04/03/2021

Parma - Inter nel tempo di sei caffè

Ore 20.45. Spengo nervosamente la sigaretta e accendo la tv.

Ho mille pensieri per la testa, ma per una volta non riguardano me.
Non oggi.

Oggi c’è una pulsione che preme.
Pulsione di morte, direbbe Freud.

La pulsione di vedere come ci incasineremo la vita contro il Parma più scarso di sempre.
Anche di quello che ci rifilò la doppietta di De Ceglie prima di fallire e retrocedere.

Primo tempo

1’ - E solo ora mi rendo conto che oggi c’è pure Yann.

Mi sa che vado a fumare un’altra sigaretta e torno.

4’ - Nooooo Hakimiiiiiiiiii

Lasciate stare il mio trottolino d’oro.

14’ - Kurtis di testa, Handa di Mano.
Inizio a sentirmi insicuro.

17’ - Karamoh in dribbling prolungato su Skriniar è un affronto alla nostra stessa esistenza.

22’ - Primo calcio d’angolo della partita per noi.

Mazzarri non sarebbe per niente contento.

30’ - NOOOOOOOOOOO

Hakimi corre, corre, corre come solo lui sa fare, arriva sul fondo e mette in mezzo un pallone perfetto che taglia fuori tutta la difesa del Parma.

Un pallone perfetto ma appena troppo indietro rispetto a Eriksen che non riesce a deviare nella porta ormai libera.

Ho visto tutti i sogni della mia vita infrangersi simultaneamente.

32’ - Calcio di punizione di Eriksen, mischia in area, doppio salvataggio su tiro a colpo sicuro, contropiede Parma, Karamoh in fuga imbizzarrito, recupero palla.

Tutto questo in forse 40 secondi che mi sono costati altrettanti mesi di vita.

44’ - Lukakone mio cosa mi combini.

Lo sapevo che oggi non poteva andare a finire bene.

Secondo tempo

8’ - Breve flusso di coscienza:

“No Lukaku cazzo fai, incredibile vai Sanchez, vai, vai è gol, gol, gol, no, non è gol ma dai non ci credo che sfiga, oggi non vinceremo m… GOOOOOOOL”

In tutto ciò Sanchez ci ha portato in vantaggio segnando il secondo gol di fila in campionato.

L’ultima volta in cui è successo Romelu giocava ancora nell’Anderlecht.

16’ - E va beh, ma tu, a uno così, che ne vo’ di’?

Ennesima, poderosa, trattorata - perché ormai posso definirla solo così - di Lukaku che si invola in contropiede e si mangia l’intera difesa del Parma per poi appoggiare a Sanchez che, solo soletto, incrocia quanto basta per prendere Sepe contro tempo.

Doppio vantaggio e torniamo a essere la solita Inter di quest’anno.

Però dite la verità il primo tempo vi ha fatto risentire quella sensazione di tifare una squadra unica e speciale?

24’ - Conte dice ai giocatori di giocare semplice, far girar palla, non rischiare nulla.

Skriniar di tutta risposta regala un pallone in mezzo al campo e quasi gli avversari vanno in porta.

25’ - Eccola l’Inter che conosco, quella che sono abituato a vedere!

Hernani la riapre nel segno del Parma di Fuser spauracchio della mia infanzia.

Ora ci teca soffrire.
E sta cosa un po’ mi rasserena.

35’ - Yann, te lo chiedo per favore.

Smettila, altrimenti inizio a odiarti.

45’ + 4’ - Quindi abbiamo fatto una partita un po’ così, ma appena abbiamo alzato un po’ il ritmo abbiamo fatto due gol. Abbiamo fatto riaprire al Parma, ma poi non abbiamo concesso praticamente nulla.

Questa squadra è davvero cambiata.

Parma - Inter nel tempo di sei caffè

Ore 20.45. Spengo nervosamente la sigaretta e accendo la tv.

Ho mille pensieri per la testa, ma per una volta non riguardano me.
Non oggi.

Oggi c’è una pulsione che preme.
Pulsione di morte, direbbe Freud.

La pulsione di vedere come ci incasineremo la vita contro il Parma più scarso di sempre.
Anche di quello che ci rifilò la doppietta di De Ceglie prima di fallire e retrocedere.

Primo tempo

1’ - E solo ora mi rendo conto che oggi c’è pure Yann.

Mi sa che vado a fumare un’altra sigaretta e torno.

4’ - Nooooo Hakimiiiiiiiiii

Lasciate stare il mio trottolino d’oro.

14’ - Kurtis di testa, Handa di Mano.
Inizio a sentirmi insicuro.

17’ - Karamoh in dribbling prolungato su Skriniar è un affronto alla nostra stessa esistenza.

22’ - Primo calcio d’angolo della partita per noi.

Mazzarri non sarebbe per niente contento.

30’ - NOOOOOOOOOOO

Hakimi corre, corre, corre come solo lui sa fare, arriva sul fondo e mette in mezzo un pallone perfetto che taglia fuori tutta la difesa del Parma.

Un pallone perfetto ma appena troppo indietro rispetto a Eriksen che non riesce a deviare nella porta ormai libera.

Ho visto tutti i sogni della mia vita infrangersi simultaneamente.

32’ - Calcio di punizione di Eriksen, mischia in area, doppio salvataggio su tiro a colpo sicuro, contropiede Parma, Karamoh in fuga imbizzarrito, recupero palla.

Tutto questo in forse 40 secondi che mi sono costati altrettanti mesi di vita.

44’ - Lukakone mio cosa mi combini.

Lo sapevo che oggi non poteva andare a finire bene.

Secondo tempo

8’ - Breve flusso di coscienza:

“No Lukaku cazzo fai, incredibile vai Sanchez, vai, vai è gol, gol, gol, no, non è gol ma dai non ci credo che sfiga, oggi non vinceremo m… GOOOOOOOL”

In tutto ciò Sanchez ci ha portato in vantaggio segnando il secondo gol di fila in campionato.

L’ultima volta in cui è successo Romelu giocava ancora nell’Anderlecht.

16’ - E va beh, ma tu, a uno così, che ne vo’ di’?

Ennesima, poderosa, trattorata - perché ormai posso definirla solo così - di Lukaku che si invola in contropiede e si mangia l’intera difesa del Parma per poi appoggiare a Sanchez che, solo soletto, incrocia quanto basta per prendere Sepe contro tempo.

Doppio vantaggio e torniamo a essere la solita Inter di quest’anno.

Però dite la verità il primo tempo vi ha fatto risentire quella sensazione di tifare una squadra unica e speciale?

24’ - Conte dice ai giocatori di giocare semplice, far girar palla, non rischiare nulla.

Skriniar di tutta risposta regala un pallone in mezzo al campo e quasi gli avversari vanno in porta.

25’ - Eccola l’Inter che conosco, quella che sono abituato a vedere!

Hernani la riapre nel segno del Parma di Fuser spauracchio della mia infanzia.

Ora ci teca soffrire.
E sta cosa un po’ mi rasserena.

35’ - Yann, te lo chiedo per favore.

Smettila, altrimenti inizio a odiarti.

45’ + 4’ - Quindi abbiamo fatto una partita un po’ così, ma appena abbiamo alzato un po’ il ritmo abbiamo fatto due gol. Abbiamo fatto riaprire al Parma, ma poi non abbiamo concesso praticamente nulla.

Questa squadra è davvero cambiata.

Notizie flash

Ultimi articoli

13/11/2022
Atalanta- Inter nel tempo di un ultimo caffè

Primo tempo 1’ - Palomino alla prima da titolare dell’anno dopo lo stop per il presunto caso di doping. Come gli miglioreremo ulteriormente la giornata? 5' - Dopo due sconfitte di fila, Atalanta in versione Olanda di Cruijff 12' - Ma quindi Bastoni era in mood Barella che si rotola e non si fa nulla […]

13/11/2022
Atalanta - Inter, il prepartita dell'ultima di campionato

Non so se essere più basito dal fatto che quella di oggi sia l'ultima partita dell'anno oppure dal fatto che ormai sia arrivato Natale. Cioè raga qui mancano qualcosa come 40 giorni o poco più e io ho ancora le t-shirt a maniche corte nel cesto del panni da lavare. Voi siete consci del fatto […]

10/11/2022
Inter - Bologna, il Pagellone del ritorno della grande Inter

ONANA 7 – La serata comincia con Musa Barrow (uno dei tanti che sembra avere un conto aperto con noi) che sfiora il gol, poi un tiro di Arna viene respinto con le cosce da Andrè, con un intervento che ricorda il sacrificio di Dambro in un derby di qualche anno fa. La differenza è […]

10/11/2022
Inter - Bologna, dieci ranocchie post-partita

🐸 - Abbiamo fatto 6 a 1 anche all’andata l’anno scorso, non serve giocare il ritorno che tanto sappiamo già come va a finire. 🐸- Ma poi non li potevate dividere sto gol, tipo 3 al Bologna e gli altri tre a Torino contro quelli là porcoilcaz 🐸 - Cose che non pensavo di vedere […]

09/11/2022
Inter - Bologna nel tempo di un caffè

0' - Milan e Roma pareggiano, lAtalanta perde, cosa potrebbe andare male oggi?Ah già, giochiamo noi. PRIMO TEMPO: 1’ - Vi diròVi diròVi diròChe la situa, dopo aver guardato FroggyCosì brutta non é 2' - Bare è già dolorante. Non so più se crederci o no 4' - Quasi gol del Bologna dopo un contropiede. […]

09/11/2022
Inter - Bologna, il prepartita delle speranze finite

Siamo fritti. Finiti. Distrutti. Se per una partita in casa contro il Bologna ci tocca scomodare il signore in copertina, ieri in visita alla Pinetina, significa che la situazione è davvero tragica. Non supereremo la notte. A conferma di quanto sto dicendo, arrivano immagini inedite dalla visita del Vate di ieri al centro di allenamento: […]

linkedin facebook pinterest youtube rss twitter instagram facebook-blank rss-blank linkedin-blank pinterest youtube twitter instagram