27/11/2021

L'Inter in gita a Venezia

Cari Brati, io sono sempre stato solito immaginare lo spogliatoio interista come una classe di alunni del più diroccato ed ignorante istituto professionale, alla stregua di quelli presenti nella periferia di Caracas (che poi è effettivamente la scuola che ha frequentato Guarin🕊).

L'Inter in gita a Venezia 1 Ranocchiate
Un minuto di silenzio per i piccioni del terzo anello

Quindi ho pensato: perché non fargli fare, al quinto anno, una bella gita...a Venezia? Immergiamoci...

Gli alunni (ovviamente tutti maschi, come nei migliori ITIS) sono una banda di simpatici ignorantoni che, non si sa grazie a quale aiuto divino, sono riusciti a passare lo scorso anno scolastico in DAD come i migliori della scuola.

Quest'anno però il professore salentino super pagato che li aveva condotti alla promozione se n'è andato a causa dell'addio del suo cocco e di quel simpatico ragazzo marocchino che correva tanto. (NON SI INVESDE NELLA SGUOLAAA!!!!).

L'Inter in gita a Venezia 2 Ranocchiate
Il prof Conte all'arrivo all'ITIS Angelo Moratti

Al suo posto è arrivato un nuovo prof, un po’ strano, che fino all’anno prima insegnava in una scuola romana in cui tutti i dipendenti erano sottopagati e nella quale non si investivano soldi da decenni.

Erano pochi quelli che si fidavano di lui, ma, tra lo scetticismo generale, il prof. Simone Inzaghi detto Mone è riuscito comunque a far passare agli alunni il primo test europeo dopo un decennio e sta anche riuscendo a fargli mantenere una buona media in italiano.

Come premio per il passaggio del test europeo il preside Zhang ha voluto premiare i ragazzi portandoli in gita a Venezia.

La classe ha accolto la notizia con grande fermento, smorzato solo dalla delusione di Arturito Vidal che sperava in una bella gita ad Amsterdam e di Stefano Sensi che invece avrebbe tanto voluto andare con i suoi amichetti a DisneyWorld.
Ma nonostante ciò, la classe si preparava a vivere tre giorni di follia nella città lagunare (d’altronde, con gente tipo Brozo in classe non si può certo pensare di passare una gita normale).

L'Inter in gita a Venezia 3 Ranocchiate
Brozo dopo la prima notte a Venezia

La partenza è fissata per giovedì 25, giorno della settimana storicamente dedicato ai grandi i test nell'Europa che conta e che invece anche quest’anno è libero da impegni importanti. La partenza è fissata alle prime luci dell’alba presso la sede della scuola, l'ITIS Angelo Moratti.
Tutti erano infreddoliti e ancora mezzo addormentati, tanto che si stavano quasi per dimenticare Nicolino Barella, ritrovato solo grazie a Brozo, che, non vedendo il suo amico, ha cominciato a urlare "Bareeee dove seiiiii" e lo ha poi ritrovato, ancora in after dalla sera prima, nel bagno del piano terra dove aveva passato la notte.

Recuperato Nicolino, i ragazzi salgono finalmente sul pullman occupando posti "tattici".
Alla destra del prof si siede Don Matteo Darmian che sfrutta la sveglia all'alba per recitare qualche rosario, che, dice, "non recitavo da quando ero in seminario".

L'Inter in gita a Venezia 4 Ranocchiate
Don Matteo ai tempi del Seminario

Dall'altra parte del bus, invece, si siede il trio Calha - Sanchez - Vidal che si occupa di far partire i cori durante il viaggio (con annesso momento di imbarazzo quando Hakan, in un attimo di confusione, pensando di essere ancora con la sua vecchia classe dell’ITIS Silvio B. fa partire "Pioli is on fire").

L'Inter in gita a Venezia 5 Ranocchiate
Calha prima di cambiare scuola

Vicino al trio delle meraviglie, invece, ci sono Lauti e il Tucu Correa con la chiara intenzione di passare l'intero viaggio a farsi selfie con le canzoni reggaeton spagnole di sottofondo. 

Dopo qualche ora la classe arriva finalmente a destinazione, pronta a vedere la città, anche se alcuni, come Handa e Kolarov, gli anziani ripetenti, borbottano pensando solo a quanto sarebbe stato bello rimanere a casa a vedere Netflix sul divano sotto le coperte. 

Giunti in hotel, il rappresentante di classe (ovviamente Frog) si occupa di dividere gli alunni nelle varie camere in base alle loro personalità. Tutti gli alunni sono sistemati in camere doppie, ma il lungimirante capoclasse ne ha fatta preparare anche una matrimoniale con lettino aggiunto per l’allegra famigliola composta dalla coppia Skri - Stefan e dal figlioletto Basto.

La gita prosegue poi nei giorni seguenti senza particolari intoppi oltre alle classiche proteste dei più trasgressivi del gruppo che non avevano nessuna voglia di visitare mostre e musei.

Durante la notte, invece, il gruppo si divideva: i "tranquilli" come Darmian, Frog, Handa, Sensi e D'Ambrosio rientravano in hotel non oltre le 23, i "casinisti" come Dimarco, Bare, Calha, Arturo e Alexis andavano con una panda a noleggio (Arturo non riusciva più a farne a meno) nei migliori nightclub e infine i Brati come Brozo, Perry, Edin, Kolarov e Radu avevano organizzato, non si sa bene come, una bisca clandestina con le più losche figure dell'ambiente lagunare.

L'Inter in gita a Venezia 6 Ranocchiate

Ma questo solo per due notti perché, nella serata di sabato la classe doveva giocare una partita contro dei pari età in un abbattutissimo campetto della periferia veneziana.
Ancora distrutti dalla serata precedente, i nostri eroi si avviarono verso il campo con la stessa voglia con la quale un lavoratore si alza al lunedì mattina. A render tutto ancor più epico ci pensò la pioggia che quella sera non smetteva di tormentare la laguna veneta.

Sotto il diluvo universale le due squadre si avviarono verso gli spogliatoi.
Il prof. Inzaghi, dotato della classica tuta da professore di ginnastica, si perse in uno sproloquio infinito per motivare i ragazzi, che n quel momento avevano voglia solo di essere sotto le coperte e di una bevanda calda.
Al momento dell'ingresso in campo i ragazzi milanesi incontrarono per la prima volta i coetanei veneziani e tra i loro sguardi si notava un comune interrogativo: ma questa partita la dobbiamo per forza giocare?*UFF SBUFF SBRACC*
Ma ormai non avevano scampo, l’arbitro stava per fischiare il calcio di inizio...

L'Inter in gita a Venezia

Cari Brati, io sono sempre stato solito immaginare lo spogliatoio interista come una classe di alunni del più diroccato ed ignorante istituto professionale, alla stregua di quelli presenti nella periferia di Caracas (che poi è effettivamente la scuola che ha frequentato Guarin🕊).

L'Inter in gita a Venezia 7 Ranocchiate
Un minuto di silenzio per i piccioni del terzo anello

Quindi ho pensato: perché non fargli fare, al quinto anno, una bella gita...a Venezia? Immergiamoci...

Gli alunni (ovviamente tutti maschi, come nei migliori ITIS) sono una banda di simpatici ignorantoni che, non si sa grazie a quale aiuto divino, sono riusciti a passare lo scorso anno scolastico in DAD come i migliori della scuola.

Quest'anno però il professore salentino super pagato che li aveva condotti alla promozione se n'è andato a causa dell'addio del suo cocco e di quel simpatico ragazzo marocchino che correva tanto. (NON SI INVESDE NELLA SGUOLAAA!!!!).

L'Inter in gita a Venezia 8 Ranocchiate
Il prof Conte all'arrivo all'ITIS Angelo Moratti

Al suo posto è arrivato un nuovo prof, un po’ strano, che fino all’anno prima insegnava in una scuola romana in cui tutti i dipendenti erano sottopagati e nella quale non si investivano soldi da decenni.

Erano pochi quelli che si fidavano di lui, ma, tra lo scetticismo generale, il prof. Simone Inzaghi detto Mone è riuscito comunque a far passare agli alunni il primo test europeo dopo un decennio e sta anche riuscendo a fargli mantenere una buona media in italiano.

Come premio per il passaggio del test europeo il preside Zhang ha voluto premiare i ragazzi portandoli in gita a Venezia.

La classe ha accolto la notizia con grande fermento, smorzato solo dalla delusione di Arturito Vidal che sperava in una bella gita ad Amsterdam e di Stefano Sensi che invece avrebbe tanto voluto andare con i suoi amichetti a DisneyWorld.
Ma nonostante ciò, la classe si preparava a vivere tre giorni di follia nella città lagunare (d’altronde, con gente tipo Brozo in classe non si può certo pensare di passare una gita normale).

L'Inter in gita a Venezia 9 Ranocchiate
Brozo dopo la prima notte a Venezia

La partenza è fissata per giovedì 25, giorno della settimana storicamente dedicato ai grandi i test nell'Europa che conta e che invece anche quest’anno è libero da impegni importanti. La partenza è fissata alle prime luci dell’alba presso la sede della scuola, l'ITIS Angelo Moratti.
Tutti erano infreddoliti e ancora mezzo addormentati, tanto che si stavano quasi per dimenticare Nicolino Barella, ritrovato solo grazie a Brozo, che, non vedendo il suo amico, ha cominciato a urlare "Bareeee dove seiiiii" e lo ha poi ritrovato, ancora in after dalla sera prima, nel bagno del piano terra dove aveva passato la notte.

Recuperato Nicolino, i ragazzi salgono finalmente sul pullman occupando posti "tattici".
Alla destra del prof si siede Don Matteo Darmian che sfrutta la sveglia all'alba per recitare qualche rosario, che, dice, "non recitavo da quando ero in seminario".

L'Inter in gita a Venezia 10 Ranocchiate
Don Matteo ai tempi del Seminario

Dall'altra parte del bus, invece, si siede il trio Calha - Sanchez - Vidal che si occupa di far partire i cori durante il viaggio (con annesso momento di imbarazzo quando Hakan, in un attimo di confusione, pensando di essere ancora con la sua vecchia classe dell’ITIS Silvio B. fa partire "Pioli is on fire").

L'Inter in gita a Venezia 11 Ranocchiate
Calha prima di cambiare scuola

Vicino al trio delle meraviglie, invece, ci sono Lauti e il Tucu Correa con la chiara intenzione di passare l'intero viaggio a farsi selfie con le canzoni reggaeton spagnole di sottofondo. 

Dopo qualche ora la classe arriva finalmente a destinazione, pronta a vedere la città, anche se alcuni, come Handa e Kolarov, gli anziani ripetenti, borbottano pensando solo a quanto sarebbe stato bello rimanere a casa a vedere Netflix sul divano sotto le coperte. 

Giunti in hotel, il rappresentante di classe (ovviamente Frog) si occupa di dividere gli alunni nelle varie camere in base alle loro personalità. Tutti gli alunni sono sistemati in camere doppie, ma il lungimirante capoclasse ne ha fatta preparare anche una matrimoniale con lettino aggiunto per l’allegra famigliola composta dalla coppia Skri - Stefan e dal figlioletto Basto.

La gita prosegue poi nei giorni seguenti senza particolari intoppi oltre alle classiche proteste dei più trasgressivi del gruppo che non avevano nessuna voglia di visitare mostre e musei.

Durante la notte, invece, il gruppo si divideva: i "tranquilli" come Darmian, Frog, Handa, Sensi e D'Ambrosio rientravano in hotel non oltre le 23, i "casinisti" come Dimarco, Bare, Calha, Arturo e Alexis andavano con una panda a noleggio (Arturo non riusciva più a farne a meno) nei migliori nightclub e infine i Brati come Brozo, Perry, Edin, Kolarov e Radu avevano organizzato, non si sa bene come, una bisca clandestina con le più losche figure dell'ambiente lagunare.

L'Inter in gita a Venezia 12 Ranocchiate

Ma questo solo per due notti perché, nella serata di sabato la classe doveva giocare una partita contro dei pari età in un abbattutissimo campetto della periferia veneziana.
Ancora distrutti dalla serata precedente, i nostri eroi si avviarono verso il campo con la stessa voglia con la quale un lavoratore si alza al lunedì mattina. A render tutto ancor più epico ci pensò la pioggia che quella sera non smetteva di tormentare la laguna veneta.

Sotto il diluvo universale le due squadre si avviarono verso gli spogliatoi.
Il prof. Inzaghi, dotato della classica tuta da professore di ginnastica, si perse in uno sproloquio infinito per motivare i ragazzi, che n quel momento avevano voglia solo di essere sotto le coperte e di una bevanda calda.
Al momento dell'ingresso in campo i ragazzi milanesi incontrarono per la prima volta i coetanei veneziani e tra i loro sguardi si notava un comune interrogativo: ma questa partita la dobbiamo per forza giocare?*UFF SBUFF SBRACC*
Ma ormai non avevano scampo, l’arbitro stava per fischiare il calcio di inizio...

Notizie flash

Ultimi articoli

23/01/2023
Inter - Empoli, il prepartita della goduria

Quelli più scaramantici tra voi diranno che non devo crogiolarmi troppo nella goduria perché il karma è un attimo che torna indietro come un boomerang. Ora però, vorrei fare una domanda a tutti voi: andando a memoria, ricordate, in tutto il vostro percorso da interisti, una sola volta in cui il karma non ci abbia […]

01/02/2023
Inter - Atalanta, dieci Santini post-partita

😇 - E per una volta non sono quelli che abbiamo tirato giù durante la partita ma quelli pregati a fine partita in onore del nostro Apostolo. 😇 - Partita con l’Atalanta fatta, semifinale di Coppa Italia presa, Gasperini salutato e mandato a cogliere fiori insieme a Xavi, ora possiamo finalmente concentrare tutto il nostro odio verso […]

31/01/2023
Inter - Atalanta nel tempo di un santo caffè

PRIMO TEMPO: 0'- Benvenuti a Inter - Atalanta, una partita che è come un film già visto, con Pasalic nel ruolo di Ilicic, Boga nel ruolo di Muriel e Maehle nel ruolo di Gosens 4' - Darmy di nuovo in modalità save the world 6' - Chala invece in modalità scazzo non mi avete comprato […]

31/01/2023
Inter - Atalanta, 10 pensieri prepartita e 10 commenti cinici

1 - L’Atalanta 4 giorni prima del derby; praticamente volete farmi incontrare tutti quelli della lista delle persone più odiose del mondo. Manca solo Cuadrado ma non me lo far dire troppo forte che questo è in scadenza di contratto con una squadra che rischia la serie B e l’anno prossimo me lo ritrovo al […]

29/01/2023
Cremonese - Inter, il pagellone delle citazioni improbabili

ONANA 6.5 – Comincia la partita e collezioniamo angoli a ripetizione, tanto che ad un certo punto sono più i corner che i minuti trascorsi.Andrè se ne sta in porta, pronto ad esultare, perchè prima di venire a giocare con noi ha avuto il tempo di studiarci e sa che siamo la squadra che segna […]

29/01/2023
Cremonese - Inter, dieci tori post-partita

🐂 - È durata giusto il tempo di farsi una doccia 🐂 - Che voglia di chiudermi in camera scrivendo frasi sulla Smemo ascoltando Bella Senz’Anima di Riccardo Cocciante 🐂 - Non so cosa sia peggio questa settimana tra Skriniar alla Juv…scusate, PSG, i ricordi di Eriksen che arriva all’Inter e sapere che esiste un Epic Team dal […]

28/01/2023
Cremonese - Inter, la partita nel tempo di un caffè con Gaglia capitano

0’ - non siamo pronti a vedere Gagliardini con la fascia NON SIAMO PRONTI Primo tempo 1' - Mariani fischia dopo aver regolato i suoi sedici orologi 4’ - qui dal settore ospiti Cremona tutto ok. Tanti ravioli e tanto vino, ma ok.  Finita la birra, vi aggiorniamo. 5’ - il primo piano su dzeko […]

linkedin facebook pinterest youtube rss twitter instagram facebook-blank rss-blank linkedin-blank pinterest youtube twitter instagram