07/05/2020

Quella volta che abbiamo perso col Genoa per non giocare in Groenlandia a luglio

"Dopo Torino abbiamo mollato"

7 maggio 2017
La trasferta di Marassi arriva dopo queste dichiarazioni indimenticabili di Danilone D'Ambrosio.

Come al solito ci attende una partita difficile, il Genoa deve salvarsi, noi siamo alla ricerca di quell'Europa League che a detta di tutti è un obbligo.
E per obbligo ovviamente si intende: "rottura di palle che non vogliamo fare nemmeno se ci obbligate no sul serio col cazzo noi non ce ne facciamo di problemi a perdere anche questa la trasferta piuttosto ci rimettiamo la dignità e voi bestemmiate in ottocento lingue diverse ma tanto la trasferta in Groenlandia il 4 di luglio ve la fate voi se volete".
Sì insomma, si vede proprio che i ragazzi sono belli carichi e desiderosi di riscattarsi.

Il Genoa sarà sicuramente un osso duro, il clima in casa rossoblu è teso e la paura di retrocedere è concreta, con un solo punto in 7 partite .
Fortunatamente noi abbiamo messo da parte abbastanza punti da non doverci preoccupare per la retrocessione, perché in realtà è che non ce la passiamo molto meglio, visto che non vinciamo da sei partite.
Probabilmente è il karma che ci vuol far pagare caro quella vittoria per 7-1 contro l'Atalanta.
Cioè, ok, bellissimo battere Gasperini… but was it worth it?

La famosa Torino, sconfitte con Samp e Crotone, Zapata 97, cinque gol dalla Fiorentina, sconfitta interna col Napoli e adesso eccoci qua.

Scendiamo in campo con una formazione incredibile:
Handanovic in porta (poverino), Danilo "Mollo ma che Mollo" D'Ambrosio, coppia difensiva di ferro con Medel e Andreolli, Nagatomo, mediana Gaglia-Kondo, esterni con Perisic, Candreva, e panzerottino Eder schierato eccezionalmente trequartista alle spalle di Icardi.

Le due squadre entrano in campo visibilmente imbambolate e non si capisce chi stia lottando per la salvezza e chi…. no un momento, per cos'è che stavamo lottando noi?

Ah già: per niente.

Infatti Medel fa subito un fallo da rigore su Simeone, per fortuna non sanzionato. Il primo tiro in porta del Genoa è rimandato al 70' quando ci sarà il gol.

Spoiler! O forse no, ormai si sa come funziona…

Medel continua a rosicchiare Simeone come se fosse un osso di plastica di Arca Planet e lo costringe a uscire. Fuori il cholito-dentro Pandev.
E mo so cazzi.

Giochiamo molto blandi e rilassati, un paio di conclusioni da fuori di Eder e Kondogbia, l'unica vera occasione l'abbiamo al 41' quando Perisic fa una corsa delle sue sulla sinistra e mette in mezzo un cross rasoterra, ma prima Ederinho e poi Candreva LISCIANO CLAMOROSAMENTE il pallone facendoselo passare in mezzo alle gambe.

Ma che vi ha fatto di male la Groenlandia? Ci sono un sacco di animali belli.

A proposito di animali belli, all'inizio del secondo tempo abbiamo una bella azione in contropiede con Perisic ma Lamanna si fa trovare ancora una volta pronto.

Pochi minuti arriva la notizia del vantaggio del Crotone a Pescare. Al Genoa il pari non basta più, si fa sul serio. Veloso avanza liberissimo a centrocampo senza che nessuno vada a contrastarlo e fa partire un bolide da fuori area. Per fortuna Handa munito del cappellino delle grandi disfatte è abile a deviarla sulla traversa, ma non è finita qui: sul rimpallo si avventa senza difficoltà proprio lui, il nostro eroe del triplete, Goran Pandev che riesce a segnare il più classico e beffardo dei gol dell'ex

Quella volta che abbiamo perso col Genoa per non giocare in Groenlandia a luglio 1 Ranocchiate

Pioli finalmente decide di far saltare qualche testa (metaforicamente eh..) fuori Eder e Icardi, dentro Palacio (chissà magari con gli ex per una volta ci va di culo anche a noi..) e soprattutto.. MITT A GABIGOL!!!!!

Nuova sporadica presenza per il Barbosa del nostro cuore e finalmente questa partita inizia ad avere un senso
Gabigol ricorda un po' Neymar, un po' Messi e un po' Tuta in Venezia-Bari.

È l'unico che vuol dimostrare qualcosa. Anche se non ha ancora deciso bene cosa.

Sembriamo destinati all'ennesima sconfitta, ma purtroppo la sofferenza per noi non è ancora finita, manca ancora l'episodio chiave della partita: corner di Candreva, Perisic si inventa una specie di mezza rovesciata dal limite, il pallone viene parato col braccio da Burdisso e Damato assegna il rigore

A questo punto succede proprio di tutto.
C'è la chance di acciuffare il pareggio e l'immenso Gabigol si vorrebbe prendere questa responsabilità. Ovviamente tutti noi facciamo il tifo per il MITT dei MITT, l'uomo che meriterebbe una chance per riscattare questa stagione, se non altro perché i titolari al suo posto stanno facendo pena da settimane, e lui continua a non trovare spazio.
Gabi non vuole proprio farsi sfuggire questa occasione per dimostrare il suo valore. E noi siamo lì, con lui.
Prende il pallone e va sul dischetto ma proprio sul più bello viene frenato dal malefico Tonino Candreva.
Tra i due c'è qualche momento imbarazzante di litigio, con un po' di scintille, alla fine purtroppo ha la meglio Candreva.

Quella volta che abbiamo perso col Genoa per non giocare in Groenlandia a luglio 2 Ranocchiate

A quel punto il destino è scritto: Tonino che la tira senza troppa convinzione in braccio a Lamanna. Il secondo portiere che completa la sua giornata di gloria, classico.

SABOTATORE MALEDETTO LO HAI FATTO APPOSTA.
DOVEVA TIRARLO GABI.

Finisce così, anzi no, non abbiamo ancora toccato il fondo: subito dopo il rigore Kondogbia viene espulso per proteste. Adesso sì che ci siamo.
Ma che gli avrà detto all'arbitro?

Quella volta che abbiamo perso col Genoa per non giocare in Groenlandia a luglio 3 Ranocchiate

Quella volta che abbiamo perso col Genoa per non giocare in Groenlandia a luglio

"Dopo Torino abbiamo mollato"

7 maggio 2017
La trasferta di Marassi arriva dopo queste dichiarazioni indimenticabili di Danilone D'Ambrosio.

Come al solito ci attende una partita difficile, il Genoa deve salvarsi, noi siamo alla ricerca di quell'Europa League che a detta di tutti è un obbligo.
E per obbligo ovviamente si intende: "rottura di palle che non vogliamo fare nemmeno se ci obbligate no sul serio col cazzo noi non ce ne facciamo di problemi a perdere anche questa la trasferta piuttosto ci rimettiamo la dignità e voi bestemmiate in ottocento lingue diverse ma tanto la trasferta in Groenlandia il 4 di luglio ve la fate voi se volete".
Sì insomma, si vede proprio che i ragazzi sono belli carichi e desiderosi di riscattarsi.

Il Genoa sarà sicuramente un osso duro, il clima in casa rossoblu è teso e la paura di retrocedere è concreta, con un solo punto in 7 partite .
Fortunatamente noi abbiamo messo da parte abbastanza punti da non doverci preoccupare per la retrocessione, perché in realtà è che non ce la passiamo molto meglio, visto che non vinciamo da sei partite.
Probabilmente è il karma che ci vuol far pagare caro quella vittoria per 7-1 contro l'Atalanta.
Cioè, ok, bellissimo battere Gasperini… but was it worth it?

La famosa Torino, sconfitte con Samp e Crotone, Zapata 97, cinque gol dalla Fiorentina, sconfitta interna col Napoli e adesso eccoci qua.

Scendiamo in campo con una formazione incredibile:
Handanovic in porta (poverino), Danilo "Mollo ma che Mollo" D'Ambrosio, coppia difensiva di ferro con Medel e Andreolli, Nagatomo, mediana Gaglia-Kondo, esterni con Perisic, Candreva, e panzerottino Eder schierato eccezionalmente trequartista alle spalle di Icardi.

Le due squadre entrano in campo visibilmente imbambolate e non si capisce chi stia lottando per la salvezza e chi…. no un momento, per cos'è che stavamo lottando noi?

Ah già: per niente.

Infatti Medel fa subito un fallo da rigore su Simeone, per fortuna non sanzionato. Il primo tiro in porta del Genoa è rimandato al 70' quando ci sarà il gol.

Spoiler! O forse no, ormai si sa come funziona…

Medel continua a rosicchiare Simeone come se fosse un osso di plastica di Arca Planet e lo costringe a uscire. Fuori il cholito-dentro Pandev.
E mo so cazzi.

Giochiamo molto blandi e rilassati, un paio di conclusioni da fuori di Eder e Kondogbia, l'unica vera occasione l'abbiamo al 41' quando Perisic fa una corsa delle sue sulla sinistra e mette in mezzo un cross rasoterra, ma prima Ederinho e poi Candreva LISCIANO CLAMOROSAMENTE il pallone facendoselo passare in mezzo alle gambe.

Ma che vi ha fatto di male la Groenlandia? Ci sono un sacco di animali belli.

A proposito di animali belli, all'inizio del secondo tempo abbiamo una bella azione in contropiede con Perisic ma Lamanna si fa trovare ancora una volta pronto.

Pochi minuti arriva la notizia del vantaggio del Crotone a Pescare. Al Genoa il pari non basta più, si fa sul serio. Veloso avanza liberissimo a centrocampo senza che nessuno vada a contrastarlo e fa partire un bolide da fuori area. Per fortuna Handa munito del cappellino delle grandi disfatte è abile a deviarla sulla traversa, ma non è finita qui: sul rimpallo si avventa senza difficoltà proprio lui, il nostro eroe del triplete, Goran Pandev che riesce a segnare il più classico e beffardo dei gol dell'ex

Quella volta che abbiamo perso col Genoa per non giocare in Groenlandia a luglio 4 Ranocchiate

Pioli finalmente decide di far saltare qualche testa (metaforicamente eh..) fuori Eder e Icardi, dentro Palacio (chissà magari con gli ex per una volta ci va di culo anche a noi..) e soprattutto.. MITT A GABIGOL!!!!!

Nuova sporadica presenza per il Barbosa del nostro cuore e finalmente questa partita inizia ad avere un senso
Gabigol ricorda un po' Neymar, un po' Messi e un po' Tuta in Venezia-Bari.

È l'unico che vuol dimostrare qualcosa. Anche se non ha ancora deciso bene cosa.

Sembriamo destinati all'ennesima sconfitta, ma purtroppo la sofferenza per noi non è ancora finita, manca ancora l'episodio chiave della partita: corner di Candreva, Perisic si inventa una specie di mezza rovesciata dal limite, il pallone viene parato col braccio da Burdisso e Damato assegna il rigore

A questo punto succede proprio di tutto.
C'è la chance di acciuffare il pareggio e l'immenso Gabigol si vorrebbe prendere questa responsabilità. Ovviamente tutti noi facciamo il tifo per il MITT dei MITT, l'uomo che meriterebbe una chance per riscattare questa stagione, se non altro perché i titolari al suo posto stanno facendo pena da settimane, e lui continua a non trovare spazio.
Gabi non vuole proprio farsi sfuggire questa occasione per dimostrare il suo valore. E noi siamo lì, con lui.
Prende il pallone e va sul dischetto ma proprio sul più bello viene frenato dal malefico Tonino Candreva.
Tra i due c'è qualche momento imbarazzante di litigio, con un po' di scintille, alla fine purtroppo ha la meglio Candreva.

Quella volta che abbiamo perso col Genoa per non giocare in Groenlandia a luglio 5 Ranocchiate

A quel punto il destino è scritto: Tonino che la tira senza troppa convinzione in braccio a Lamanna. Il secondo portiere che completa la sua giornata di gloria, classico.

SABOTATORE MALEDETTO LO HAI FATTO APPOSTA.
DOVEVA TIRARLO GABI.

Finisce così, anzi no, non abbiamo ancora toccato il fondo: subito dopo il rigore Kondogbia viene espulso per proteste. Adesso sì che ci siamo.
Ma che gli avrà detto all'arbitro?

Quella volta che abbiamo perso col Genoa per non giocare in Groenlandia a luglio 6 Ranocchiate

Notizie flash

Ultimi articoli

23/01/2023
Inter - Empoli, il prepartita della goduria

Quelli più scaramantici tra voi diranno che non devo crogiolarmi troppo nella goduria perché il karma è un attimo che torna indietro come un boomerang. Ora però, vorrei fare una domanda a tutti voi: andando a memoria, ricordate, in tutto il vostro percorso da interisti, una sola volta in cui il karma non ci abbia […]

01/02/2023
Inter - Atalanta, dieci Santini post-partita

😇 - E per una volta non sono quelli che abbiamo tirato giù durante la partita ma quelli pregati a fine partita in onore del nostro Apostolo. 😇 - Partita con l’Atalanta fatta, semifinale di Coppa Italia presa, Gasperini salutato e mandato a cogliere fiori insieme a Xavi, ora possiamo finalmente concentrare tutto il nostro odio verso […]

31/01/2023
Inter - Atalanta nel tempo di un santo caffè

PRIMO TEMPO: 0'- Benvenuti a Inter - Atalanta, una partita che è come un film già visto, con Pasalic nel ruolo di Ilicic, Boga nel ruolo di Muriel e Maehle nel ruolo di Gosens 4' - Darmy di nuovo in modalità save the world 6' - Chala invece in modalità scazzo non mi avete comprato […]

31/01/2023
Inter - Atalanta, 10 pensieri prepartita e 10 commenti cinici

1 - L’Atalanta 4 giorni prima del derby; praticamente volete farmi incontrare tutti quelli della lista delle persone più odiose del mondo. Manca solo Cuadrado ma non me lo far dire troppo forte che questo è in scadenza di contratto con una squadra che rischia la serie B e l’anno prossimo me lo ritrovo al […]

29/01/2023
Cremonese - Inter, il pagellone delle citazioni improbabili

ONANA 6.5 – Comincia la partita e collezioniamo angoli a ripetizione, tanto che ad un certo punto sono più i corner che i minuti trascorsi.Andrè se ne sta in porta, pronto ad esultare, perchè prima di venire a giocare con noi ha avuto il tempo di studiarci e sa che siamo la squadra che segna […]

29/01/2023
Cremonese - Inter, dieci tori post-partita

🐂 - È durata giusto il tempo di farsi una doccia 🐂 - Che voglia di chiudermi in camera scrivendo frasi sulla Smemo ascoltando Bella Senz’Anima di Riccardo Cocciante 🐂 - Non so cosa sia peggio questa settimana tra Skriniar alla Juv…scusate, PSG, i ricordi di Eriksen che arriva all’Inter e sapere che esiste un Epic Team dal […]

28/01/2023
Cremonese - Inter, la partita nel tempo di un caffè con Gaglia capitano

0’ - non siamo pronti a vedere Gagliardini con la fascia NON SIAMO PRONTI Primo tempo 1' - Mariani fischia dopo aver regolato i suoi sedici orologi 4’ - qui dal settore ospiti Cremona tutto ok. Tanti ravioli e tanto vino, ma ok.  Finita la birra, vi aggiorniamo. 5’ - il primo piano su dzeko […]

linkedin facebook pinterest youtube rss twitter instagram facebook-blank rss-blank linkedin-blank pinterest youtube twitter instagram