21/05/2017

Siamo pronti a tutto: 5 scenari per Lazio-Inter

1) CI ABBIAMO PROVATO

Partita catenacciara dell’Inter, che prova a salvare la faccia cercando di portare a casa almeno un punto.

Gran protagonista come sempre Handanovic, autore di miracoli a ripetizione contro la sua ex squadra. (Alzi la mano chi si ricordava di Handanovic alla Lazio)

A sorpresa l’Inter passa in vantaggio, grazie al classico gol dell’ex di Candreva.

Sembra tutto fatto, quando al novantacinquesimo minuto un giocatore sconosciuto della Lazio, una vera e propria meteora, talmente ai margini del progetto per cui ancora non ne conosciamo neanche il nome, beffa la difesa dell’Inter con un eurogol e le nega la gioia della vittoria.

È il primo gol in Serie A della sua carriera, ovviamente.

2) EDER AFFAMATO

Dopo il forfait di Mauro Icardi, c’è un solo uomo che si può mettere sulle spalle il peso dell’attacco nerazzurro. Il suo nome è Eder Citadin Martins.
Nell'ultima uscita è apparso in forma, ma è semplice quando si gioca in una squadra di sfigati. Si spera comunque che saprà ripetersi.

Ma non si potrebbe dare una chance a Gabigol o a Pinamonti? Chiede qualcuno prima della partita. “State zitti o vi metto Palacio” la risposta seccata di Vecchi.

Ok, ok… va benissimo Eder.

La partita dell'italo-brasiliano è di quelle da incorniciare:

-Grazie a un avvio brillante, porta subito in vantaggio la sua squadra.

-Al ventesimo trova il raddoppio, con un tiro a giro da fuori area.

-Al quarantacinquesimo, un suo gol su punizione da trenta metri gli permette di portarsi sul 3-0

-Nella ripresa è ancora Eder Show: Se ne va in slalom tra i difensori biancocelesti, scarta il portiere con una finta e deposita in rete a porta vuota.

-Per concludere lo spettacolo trova la quinta marcatura, grazie a un’azione personale sulla fascia destra: si autolancia con un cross dalla fascia destra, si fa trovare pronto in area e conclude in rete con una rovesciata.

5-0 e tutti a casa. L’Inter ha trovato il suo nuovo eroe.

"Il mio obiettivo è diventare capocannoniere e raggiungere il terzo posto"

Qualcuno gli dica che la prossima è l'ultima partita.

3) ATMOSFERA FRIZZANTINA

I nerazzurri si preparano a entrare in campo, ma già nel tunnel si capisce che non sarà una serata come le altre. Nel gruppo regna l'anarchia e volano fin da subito parole grosse:  “Sto io davanti!” “No io!” “No io! Coglione”.

Segue un simpatico esercizio di riscaldamento nel prepartita: Prendersi a pallonate a vicenda. Fortunatamente, la metà dei compagni squadraha due ferri da stiro al posto dei piedi, e non viene colpito nessuno.

L’atmosfera è bollente. Nel momento della fotografia di rito prima della gara, Ansaldi sputa in un occhio a D’Ambrosio, reo di averlo coperto nella fotografia col ciuffo. Danilo replica seccato all'argentino, reo di non aver rispettato la regola dei terzi.

Al fischio d’inizio è il caos, non si riesce a decidere chi andrà alla battuta sul cerchio di centrocampo. Ne scaturisce subito un battibecco furibondo.

Candreva strappa il pallone dalle mani del suo compagno e si incammina fuori dallo stadio, tra lo sgomento di tutti i presenti.

Vecchi imbarazzato si giustifica dicendo “Sono ragazzi…è un bel gruppo eh, non sembra ma si vogliono bene…”

Partita sospesa e 3-0 a tavolino per la Lazio, mente in campo scoppia una rissa per decidere chi avrà i posti in fondo sul pullman del ritorno.

4) ALMENO PER LA STORIA

L’Inter non ha mai perso 9 partite di fila in campionato, fin dalla sua fondazione nel 1908.
Miracolosamente si risveglia un moto di orgoglio nei ragazzi, che evitando l'ennesima sconfitta contro la Lazio impediscono il raggiungimento di un inglorioso record.

Tanto i risultati del Milan, con l’Europa ormai irraggiungibile, li tranquillizzano anche dal rischio di dover fare i preliminari. Possono concedersi almeno un pareggino.

5) BASTA

Dallo spicchio dei tifosi interisti si leva un unico coro, si espone un solo striscione: BASTA!

Il terzino della Lazio si avvicina alla curva e ringrazia.

Siamo pronti a tutto: 5 scenari per Lazio-Inter 1 Ranocchiate

Siamo pronti a tutto: 5 scenari per Lazio-Inter

1) CI ABBIAMO PROVATO

Partita catenacciara dell’Inter, che prova a salvare la faccia cercando di portare a casa almeno un punto.

Gran protagonista come sempre Handanovic, autore di miracoli a ripetizione contro la sua ex squadra. (Alzi la mano chi si ricordava di Handanovic alla Lazio)

A sorpresa l’Inter passa in vantaggio, grazie al classico gol dell’ex di Candreva.

Sembra tutto fatto, quando al novantacinquesimo minuto un giocatore sconosciuto della Lazio, una vera e propria meteora, talmente ai margini del progetto per cui ancora non ne conosciamo neanche il nome, beffa la difesa dell’Inter con un eurogol e le nega la gioia della vittoria.

È il primo gol in Serie A della sua carriera, ovviamente.

2) EDER AFFAMATO

Dopo il forfait di Mauro Icardi, c’è un solo uomo che si può mettere sulle spalle il peso dell’attacco nerazzurro. Il suo nome è Eder Citadin Martins.
Nell'ultima uscita è apparso in forma, ma è semplice quando si gioca in una squadra di sfigati. Si spera comunque che saprà ripetersi.

Ma non si potrebbe dare una chance a Gabigol o a Pinamonti? Chiede qualcuno prima della partita. “State zitti o vi metto Palacio” la risposta seccata di Vecchi.

Ok, ok… va benissimo Eder.

La partita dell'italo-brasiliano è di quelle da incorniciare:

-Grazie a un avvio brillante, porta subito in vantaggio la sua squadra.

-Al ventesimo trova il raddoppio, con un tiro a giro da fuori area.

-Al quarantacinquesimo, un suo gol su punizione da trenta metri gli permette di portarsi sul 3-0

-Nella ripresa è ancora Eder Show: Se ne va in slalom tra i difensori biancocelesti, scarta il portiere con una finta e deposita in rete a porta vuota.

-Per concludere lo spettacolo trova la quinta marcatura, grazie a un’azione personale sulla fascia destra: si autolancia con un cross dalla fascia destra, si fa trovare pronto in area e conclude in rete con una rovesciata.

5-0 e tutti a casa. L’Inter ha trovato il suo nuovo eroe.

"Il mio obiettivo è diventare capocannoniere e raggiungere il terzo posto"

Qualcuno gli dica che la prossima è l'ultima partita.

3) ATMOSFERA FRIZZANTINA

I nerazzurri si preparano a entrare in campo, ma già nel tunnel si capisce che non sarà una serata come le altre. Nel gruppo regna l'anarchia e volano fin da subito parole grosse:  “Sto io davanti!” “No io!” “No io! Coglione”.

Segue un simpatico esercizio di riscaldamento nel prepartita: Prendersi a pallonate a vicenda. Fortunatamente, la metà dei compagni squadraha due ferri da stiro al posto dei piedi, e non viene colpito nessuno.

L’atmosfera è bollente. Nel momento della fotografia di rito prima della gara, Ansaldi sputa in un occhio a D’Ambrosio, reo di averlo coperto nella fotografia col ciuffo. Danilo replica seccato all'argentino, reo di non aver rispettato la regola dei terzi.

Al fischio d’inizio è il caos, non si riesce a decidere chi andrà alla battuta sul cerchio di centrocampo. Ne scaturisce subito un battibecco furibondo.

Candreva strappa il pallone dalle mani del suo compagno e si incammina fuori dallo stadio, tra lo sgomento di tutti i presenti.

Vecchi imbarazzato si giustifica dicendo “Sono ragazzi…è un bel gruppo eh, non sembra ma si vogliono bene…”

Partita sospesa e 3-0 a tavolino per la Lazio, mente in campo scoppia una rissa per decidere chi avrà i posti in fondo sul pullman del ritorno.

4) ALMENO PER LA STORIA

L’Inter non ha mai perso 9 partite di fila in campionato, fin dalla sua fondazione nel 1908.
Miracolosamente si risveglia un moto di orgoglio nei ragazzi, che evitando l'ennesima sconfitta contro la Lazio impediscono il raggiungimento di un inglorioso record.

Tanto i risultati del Milan, con l’Europa ormai irraggiungibile, li tranquillizzano anche dal rischio di dover fare i preliminari. Possono concedersi almeno un pareggino.

5) BASTA

Dallo spicchio dei tifosi interisti si leva un unico coro, si espone un solo striscione: BASTA!

Il terzino della Lazio si avvicina alla curva e ringrazia.

Siamo pronti a tutto: 5 scenari per Lazio-Inter 2 Ranocchiate

Notizie flash

Ultimi articoli

01/12/2021
Inter - Spezia nel tempo di un caffè allo squaquaraus

ORE 17.30. Si sparge la voce che Sandrino Bastoncino sia rimasto vittima nella notte della sindorme di Montezuma, o gastroenterite acuta, insomma squaquaraus in termini strettamente tecnici.Genitore 1 Stefan è rimasto a casa ad assisterlo amorevolmente, mentre Genitore 2 Skri si è dovuto sobbarcare il compito di guidare la difesa. Ai suoi lati Dima e […]

01/12/2021
10 buoni motivi per non perdervi Inter - Spezia

Carissimi, buonasera.Siamo qui riuniti oggi, in questo giorno a metà della settimana, per celebrare l'ennesima notte di Champio..ah no?Per goderci un bel big match infrasettiman..ah no?Almeno un turno ad eliminazione diretta in Coppa Ital..nemmeno questo?!Ma cosa caaaaaaaaaahhhhhh, LO SPEZIA! Dai, noi siamo lanciatissimi, fortissimi, bellissimi, informissimi e loro hanno un terzo dei nostri punti, arrancano […]

28/11/2021
Venezia - Inter, il pagellone cantando sotto la pioggia

HANDA 10 - ARAMU MA CHE COMPORTAMENTO È QUESTO?!CIOÈ TUTTI I TUOI COMPAGNI DEL VENEZIA EDUCATI E TRANQUILLI E TU INVECE TI INVENTI IL TIRO ALLA HOLLY E BENJI DA LONTANISSIMO?Povero Handa. Ho fatto fatica con te su quel tuffo, davvero.Ora: so che la tentazione è tanta, ma visto che c'hai ripreso la mano, perché […]

28/11/2021
Venezia - Inter, dieci cialde croccanti post - partita

10 - La domenica mattina dopo una vittoria dell’Inter spiegata con una foto: 9 - Non posso usare questo spazio per prendere in giro chi è a meno dieci da noi, non posso usare questo spazio per prendere in giro chi è a meno dieci da noi, non posso usare questo spazio per prendere in […]

27/11/2021
Venezia - Inter nel tempo di un caffè

PRIMO TEMPO 0’- con Froggy sempre in campo si vincerebbe il campionato a febbraio. Bravo Simone che lo fa riposare per movimentare un po’ la cosa 4' - Kyine io ti capiscoAnche io vorrei la maglia di Skrigno, ma aspetta almeno la fine del primo tempo 6' - Ma a fine partita ci possono lasciare […]

27/11/2021
L'Inter in gita a Venezia

Cari Brati, io sono sempre stato solito immaginare lo spogliatoio interista come una classe di alunni del più diroccato ed ignorante istituto professionale, alla stregua di quelli presenti nella periferia di Caracas (che poi è effettivamente la scuola che ha frequentato Guarin🕊). Quindi ho pensato: perché non fargli fare, al quinto anno, una bella gita...a […]

linkedin facebook pinterest youtube rss twitter instagram facebook-blank rss-blank linkedin-blank pinterest youtube twitter instagram