01/11/2018

Life on Mario

Avete presente quando per tutta la settimana preparate il vostro solito weekend da passare con solo amici maschi, molti videogame, poche ragazze e ancora meno igiene intima? Ecco, ora immaginate che poco prima dell’arrivo dei vostri amici vi arrivi una telefonata da lei, Joana, la ragazza portoghese dalla stupenda pelle d’ebano e dal passo felpato che vi ha fatto innamorare facendovela annusare per un anno e mezzo per poi sparire in Erasmus in Inghilterra, e che questa vi chieda di uscire, così all’improvviso. Ovviamente se avete più di due neuroni comunicanti fingete una colica renale con i vostri amici per passare la serata con lei ad ammirare sognanti la sua fronte lucida.  La serata di lunedì è stata pressappoco così anche per me. Un’intera settimana a preparare un articolo sulle meravigliose gesta di Icardi nel Derby, sulla mossa del coccodrillo del croato più epico del mondo al Camp Nou e sul ritorno della Garra Charrua a Roma, quando alle 19:30 sul gruppo di Ranocchiate appare una notizia che avrebbe fatto infartare pure il tipo col cuore di latta del Mago di Oz: Joao Mario titolare. Sul gruppo parte il delirio più totale. Gente che gridava al miracolo, gente che volava dalle finestre. In confronto i festeggiamenti per lo sbarco sulla luna sembravano un brunch domenicale del circolo del Burraco.

Ovviamente tutte le buone intenzioni riguardo al parlare delle partite della settimana vanno allegramente a puttane ed eccoci qui a parlare del meraviglioso Joao. Ubi maior, minor cessat come si suole dire. Sì, ok, tutto bellissimo, ma in tutto questo, come ha giocato Joao? Non ne ho la minima idea. Sono stati 50 minuti di puro esoterismo. Ogni pallone toccato, ogni scatto col culo all’infuori, ogni primo piano sul suo sguardo mi ha mandato in un mondo parallelo neanche fosse una pasticca di Crystal Meth. Per 50 minuti sono tornato con la mente al post Inter-Juve dell’anno di grazia di Frank de Boer, quando si pensava di aver trovato un portoghese fortissimo, quasi più forte di Quaresma. Nitidamente riapparivano nella mia mente le frasi da bar dette con gli amici: “ragazzi qua abbiamo preso un fenomeno”, “questo ha un’intelligenza tattica che non vedevo dai tempi del Cuchu”, “ragazzi, e pensate che non è ancora esploso Gabigol, vedo un grande futuro di fronte a noi. E meno male che non abbiamo preso quel Gabriel Jesus che mi sa proprio di bidone”.

Ovviamente nessuna di queste cose si è minimamente trasformata in realtà. Tuttavia, questa nuova Inter ci sta regalando storie di redenzione e ritorni degne delle migliori narrazioni evangeliche. Nel vangelo secondo Luciano nessuno è mai veramente dannato. Ed è per questo che, dopo aver redento Brozovic, riesumato Borja, riportato al goal AK87 e aver resuscitato il delfino Joao è arrivato il momento di realizzare l’ultimo grande sogno: Riportare a casa Guarin. Ma forse i tempi non sono ancora maturi per questo. Il Giaguaro è l’eroe che San Siro merita, ma non quello di cui ha bisogno in questo momento. Per ora, limitiamoci a godere della rinnovata magnificenza di JM10, in attesa del grande #RITORN.

Is there life on Mars?”

Questo si chiedeva David Bowie nel lontano 1973. A distanza di 45 anni questa domanda risulta del tutto secondaria rispetto alla grande questione emersa in questi giorni. C’è vita su Mario? Solo il tempo ce lo dirà, ma una cosa è certa. Il popolo di Ranocchiate ci ha sempre creduto e non smetterà mai di farlo. Lavoriamo per realizzare i vostri sogni.

P.s. Avete notato che un ragazzo, un meraviglioso ragazzo, che non ha in nessun modo alcun tipo di relazione con chi sta scrivendo ve lo giuro, nelle interviste di Ranocchiate aveva predetto tutto?

P.p.s Se non avete ancora visto le nostre interviste e non vi siete iscritti al canale YouTube vi apparirà lo spirito malvagio di Alvaro Pereira, poi non dite che non vi ho avvisato.

Life on Mario

Avete presente quando per tutta la settimana preparate il vostro solito weekend da passare con solo amici maschi, molti videogame, poche ragazze e ancora meno igiene intima? Ecco, ora immaginate che poco prima dell’arrivo dei vostri amici vi arrivi una telefonata da lei, Joana, la ragazza portoghese dalla stupenda pelle d’ebano e dal passo felpato che vi ha fatto innamorare facendovela annusare per un anno e mezzo per poi sparire in Erasmus in Inghilterra, e che questa vi chieda di uscire, così all’improvviso. Ovviamente se avete più di due neuroni comunicanti fingete una colica renale con i vostri amici per passare la serata con lei ad ammirare sognanti la sua fronte lucida.  La serata di lunedì è stata pressappoco così anche per me. Un’intera settimana a preparare un articolo sulle meravigliose gesta di Icardi nel Derby, sulla mossa del coccodrillo del croato più epico del mondo al Camp Nou e sul ritorno della Garra Charrua a Roma, quando alle 19:30 sul gruppo di Ranocchiate appare una notizia che avrebbe fatto infartare pure il tipo col cuore di latta del Mago di Oz: Joao Mario titolare. Sul gruppo parte il delirio più totale. Gente che gridava al miracolo, gente che volava dalle finestre. In confronto i festeggiamenti per lo sbarco sulla luna sembravano un brunch domenicale del circolo del Burraco.

Ovviamente tutte le buone intenzioni riguardo al parlare delle partite della settimana vanno allegramente a puttane ed eccoci qui a parlare del meraviglioso Joao. Ubi maior, minor cessat come si suole dire. Sì, ok, tutto bellissimo, ma in tutto questo, come ha giocato Joao? Non ne ho la minima idea. Sono stati 50 minuti di puro esoterismo. Ogni pallone toccato, ogni scatto col culo all’infuori, ogni primo piano sul suo sguardo mi ha mandato in un mondo parallelo neanche fosse una pasticca di Crystal Meth. Per 50 minuti sono tornato con la mente al post Inter-Juve dell’anno di grazia di Frank de Boer, quando si pensava di aver trovato un portoghese fortissimo, quasi più forte di Quaresma. Nitidamente riapparivano nella mia mente le frasi da bar dette con gli amici: “ragazzi qua abbiamo preso un fenomeno”, “questo ha un’intelligenza tattica che non vedevo dai tempi del Cuchu”, “ragazzi, e pensate che non è ancora esploso Gabigol, vedo un grande futuro di fronte a noi. E meno male che non abbiamo preso quel Gabriel Jesus che mi sa proprio di bidone”.

Ovviamente nessuna di queste cose si è minimamente trasformata in realtà. Tuttavia, questa nuova Inter ci sta regalando storie di redenzione e ritorni degne delle migliori narrazioni evangeliche. Nel vangelo secondo Luciano nessuno è mai veramente dannato. Ed è per questo che, dopo aver redento Brozovic, riesumato Borja, riportato al goal AK87 e aver resuscitato il delfino Joao è arrivato il momento di realizzare l’ultimo grande sogno: Riportare a casa Guarin. Ma forse i tempi non sono ancora maturi per questo. Il Giaguaro è l’eroe che San Siro merita, ma non quello di cui ha bisogno in questo momento. Per ora, limitiamoci a godere della rinnovata magnificenza di JM10, in attesa del grande #RITORN.

Is there life on Mars?”

Questo si chiedeva David Bowie nel lontano 1973. A distanza di 45 anni questa domanda risulta del tutto secondaria rispetto alla grande questione emersa in questi giorni. C’è vita su Mario? Solo il tempo ce lo dirà, ma una cosa è certa. Il popolo di Ranocchiate ci ha sempre creduto e non smetterà mai di farlo. Lavoriamo per realizzare i vostri sogni.

P.s. Avete notato che un ragazzo, un meraviglioso ragazzo, che non ha in nessun modo alcun tipo di relazione con chi sta scrivendo ve lo giuro, nelle interviste di Ranocchiate aveva predetto tutto?

P.p.s Se non avete ancora visto le nostre interviste e non vi siete iscritti al canale YouTube vi apparirà lo spirito malvagio di Alvaro Pereira, poi non dite che non vi ho avvisato.

Notizie flash

Ultimi articoli

20/10/2021
Inter - Sheriff, dieci coccodrilli post - partita

🐊 Quanto è bello svegliarsi alla mattina quando sai di essere stata la prima squadra a battere lo Sheriff Tiraspol in Champions League. Ciao Real Madrid, tu questo non lo sai fare. 🐊 Comunque mi state simpatici, amici dell’ONU datevi una mossa e riconoscete questo bellissimo stato con una popolazione magnifica, non vedo l’ora di […]

19/10/2021
Uno sceriffo strapazzato nel tempo di un caffè

Terza partita del girone e siamo già qua, a dover strappare con i denti 3 punti per non vedere già andare in frantumi il sogno europeo. Tutto molto interista. Almeno però negli ultimi anni aspettavamo l’ultima giornata. Beh, godiamoci lo spettacolo dello Sceriffo. Primo tempo 4’ - Prima discesa degli uomini dello Sceriffo e sto […]

19/10/2021
10 cose più probabili di una vittoria con lo Sheriff Tiraspol

10 – Mauro Ica**i e Max Allegri decidono di fondare una società di consulenza matrimoniale 9 – Il dR.anocchio scopre una nuova fondamentale porzione anatomica del ginocchio umano e decide di chiamarla capsula di Sensi 8 – Il Napoli vince lo scudetto a punteggio pieno 7 – Fifino Dumfries si ritira, si dà alla boxe […]

17/10/2021
Lazio - Inter, il pagellone rissoso

HANDA 6+10 - Una prestazione normale per il vicecap, che mi toglie la possibilità di difenderlo a spada tratta perché sul 3-1 decide di abbandonarci a noi stessi lasciando entrare la palla in porta. Ma nel megarissone dà il meglio di sé: lo trovi in tutte le situazioni più calde e a fine partita è […]

17/10/2021
Lazio - Inter, dieci pensieri post - partita

10 - Simon Kjaer che festeggia la qualificazione della Danimarca ai Mondiali con addosso la 10 di Chris l’unica cosa bella della sosta nazionali. 9 - Però è stato bello pensare che mi mancasse il campionato per quasi due settimane. 8 - GRAZIE SIGNORA BEST MANAGER NARA WANDA PER IL DRAMA DELLA SERATA che bello […]

16/10/2021
Lazio - Inter nel tempo di un'infamata

Primo tempo 0’ - Se non altro Pardo mi conferma che non sono l’unico ad aver perplessità a intendere la nostra formazione. 10’ - Rigoreeeeeee Mamma Mbare che giocatore che sei diventato!E ora chi cazzo lo tira il rigore? 11’ - PERRYYYYYYYYYYYY RIGORE PERFETTOChi ha bisogno 18’ - Comunque Felipe Anderson ogni volta che vede […]

linkedin facebook pinterest youtube rss twitter instagram facebook-blank rss-blank linkedin-blank pinterest youtube twitter instagram