19/02/2021

Milan - Inter: il Derby in 5 istantanee

Sinceramente ragazzi, il Derby di Milano è una partita così unica, particolare e ricca di aneddoti nella storia, che scegliere 5 istantanee è davvero difficile. Noi "Bauscia" (Inter squadra della borghesia) e loro "casciavitt" (Milan squadra degli operai e del popolo) siamo sempre stati in competizione, eppure mai nemici, ma sempre cugini. Grandi campioni hanno giocato questa partita, pazzesche coreografia l’hanno accompagnata. Ecco perché, da molti amanti del calcio, Inter – Milan è considerata la Stracittadina più bella del mondo. Quelle che vedremo oggi sono alcune delle scene più particolari ed indecenti dei derby post 2000.

  1. Il gol di AdriaMAno

Stagione 2008/09. Derby numero 270, il secondo per Mourinho contro l’ormai esperto Ancelotti. Io invitato a casa di Milanisti la butto inizialmente sul “politically correct”. Solo a leggere le formazioni, un brivido corre lungo la schiena. Tandem nerazzurro Ibra – Adriano (SHOT POWER 99) contro Ronaldinho e Pato (TODA JOIA). Capitani Maldini e Zanetti (AHHHH, RESPIRATE QUESTA ATMOSFERA). Alla mezz’ora però ecco il fatto che caratterizzò quella sfida. Da destra Maicon fa partire un bel cross, Maldini si perde Adriano, che per colpire la palla fa un mezzo bagher con la mano destra e segna. Gelo milanista a San Siro ed anche sul divano della casa dove sono ospitato. Polemiche velenose e la mia finta sportività che cerca di calmare gli animi: “Dai su ma gli è scivolata lì, è involontario, ma cosa deve fare? Tagliarsi il braccio?” Intanto dentro di me il sorriso aumenta quando Stankovic scarica il 2-0 su assist di Ibra. Finirà 2-1 con gol inutile di Pato. Mourinho contento perché Adriano dedica il gol al figlio, il giorno dopo pioggia di polemiche e tutti a scannarsi.

Milan - Inter: il Derby in 5 istantanee 1 Ranocchiate

2. Seedorf in ciabatte

A Settembre dello stesso anno va in onda uno dei derby più belli della storia interista. Penso che quel 4-0 ce lo abbiamo ancora tutti negli occhi, mi fermerei però nella storia dentro la storia, ossia la furia cieca di Ringhio Star Gattuso nei confronti di Leonardo e del povero Clarence, reo di vestire le ciabatte in panchina. Ma cosa è successo? Nel giorno del debutto di Sneijder, sbarcato a Milano poche ore prima, Gattuso perde la testa a metà primo tempo. Punteggio già sullo 0-1 dopo l’azione da Fifa che ha portato al gol di Motta. Rino è in sofferenza fisica, chiama la panchina e chiede il cambio. Leonardo sceglie Seedorf, il quale però è in ciabatte con patatine, pop corn, coca cola e fruttini a gustarsi il match. Poco dopo Pirlo sbaglia la punizione, Maicon lancia in campo aperto Eto’o (ETO’O, ETO’O). Gattuso lo insegue come meglio può e lo atterra in area. Solo Dio sa come non prenda già il rosso in quella occasione. Ringhio chiede ancora il cambio ad ampi gesti. Dalla panchina tutto tace, Seedorf abbassa la Gazzetta che stava leggendo e chiede se deve entrare proprio lui. Gattuso però, ormai è come l’Orlando furioso. Trancia la tibia al povero Wes e senza aspettare il cartellino (stavolta non lo salva manco il Papa) lancia la fascia da capitano e va sotto la doccia maledicendo tutto e tutti. (AHHHHH QUESTA PARTE DELLA MIA VITA LA CHIAMO MERAVIGGHIA)

Milan - Inter: il Derby in 5 istantanee 2 Ranocchiate

3. Regalo Di…da Natale

Antivigilia di Natale 2007. Quel derby lo ricordo sempre con piacere, perché è quello in cui abbiamo aspettato il Milan neo campione del Mondo in campo per applaudirlo. E solo questo denota quanto siamo Signori (non Beppe Signori). La partita è equilibrata e solo una punizione perfetta di Pirlo dalla lunetta la sblocca. Però Dida non ci sta e decide di darci una mano. Prima Cambiasso serve Cruz, che se la porta sul sinistro e calcia bucando un goffo estremo difensore milanista. Poi nella ripresa Maldini allontana male, Cambiasso raccoglie e di sinistro dal limite fa partire una mozzarella centrale. Dida vola però alla sua sinistra e la palla entra tranquilla in porta. Tutti pensano alla deviazione che in realtà non c’è.

Milan - Inter: il Derby in 5 istantanee 3 Ranocchiate

Il giorno dopo la Gazzetta metterà in prima pagina proprio la foto della papera di Dida con la didascalia “Regalo Di(da) Natale”. Ma che infidi balordi, quasi quasi mi è dispiaciuto… naaaaaah.

Milan - Inter: il Derby in 5 istantanee 4 Ranocchiate

4. È vostro!

 Stagione 2012/13, si proprio quella in cui siamo partiti a razzo col tridente Milito, Palacio, Cassano, con in panca Coutinho e Sneijder. Si proprio quella. Alla 7° giornata arriva il Milan di Allegri. Per la verità nemmeno loro messi troppo bene. Dopo appena 3 minuti punizione di Cambiasso dalla sinistra, Abbiati va a cogliere margherite, Wally Samuel fa 0-1. Io che quella partita l’ho guardata con un sito streaming della peggior specie, non vi sto nemmeno a dire cosa ho visto, e soprattutto quanto dopo l’ho visto. Poi ancora Abbiati, versione Dida 2007, regala palla a Milito, che però pensa che così sia troppo facile e quindi gliela restituisce. Il tutto per farci poi soffrire 87 minuti. Montolivo (CHI? SI RAGAZZI DAVVERO) fa pure un gol da cineteca annullato per fallo sul neoacquisto Handanovic (che io vedrò dopo alla Domenica Sportiva perché sotto 897 pop-up non ho visto niente). Poi verrà espulso Nagatomo e ancora Handanovic andrà a parare tutto il parabile. Finisce 0-1, lo Strama nerazzurro si lancia sotto la curva, dito indice alzato ad indicare i tifosi urlando “È VOSTRO, È VOSTRO!” Cassano lo porta in trionfo, pochi mesi dopo faranno rissa. “OH STRAMA BENEBENE”

Milan - Inter: il Derby in 5 istantanee 5 Ranocchiate

5. Corsa di Pioli alla Mou nel derby della confusione

Ora alzi la mano chi in quel derby 2016 ci ha capito qualcosa. Io niente, perché seduto in terza fila al bar è già buona se vedevo il campo. I senatori del paese di età media 75 anni seduti in prima fila, nemmeno. Anche perché ogni volta che qualcuno aveva la palla si giravano per chiedere: “Ma chi l’è?”. Quella stagione Inter e Milan avevano le maglie che erano praticamente identiche, poi appena il tessuto si bagnava e diventano più scure, ogni differenza spariva. È così che, a furia di strizzare gli occhi per 90minuti, gli oculisti di tutta Italia hanno fatto i soldi. Ma ora i fatti. Il Milan conduce 2-1, l’Eurogol di Candreva rischia di essere vano, la sconfitta al debutto di Pioli allenatore sembra annunciata. (Ci piace far esordire gli allenatori al derby, vero Mancio?). Calcio d’angolo al 92esimo, anche Samir in area a saltare. Nel bar sono ormai tutti verso la porta, coi cappotti in mano, pronti ad uscire dopo la sconfitta. Nella confusione più totale la palla arriva a Perisic appostato sul secondo palo, che appoggia in porta il pallone per il 2-2.

Milan - Inter: il Derby in 5 istantanee 6 Ranocchiate

Il barista si mette le mani nei capelli, non perché milanista, ma per i danni che questo gol provocherà al suo locale. Vola di tutto. Ma vola soprattutto Stefano Pioli che si lancia in mezzo al campo ad esultare stile Mou al Camp Nou. Richiamato dal quarto uomo, l’attuale mister rossonero (PENSA TE LA VITA) torna in panchina dove un commovente Gabigol gli salterà in braccio. Il Milan ci ripagherà al ritorno con la stessa moneta. Come ho detto all’inizio, il nostro destino di cugini è strano e misterioso, legato da un filo sottile.

Milan - Inter: il Derby in 5 istantanee 7 Ranocchiate

Milan - Inter: il Derby in 5 istantanee

Sinceramente ragazzi, il Derby di Milano è una partita così unica, particolare e ricca di aneddoti nella storia, che scegliere 5 istantanee è davvero difficile. Noi "Bauscia" (Inter squadra della borghesia) e loro "casciavitt" (Milan squadra degli operai e del popolo) siamo sempre stati in competizione, eppure mai nemici, ma sempre cugini. Grandi campioni hanno giocato questa partita, pazzesche coreografia l’hanno accompagnata. Ecco perché, da molti amanti del calcio, Inter – Milan è considerata la Stracittadina più bella del mondo. Quelle che vedremo oggi sono alcune delle scene più particolari ed indecenti dei derby post 2000.

  1. Il gol di AdriaMAno

Stagione 2008/09. Derby numero 270, il secondo per Mourinho contro l’ormai esperto Ancelotti. Io invitato a casa di Milanisti la butto inizialmente sul “politically correct”. Solo a leggere le formazioni, un brivido corre lungo la schiena. Tandem nerazzurro Ibra – Adriano (SHOT POWER 99) contro Ronaldinho e Pato (TODA JOIA). Capitani Maldini e Zanetti (AHHHH, RESPIRATE QUESTA ATMOSFERA). Alla mezz’ora però ecco il fatto che caratterizzò quella sfida. Da destra Maicon fa partire un bel cross, Maldini si perde Adriano, che per colpire la palla fa un mezzo bagher con la mano destra e segna. Gelo milanista a San Siro ed anche sul divano della casa dove sono ospitato. Polemiche velenose e la mia finta sportività che cerca di calmare gli animi: “Dai su ma gli è scivolata lì, è involontario, ma cosa deve fare? Tagliarsi il braccio?” Intanto dentro di me il sorriso aumenta quando Stankovic scarica il 2-0 su assist di Ibra. Finirà 2-1 con gol inutile di Pato. Mourinho contento perché Adriano dedica il gol al figlio, il giorno dopo pioggia di polemiche e tutti a scannarsi.

Milan - Inter: il Derby in 5 istantanee 8 Ranocchiate

2. Seedorf in ciabatte

A Settembre dello stesso anno va in onda uno dei derby più belli della storia interista. Penso che quel 4-0 ce lo abbiamo ancora tutti negli occhi, mi fermerei però nella storia dentro la storia, ossia la furia cieca di Ringhio Star Gattuso nei confronti di Leonardo e del povero Clarence, reo di vestire le ciabatte in panchina. Ma cosa è successo? Nel giorno del debutto di Sneijder, sbarcato a Milano poche ore prima, Gattuso perde la testa a metà primo tempo. Punteggio già sullo 0-1 dopo l’azione da Fifa che ha portato al gol di Motta. Rino è in sofferenza fisica, chiama la panchina e chiede il cambio. Leonardo sceglie Seedorf, il quale però è in ciabatte con patatine, pop corn, coca cola e fruttini a gustarsi il match. Poco dopo Pirlo sbaglia la punizione, Maicon lancia in campo aperto Eto’o (ETO’O, ETO’O). Gattuso lo insegue come meglio può e lo atterra in area. Solo Dio sa come non prenda già il rosso in quella occasione. Ringhio chiede ancora il cambio ad ampi gesti. Dalla panchina tutto tace, Seedorf abbassa la Gazzetta che stava leggendo e chiede se deve entrare proprio lui. Gattuso però, ormai è come l’Orlando furioso. Trancia la tibia al povero Wes e senza aspettare il cartellino (stavolta non lo salva manco il Papa) lancia la fascia da capitano e va sotto la doccia maledicendo tutto e tutti. (AHHHHH QUESTA PARTE DELLA MIA VITA LA CHIAMO MERAVIGGHIA)

Milan - Inter: il Derby in 5 istantanee 9 Ranocchiate

3. Regalo Di…da Natale

Antivigilia di Natale 2007. Quel derby lo ricordo sempre con piacere, perché è quello in cui abbiamo aspettato il Milan neo campione del Mondo in campo per applaudirlo. E solo questo denota quanto siamo Signori (non Beppe Signori). La partita è equilibrata e solo una punizione perfetta di Pirlo dalla lunetta la sblocca. Però Dida non ci sta e decide di darci una mano. Prima Cambiasso serve Cruz, che se la porta sul sinistro e calcia bucando un goffo estremo difensore milanista. Poi nella ripresa Maldini allontana male, Cambiasso raccoglie e di sinistro dal limite fa partire una mozzarella centrale. Dida vola però alla sua sinistra e la palla entra tranquilla in porta. Tutti pensano alla deviazione che in realtà non c’è.

Milan - Inter: il Derby in 5 istantanee 10 Ranocchiate

Il giorno dopo la Gazzetta metterà in prima pagina proprio la foto della papera di Dida con la didascalia “Regalo Di(da) Natale”. Ma che infidi balordi, quasi quasi mi è dispiaciuto… naaaaaah.

Milan - Inter: il Derby in 5 istantanee 11 Ranocchiate

4. È vostro!

 Stagione 2012/13, si proprio quella in cui siamo partiti a razzo col tridente Milito, Palacio, Cassano, con in panca Coutinho e Sneijder. Si proprio quella. Alla 7° giornata arriva il Milan di Allegri. Per la verità nemmeno loro messi troppo bene. Dopo appena 3 minuti punizione di Cambiasso dalla sinistra, Abbiati va a cogliere margherite, Wally Samuel fa 0-1. Io che quella partita l’ho guardata con un sito streaming della peggior specie, non vi sto nemmeno a dire cosa ho visto, e soprattutto quanto dopo l’ho visto. Poi ancora Abbiati, versione Dida 2007, regala palla a Milito, che però pensa che così sia troppo facile e quindi gliela restituisce. Il tutto per farci poi soffrire 87 minuti. Montolivo (CHI? SI RAGAZZI DAVVERO) fa pure un gol da cineteca annullato per fallo sul neoacquisto Handanovic (che io vedrò dopo alla Domenica Sportiva perché sotto 897 pop-up non ho visto niente). Poi verrà espulso Nagatomo e ancora Handanovic andrà a parare tutto il parabile. Finisce 0-1, lo Strama nerazzurro si lancia sotto la curva, dito indice alzato ad indicare i tifosi urlando “È VOSTRO, È VOSTRO!” Cassano lo porta in trionfo, pochi mesi dopo faranno rissa. “OH STRAMA BENEBENE”

Milan - Inter: il Derby in 5 istantanee 12 Ranocchiate

5. Corsa di Pioli alla Mou nel derby della confusione

Ora alzi la mano chi in quel derby 2016 ci ha capito qualcosa. Io niente, perché seduto in terza fila al bar è già buona se vedevo il campo. I senatori del paese di età media 75 anni seduti in prima fila, nemmeno. Anche perché ogni volta che qualcuno aveva la palla si giravano per chiedere: “Ma chi l’è?”. Quella stagione Inter e Milan avevano le maglie che erano praticamente identiche, poi appena il tessuto si bagnava e diventano più scure, ogni differenza spariva. È così che, a furia di strizzare gli occhi per 90minuti, gli oculisti di tutta Italia hanno fatto i soldi. Ma ora i fatti. Il Milan conduce 2-1, l’Eurogol di Candreva rischia di essere vano, la sconfitta al debutto di Pioli allenatore sembra annunciata. (Ci piace far esordire gli allenatori al derby, vero Mancio?). Calcio d’angolo al 92esimo, anche Samir in area a saltare. Nel bar sono ormai tutti verso la porta, coi cappotti in mano, pronti ad uscire dopo la sconfitta. Nella confusione più totale la palla arriva a Perisic appostato sul secondo palo, che appoggia in porta il pallone per il 2-2.

Milan - Inter: il Derby in 5 istantanee 13 Ranocchiate

Il barista si mette le mani nei capelli, non perché milanista, ma per i danni che questo gol provocherà al suo locale. Vola di tutto. Ma vola soprattutto Stefano Pioli che si lancia in mezzo al campo ad esultare stile Mou al Camp Nou. Richiamato dal quarto uomo, l’attuale mister rossonero (PENSA TE LA VITA) torna in panchina dove un commovente Gabigol gli salterà in braccio. Il Milan ci ripagherà al ritorno con la stessa moneta. Come ho detto all’inizio, il nostro destino di cugini è strano e misterioso, legato da un filo sottile.

Milan - Inter: il Derby in 5 istantanee 14 Ranocchiate

Notizie flash

Ultimi articoli

20/10/2021
Inter - Sheriff, dieci coccodrilli post - partita

🐊 Quanto è bello svegliarsi alla mattina quando sai di essere stata la prima squadra a battere lo Sheriff Tiraspol in Champions League. Ciao Real Madrid, tu questo non lo sai fare. 🐊 Comunque mi state simpatici, amici dell’ONU datevi una mossa e riconoscete questo bellissimo stato con una popolazione magnifica, non vedo l’ora di […]

19/10/2021
Uno sceriffo strapazzato nel tempo di un caffè

Terza partita del girone e siamo già qua, a dover strappare con i denti 3 punti per non vedere già andare in frantumi il sogno europeo. Tutto molto interista. Almeno però negli ultimi anni aspettavamo l’ultima giornata. Beh, godiamoci lo spettacolo dello Sceriffo. Primo tempo 4’ - Prima discesa degli uomini dello Sceriffo e sto […]

19/10/2021
10 cose più probabili di una vittoria con lo Sheriff Tiraspol

10 – Mauro Ica**i e Max Allegri decidono di fondare una società di consulenza matrimoniale 9 – Il dR.anocchio scopre una nuova fondamentale porzione anatomica del ginocchio umano e decide di chiamarla capsula di Sensi 8 – Il Napoli vince lo scudetto a punteggio pieno 7 – Fifino Dumfries si ritira, si dà alla boxe […]

17/10/2021
Lazio - Inter, il pagellone rissoso

HANDA 6+10 - Una prestazione normale per il vicecap, che mi toglie la possibilità di difenderlo a spada tratta perché sul 3-1 decide di abbandonarci a noi stessi lasciando entrare la palla in porta. Ma nel megarissone dà il meglio di sé: lo trovi in tutte le situazioni più calde e a fine partita è […]

17/10/2021
Lazio - Inter, dieci pensieri post - partita

10 - Simon Kjaer che festeggia la qualificazione della Danimarca ai Mondiali con addosso la 10 di Chris l’unica cosa bella della sosta nazionali. 9 - Però è stato bello pensare che mi mancasse il campionato per quasi due settimane. 8 - GRAZIE SIGNORA BEST MANAGER NARA WANDA PER IL DRAMA DELLA SERATA che bello […]

16/10/2021
Lazio - Inter nel tempo di un'infamata

Primo tempo 0’ - Se non altro Pardo mi conferma che non sono l’unico ad aver perplessità a intendere la nostra formazione. 10’ - Rigoreeeeeee Mamma Mbare che giocatore che sei diventato!E ora chi cazzo lo tira il rigore? 11’ - PERRYYYYYYYYYYYY RIGORE PERFETTOChi ha bisogno 18’ - Comunque Felipe Anderson ogni volta che vede […]

linkedin facebook pinterest youtube rss twitter instagram facebook-blank rss-blank linkedin-blank pinterest youtube twitter instagram