#MittCup Episodio II: Joao Mario colpisce ancora

 

 
 
 
 
 
Visualizza questo post su Instagram
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

 

Un post condiviso da Ranocchiate (@ranocchiate) in data:

“Non lo troveremo mai, lo sapevo che non dovevo seguirvi in questo posto di merda!”. Erano atterrati da pochi giorni sul pianeta Brasile, e An Pinamonti non faceva altro che lamentarsi. “Qui è pieno di maledetti Brasiliani tutti tatuati che fanno i numeri in spiaggia, come diavolo faremo a riconoscerlo? E poi è proprio necessario voler combattere il regime di Lord Cruz? Alla fine non è così male…”

Julio Cruz un vero Mitt non è, troppi goal e presenze ha, fermarlo noi dobbiamo”

“SuzukiYamamotoNighiriGRRRRR”

“Ehi Yuto! Non c’è bisogno di imprecare! Ho capito, va bene, Proviamo a chiedere a quel tipo dall’espressione svogliata”

I quattro si avvicinarono a uno strano essere con la testa allungata che non sembrava affatto un abitante del pianeta. Egli stava cercando di dribblare una sedia facendo doppi passi a caso, ma con scarsi risultati.

“Ehi tu – gridò Pinamonti – stiamo cercando il leggendario Gabigol, sai per caso dove possiamo trovarlo?”

“Mi no sa, mi no sa dove è esto!” rispose lo strano alieno con tono insofferente.

“Aspetta, io so chi tu sei. Jar Jar Perisic è il tuo nome. Che fai qui?”

Maestro Borja! Me maxi gioia te riveder! Io soy venuto aqui nel pianeta del Futebol per ritrovar el mi talento perduto”.

“Beh complimenti per l’ottimo risultato – rispose ironicamente Pinamonti – comunque, puoi aiutarci a trovare Gabigol, sì o no?”

“Mi no sa, ma mi posso aiutarve. Dovete andar a lo palazzo de lo imperador di codesto pianeta. Chiedete de Adriano The Hutt” rispose Jar Jar.

#MittCup Episodio II: Joao Mario colpisce ancora 1 Ranocchiate

Udite quelle parole Pinamonti e Borja radunarono la truppa e si diressero verso il palazzo di Adriano. Prima di partire però, il maestro Borja rivolse un ultimo sguardo verso il povero croato e vide che si era messo svogliatamente a provare dei tiri verso la porta. Non riuscì a centrarla nemmeno una volta. Intristito, il saggio maestro abbassò lo sguardo e sussurrò tra sé: “Una brutta fine tu hai fatto, neanche il tuo amico Josè ora potrà più salvarti”. Una volta iniziato il viaggio, PInamonti notò che il bellissimo Mario era stranamente silenzioso. Con fare arrogante gli strofinò la pelata lucida e chiese sghignazzando “Uè bambolotto, mi sembri a disagio. Cos’è, ti è apparso in sogno Antonio Donnarumma?”. Il bellissimo girò la testa senza rispondere. Sapeva, o forse sperava, che una volta messo in pratica il suo piano tutto questo sarebbe finito.

Arrivati al palazzo di Adriano i quattro si trovarono in una situazione surreale. L’intera reggia era in uno stato di festa perenne da più di 10 anni. All’interno vi erano ballerini di samba, loschi soggetti che impugnavano armi e venditori di una strana polvere che aveva tutta l’aria di non essere sale da tavolo. L’imperatore, un essere enorme ricoperto da uno spesso strato di grasso, sedeva sul suo trono, circondato da seducenti ballerine aliene, creature dalla sessualità piuttosto incerta. Veduti i quattro eroi, l’imperatore si alzò a fatica dal suo trono e gridò “Benvenuti nel mio palazzo! Gli abitanti di Appiano sono sempre i benvenuti qui! Come posso aiutarvi?”.

“Saggio e potente Adriano – esordì il maestro Borja – stiamo cercando Gabigol. Puoi aiutarci?”

“Certamente! Si trova al piano superiore, nella stanza dei capocannonieri”.

Pinamonti, visibilmente confuso, si fece avanti per prendere la parola: “Capocannoniere? No guardi mi sa che non ci siamo capiti. Stiamo cercando G-A-B-I-G-O-L. Un tipo tamarrissimo con le capacità realizzative di un Mattia Destro ipovedente.”

“TACI! So benissimo a chi vi riferite. Se volete incontrarlo è di sopra, ma vi avverto. Potreste non trovare quello che state cercando”.

#MittCup Episodio II: Joao Mario colpisce ancora 2 Ranocchiate

I quattro salirono nella stanza dei capocannonieri ignorando l’avvertimento dell’imperatore. All’interno trovarono appesi diversi quadri degli storici goleador del Brasilerao, gente del calibro di Dourado, Diego Souza, Ricardo Olivera e Fred. La speranza di vedere all’interno della stanza Gabigol aumentò sensibilmente. E infatti, eccolo lì. Seduto su un divano di pelle, accarezzava il pallone d’argento del Brasilerao sorseggiando del Whisky.

“Benvenuti ragazzi, ho sentito che mi stavate cercando”.

“Gabi! Finalmente trovato ti abbiamo. Con noi ad Appiano tu devi tornare” esclamò il maestro Borja.

“Non posso, mi spiace”

“COSA? – intervenne Pinamonti – Ascolta Ronaldo dei poveri, non hai capito bene cosa sta succedendo. Il nuovo signore dei Mitt è Lord Cruz, uno che ha più di 50 goal con la maglia dell’inter. CINQUANTA. Ti rendi conto? L’intero concetto di Mittanza è a rischio. Devi tornare!”.

“So bene cosa sta succedendo, mio giovane amico, ma non posso lasciare il Brasile. Sono stato promesso al Flamengo e, beh, qualcuno all’interno di questa stanza era già al corrente della situazione, o mi sbaglio?” Dopo queste parole, il giovane brasiliano porse a Pinamonti un foglio. All’interno, con una bellissima calligrafia, vi era scritto:

“Carissimi dirigenti del Flamengo. In virtù della nostra conclamata amicizia vorrei offrirvi in regalo il capocannoniere del Brasilerao, Gabigol. Inoltre, vi ho lasciato un piccolo dono per convincervi a concludere l’affare.

Con affetto,

Darth Mario.

P.s la maglia rossonera è una figata!

In allegato alla lettera vi era una foto. Un nudo integrale del bellissimo Mario. Nessuno nella galassia sarebbe stato in grado di resistere.

Tutti si girarono di scatto verso il portoghese, che guardava gli ingenui compagni con un ghigno malvagio.

“BASTARDO! – gridò Borja fuori di sé - SEI UN BASTARDO!”

“Perché? Perché lo hai fatto? – disse uno sconvolto Pinamonti –  TU ERI IL PRESCELTO! ERA SCRITTO CHE DISTRUGGESSI I NUOVI MITT, NON CHE TI UNISSI A LORO”

“Voi volevate che io tornassi in Inghilterra a fare schifo vero? Vi sareste liberati di me non appena ritrovati i Mitt leggendari. Non avete mai voluto che io diventassi un Mitt! Ma io non solo diventerò un Mitt, diventerò un Mitt eterno, come Recoba!”

“Joao non succederà mai! Lord Cruz ti ha mentito, lui è il male”

“Dal mio punto di vista VOI siete il male!”

Eri mio fratello Joao, ti volevo bene

“IO TI ODIO!”

Dopo queste parole il bellissimo Mario scappò sculettando lasciando tutti a bocca aperta. Nel luogo in cui si trovava rimase solo un bigliettino. Pinamonti lo raccolse e lesse ad alta voce:

“E comunque, ho anche fatto aggiungere il diritto di riscatto al prestito di Karamoh!”

“NOOOOOOOOOOOO” esclamarono in coro i valorosi eroi.

Ogni speranza sembrava perduta. Il malvagio Lord Cruz, con l’aiuto del traditore Darth Mario, era riuscito a impedire il ritorno dei Mitt leggendari. La fine dei Mitt era vicina.

“Signori, SIGNORI! – esclamò il leggendario Gabigol – ricomponetevi per favore. Forse non è ancora finita. In questi giorni ad Appiano si sta aggirando una losca figura, un ex ladro, che ha lavorato per anni nel cartello della malavita torinese. Sembra che voglia dirimersi ed è in cerca di un’opportunità per dimostrare di aver abbandonato il Lato Oscuro. Forse potrebbe esserci utile”

“Il suo nome, quale è?” chiese il maestro Borja.

“Si fa chiamare Bepp Kenobi, ma il suo vero nome è Beppe Marotta. Ora andate e trovatelo, potrebbe essere la nostra ultima speranza.”

Udite queste parole i tre eroi si sentirono il cuore colmo di una nuova speranza. I signori oscuri dei Mitt avevano sferrato un duro colpo all'alleanza ribelle, ma non era ancora detta l’ultima parola.

To be continued…

#MittCup Episodio II: Joao Mario colpisce ancora

 

 
 
 
 
 
Visualizza questo post su Instagram
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

 

Un post condiviso da Ranocchiate (@ranocchiate) in data:

“Non lo troveremo mai, lo sapevo che non dovevo seguirvi in questo posto di merda!”. Erano atterrati da pochi giorni sul pianeta Brasile, e An Pinamonti non faceva altro che lamentarsi. “Qui è pieno di maledetti Brasiliani tutti tatuati che fanno i numeri in spiaggia, come diavolo faremo a riconoscerlo? E poi è proprio necessario voler combattere il regime di Lord Cruz? Alla fine non è così male…”

Julio Cruz un vero Mitt non è, troppi goal e presenze ha, fermarlo noi dobbiamo”

“SuzukiYamamotoNighiriGRRRRR”

“Ehi Yuto! Non c’è bisogno di imprecare! Ho capito, va bene, Proviamo a chiedere a quel tipo dall’espressione svogliata”

I quattro si avvicinarono a uno strano essere con la testa allungata che non sembrava affatto un abitante del pianeta. Egli stava cercando di dribblare una sedia facendo doppi passi a caso, ma con scarsi risultati.

“Ehi tu – gridò Pinamonti – stiamo cercando il leggendario Gabigol, sai per caso dove possiamo trovarlo?”

“Mi no sa, mi no sa dove è esto!” rispose lo strano alieno con tono insofferente.

“Aspetta, io so chi tu sei. Jar Jar Perisic è il tuo nome. Che fai qui?”

Maestro Borja! Me maxi gioia te riveder! Io soy venuto aqui nel pianeta del Futebol per ritrovar el mi talento perduto”.

“Beh complimenti per l’ottimo risultato – rispose ironicamente Pinamonti – comunque, puoi aiutarci a trovare Gabigol, sì o no?”

“Mi no sa, ma mi posso aiutarve. Dovete andar a lo palazzo de lo imperador di codesto pianeta. Chiedete de Adriano The Hutt” rispose Jar Jar.

#MittCup Episodio II: Joao Mario colpisce ancora 3 Ranocchiate

Udite quelle parole Pinamonti e Borja radunarono la truppa e si diressero verso il palazzo di Adriano. Prima di partire però, il maestro Borja rivolse un ultimo sguardo verso il povero croato e vide che si era messo svogliatamente a provare dei tiri verso la porta. Non riuscì a centrarla nemmeno una volta. Intristito, il saggio maestro abbassò lo sguardo e sussurrò tra sé: “Una brutta fine tu hai fatto, neanche il tuo amico Josè ora potrà più salvarti”. Una volta iniziato il viaggio, PInamonti notò che il bellissimo Mario era stranamente silenzioso. Con fare arrogante gli strofinò la pelata lucida e chiese sghignazzando “Uè bambolotto, mi sembri a disagio. Cos’è, ti è apparso in sogno Antonio Donnarumma?”. Il bellissimo girò la testa senza rispondere. Sapeva, o forse sperava, che una volta messo in pratica il suo piano tutto questo sarebbe finito.

Arrivati al palazzo di Adriano i quattro si trovarono in una situazione surreale. L’intera reggia era in uno stato di festa perenne da più di 10 anni. All’interno vi erano ballerini di samba, loschi soggetti che impugnavano armi e venditori di una strana polvere che aveva tutta l’aria di non essere sale da tavolo. L’imperatore, un essere enorme ricoperto da uno spesso strato di grasso, sedeva sul suo trono, circondato da seducenti ballerine aliene, creature dalla sessualità piuttosto incerta. Veduti i quattro eroi, l’imperatore si alzò a fatica dal suo trono e gridò “Benvenuti nel mio palazzo! Gli abitanti di Appiano sono sempre i benvenuti qui! Come posso aiutarvi?”.

“Saggio e potente Adriano – esordì il maestro Borja – stiamo cercando Gabigol. Puoi aiutarci?”

“Certamente! Si trova al piano superiore, nella stanza dei capocannonieri”.

Pinamonti, visibilmente confuso, si fece avanti per prendere la parola: “Capocannoniere? No guardi mi sa che non ci siamo capiti. Stiamo cercando G-A-B-I-G-O-L. Un tipo tamarrissimo con le capacità realizzative di un Mattia Destro ipovedente.”

“TACI! So benissimo a chi vi riferite. Se volete incontrarlo è di sopra, ma vi avverto. Potreste non trovare quello che state cercando”.

#MittCup Episodio II: Joao Mario colpisce ancora 4 Ranocchiate

I quattro salirono nella stanza dei capocannonieri ignorando l’avvertimento dell’imperatore. All’interno trovarono appesi diversi quadri degli storici goleador del Brasilerao, gente del calibro di Dourado, Diego Souza, Ricardo Olivera e Fred. La speranza di vedere all’interno della stanza Gabigol aumentò sensibilmente. E infatti, eccolo lì. Seduto su un divano di pelle, accarezzava il pallone d’argento del Brasilerao sorseggiando del Whisky.

“Benvenuti ragazzi, ho sentito che mi stavate cercando”.

“Gabi! Finalmente trovato ti abbiamo. Con noi ad Appiano tu devi tornare” esclamò il maestro Borja.

“Non posso, mi spiace”

“COSA? – intervenne Pinamonti – Ascolta Ronaldo dei poveri, non hai capito bene cosa sta succedendo. Il nuovo signore dei Mitt è Lord Cruz, uno che ha più di 50 goal con la maglia dell’inter. CINQUANTA. Ti rendi conto? L’intero concetto di Mittanza è a rischio. Devi tornare!”.

“So bene cosa sta succedendo, mio giovane amico, ma non posso lasciare il Brasile. Sono stato promesso al Flamengo e, beh, qualcuno all’interno di questa stanza era già al corrente della situazione, o mi sbaglio?” Dopo queste parole, il giovane brasiliano porse a Pinamonti un foglio. All’interno, con una bellissima calligrafia, vi era scritto:

“Carissimi dirigenti del Flamengo. In virtù della nostra conclamata amicizia vorrei offrirvi in regalo il capocannoniere del Brasilerao, Gabigol. Inoltre, vi ho lasciato un piccolo dono per convincervi a concludere l’affare.

Con affetto,

Darth Mario.

P.s la maglia rossonera è una figata!

In allegato alla lettera vi era una foto. Un nudo integrale del bellissimo Mario. Nessuno nella galassia sarebbe stato in grado di resistere.

Tutti si girarono di scatto verso il portoghese, che guardava gli ingenui compagni con un ghigno malvagio.

“BASTARDO! – gridò Borja fuori di sé - SEI UN BASTARDO!”

“Perché? Perché lo hai fatto? – disse uno sconvolto Pinamonti –  TU ERI IL PRESCELTO! ERA SCRITTO CHE DISTRUGGESSI I NUOVI MITT, NON CHE TI UNISSI A LORO”

“Voi volevate che io tornassi in Inghilterra a fare schifo vero? Vi sareste liberati di me non appena ritrovati i Mitt leggendari. Non avete mai voluto che io diventassi un Mitt! Ma io non solo diventerò un Mitt, diventerò un Mitt eterno, come Recoba!”

“Joao non succederà mai! Lord Cruz ti ha mentito, lui è il male”

“Dal mio punto di vista VOI siete il male!”

Eri mio fratello Joao, ti volevo bene

“IO TI ODIO!”

Dopo queste parole il bellissimo Mario scappò sculettando lasciando tutti a bocca aperta. Nel luogo in cui si trovava rimase solo un bigliettino. Pinamonti lo raccolse e lesse ad alta voce:

“E comunque, ho anche fatto aggiungere il diritto di riscatto al prestito di Karamoh!”

“NOOOOOOOOOOOO” esclamarono in coro i valorosi eroi.

Ogni speranza sembrava perduta. Il malvagio Lord Cruz, con l’aiuto del traditore Darth Mario, era riuscito a impedire il ritorno dei Mitt leggendari. La fine dei Mitt era vicina.

“Signori, SIGNORI! – esclamò il leggendario Gabigol – ricomponetevi per favore. Forse non è ancora finita. In questi giorni ad Appiano si sta aggirando una losca figura, un ex ladro, che ha lavorato per anni nel cartello della malavita torinese. Sembra che voglia dirimersi ed è in cerca di un’opportunità per dimostrare di aver abbandonato il Lato Oscuro. Forse potrebbe esserci utile”

“Il suo nome, quale è?” chiese il maestro Borja.

“Si fa chiamare Bepp Kenobi, ma il suo vero nome è Beppe Marotta. Ora andate e trovatelo, potrebbe essere la nostra ultima speranza.”

Udite queste parole i tre eroi si sentirono il cuore colmo di una nuova speranza. I signori oscuri dei Mitt avevano sferrato un duro colpo all'alleanza ribelle, ma non era ancora detta l’ultima parola.

To be continued…

Notizie flash

Ultimi articoli

13/11/2022
Atalanta- Inter nel tempo di un ultimo caffè

Primo tempo 1’ - Palomino alla prima da titolare dell’anno dopo lo stop per il presunto caso di doping. Come gli miglioreremo ulteriormente la giornata? 5' - Dopo due sconfitte di fila, Atalanta in versione Olanda di Cruijff 12' - Ma quindi Bastoni era in mood Barella che si rotola e non si fa nulla […]

13/11/2022
Atalanta - Inter, il prepartita dell'ultima di campionato

Non so se essere più basito dal fatto che quella di oggi sia l'ultima partita dell'anno oppure dal fatto che ormai sia arrivato Natale. Cioè raga qui mancano qualcosa come 40 giorni o poco più e io ho ancora le t-shirt a maniche corte nel cesto del panni da lavare. Voi siete consci del fatto […]

10/11/2022
Inter - Bologna, il Pagellone del ritorno della grande Inter

ONANA 7 – La serata comincia con Musa Barrow (uno dei tanti che sembra avere un conto aperto con noi) che sfiora il gol, poi un tiro di Arna viene respinto con le cosce da Andrè, con un intervento che ricorda il sacrificio di Dambro in un derby di qualche anno fa. La differenza è […]

10/11/2022
Inter - Bologna, dieci ranocchie post-partita

🐸 - Abbiamo fatto 6 a 1 anche all’andata l’anno scorso, non serve giocare il ritorno che tanto sappiamo già come va a finire. 🐸- Ma poi non li potevate dividere sto gol, tipo 3 al Bologna e gli altri tre a Torino contro quelli là porcoilcaz 🐸 - Cose che non pensavo di vedere […]

09/11/2022
Inter - Bologna nel tempo di un caffè

0' - Milan e Roma pareggiano, lAtalanta perde, cosa potrebbe andare male oggi?Ah già, giochiamo noi. PRIMO TEMPO: 1’ - Vi diròVi diròVi diròChe la situa, dopo aver guardato FroggyCosì brutta non é 2' - Bare è già dolorante. Non so più se crederci o no 4' - Quasi gol del Bologna dopo un contropiede. […]

09/11/2022
Inter - Bologna, il prepartita delle speranze finite

Siamo fritti. Finiti. Distrutti. Se per una partita in casa contro il Bologna ci tocca scomodare il signore in copertina, ieri in visita alla Pinetina, significa che la situazione è davvero tragica. Non supereremo la notte. A conferma di quanto sto dicendo, arrivano immagini inedite dalla visita del Vate di ieri al centro di allenamento: […]

linkedin facebook pinterest youtube rss twitter instagram facebook-blank rss-blank linkedin-blank pinterest youtube twitter instagram