07/05/2020

Quella volta che abbiamo perso col Genoa per non giocare in Groenlandia a luglio

"Dopo Torino abbiamo mollato"

7 maggio 2017
La trasferta di Marassi arriva dopo queste dichiarazioni indimenticabili di Danilone D'Ambrosio.

Come al solito ci attende una partita difficile, il Genoa deve salvarsi, noi siamo alla ricerca di quell'Europa League che a detta di tutti è un obbligo.
E per obbligo ovviamente si intende: "rottura di palle che non vogliamo fare nemmeno se ci obbligate no sul serio col cazzo noi non ce ne facciamo di problemi a perdere anche questa la trasferta piuttosto ci rimettiamo la dignità e voi bestemmiate in ottocento lingue diverse ma tanto la trasferta in Groenlandia il 4 di luglio ve la fate voi se volete".
Sì insomma, si vede proprio che i ragazzi sono belli carichi e desiderosi di riscattarsi.

Il Genoa sarà sicuramente un osso duro, il clima in casa rossoblu è teso e la paura di retrocedere è concreta, con un solo punto in 7 partite .
Fortunatamente noi abbiamo messo da parte abbastanza punti da non doverci preoccupare per la retrocessione, perché in realtà è che non ce la passiamo molto meglio, visto che non vinciamo da sei partite.
Probabilmente è il karma che ci vuol far pagare caro quella vittoria per 7-1 contro l'Atalanta.
Cioè, ok, bellissimo battere Gasperini… but was it worth it?

La famosa Torino, sconfitte con Samp e Crotone, Zapata 97, cinque gol dalla Fiorentina, sconfitta interna col Napoli e adesso eccoci qua.

Scendiamo in campo con una formazione incredibile:
Handanovic in porta (poverino), Danilo "Mollo ma che Mollo" D'Ambrosio, coppia difensiva di ferro con Medel e Andreolli, Nagatomo, mediana Gaglia-Kondo, esterni con Perisic, Candreva, e panzerottino Eder schierato eccezionalmente trequartista alle spalle di Icardi.

Le due squadre entrano in campo visibilmente imbambolate e non si capisce chi stia lottando per la salvezza e chi…. no un momento, per cos'è che stavamo lottando noi?

Ah già: per niente.

Infatti Medel fa subito un fallo da rigore su Simeone, per fortuna non sanzionato. Il primo tiro in porta del Genoa è rimandato al 70' quando ci sarà il gol.

Spoiler! O forse no, ormai si sa come funziona…

Medel continua a rosicchiare Simeone come se fosse un osso di plastica di Arca Planet e lo costringe a uscire. Fuori il cholito-dentro Pandev.
E mo so cazzi.

Giochiamo molto blandi e rilassati, un paio di conclusioni da fuori di Eder e Kondogbia, l'unica vera occasione l'abbiamo al 41' quando Perisic fa una corsa delle sue sulla sinistra e mette in mezzo un cross rasoterra, ma prima Ederinho e poi Candreva LISCIANO CLAMOROSAMENTE il pallone facendoselo passare in mezzo alle gambe.

Ma che vi ha fatto di male la Groenlandia? Ci sono un sacco di animali belli.

A proposito di animali belli, all'inizio del secondo tempo abbiamo una bella azione in contropiede con Perisic ma Lamanna si fa trovare ancora una volta pronto.

Pochi minuti arriva la notizia del vantaggio del Crotone a Pescare. Al Genoa il pari non basta più, si fa sul serio. Veloso avanza liberissimo a centrocampo senza che nessuno vada a contrastarlo e fa partire un bolide da fuori area. Per fortuna Handa munito del cappellino delle grandi disfatte è abile a deviarla sulla traversa, ma non è finita qui: sul rimpallo si avventa senza difficoltà proprio lui, il nostro eroe del triplete, Goran Pandev che riesce a segnare il più classico e beffardo dei gol dell'ex

Quella volta che abbiamo perso col Genoa per non giocare in Groenlandia a luglio 1 Ranocchiate

Pioli finalmente decide di far saltare qualche testa (metaforicamente eh..) fuori Eder e Icardi, dentro Palacio (chissà magari con gli ex per una volta ci va di culo anche a noi..) e soprattutto.. MITT A GABIGOL!!!!!

Nuova sporadica presenza per il Barbosa del nostro cuore e finalmente questa partita inizia ad avere un senso
Gabigol ricorda un po' Neymar, un po' Messi e un po' Tuta in Venezia-Bari.

È l'unico che vuol dimostrare qualcosa. Anche se non ha ancora deciso bene cosa.

Sembriamo destinati all'ennesima sconfitta, ma purtroppo la sofferenza per noi non è ancora finita, manca ancora l'episodio chiave della partita: corner di Candreva, Perisic si inventa una specie di mezza rovesciata dal limite, il pallone viene parato col braccio da Burdisso e Damato assegna il rigore

A questo punto succede proprio di tutto.
C'è la chance di acciuffare il pareggio e l'immenso Gabigol si vorrebbe prendere questa responsabilità. Ovviamente tutti noi facciamo il tifo per il MITT dei MITT, l'uomo che meriterebbe una chance per riscattare questa stagione, se non altro perché i titolari al suo posto stanno facendo pena da settimane, e lui continua a non trovare spazio.
Gabi non vuole proprio farsi sfuggire questa occasione per dimostrare il suo valore. E noi siamo lì, con lui.
Prende il pallone e va sul dischetto ma proprio sul più bello viene frenato dal malefico Tonino Candreva.
Tra i due c'è qualche momento imbarazzante di litigio, con un po' di scintille, alla fine purtroppo ha la meglio Candreva.

Quella volta che abbiamo perso col Genoa per non giocare in Groenlandia a luglio 2 Ranocchiate

A quel punto il destino è scritto: Tonino che la tira senza troppa convinzione in braccio a Lamanna. Il secondo portiere che completa la sua giornata di gloria, classico.

SABOTATORE MALEDETTO LO HAI FATTO APPOSTA.
DOVEVA TIRARLO GABI.

Finisce così, anzi no, non abbiamo ancora toccato il fondo: subito dopo il rigore Kondogbia viene espulso per proteste. Adesso sì che ci siamo.
Ma che gli avrà detto all'arbitro?

Quella volta che abbiamo perso col Genoa per non giocare in Groenlandia a luglio 3 Ranocchiate

Quella volta che abbiamo perso col Genoa per non giocare in Groenlandia a luglio

"Dopo Torino abbiamo mollato"

7 maggio 2017
La trasferta di Marassi arriva dopo queste dichiarazioni indimenticabili di Danilone D'Ambrosio.

Come al solito ci attende una partita difficile, il Genoa deve salvarsi, noi siamo alla ricerca di quell'Europa League che a detta di tutti è un obbligo.
E per obbligo ovviamente si intende: "rottura di palle che non vogliamo fare nemmeno se ci obbligate no sul serio col cazzo noi non ce ne facciamo di problemi a perdere anche questa la trasferta piuttosto ci rimettiamo la dignità e voi bestemmiate in ottocento lingue diverse ma tanto la trasferta in Groenlandia il 4 di luglio ve la fate voi se volete".
Sì insomma, si vede proprio che i ragazzi sono belli carichi e desiderosi di riscattarsi.

Il Genoa sarà sicuramente un osso duro, il clima in casa rossoblu è teso e la paura di retrocedere è concreta, con un solo punto in 7 partite .
Fortunatamente noi abbiamo messo da parte abbastanza punti da non doverci preoccupare per la retrocessione, perché in realtà è che non ce la passiamo molto meglio, visto che non vinciamo da sei partite.
Probabilmente è il karma che ci vuol far pagare caro quella vittoria per 7-1 contro l'Atalanta.
Cioè, ok, bellissimo battere Gasperini… but was it worth it?

La famosa Torino, sconfitte con Samp e Crotone, Zapata 97, cinque gol dalla Fiorentina, sconfitta interna col Napoli e adesso eccoci qua.

Scendiamo in campo con una formazione incredibile:
Handanovic in porta (poverino), Danilo "Mollo ma che Mollo" D'Ambrosio, coppia difensiva di ferro con Medel e Andreolli, Nagatomo, mediana Gaglia-Kondo, esterni con Perisic, Candreva, e panzerottino Eder schierato eccezionalmente trequartista alle spalle di Icardi.

Le due squadre entrano in campo visibilmente imbambolate e non si capisce chi stia lottando per la salvezza e chi…. no un momento, per cos'è che stavamo lottando noi?

Ah già: per niente.

Infatti Medel fa subito un fallo da rigore su Simeone, per fortuna non sanzionato. Il primo tiro in porta del Genoa è rimandato al 70' quando ci sarà il gol.

Spoiler! O forse no, ormai si sa come funziona…

Medel continua a rosicchiare Simeone come se fosse un osso di plastica di Arca Planet e lo costringe a uscire. Fuori il cholito-dentro Pandev.
E mo so cazzi.

Giochiamo molto blandi e rilassati, un paio di conclusioni da fuori di Eder e Kondogbia, l'unica vera occasione l'abbiamo al 41' quando Perisic fa una corsa delle sue sulla sinistra e mette in mezzo un cross rasoterra, ma prima Ederinho e poi Candreva LISCIANO CLAMOROSAMENTE il pallone facendoselo passare in mezzo alle gambe.

Ma che vi ha fatto di male la Groenlandia? Ci sono un sacco di animali belli.

A proposito di animali belli, all'inizio del secondo tempo abbiamo una bella azione in contropiede con Perisic ma Lamanna si fa trovare ancora una volta pronto.

Pochi minuti arriva la notizia del vantaggio del Crotone a Pescare. Al Genoa il pari non basta più, si fa sul serio. Veloso avanza liberissimo a centrocampo senza che nessuno vada a contrastarlo e fa partire un bolide da fuori area. Per fortuna Handa munito del cappellino delle grandi disfatte è abile a deviarla sulla traversa, ma non è finita qui: sul rimpallo si avventa senza difficoltà proprio lui, il nostro eroe del triplete, Goran Pandev che riesce a segnare il più classico e beffardo dei gol dell'ex

Quella volta che abbiamo perso col Genoa per non giocare in Groenlandia a luglio 4 Ranocchiate

Pioli finalmente decide di far saltare qualche testa (metaforicamente eh..) fuori Eder e Icardi, dentro Palacio (chissà magari con gli ex per una volta ci va di culo anche a noi..) e soprattutto.. MITT A GABIGOL!!!!!

Nuova sporadica presenza per il Barbosa del nostro cuore e finalmente questa partita inizia ad avere un senso
Gabigol ricorda un po' Neymar, un po' Messi e un po' Tuta in Venezia-Bari.

È l'unico che vuol dimostrare qualcosa. Anche se non ha ancora deciso bene cosa.

Sembriamo destinati all'ennesima sconfitta, ma purtroppo la sofferenza per noi non è ancora finita, manca ancora l'episodio chiave della partita: corner di Candreva, Perisic si inventa una specie di mezza rovesciata dal limite, il pallone viene parato col braccio da Burdisso e Damato assegna il rigore

A questo punto succede proprio di tutto.
C'è la chance di acciuffare il pareggio e l'immenso Gabigol si vorrebbe prendere questa responsabilità. Ovviamente tutti noi facciamo il tifo per il MITT dei MITT, l'uomo che meriterebbe una chance per riscattare questa stagione, se non altro perché i titolari al suo posto stanno facendo pena da settimane, e lui continua a non trovare spazio.
Gabi non vuole proprio farsi sfuggire questa occasione per dimostrare il suo valore. E noi siamo lì, con lui.
Prende il pallone e va sul dischetto ma proprio sul più bello viene frenato dal malefico Tonino Candreva.
Tra i due c'è qualche momento imbarazzante di litigio, con un po' di scintille, alla fine purtroppo ha la meglio Candreva.

Quella volta che abbiamo perso col Genoa per non giocare in Groenlandia a luglio 5 Ranocchiate

A quel punto il destino è scritto: Tonino che la tira senza troppa convinzione in braccio a Lamanna. Il secondo portiere che completa la sua giornata di gloria, classico.

SABOTATORE MALEDETTO LO HAI FATTO APPOSTA.
DOVEVA TIRARLO GABI.

Finisce così, anzi no, non abbiamo ancora toccato il fondo: subito dopo il rigore Kondogbia viene espulso per proteste. Adesso sì che ci siamo.
Ma che gli avrà detto all'arbitro?

Quella volta che abbiamo perso col Genoa per non giocare in Groenlandia a luglio 6 Ranocchiate

Notizie flash

Ultimi articoli

25/10/2021
Inter - Juve, dieci pensieri post - partita

10 - Che fatica scrivere sti dieci pensieri, è passata una notte, una colazione con caffè e succhino avanzato di ieri e comunque mi vengono in mente solo cose che qui non posso scrivere perché comunque c'è una certa classe da mantenere 9 - King Arturo che già sapeva come sarebbe andata a finire 8 […]

24/10/2021
Inter - Juve nel tempo di un caffè

PRIMO TEMPO: 0' - Pardo: "Insomma, dico parole per fare scena"Standing ovation degli universitari. 7' - Oh mamma mia.Tiro di Morata su ribattuta da calcio d'angolo, Handa respinge male, poi ci pensa Alex Sandro a riportare la tranquillità con una deviazione verso la porta degna di lui su cui il vicecap para senza troppi problemi. […]

24/10/2021
Inter - Juve, il prepartita ansioso in 5 step

Dopo il 3 – 1 rissoso subito dalla Lazio e quello festoso inflitto ai simpatici Tiraspolesi dello Sheriff, ci troviamo ad affrontare la nostra nemesi dai tempi del Pleistocene: è tempo di Inter – Juve. Avrò vissuto centinaia di derby d’Italia, tra campionati e Coppe Heineken, Supercoppe, trofei Birra Moretti e Coppe Italia. Quale che […]

20/10/2021
Inter - Sheriff, il pagellone della speranza

HANDA 74 - *sospira*Giuro, ce la posso fare. Forse anche senza diventare volgare, ma non ne sono sicuro.*altro sospiro da noncelafacciopiumacomefate*Questa sera ero contento. 3-1 agli Sceriffi, prima vittoria nel girone e robe così.Ma ormai la questione Handa è talmente sfuggita di mano che sembra diventata quella barzelletta che fa"73...73...73...73""Scusa perché continui a dire 73?""Ecco […]

20/10/2021
Inter - Sheriff, dieci coccodrilli post - partita

🐊 Quanto è bello svegliarsi alla mattina quando sai di essere stata la prima squadra a battere lo Sheriff Tiraspol in Champions League. Ciao Real Madrid, tu questo non lo sai fare. 🐊 Comunque mi state simpatici, amici dell’ONU datevi una mossa e riconoscete questo bellissimo stato con una popolazione magnifica, non vedo l’ora di […]

19/10/2021
Uno sceriffo strapazzato nel tempo di un caffè

Terza partita del girone e siamo già qua, a dover strappare con i denti 3 punti per non vedere già andare in frantumi il sogno europeo. Tutto molto interista. Almeno però negli ultimi anni aspettavamo l’ultima giornata. Beh, godiamoci lo spettacolo dello Sceriffo. Primo tempo 4’ - Prima discesa degli uomini dello Sceriffo e sto […]

linkedin facebook pinterest youtube rss twitter instagram facebook-blank rss-blank linkedin-blank pinterest youtube twitter instagram