20/09/2017

Post-sbronza

Cari amici di Ranocchiate, sono ancora sotto shock.
Avete presente quando uscite il sabato sera, promettendo di tornare presto e di bere solo una birra, per poi finire a far baldoria in un pullman organizzato da  Paolo Brosio verso Medjugorje?
Io no, ma nella vita non si sa mai.
E metti caso che avessi le foto di tutto ciò, in modo da poter disdegnare la tua strana presenza da lercio bevitore.

Ora, probabilmente nessuno si è mai realmente ritrovato ad intonare “Una madonna, c’è solo una madonna” con un gruppo di suore, ma di stupidaggini ne abbiamo fatte tutti.

Può capitare.

Come può capitare di portare a termine un campionato in maniera impeccabile, riuscire a portare a casa 4 vittorie su 4 (battendo fra le altre Fiorentina e Roma) e pareggiare contro il Bologna.

Ovviamente, però, sarebbe auspicabile che la partita si giochi comunque, piuttosto che aiutare Verdi a trasformarsi in Cristiano Ronaldo.

 

Lo ammetto, ieri ho rivisto tutti i fantasmi delle passate stagioni, sarà anche perché nel prepartita ho dovuto subire il trauma di vedere la formazione 2015/2016 (Kondogbia, Santon, Nagatomo titolari, tutti contemporaneamente), cosa che riapre ferite mai del tutto guarite.

Prendeteci per stupidi, ma siamo fatti così: abbiamo sofferto tanto, abbiamo paura che ci tocchi soffrire ancora molto, vedere l’Inter riuscire a sbloccare la partita solo grazie ad un calcio di rigore ci fa giustamente preoccupare.

 

Dobbiamo però rimanere compatti e mantenere i piedi per terra. Abbiamo giocato una brutta partita, meglio archiviarla subito.

Di una partita del genere c’è veramente poco da dire, abbiamo giocato 200 volte al di sotto delle nostre potenzialità e 100 volte al di sotto di quanto finora mostrato: meglio archiviare subito la cosa.

Il mantra è sempre lo stesso, testa bassa e lavorare, soprattutto considerato che ieri sembravano tutti un po' troppo distratti per svolgere i loro compiti.
Ripartire subito o restare inghiottiti dal vortice.
Ragazzi, Big Luciano, non sbagliate ancora: noi, dal canto nostro, non smetteremo di amarvi e sostenervi.

Amala, anche quando un pareggio sa di sconfitta.

P.S: Ma Icardi quante scommesse starà perdendo, secondo voi?

Post-sbronza

Cari amici di Ranocchiate, sono ancora sotto shock.
Avete presente quando uscite il sabato sera, promettendo di tornare presto e di bere solo una birra, per poi finire a far baldoria in un pullman organizzato da  Paolo Brosio verso Medjugorje?
Io no, ma nella vita non si sa mai.
E metti caso che avessi le foto di tutto ciò, in modo da poter disdegnare la tua strana presenza da lercio bevitore.

Ora, probabilmente nessuno si è mai realmente ritrovato ad intonare “Una madonna, c’è solo una madonna” con un gruppo di suore, ma di stupidaggini ne abbiamo fatte tutti.

Può capitare.

Come può capitare di portare a termine un campionato in maniera impeccabile, riuscire a portare a casa 4 vittorie su 4 (battendo fra le altre Fiorentina e Roma) e pareggiare contro il Bologna.

Ovviamente, però, sarebbe auspicabile che la partita si giochi comunque, piuttosto che aiutare Verdi a trasformarsi in Cristiano Ronaldo.

 

Lo ammetto, ieri ho rivisto tutti i fantasmi delle passate stagioni, sarà anche perché nel prepartita ho dovuto subire il trauma di vedere la formazione 2015/2016 (Kondogbia, Santon, Nagatomo titolari, tutti contemporaneamente), cosa che riapre ferite mai del tutto guarite.

Prendeteci per stupidi, ma siamo fatti così: abbiamo sofferto tanto, abbiamo paura che ci tocchi soffrire ancora molto, vedere l’Inter riuscire a sbloccare la partita solo grazie ad un calcio di rigore ci fa giustamente preoccupare.

 

Dobbiamo però rimanere compatti e mantenere i piedi per terra. Abbiamo giocato una brutta partita, meglio archiviarla subito.

Di una partita del genere c’è veramente poco da dire, abbiamo giocato 200 volte al di sotto delle nostre potenzialità e 100 volte al di sotto di quanto finora mostrato: meglio archiviare subito la cosa.

Il mantra è sempre lo stesso, testa bassa e lavorare, soprattutto considerato che ieri sembravano tutti un po' troppo distratti per svolgere i loro compiti.
Ripartire subito o restare inghiottiti dal vortice.
Ragazzi, Big Luciano, non sbagliate ancora: noi, dal canto nostro, non smetteremo di amarvi e sostenervi.

Amala, anche quando un pareggio sa di sconfitta.

P.S: Ma Icardi quante scommesse starà perdendo, secondo voi?

Notizie flash

Ultimi articoli

17/01/2022
Atalanta - Inter, dieci pensieri post - partita

10 - OOOOOOH finalmente una non vittoria, tutto questo tempo e persino dicembre e gennaio senza un minimo di profumo di CRISIINTER mi stava troppo destabilizzando. 9 - Ah, dobbiamo sempre recuperare una partita?E comunque non abbiamo perso?Quindi non siamo ancora in CRISIINTER?Ah, ok. 8 - Io: madonna ma basta che schifo io con questi […]

16/01/2022
Atalanta - Inter nel tempo di un caffè

Primo tempo 0’ - Eccoci qui di nuovo per la più bella partita dell’anno per tutti coloro che non tifano. Per me, interista in terra bergamasca, una tassa, un supplizio che mi tocca pagare ogni anno. 8’ - Siamo già a 3 occasioni per l’Atalanta che la prospettiva ha fatto sembrare gol. 15’ - Dzeko […]

16/01/2022
Le 5 statistiche più ansiogene di Atalanta - Inter

Sarà la Supercoppa vinta contro la J**e, dopo aver recuperato uno svantaggio con un rigore a favore e vinta al 120’ con un gol del giocatore più umile della storia, sarà la vittoria con la Lazio che ha avuto tanto il sapore della #VENDETT, sarà che si parla di scippare ai nostri acerrimi nemici il […]

13/01/2022
Inter - Juventus, il pagellone del fallo tattico

HANDA 10 - Quanti feels ieri sera con il vicecap: vederlo con quel capello brizzolato da anni di Inter e di tasche piene di sassi mi ha riportato alla mente Francesco Toldo, mio primo amore calcistico.Forse non tutti se ne saranno accorti, ma ieri Handa ha fatto il primo vero tentativo di carriera postcalcistica: la […]

13/01/2022
Inter - Juventus, dieci leoni post - Supercoppa

🦁 ALZALAAAAAAAAAAAA ALZALA CAPITANO ALZALAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAA 🦁Abbiamo perso anni di vita (come al solito), la salute fisica (che novità), la salute mentale (firts time?) ma ECCOCI QUI DOPO IL MINUTO 120:01 A FESTEGGIARE IL 12 GENNAIO E IL 13 GENNAIO E IL 14 GENNAIO ECC ECC UN TROFEO NON SO SE VI RENDETE CONTO UN T […]

12/01/2022
Inter - Juventus nel tempo di una supercoppa

Primo tempo 0’ - Eccoci qui, prontissimi, per la competizione meno interessante della stagione ma pur sempre l’occasione di esultare in faccia direttamente ai bianconeri. 1’ - Subito Dzeko su cross di Perry.Siamo più caldi del motore truccato del motorino di un bullo di provincia 5’ - De Vrij di testa su calcio d’angolo.È ROVENTE […]

linkedin facebook pinterest youtube rss twitter instagram facebook-blank rss-blank linkedin-blank pinterest youtube twitter instagram