12/06/2017

Masochismo e Pazzia: un popolo e l’amore per la sua maglia.

Se ancora non si fosse capito, il popolo nerazzurro è pazzo.
Pazzo d’amore. Pazzo di passione. Pazzo, pazzo e basta, altrimenti non avrebbe alcun senso il dato sulla media-spettatori della stagione appena conclusa, che vede in testa proprio i tifosi nerazzurri con un 46.662 che significa anche un aumento del 2,40% rispetto allo scorso anno. Un dato impressionante, soprattutto se considerata una stagione che, tra l’anonima e l’umiliante, ha regalato ben poche gioie.

MASOCHISMO Il masochismo è la ricerca del piacere attraverso il dolore *; questo può essere psicologico (umiliazione) oppure fisico. (Definizione da Wikipedia) Che sia questo a spingere ancora noi tifosi? Ne dubito, ma non è da escludere a priori: il gusto perverso di difendere i nostri colori nei momenti più duri è un qualcosa di insito nel tifoso nerazzurro, che abbiamo affinato negli anni, senza sosta: dal derby tennistico al sole di maggio di Roma, dalla pioggia del Madrigal a 45 lunghi anni senza la Coppa.
E potrei continuare.Il punto è che, archiviata la stagione, archiviati i fischi (giustissimi) dell’ultima con l’Udinese, siamo di nuovo qua, sempre e solo per una maglia che non smetteremo mai d’amare.

I calciatori vanno e vengono, lo stesso vale per gli allenatori ed i dirigenti, e pur ricordando con gioia alcuni e con meno gioia altri, è solo la maglia che conta.Questo non significa che non vogliamo tornare a vincere, anzi, ma attenzione: non perché pensiamo di avere fenomeni che vestono il nerazzurro, bensì perché chi veste il nerazzurro di Milano deve dimostrare di poterlo indossare.

“Passa il tempo ma noi no”, diceva Fiorella Mannoia parlando delle donne. E per noi che la Donna l’abbiamo scelta vestita dei colori della notte, questa frase è sempre di moda.

A cura di Federico Viafora

Masochismo e Pazzia: un popolo e l’amore per la sua maglia.

Se ancora non si fosse capito, il popolo nerazzurro è pazzo.
Pazzo d’amore. Pazzo di passione. Pazzo, pazzo e basta, altrimenti non avrebbe alcun senso il dato sulla media-spettatori della stagione appena conclusa, che vede in testa proprio i tifosi nerazzurri con un 46.662 che significa anche un aumento del 2,40% rispetto allo scorso anno. Un dato impressionante, soprattutto se considerata una stagione che, tra l’anonima e l’umiliante, ha regalato ben poche gioie.

MASOCHISMO Il masochismo è la ricerca del piacere attraverso il dolore *; questo può essere psicologico (umiliazione) oppure fisico. (Definizione da Wikipedia) Che sia questo a spingere ancora noi tifosi? Ne dubito, ma non è da escludere a priori: il gusto perverso di difendere i nostri colori nei momenti più duri è un qualcosa di insito nel tifoso nerazzurro, che abbiamo affinato negli anni, senza sosta: dal derby tennistico al sole di maggio di Roma, dalla pioggia del Madrigal a 45 lunghi anni senza la Coppa.
E potrei continuare.Il punto è che, archiviata la stagione, archiviati i fischi (giustissimi) dell’ultima con l’Udinese, siamo di nuovo qua, sempre e solo per una maglia che non smetteremo mai d’amare.

I calciatori vanno e vengono, lo stesso vale per gli allenatori ed i dirigenti, e pur ricordando con gioia alcuni e con meno gioia altri, è solo la maglia che conta.Questo non significa che non vogliamo tornare a vincere, anzi, ma attenzione: non perché pensiamo di avere fenomeni che vestono il nerazzurro, bensì perché chi veste il nerazzurro di Milano deve dimostrare di poterlo indossare.

“Passa il tempo ma noi no”, diceva Fiorella Mannoia parlando delle donne. E per noi che la Donna l’abbiamo scelta vestita dei colori della notte, questa frase è sempre di moda.

A cura di Federico Viafora

Notizie flash

Ultimi articoli

23/01/2023
Inter - Empoli, il prepartita della goduria

Quelli più scaramantici tra voi diranno che non devo crogiolarmi troppo nella goduria perché il karma è un attimo che torna indietro come un boomerang. Ora però, vorrei fare una domanda a tutti voi: andando a memoria, ricordate, in tutto il vostro percorso da interisti, una sola volta in cui il karma non ci abbia […]

29/01/2023
Cremonese - Inter, dieci tori post-partita

🐂 - È durata giusto il tempo di farsi una doccia 🐂 - Che voglia di chiudermi in camera scrivendo frasi sulla Smemo ascoltando Bella Senz’Anima di Riccardo Cocciante 🐂 - Non so cosa sia peggio questa settimana tra Skriniar alla Juv…scusate, PSG, i ricordi di Eriksen che arriva all’Inter e sapere che esiste un Epic Team dal […]

28/01/2023
Cremonese - Inter, la partita nel tempo di un caffè con Gaglia capitano

0’ - non siamo pronti a vedere Gagliardini con la fascia NON SIAMO PRONTI Primo tempo 1' - Mariani fischia dopo aver regolato i suoi sedici orologi 4’ - qui dal settore ospiti Cremona tutto ok. Tanti ravioli e tanto vino, ma ok.  Finita la birra, vi aggiorniamo. 5’ - il primo piano su dzeko […]

28/01/2023
Cremonese-Inter, il prepartita sul cruscotto

La vedete quella luce rossa in lontananza? Ma sì, dai, se guardate bene riuscite a notarla anche voi.Là, in fondo a destra, dopo tutti i nomi delle squadre di Serie A, vicino alla scritta "Retrocessione"!Ecco, quello è il fanalino di coda del campionato.Quella è la Cremonese. Ebbene sì, è appena passata un'altra settimana sulle montagne […]

24/01/2023
Inter - Empoli, il pagellone incredulo

ONANA 5 - Ah che bella fase l’innamoramento.Le farfalle nello stomaco, quella inspiegabile voglia di passare più tempo possibile insieme…guardi quella persona e pensi: ma dove sei stato tutto questo tempo? Come facevo io senza di te?E soprattutto, hai davvero dei difetti o lo dici per dire?Bene, benvenuti a “il dopo”, ovvero quella simpatica fase […]

24/01/2023
Inter - Empoli, dieci rossi post-partita

🤬 - Stamattina con una gran voglia di disdire anche io qualsiasi cosa, ve lo giuro. ❤️ - È comunque il 24 di gennaio, buon BrozoDay a tutti, TORNA KAPETANE MOJ MI MANCHI 🤬 - Non avessi già espatriato l’avrei fatto di corsa stamattina. N.B. L’espatrio non protegge dagli effetti collaterali di Inter - Empoli 🤬 - Comunque volevo […]

23/01/2023
Inter - Empoli nel tempo di un caffè scadente

0’ - Non credevo che avrei mai ringraziato DAZN per qualcosa. Poi chiamano Strama. E allora ditelo.. PRIMO TEMPO: 1'- L'intesa tra Lauti e Tucu è commovente, nel senso che mi sto già disperando 4’ - sono quattro minuti che cantiamo ‘Milan merda’. Spero di cuore che ci stiate sentendo da casa perché non ho […]

linkedin facebook pinterest youtube rss twitter instagram facebook-blank rss-blank linkedin-blank pinterest youtube twitter instagram