21/06/2017

#interiscoming?

Cari amici di Ranocchiate, vi scrivo da Ibiza, con in mano un mojito e nell’altra un sigaro cubano!

…cos’è, poco credibile?

Eppure pensavo fosse lo stile giusto…

Mi sarò fatto trarre in inganno dallo stile interista di questi ultimi tempi, in cui vengono accostati grandi nomi come Bernardeschi, Rodriguez, Di Maria per poi vedere arrivare, poco lontano all’orizzonte, il grande nome che ci serviva per sistemare la difesa: Skriniar!

Un affarone, ragazzi: solo 17 milioni più Ranocchia, il prestito di Caprari, l’ingaggio di Wanda ed il sacrificio di 100 buoi in onore di Ferrero.

Ma poi dai, porca miseria, come si fa ad offrire così tanto per un giocatore che si chiama Milan? Più di qualcuno dovrebbe gridare al gombloddo, solo che a dire che ci odiano perché vinciamo poi verrebbe troppo da ridere.

Che poi, notizia dell’ultima ora, pare che Ranocchia non sarà la pedina di scambio designata, poiché i blucerchiati preferiscono l’inserimento di Yuto Nagatomo: non lo so, mi fa un po' pensare al preferire una gastroscopia ad una colonscopia; sarà pure meglio per alcuni, ma personalmente potessi scegliere non farei nessuna delle due.

Che poi rifiutare Ranocchia…eretici.

#interiscoming.
Per me il doppio senso è volutamente cercato, non posso credere non abbiano pensato all’inevitabile storpiatura che ne sarebbe conseguita.

Abbiamo dato il benvenuto a Mr. Spalletti, solo il quinto allenatore nel giro di un anno: pare che tra qualche giorno l’attuale nerazzurro si unirà a Vecchi, Pioli, De Boer e Mancini per partecipare ad un torneo di calcio a 5: magari sarà la volta buona che vinceremo una coppa, visto e considerato che ultimamente non giochiamo più nemmeno il Trofeo Tim.
Ah scusate, dimenticavo, quest’anno abbiamo vinto il Trofeo Marbella.
Pardon, errore mio.

#interiscoming, si diceva: e noi qui, speranzosi, aspettiamo…sempre qui, dove abbiamo aspettato l’anno scorso, due anni fa e tutti gli ultimi anni, sperando questa volta però, in un epilogo ben diverso: molta stima per Borja Valero, di cui ultimamente si sta parlando, ma dopo un lancio come quello avvenuto dopo l’arrivo del Lucianone Nazionale (e no, non mi riferisco a Moggi) uno si aspetterebbe qualcosa in più; staremo a vedere.

Per il momento ci si può consolare del fatto che non siamo messi peggio delle altre potenze italiane.

…e si che siamo una potenza, solo nascosta molto bene!

Ad esempio la Juve deve fare i conti con l’impatto post-finale di Champions, con Buffon che, colpito sulla via di Damasco, si è riscoperto moralista e moralizzatore.

La Roma, dal canto suo, ha accolto forse con un po' di perplessità l’arrivo di Eusebio Di Francesco, che comunque sicuramente molto bene ha fatto al Sassuolo, ma a Roma ha “fallito” persino il suo maestro.

Ed il Milan? Beh, il Milan compra. E intanto, questo, è un fatto.
Saranno pure “tarocchi” i loro cinesi, ma pare che i prossimi sul taccuino siano i gemelli Derrick, pronti a stupire la Serie A con l’acrobatica mossa della “Catapulta Infernale”.
Ironia a parte, avere il futuro portiere della nazionale in casa, milanista dichiarato, che decide di non rinnovare è una bella batosta: che poi si legge batosta, ma si pronuncia capolavoro. Di Raiola, ovviamente.

E noi? Meglio stare ancora un po' comodi sotto all’ombrellone (se non siete studenti come il sottoscritto, che non ricorda bene cosa sia) ed aspettare, qualcosa bollirà in pentola.

Dovranno arrivare delle novità, che per ora sono arrivate solo a livello dirigenziale e manageriale: meglio di nulla, viste le recenti debacle organizzative.

#Interiscoming, quindi, speriamo solo che arrivi per davvero.

#interiscoming?

Cari amici di Ranocchiate, vi scrivo da Ibiza, con in mano un mojito e nell’altra un sigaro cubano!

…cos’è, poco credibile?

Eppure pensavo fosse lo stile giusto…

Mi sarò fatto trarre in inganno dallo stile interista di questi ultimi tempi, in cui vengono accostati grandi nomi come Bernardeschi, Rodriguez, Di Maria per poi vedere arrivare, poco lontano all’orizzonte, il grande nome che ci serviva per sistemare la difesa: Skriniar!

Un affarone, ragazzi: solo 17 milioni più Ranocchia, il prestito di Caprari, l’ingaggio di Wanda ed il sacrificio di 100 buoi in onore di Ferrero.

Ma poi dai, porca miseria, come si fa ad offrire così tanto per un giocatore che si chiama Milan? Più di qualcuno dovrebbe gridare al gombloddo, solo che a dire che ci odiano perché vinciamo poi verrebbe troppo da ridere.

Che poi, notizia dell’ultima ora, pare che Ranocchia non sarà la pedina di scambio designata, poiché i blucerchiati preferiscono l’inserimento di Yuto Nagatomo: non lo so, mi fa un po' pensare al preferire una gastroscopia ad una colonscopia; sarà pure meglio per alcuni, ma personalmente potessi scegliere non farei nessuna delle due.

Che poi rifiutare Ranocchia…eretici.

#interiscoming.
Per me il doppio senso è volutamente cercato, non posso credere non abbiano pensato all’inevitabile storpiatura che ne sarebbe conseguita.

Abbiamo dato il benvenuto a Mr. Spalletti, solo il quinto allenatore nel giro di un anno: pare che tra qualche giorno l’attuale nerazzurro si unirà a Vecchi, Pioli, De Boer e Mancini per partecipare ad un torneo di calcio a 5: magari sarà la volta buona che vinceremo una coppa, visto e considerato che ultimamente non giochiamo più nemmeno il Trofeo Tim.
Ah scusate, dimenticavo, quest’anno abbiamo vinto il Trofeo Marbella.
Pardon, errore mio.

#interiscoming, si diceva: e noi qui, speranzosi, aspettiamo…sempre qui, dove abbiamo aspettato l’anno scorso, due anni fa e tutti gli ultimi anni, sperando questa volta però, in un epilogo ben diverso: molta stima per Borja Valero, di cui ultimamente si sta parlando, ma dopo un lancio come quello avvenuto dopo l’arrivo del Lucianone Nazionale (e no, non mi riferisco a Moggi) uno si aspetterebbe qualcosa in più; staremo a vedere.

Per il momento ci si può consolare del fatto che non siamo messi peggio delle altre potenze italiane.

…e si che siamo una potenza, solo nascosta molto bene!

Ad esempio la Juve deve fare i conti con l’impatto post-finale di Champions, con Buffon che, colpito sulla via di Damasco, si è riscoperto moralista e moralizzatore.

La Roma, dal canto suo, ha accolto forse con un po' di perplessità l’arrivo di Eusebio Di Francesco, che comunque sicuramente molto bene ha fatto al Sassuolo, ma a Roma ha “fallito” persino il suo maestro.

Ed il Milan? Beh, il Milan compra. E intanto, questo, è un fatto.
Saranno pure “tarocchi” i loro cinesi, ma pare che i prossimi sul taccuino siano i gemelli Derrick, pronti a stupire la Serie A con l’acrobatica mossa della “Catapulta Infernale”.
Ironia a parte, avere il futuro portiere della nazionale in casa, milanista dichiarato, che decide di non rinnovare è una bella batosta: che poi si legge batosta, ma si pronuncia capolavoro. Di Raiola, ovviamente.

E noi? Meglio stare ancora un po' comodi sotto all’ombrellone (se non siete studenti come il sottoscritto, che non ricorda bene cosa sia) ed aspettare, qualcosa bollirà in pentola.

Dovranno arrivare delle novità, che per ora sono arrivate solo a livello dirigenziale e manageriale: meglio di nulla, viste le recenti debacle organizzative.

#Interiscoming, quindi, speriamo solo che arrivi per davvero.

Notizie flash

Ultimi articoli

10/07/2021
Come affrontare i 10 disturbi più tipici dell'interismo

+++ Attenzione: questa satira potrebbe contenere tracce di articolo: ci scusiamo per il disagio ++++ SIGNORE! SIGNORI! MAMME, ZIE, PADRI ZII, FRATELLI CUGINI, QUASI NIPOTI! ACCORRETE TUTTI! Cari amici di Ranocchiate, prima di cominciare la nuova stagione, abbiamo pensato che fosse arrivato il momento adatto per una importante riflessione.Ogni giorno un interista soffre. Secondo uno […]

11/06/2021
Dieci pensieri su #Euro2020

10 - Sono talmente in astinenza da calcio che ho guardato pure tutte le amichevoli, anche in contemporanea. 9 - A questo proposito, far giocare Tino Lazaro e Christian Eriksen alla stessa ora è illegale, a meno che i due non giochino nella stessa squadra (tipo l’Inter). 8 - Possiamo passare direttamente al punto in […]

05/06/2021
5 motivi per voler bene a Simone Inzaghi

1. PERCHÉ C'ERA ANCHE LUI IL 5 MAGGIO Dopo Antonio Conte, ospitiamo sulla nostra panchina un altro dei protagonisti di quella maledetta giornata che noi interisti non dimenticheremo mai.Se anche Inzaghi dovesse riuscire a vincere come il suo predecessore, avremo esorcizzato un altro pezzettino del 5 maggio.A quel punto, ci basterà soltanto vincere un Triplete […]

27/05/2021
Il nostro libro

Nonostante tutto quello che è successo ieri.Nonostante non si possa passare un giorno, nella vita di noi interisti, sereni.Nonostante l’interismo sia eterna dannazione.Nonostante abbiano deciso di rovinarci la festa.Nonostante tutto, noi abbiamo vinto lo scudetto. Cazzo.E, nonostante tutto, avevamo in programma il lancio di un libro, il nostro, per oggi. Il frutto di settimane di […]

24/05/2021
Inter - Udinese, dieci pensieri post - partita

10 - Io quando mi rendo conto che questa è l'ultima partita dell'Inter: 9 - Ma poi mi ricordo che L'ABBIAMO ALZATA NOI 8 - Ma questo non ci permette di far passare in sordina il fatto che Goeffrey Kondogbia e Sime Vrsaljko sono diventati Campioni di Spagna. 7 - Ecco, bravi, salutatelo e rimandatecelo […]

23/05/2021
Inter - Udinese, il pagellone del finale di stagione

HANDA 19: I latini dicevano "Vincit qui patitur", vince chi resiste.Tu non è che hai semplicemente resistito, hai lottato come uno spartano contro le sfighe, le più che lecite blasfemie, i ribaltoni e, a volte, anche contro la nostra stessa difesa. Anni di miracoli e di bocconi amari che ti hanno reso un degno leader […]

linkedin facebook pinterest youtube rss twitter instagram facebook-blank rss-blank linkedin-blank pinterest youtube twitter instagram