - EMPOLI: C'è una legge non scritta che afferma che, quando due squadre di metà classifica piene zeppe di #pigl e #ripigl si affrontano, l'esplosione generata da cotanta potenza collassa o in un 4-4 con gol in rovesciata e di scorpione da ambo le parti, o si chiude tutto in uno scialbo 0-0.
Considerato che ad inizio partita la domanda più gettonata è stata "che tipo di nonno sei?", tutto diventa più chiaro.
Man of the match: l'arbitro che ha fischiato la fine.

SAMPDORIA - SASSUOLO: Al mondo esistono due tipi di allenatori.
Quelli banali, che arrivano e scelgono il modulo in base ai giocatori che si ritrovano in squadra e ai ruoli interpretati meglio in carriera e I MAESTRI.
Se poi IL Maestro in questione si chiama Marco Giampaolo, allora la domanda è solo una: in che ruolo ti vedresti meglio in un 4-3-1-2?
Per maggiori informazioni chiedere a Candrew, che dopo più di 15 anni di militanza da ala destra, si ritrova magicamente mezz'ala.
E Sensi?
Basta con queste malattie di nuova generazione, mettiamolo in campo per 90 minuti e vedrai come passa tutto (tranne il mio costante terrore ogni qual volta qualcuno lo toccava, ndr).
E il bello è che, alla fine, ha ragione lui.
ILLUMINIMI, O DIVINO.
Man of the match: Supryaga che entra al 36º ed esce al 59º, simbolo del "prendi una gioia, posala. Non è tua."

VENEZIA - NAPOLI: dice il saggio "Noi il concetto di squadra lo si deve interpretare in maniera più ampia, perché non si crea un meccanismo funzionante se si pensa solo egoisticamente alla titolarità".
Pardon, ho confuso i saggi.
Ehm ehm…
Dice il saggio: "Se perdi il derby da cretino, non ti aspettare dal Venezia l'aiutino".
Si, conosco saggi parecchi informati lo ammetto.
Man of the match: Petagna capace di segnare al 100º minuto senza essere ai supplementari.
Perché consolidare la vittoria si, ma senza dimenticare di soffrire malamente per 99 minuti.

UDINESE - TORINO: Se avete guardato questa partita per intero, mi dispiace per voi.
Per coloro che non hanno avuto il dispiacere, immaginate un pincher ed un chihuahua che mettono in mostra tutta la loro pericolosità ringhiandosi e abbaiandosi a vicenda, per poi concentrare tutti gli avvenimenti della partita nei 7 minuti di recupero: secondo giallo ed espulsione per l'irreprensibile Mandragora, Molina la mette su punizione e Milinkovic che mette in mostra tutto il suo potenziale decidendo di non giocare il recupero perché UFF TROPPI SBATTI VOGLIO ANDARE AL TORNEO DI FRECCETTE DI BROZOOOO VI SBRIGATEEEEEE???
Man of the match: gli eroi che hanno acceso la tv nel recupero.

JUVE - VERONA: Nella partita più attesa della domenica, Allegri lancia subito Vlahovic e Zakaria in campo confermando però la sua vena da sperimentatore schierando: Morata a sinistra, Danilo e De Sciglio a piacere sulle fasce e il più incredibile di tutti, Rabiot in campo.
Quell'iradiddio di un Brate ci mette 13 minuti a metterla dentro di pallonetto: comincio a pensare che il Mattarella bis sia stata prima di tutto una sua scelta, altrimenti si sarebbe imposto pure lì.
Tanto per completare la perfetta settimana marrone interista, segna anche l'altro nuovo arrivato Zakaria.

Che bello.
Una settimana di giornali che inneggiano a Milan e Juve e chiamano con prepotenza la #crisinter.

SALERNITANA - SPEZIA: La classica partita che, salvo che tu sia di Salerno o La Spezia, non guardi.
Perchè ok amare questo sport, esserne appassionato o non avere di meglio da fare, ma ficcare una sfida salvezza di Lunedì sera è veramente un attentato alle volontà più forti.
E FATE MALE. Perché in questa partita è successo di tutto.
4 gol su calcio da fermo, 2 su punizione realizzati da quel #piglalfanta di un Simone Verdi e 2 su rigore da Manaj (#ripigl) e Verde (per cui non nutro particolare attrazione, ma già che ci siamo #pigl anche lui, non voglio farlo sentire escluso) tutti NEL PRIMO TEMPO.
In più considerate che in partite del genere pascolano diversi mittini su cui un domani potremmo ritrovarci a riporre le nostre speranze, dettaglio da non sottovalutare.
Man of the match: Colui che ha suddiviso le partite in questa maniera. LUI SAPEVA.

Il RanoRiassunto della 24a giornata di Serie A

ROMA - GENOA: la Serie A riprende dopo la sosta con un interessantissimo Roma - Genoa.
Che è un po' come tornare a casa dopo 10 ore consecutive di lavoro e ritrovarsi per cena la Polenta avanzata dalla sera prima: se non c'è altro di pronto e non c'hai voglia di cucinare, meglio di ostriche e champagne.
In un tripudio di QUASIIIII, chicazz'è quello e Mourinho #RITORN, la partita rispetta le aspettative concludendosi con uno 0-0 che sa di 90 minuti rubati che avrei potuto buttare in qualcosa di più emozionante, coinvolgente ed utile: che so, imparare una nuova lingua.
Oppure imparare finalmente a stirare.
O che so, anche imparare veri termini marinareschi piuttosto che continuare a pensare che "cazzare la randa" significhi davvero qualcosa.
No, Roma - Genoa di Sabato alle 15. Giusto così.
Che poi la Roma aveva anche segnato, ma l'arbitro ha deciso di annullare per eccesso di emozioni.
Man of the match: Niccolò Zaniolo che segna, si toglie la maglia, prende un giallo, si vede annullare il gol, viene posseduto da Er Mutanda, si fa espellere e in tutto ciò ne esce quasi da martire. INSEGNAMI.

DALLE 18 ALLE 20 NON CI SONO STATE PARTITE.
E se c'erano guardavo le repliche di Don Matteo.

FIORENTINA - LAZIO: Meglio Piatek o Cabral?
Meglio Sottil o Saponara?
Ikonè o Callejon?
Meglio Immobile e quel #pigl di un Milinkovic.
Easy.
Man of the match: Biraghi. Deluso dalla sconfitta, si fa un autogol perché o si perde con 0-3 tondo o nulla.
Vae Victis.

ATALANTA - CAGLIARI: Quel marpione del Gasp se ne inventa un'altra delle sue.
3-5-2? Naaa.
3-4-3? BANALE.
3-4-1-2? Sorpassato.
Dopo averci fatto due Gresko così sulla validità della difesa a 3, ecco il 4-2-3-1 con Malinovskyi ormai in preda alle crisi d'identità (DATE UN RUOLO A QUEST'UOMO) e Toloi escluso solo per riaffermare il suo Fantacalcistico clima del terrore.
A dimostrazione del fatto che nel calcio l'unica cosa certa sono le schedine strappate a fine giornata, ecco che il Cagliari di Mazzarri sbanca il Gewiss con una doppietta di Gaston Pereiro: un mattatore talmente imprevedibile da non poter essere nemmeno definito #MITT.
Man of the match: Walterone tutto cuore.
Batte Gasp, riesce a vincere una partita senza attaccanti con assist di DALB.
Ebbro per la gioia, dà il meglio di sé a fine partita immaginando il nuovo Roberto Carlos trequartista o mezz'ala.
Nemmeno noi avremmo mai osato tanto.

BOLOGNA - EMPOLI: C'è una legge non scritta che afferma che, quando due squadre di metà classifica piene zeppe di #pigl e #ripigl si affrontano, l'esplosione generata da cotanta potenza collassa o in un 4-4 con gol in rovesciata e di scorpione da ambo le parti, o si chiude tutto in uno scialbo 0-0.
Considerato che ad inizio partita la domanda più gettonata è stata "che tipo di nonno sei?", tutto diventa più chiaro.
Man of the match: l'arbitro che ha fischiato la fine.

SAMPDORIA - SASSUOLO: Al mondo esistono due tipi di allenatori.
Quelli banali, che arrivano e scelgono il modulo in base ai giocatori che si ritrovano in squadra e ai ruoli interpretati meglio in carriera e I MAESTRI.
Se poi IL Maestro in questione si chiama Marco Giampaolo, allora la domanda è solo una: in che ruolo ti vedresti meglio in un 4-3-1-2?
Per maggiori informazioni chiedere a Candrew, che dopo più di 15 anni di militanza da ala destra, si ritrova magicamente mezz'ala.
E Sensi?
Basta con queste malattie di nuova generazione, mettiamolo in campo per 90 minuti e vedrai come passa tutto (tranne il mio costante terrore ogni qual volta qualcuno lo toccava, ndr).
E il bello è che, alla fine, ha ragione lui.
ILLUMINIMI, O DIVINO.
Man of the match: Supryaga che entra al 36º ed esce al 59º, simbolo del "prendi una gioia, posala. Non è tua."

VENEZIA - NAPOLI: dice il saggio "Noi il concetto di squadra lo si deve interpretare in maniera più ampia, perché non si crea un meccanismo funzionante se si pensa solo egoisticamente alla titolarità".
Pardon, ho confuso i saggi.
Ehm ehm…
Dice il saggio: "Se perdi il derby da cretino, non ti aspettare dal Venezia l'aiutino".
Si, conosco saggi parecchi informati lo ammetto.
Man of the match: Petagna capace di segnare al 100º minuto senza essere ai supplementari.
Perché consolidare la vittoria si, ma senza dimenticare di soffrire malamente per 99 minuti.

UDINESE - TORINO: Se avete guardato questa partita per intero, mi dispiace per voi.
Per coloro che non hanno avuto il dispiacere, immaginate un pincher ed un chihuahua che mettono in mostra tutta la loro pericolosità ringhiandosi e abbaiandosi a vicenda, per poi concentrare tutti gli avvenimenti della partita nei 7 minuti di recupero: secondo giallo ed espulsione per l'irreprensibile Mandragora, Molina la mette su punizione e Milinkovic che mette in mostra tutto il suo potenziale decidendo di non giocare il recupero perché UFF TROPPI SBATTI VOGLIO ANDARE AL TORNEO DI FRECCETTE DI BROZOOOO VI SBRIGATEEEEEE???
Man of the match: gli eroi che hanno acceso la tv nel recupero.

JUVE - VERONA: Nella partita più attesa della domenica, Allegri lancia subito Vlahovic e Zakaria in campo confermando però la sua vena da sperimentatore schierando: Morata a sinistra, Danilo e De Sciglio a piacere sulle fasce e il più incredibile di tutti, Rabiot in campo.
Quell'iradiddio di un Brate ci mette 13 minuti a metterla dentro di pallonetto: comincio a pensare che il Mattarella bis sia stata prima di tutto una sua scelta, altrimenti si sarebbe imposto pure lì.
Tanto per completare la perfetta settimana marrone interista, segna anche l'altro nuovo arrivato Zakaria.

Che bello.
Una settimana di giornali che inneggiano a Milan e Juve e chiamano con prepotenza la #crisinter.

SALERNITANA - SPEZIA: La classica partita che, salvo che tu sia di Salerno o La Spezia, non guardi.
Perchè ok amare questo sport, esserne appassionato o non avere di meglio da fare, ma ficcare una sfida salvezza di Lunedì sera è veramente un attentato alle volontà più forti.
E FATE MALE. Perché in questa partita è successo di tutto.
4 gol su calcio da fermo, 2 su punizione realizzati da quel #piglalfanta di un Simone Verdi e 2 su rigore da Manaj (#ripigl) e Verde (per cui non nutro particolare attrazione, ma già che ci siamo #pigl anche lui, non voglio farlo sentire escluso) tutti NEL PRIMO TEMPO.
In più considerate che in partite del genere pascolano diversi mittini su cui un domani potremmo ritrovarci a riporre le nostre speranze, dettaglio da non sottovalutare.
Man of the match: Colui che ha suddiviso le partite in questa maniera. LUI SAPEVA.

Notizie flash

Ultimi articoli

19/05/2024
Inter - Lazio nel tempo di un caffè

0’ - Non é iniziata la partita ed ho già visto una coreografia commovente e Patrick e SpongeBob allo stadioNon ci capisco nulla ma sto piangendo PRIMO TEMPO: 1' - NOI PATRICK VOI PATRIC 2’ - ma oggi dobbiamo essere felici o tristi? 3’ - Taty ma che vuoi oh?Lasciaci festeggiare per 3 minuti dico […]

19/05/2024
Inter - Lazio. Il prepartita della festa

UEEEEEEEEEEE Cazzarola Steven si parlava di festeggiamenti piuttosto importanti ma non pensavamo che avresti presa per vera la canzone delle lampadine che si canta ad ogni comunione sulla faccia della terra. LA NOSTRA FESTA NON DEVE FINIRE NON DEVE FINIRE E NON FINIRÀ AAAAAAAAAAALLELUJA ALLELUJA AAAAAAAAAAAA Vabbè ma se vogliamo continuare per noi va bene. […]

11/05/2024
Frosinone – Inter, il pagellone goleador

MR. HUNZIKER 10 –  Non si può lasciare la porta incustodita un secondo a Reggio Emilia, che i ragazzi tornano a casa con una sconfitta e, cosa ancora peggiore, il record di clean sheet a forte rischio. Allora Yann decide di prendere la situazione nel guantone e comincia a sfoderare tutto il repertorio di parate […]

10/05/2024
Frosinone - Inter nel tempo di cinque caffè

Primo tempo 1' - Mone ha le occhiaie da ansia anche oggi. Forse pensa a Laurientè 7' - un po' di Moneball per compiacere il pubblico 11’ - sembra un’amichevole estiva 11'- Con la differenza che il Frosinone si gioca la serie A 13' - Frat cambia i tacchetti per favore 16' -  cross poetico di […]

10/05/2024
Frosinone - Inter, qualche pensierino prepartita

💭 Sì andiamo in versione ridotta perché oh Lukaku può permettersi di sparire nelle partite che contano e noi non possiamo mettere qualche punto in meno al prepartita di FrosinoneCulone - Inter valevole per 'sta grandissima ceppa? Sempre con affetto eh Romè. 💭 Che poi a proposito di culoni, visto bella settimana? Manca solo che […]

05/05/2024
Sassuolo - Inter, il pagellone che ci aspettavamo

AUDERO 6 - "Aaaaah, che bello! Questa volta sarò io a portare a casa il clean sheet senza fare nulla!"Fu così che il giovane Emil si ritrovò a dover fare un mezzo pericolo su quel gran pezzo di sconosciuto di Lipani per poi venire fulminato da un tiro sotto l'incrocio di Laurientè, uno che si […]

linkedin facebook pinterest youtube rss twitter instagram facebook-blank rss-blank linkedin-blank pinterest youtube twitter instagram