21/06/2017

#interiscoming?

Cari amici di Ranocchiate, vi scrivo da Ibiza, con in mano un mojito e nell’altra un sigaro cubano!

…cos’è, poco credibile?

Eppure pensavo fosse lo stile giusto…

Mi sarò fatto trarre in inganno dallo stile interista di questi ultimi tempi, in cui vengono accostati grandi nomi come Bernardeschi, Rodriguez, Di Maria per poi vedere arrivare, poco lontano all’orizzonte, il grande nome che ci serviva per sistemare la difesa: Skriniar!

Un affarone, ragazzi: solo 17 milioni più Ranocchia, il prestito di Caprari, l’ingaggio di Wanda ed il sacrificio di 100 buoi in onore di Ferrero.

Ma poi dai, porca miseria, come si fa ad offrire così tanto per un giocatore che si chiama Milan? Più di qualcuno dovrebbe gridare al gombloddo, solo che a dire che ci odiano perché vinciamo poi verrebbe troppo da ridere.

Che poi, notizia dell’ultima ora, pare che Ranocchia non sarà la pedina di scambio designata, poiché i blucerchiati preferiscono l’inserimento di Yuto Nagatomo: non lo so, mi fa un po' pensare al preferire una gastroscopia ad una colonscopia; sarà pure meglio per alcuni, ma personalmente potessi scegliere non farei nessuna delle due.

Che poi rifiutare Ranocchia…eretici.

#interiscoming.
Per me il doppio senso è volutamente cercato, non posso credere non abbiano pensato all’inevitabile storpiatura che ne sarebbe conseguita.

Abbiamo dato il benvenuto a Mr. Spalletti, solo il quinto allenatore nel giro di un anno: pare che tra qualche giorno l’attuale nerazzurro si unirà a Vecchi, Pioli, De Boer e Mancini per partecipare ad un torneo di calcio a 5: magari sarà la volta buona che vinceremo una coppa, visto e considerato che ultimamente non giochiamo più nemmeno il Trofeo Tim.
Ah scusate, dimenticavo, quest’anno abbiamo vinto il Trofeo Marbella.
Pardon, errore mio.

#interiscoming, si diceva: e noi qui, speranzosi, aspettiamo…sempre qui, dove abbiamo aspettato l’anno scorso, due anni fa e tutti gli ultimi anni, sperando questa volta però, in un epilogo ben diverso: molta stima per Borja Valero, di cui ultimamente si sta parlando, ma dopo un lancio come quello avvenuto dopo l’arrivo del Lucianone Nazionale (e no, non mi riferisco a Moggi) uno si aspetterebbe qualcosa in più; staremo a vedere.

Per il momento ci si può consolare del fatto che non siamo messi peggio delle altre potenze italiane.

…e si che siamo una potenza, solo nascosta molto bene!

Ad esempio la Juve deve fare i conti con l’impatto post-finale di Champions, con Buffon che, colpito sulla via di Damasco, si è riscoperto moralista e moralizzatore.

La Roma, dal canto suo, ha accolto forse con un po' di perplessità l’arrivo di Eusebio Di Francesco, che comunque sicuramente molto bene ha fatto al Sassuolo, ma a Roma ha “fallito” persino il suo maestro.

Ed il Milan? Beh, il Milan compra. E intanto, questo, è un fatto.
Saranno pure “tarocchi” i loro cinesi, ma pare che i prossimi sul taccuino siano i gemelli Derrick, pronti a stupire la Serie A con l’acrobatica mossa della “Catapulta Infernale”.
Ironia a parte, avere il futuro portiere della nazionale in casa, milanista dichiarato, che decide di non rinnovare è una bella batosta: che poi si legge batosta, ma si pronuncia capolavoro. Di Raiola, ovviamente.

E noi? Meglio stare ancora un po' comodi sotto all’ombrellone (se non siete studenti come il sottoscritto, che non ricorda bene cosa sia) ed aspettare, qualcosa bollirà in pentola.

Dovranno arrivare delle novità, che per ora sono arrivate solo a livello dirigenziale e manageriale: meglio di nulla, viste le recenti debacle organizzative.

#Interiscoming, quindi, speriamo solo che arrivi per davvero.

#interiscoming?

Cari amici di Ranocchiate, vi scrivo da Ibiza, con in mano un mojito e nell’altra un sigaro cubano!

…cos’è, poco credibile?

Eppure pensavo fosse lo stile giusto…

Mi sarò fatto trarre in inganno dallo stile interista di questi ultimi tempi, in cui vengono accostati grandi nomi come Bernardeschi, Rodriguez, Di Maria per poi vedere arrivare, poco lontano all’orizzonte, il grande nome che ci serviva per sistemare la difesa: Skriniar!

Un affarone, ragazzi: solo 17 milioni più Ranocchia, il prestito di Caprari, l’ingaggio di Wanda ed il sacrificio di 100 buoi in onore di Ferrero.

Ma poi dai, porca miseria, come si fa ad offrire così tanto per un giocatore che si chiama Milan? Più di qualcuno dovrebbe gridare al gombloddo, solo che a dire che ci odiano perché vinciamo poi verrebbe troppo da ridere.

Che poi, notizia dell’ultima ora, pare che Ranocchia non sarà la pedina di scambio designata, poiché i blucerchiati preferiscono l’inserimento di Yuto Nagatomo: non lo so, mi fa un po' pensare al preferire una gastroscopia ad una colonscopia; sarà pure meglio per alcuni, ma personalmente potessi scegliere non farei nessuna delle due.

Che poi rifiutare Ranocchia…eretici.

#interiscoming.
Per me il doppio senso è volutamente cercato, non posso credere non abbiano pensato all’inevitabile storpiatura che ne sarebbe conseguita.

Abbiamo dato il benvenuto a Mr. Spalletti, solo il quinto allenatore nel giro di un anno: pare che tra qualche giorno l’attuale nerazzurro si unirà a Vecchi, Pioli, De Boer e Mancini per partecipare ad un torneo di calcio a 5: magari sarà la volta buona che vinceremo una coppa, visto e considerato che ultimamente non giochiamo più nemmeno il Trofeo Tim.
Ah scusate, dimenticavo, quest’anno abbiamo vinto il Trofeo Marbella.
Pardon, errore mio.

#interiscoming, si diceva: e noi qui, speranzosi, aspettiamo…sempre qui, dove abbiamo aspettato l’anno scorso, due anni fa e tutti gli ultimi anni, sperando questa volta però, in un epilogo ben diverso: molta stima per Borja Valero, di cui ultimamente si sta parlando, ma dopo un lancio come quello avvenuto dopo l’arrivo del Lucianone Nazionale (e no, non mi riferisco a Moggi) uno si aspetterebbe qualcosa in più; staremo a vedere.

Per il momento ci si può consolare del fatto che non siamo messi peggio delle altre potenze italiane.

…e si che siamo una potenza, solo nascosta molto bene!

Ad esempio la Juve deve fare i conti con l’impatto post-finale di Champions, con Buffon che, colpito sulla via di Damasco, si è riscoperto moralista e moralizzatore.

La Roma, dal canto suo, ha accolto forse con un po' di perplessità l’arrivo di Eusebio Di Francesco, che comunque sicuramente molto bene ha fatto al Sassuolo, ma a Roma ha “fallito” persino il suo maestro.

Ed il Milan? Beh, il Milan compra. E intanto, questo, è un fatto.
Saranno pure “tarocchi” i loro cinesi, ma pare che i prossimi sul taccuino siano i gemelli Derrick, pronti a stupire la Serie A con l’acrobatica mossa della “Catapulta Infernale”.
Ironia a parte, avere il futuro portiere della nazionale in casa, milanista dichiarato, che decide di non rinnovare è una bella batosta: che poi si legge batosta, ma si pronuncia capolavoro. Di Raiola, ovviamente.

E noi? Meglio stare ancora un po' comodi sotto all’ombrellone (se non siete studenti come il sottoscritto, che non ricorda bene cosa sia) ed aspettare, qualcosa bollirà in pentola.

Dovranno arrivare delle novità, che per ora sono arrivate solo a livello dirigenziale e manageriale: meglio di nulla, viste le recenti debacle organizzative.

#Interiscoming, quindi, speriamo solo che arrivi per davvero.

Notizie flash

Ultimi articoli

28/02/2021
Inter - Genoa, dieci pensieri post-partita

10 - Premessa: non ho potuto vedere proprio tutta tutta la partita, ma ho letto il caffè, quindi ho l'autorizzazione a scrivere questo post. 9 - Eriksen ormai titolare fisso mi destabilizza, se poi me lo fa giocare pure per tutta la partita crollano tutte le mie certezze.Ma godo. 8 - Invia anche tu un […]

28/02/2021
Inter - Genoa nel tempo di un caffè a tinte bianconere

Ho un brutto presentimento.Giocare contro questo Genoa, dopo il passo falso della Juve. Non c’è niente di buono. In più ieri ha pure segnato Karamoh.Nuvole oscure ci attendono all’orizzonte. Mi manchi Yann. Primo tempo 1’ - NON CI CREDO LUKAKONEEEEEEE Progressione infinita sul lancio di Bastoni e punisce Perin senza pietà. 3’ - Che noia […]

28/02/2021
Inter - Genoa: 3 motivi per non perderti questa partita

Premessa: diamo a Cesare quel che è di Cesare. Il nostro allenatore – che è una pesantezza di uomo – già alle 17.15 di domenica scorsa diceva di essere concentrato solo sulla prossima partita, e alle 9 di lunedì mattina faceva già sputare fuoco a Vidal facendolo allenare con Zanetti. Ecco, ringraziamo il fatto che […]

22/02/2021
Milan - Inter, il pagellone che non ci si crede

HANDA 52: EUREKA! IL LASER FUNZIONA!Non esistono altre possibili spiegazioni al fatto che il tiro di Theo Hernandez non sia entrato: giuro, finché non è ripreso il gioco avrei giurato di essere stato vittima di un allucinazione.E invece no.E' TUTTO VERO.Poi però non gli basta e decide di fare 3 parate che valgono 3 gol […]

21/02/2021
Milan-Inter, dieci pensieri post-derby

10 - Buonasera buonasera buonasera buonasera, sono un'interista, sono a digiuno, e tra le 15 e le 17 circa sono morta e risorta un centinaio di volte, sono capolista e serenamente godo. 9 - MADOOOOOOOOO SIAMO PRIMI GRAZIE A UN DERBY CON TRE GOL RIFILATI AL MILAN IO GODISSIMO E SE NEEE VAAAAAAAA 8 - […]

21/02/2021
Il Derby nel tempo di tre schiaffi in faccia

Primo tempo 1’ - E niente sono già deluso. Ho aspettato invano lo scambio di strette di mano tra Lukaku e Ibra con possibile improvvisazione in scazzottata / la più bella royal rumble mai vista. E invece niente strette di mano e niente. Triste. 4’ - LA LULA COLPISCE ANCORAAAAAAAAAAAAAAAA Perché Romelu?Perché?Perché continui ad attentare […]

linkedin facebook pinterest youtube rss twitter instagram facebook-blank rss-blank linkedin-blank pinterest youtube twitter instagram