#MittCup Episodio I: La vendetta dei Mitt

Maestro Borja – gridò il guardiano del tempio correndo trafelato – MAESTRO BORJA!”. Il saggio maestro, visibilmente contrariato per essere stato interrotto durante la sua analisi dei cantieri della Morte Nera, alzando lentamente la testa rispose:

“Buongiorno guardiano Ranocchia, quello che hai da dire, tu dimmi. In fretta però, tu parla!”.

“Maestro Borja, la situazione è ormai insostenibile, l’ordine dei Mitt sta scomparendo sotto le grinfie del perfido Lord Cruz. Dobbiamo trovare i due leggendari maestri! Per questo motivo il Consiglio ha deciso che dovrai partire per cercarli. Per aiutarti in questo compito ti abbiamo assegnato un giovane Padawan, il soldato Mario, vedrai che ti sarà molto utile”. Dopo queste parole il guardiano Andrea, con un veloce gesto della mano, fece segno al bellissimo Mario di entrare nella stanza.

L’anziano maestro rimase inizialmente abbagliato da una così radiosa bellezza. Dopo essersi ricomposto rispose preoccupato: “La bellezza la via per il Lato Oscuro è, la bellezza conduce alla sensualità, la sensualità alla seduzione. In te molta bellezza Io vedo… ma questo il tempo di indugiare non è. Per trovare indizi sui leggendari Mitt sul pianeta Frosinone dobbiamo andare, parlare con Pinamonti, io devo”.

I due partirono all’istante. Il giovane Pinamonti, antico Mitt in esilio e ora contrabbandiere, si trovava nella sua reggia cociara, circondato da belle donne e dal suo fedele compagno, YutBecca. “Ragazzi – disse – non capisco perché siate venuti qui. Ora ho una vita tranquilla e sono quasi sicuro che entro pochi mesi ruberò il posto a quello scandalo di Daniel Ciofani, non ho nessuna intenzione di aiutarvi, mi spiace!”.

“Quindi un codardo ora tu sei” rispose piccato Borja.

“Codardo? CODARDO? Ti ricordo che ho combattuto la battaglia di Pordenone in meno di 45 parsec. Sono un dannato eroe! E tu, Yuto, non guardarmi con quella faccia, lo sai che ho ragione”

Il peloso compagno di Pinamonti si alzò e con voce roboante iniziò a gridare: “YamahaSushiHosomakiKawasakiGRRRRRRR”.  Udite quelle parole il giovane contrabbandiere abbassò lo sguardo e con aria rassegnata affermò: “Hai ragione, hai ragione. Va bene ragazzi, sono dei vostri”.

#MittCup Episodio I: La vendetta dei Mitt 1 Ranocchiate

“Ma tu davvero hai capito che diavolo ha detto quel coso?” chiese con tono irriverente il bellissimo Mario.

“Sì. E lui capisce te, per cui ti conviene stare attento, a meno che tu non voglia essere mutilato con un cross di prima dalla trequarti. E ora preparati, dobbiamo andare immediatamente in Brasile” rispose Pinamonti. Il portoghese, risentito, arretrò in silenzio, covando in segreto desideri di vendetta.

I sospetti del saggio Borja infatti erano fondati. Il bellissimo Mario, dopo essere tornato a giocare qualche partita, si sentiva finalmente pronto per diventare un grande Mitt e sapeva che un ritorno dei Mitt leggendari lo avrebbe fatto rapidamente uscire dal cuore dei tifosi. Lui però era troppo bello per poter accettare un’onta simile.  Poco prima della partenza il portoghese iniziò a incontrarsi segretamente col malvagio Lord Cruz.  L’oscuro signore capì subito che sotto quel meraviglioso corpo color caramello si celava in realtà un ragazzo fragile e desideroso di affetto.

Ti hanno mai raccontato la storia di Darth Recoba, il Chino?” chiese Lord Cruz.

“No.” rispose Mario.

“Lo immaginavo. È una storia che gli antichi Mitt non raccontano volentieri. Egli era un signore oscuro dei Mitt così potente e così sapiente da far innamorare il presidente garantendosi un posto in squadra a vita e l’amore dei tifosi incondizionato. Aveva una tale conoscenza della mittanza da impedire a chiunque di venderlo”.

“Riuscì davvero a non essere mai ceduto? È possibile apprendere questo potere?”

“Non da Borja. Devi tradirlo e impedire il ritorno dei Mitt leggendari. E per farlo dovrai diventare il mio apprendista”

“Lo farò, mio maestro”

“Bene, il tuo nome ora sarà Darth Mario. Ora va e adempi il tuo destino”.

#MittCup Episodio I: La vendetta dei Mitt 2 Ranocchiate

Pochi giorni dopo il maestro Borja e il ritrovato An Pinamonti decisero che era arrivato il momento di partire per il Brasile. La missione era una e una soltanto: Riportare Gabigol ad Appiano. Tuttavia, i due erano ignari del pericolo che stavano correndo. Il Lato Oscuro, per mano del traditore Darth Mario, era pronto a sopraffarli. Il destino della MittCup non poteva essere più incerto.

Continued…

#MittCup Episodio I: La vendetta dei Mitt

Maestro Borja – gridò il guardiano del tempio correndo trafelato – MAESTRO BORJA!”. Il saggio maestro, visibilmente contrariato per essere stato interrotto durante la sua analisi dei cantieri della Morte Nera, alzando lentamente la testa rispose:

“Buongiorno guardiano Ranocchia, quello che hai da dire, tu dimmi. In fretta però, tu parla!”.

“Maestro Borja, la situazione è ormai insostenibile, l’ordine dei Mitt sta scomparendo sotto le grinfie del perfido Lord Cruz. Dobbiamo trovare i due leggendari maestri! Per questo motivo il Consiglio ha deciso che dovrai partire per cercarli. Per aiutarti in questo compito ti abbiamo assegnato un giovane Padawan, il soldato Mario, vedrai che ti sarà molto utile”. Dopo queste parole il guardiano Andrea, con un veloce gesto della mano, fece segno al bellissimo Mario di entrare nella stanza.

L’anziano maestro rimase inizialmente abbagliato da una così radiosa bellezza. Dopo essersi ricomposto rispose preoccupato: “La bellezza la via per il Lato Oscuro è, la bellezza conduce alla sensualità, la sensualità alla seduzione. In te molta bellezza Io vedo… ma questo il tempo di indugiare non è. Per trovare indizi sui leggendari Mitt sul pianeta Frosinone dobbiamo andare, parlare con Pinamonti, io devo”.

I due partirono all’istante. Il giovane Pinamonti, antico Mitt in esilio e ora contrabbandiere, si trovava nella sua reggia cociara, circondato da belle donne e dal suo fedele compagno, YutBecca. “Ragazzi – disse – non capisco perché siate venuti qui. Ora ho una vita tranquilla e sono quasi sicuro che entro pochi mesi ruberò il posto a quello scandalo di Daniel Ciofani, non ho nessuna intenzione di aiutarvi, mi spiace!”.

“Quindi un codardo ora tu sei” rispose piccato Borja.

“Codardo? CODARDO? Ti ricordo che ho combattuto la battaglia di Pordenone in meno di 45 parsec. Sono un dannato eroe! E tu, Yuto, non guardarmi con quella faccia, lo sai che ho ragione”

Il peloso compagno di Pinamonti si alzò e con voce roboante iniziò a gridare: “YamahaSushiHosomakiKawasakiGRRRRRRR”.  Udite quelle parole il giovane contrabbandiere abbassò lo sguardo e con aria rassegnata affermò: “Hai ragione, hai ragione. Va bene ragazzi, sono dei vostri”.

#MittCup Episodio I: La vendetta dei Mitt 3 Ranocchiate

“Ma tu davvero hai capito che diavolo ha detto quel coso?” chiese con tono irriverente il bellissimo Mario.

“Sì. E lui capisce te, per cui ti conviene stare attento, a meno che tu non voglia essere mutilato con un cross di prima dalla trequarti. E ora preparati, dobbiamo andare immediatamente in Brasile” rispose Pinamonti. Il portoghese, risentito, arretrò in silenzio, covando in segreto desideri di vendetta.

I sospetti del saggio Borja infatti erano fondati. Il bellissimo Mario, dopo essere tornato a giocare qualche partita, si sentiva finalmente pronto per diventare un grande Mitt e sapeva che un ritorno dei Mitt leggendari lo avrebbe fatto rapidamente uscire dal cuore dei tifosi. Lui però era troppo bello per poter accettare un’onta simile.  Poco prima della partenza il portoghese iniziò a incontrarsi segretamente col malvagio Lord Cruz.  L’oscuro signore capì subito che sotto quel meraviglioso corpo color caramello si celava in realtà un ragazzo fragile e desideroso di affetto.

Ti hanno mai raccontato la storia di Darth Recoba, il Chino?” chiese Lord Cruz.

“No.” rispose Mario.

“Lo immaginavo. È una storia che gli antichi Mitt non raccontano volentieri. Egli era un signore oscuro dei Mitt così potente e così sapiente da far innamorare il presidente garantendosi un posto in squadra a vita e l’amore dei tifosi incondizionato. Aveva una tale conoscenza della mittanza da impedire a chiunque di venderlo”.

“Riuscì davvero a non essere mai ceduto? È possibile apprendere questo potere?”

“Non da Borja. Devi tradirlo e impedire il ritorno dei Mitt leggendari. E per farlo dovrai diventare il mio apprendista”

“Lo farò, mio maestro”

“Bene, il tuo nome ora sarà Darth Mario. Ora va e adempi il tuo destino”.

#MittCup Episodio I: La vendetta dei Mitt 4 Ranocchiate

Pochi giorni dopo il maestro Borja e il ritrovato An Pinamonti decisero che era arrivato il momento di partire per il Brasile. La missione era una e una soltanto: Riportare Gabigol ad Appiano. Tuttavia, i due erano ignari del pericolo che stavano correndo. Il Lato Oscuro, per mano del traditore Darth Mario, era pronto a sopraffarli. Il destino della MittCup non poteva essere più incerto.

Continued…

Notizie flash

Ultimi articoli

17/01/2022
Atalanta - Inter, dieci pensieri post - partita

10 - OOOOOOH finalmente una non vittoria, tutto questo tempo e persino dicembre e gennaio senza un minimo di profumo di CRISIINTER mi stava troppo destabilizzando. 9 - Ah, dobbiamo sempre recuperare una partita?E comunque non abbiamo perso?Quindi non siamo ancora in CRISIINTER?Ah, ok. 8 - Io: madonna ma basta che schifo io con questi […]

16/01/2022
Atalanta - Inter nel tempo di un caffè

Primo tempo 0’ - Eccoci qui di nuovo per la più bella partita dell’anno per tutti coloro che non tifano. Per me, interista in terra bergamasca, una tassa, un supplizio che mi tocca pagare ogni anno. 8’ - Siamo già a 3 occasioni per l’Atalanta che la prospettiva ha fatto sembrare gol. 15’ - Dzeko […]

16/01/2022
Le 5 statistiche più ansiogene di Atalanta - Inter

Sarà la Supercoppa vinta contro la J**e, dopo aver recuperato uno svantaggio con un rigore a favore e vinta al 120’ con un gol del giocatore più umile della storia, sarà la vittoria con la Lazio che ha avuto tanto il sapore della #VENDETT, sarà che si parla di scippare ai nostri acerrimi nemici il […]

13/01/2022
Inter - Juventus, il pagellone del fallo tattico

HANDA 10 - Quanti feels ieri sera con il vicecap: vederlo con quel capello brizzolato da anni di Inter e di tasche piene di sassi mi ha riportato alla mente Francesco Toldo, mio primo amore calcistico.Forse non tutti se ne saranno accorti, ma ieri Handa ha fatto il primo vero tentativo di carriera postcalcistica: la […]

13/01/2022
Inter - Juventus, dieci leoni post - Supercoppa

🦁 ALZALAAAAAAAAAAAA ALZALA CAPITANO ALZALAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAA 🦁Abbiamo perso anni di vita (come al solito), la salute fisica (che novità), la salute mentale (firts time?) ma ECCOCI QUI DOPO IL MINUTO 120:01 A FESTEGGIARE IL 12 GENNAIO E IL 13 GENNAIO E IL 14 GENNAIO ECC ECC UN TROFEO NON SO SE VI RENDETE CONTO UN T […]

12/01/2022
Inter - Juventus nel tempo di una supercoppa

Primo tempo 0’ - Eccoci qui, prontissimi, per la competizione meno interessante della stagione ma pur sempre l’occasione di esultare in faccia direttamente ai bianconeri. 1’ - Subito Dzeko su cross di Perry.Siamo più caldi del motore truccato del motorino di un bullo di provincia 5’ - De Vrij di testa su calcio d’angolo.È ROVENTE […]

linkedin facebook pinterest youtube rss twitter instagram facebook-blank rss-blank linkedin-blank pinterest youtube twitter instagram