03/06/2019

In(ter)conscio: How We Met Luciano Spalletti

Cari amici di Ranocchiate, benvenuti (o bentornati) ad In(ter)conscio.
E subito scatta la domanda: "E CHE MINGHIA E'?

In(ter)conscio è una idea che nasce nell'intento di unire le due grandi passioni della mia vita: la Psicologia e l'Inter: "sono uno di quei "matti" talmente tanto matti da voler aiutare altri "matti" a stare meglio", come mi piace rispondere ironicamente a chi mi chiede cosa mi ha spinto verso la Psicologia.
E, come voi, sono talmente tanto matto da tifare Inter.

Vi chiederete "Perché proprio la Psicologia e non la tattica, ad esempio?"
Perché ormai siamo diventati tutti esperti di Tattica, no? Beh si, tranne le donne, ovviamente.
(Se qualcuno prova a prendermi sul serio su questa battuta sguinzaglio le nostre admin :D)

Ed eccoci qui, "il momento è catartico".
Dopo queste 10 righe, alcuni di voi potrebbero già aver perso la voglia di continuare a leggere.
Ed è proprio a voi che mi rivolgo in questo momento: vi voglio proporre un viaggio.

Perché la Psicologia, sapete, è un po' come l'Inter: vive di eccessi.
Eccessi di utilizzo, del "siamo tutti un po' psicologi": parrucchieri, baristi, estetiste... tutti qualificati quanto me nel parlare del Bodybuilding (non ne so una ceppa, ndr)
Eccessi di svalutazione, del "ma che ne sanno gli psicologi":
"Ma va là, tutte cazzate...abbiamo vissuto benissimo anche prima di tutte ste menate psicologiche"
Certo, si viveva bene anche senza la Medicina, solo che si viveva 30 anni piuttosto che 80.

La Psicologia (quella vera), è un po' come Virgilio per Dante: una guida.
Una guida che vale la pena di conoscere, approfondire e da tenere sempre in considerazione.
Perché destino a parte, nulla di ciò che ci capita o che facciamo è un caso.

Tutto ha un senso, per chi ha voglia di capire.

Iniziamo?

In(ter)conscio: How We Met Luciano Spalletti 1 Ranocchiate

HWMLS (How We Met Luciano Spalletti)

Luciano Spalletti nasce a Certaldo il 7 marzo del 1959 da Carlo e Ilva Spalletti.
Il 3 volte vincitore del pelato più bello d'Italia (titolo perso dopo l'arrivo di Joao all'Inter), inizia la sua avventura nel mondo del Calcio da giocatore, per poi ritirarsi nella stagione '92/'93 ed iniziare quella da allenatore con le giovanili dell'Empoli nella stagione seguente.
Da lì in poi riesce ad arrivare fra i "grandi" molto presto, diventando l'uomo-espressione che tutti abbiamo imparato a conoscere.

In(ter)conscio: How We Met Luciano Spalletti 2 Ranocchiate

Perché lui per la panchina dell'Inter?
L'estate del 2017 è una estate di ricostruzione: dopo 3 allenatori e mezzo (fra cui l'irreprensibile Vecchi, ciao grandissimo <3), i nostri si ritrovano fuori dalle coppe e fortemente contestati da una parte della tifoseria; il 7° posto non è semplicemente da noi.
La fiamma dell'Interismo, dal 2011, non riesce più a splendere come dovrebbe.

Da Benitez a Pioli, passando per Strama, Mancini e De Boer, sono stati in molti a cercare di riaccenderla, senza successo: fra cambi di proprietà ed una girandola infinita di giocatori, l'identità vincente dei nostri sembra essere un lontano ricordo.

L'inizio della nuova proprietà, Suning, non è dei più incoraggianti: manca una base "italiana" che aiuti a trovare l'uomo giusto a cui affidare la squadra; arriva quindi in società Walter Sabatini come Coordinatore dell'Area Tecnica.
Ed è proprio grazie a lui che le strade dell'Inter e di Luciano finiscono per incontrarsi: all'Inter serve un Leader, Luciano può essere l'uomo giusto da cui ripartire.
A lui l'arduo compito di comprendere come essere il Leader di cui l'Inter ha bisogno.

E Luciano che fa?
Da abile comunicatore qual è, dà subito una forte impronta al suo arrivo:

"Lei può essere di chi vuole, noi siamo interisti" sono le prime parole pronunciate da Spalletti a Malpensa ad un tifoso j******no che lo avrebbe voluto nella sua squadra.
Non è un caso infatti che, a diretta domanda di un giornalista presente alla sua conferenza stampa di presentazione, Lucianone dica ai tifosi:

"Più siamo e più vinciamo. [...]  Li aspettiamo fin dal ritiro di Brunico, perché devono essere partecipi della nostra ricerca". E forse, per la prima volta dopo tanto tempo, i nostri tornano a crederci davvero.

Ecco l'inizio, il preludio di quanto di lì a poco sarebbe accaduto: una risalita da Pazza Inter, dal 7° posto dello scorso anno alla insperata qualificazione in Champion's all'ultima giornata contro la Lazio.
In un solo anno, Luciano è riuscito nell'intento di riportarci lì dove meritavamo di essere.

Obiettivo raggiunto quindi, tanto per me quanto per la società: è così che siamo tornati ad essere l'Inter, ed è esattamente qui che mi fermo per quest'oggi.

Per rileggere al meglio la stagione appena conclusasi, questo mi sembra il miglior punto di inizio: per costruire qualcosa di buono, com'è mio intento con questa rubrica, il primo passo è rivolgersi alla "radice", alla base delle cose.

Capire quindi da dove siamo partiti, per capire al meglio dove siamo arrivati.

[to be continued]

 

 

In(ter)conscio: How We Met Luciano Spalletti

Cari amici di Ranocchiate, benvenuti (o bentornati) ad In(ter)conscio.
E subito scatta la domanda: "E CHE MINGHIA E'?

In(ter)conscio è una idea che nasce nell'intento di unire le due grandi passioni della mia vita: la Psicologia e l'Inter: "sono uno di quei "matti" talmente tanto matti da voler aiutare altri "matti" a stare meglio", come mi piace rispondere ironicamente a chi mi chiede cosa mi ha spinto verso la Psicologia.
E, come voi, sono talmente tanto matto da tifare Inter.

Vi chiederete "Perché proprio la Psicologia e non la tattica, ad esempio?"
Perché ormai siamo diventati tutti esperti di Tattica, no? Beh si, tranne le donne, ovviamente.
(Se qualcuno prova a prendermi sul serio su questa battuta sguinzaglio le nostre admin :D)

Ed eccoci qui, "il momento è catartico".
Dopo queste 10 righe, alcuni di voi potrebbero già aver perso la voglia di continuare a leggere.
Ed è proprio a voi che mi rivolgo in questo momento: vi voglio proporre un viaggio.

Perché la Psicologia, sapete, è un po' come l'Inter: vive di eccessi.
Eccessi di utilizzo, del "siamo tutti un po' psicologi": parrucchieri, baristi, estetiste... tutti qualificati quanto me nel parlare del Bodybuilding (non ne so una ceppa, ndr)
Eccessi di svalutazione, del "ma che ne sanno gli psicologi":
"Ma va là, tutte cazzate...abbiamo vissuto benissimo anche prima di tutte ste menate psicologiche"
Certo, si viveva bene anche senza la Medicina, solo che si viveva 30 anni piuttosto che 80.

La Psicologia (quella vera), è un po' come Virgilio per Dante: una guida.
Una guida che vale la pena di conoscere, approfondire e da tenere sempre in considerazione.
Perché destino a parte, nulla di ciò che ci capita o che facciamo è un caso.

Tutto ha un senso, per chi ha voglia di capire.

Iniziamo?

In(ter)conscio: How We Met Luciano Spalletti 3 Ranocchiate

HWMLS (How We Met Luciano Spalletti)

Luciano Spalletti nasce a Certaldo il 7 marzo del 1959 da Carlo e Ilva Spalletti.
Il 3 volte vincitore del pelato più bello d'Italia (titolo perso dopo l'arrivo di Joao all'Inter), inizia la sua avventura nel mondo del Calcio da giocatore, per poi ritirarsi nella stagione '92/'93 ed iniziare quella da allenatore con le giovanili dell'Empoli nella stagione seguente.
Da lì in poi riesce ad arrivare fra i "grandi" molto presto, diventando l'uomo-espressione che tutti abbiamo imparato a conoscere.

In(ter)conscio: How We Met Luciano Spalletti 4 Ranocchiate

Perché lui per la panchina dell'Inter?
L'estate del 2017 è una estate di ricostruzione: dopo 3 allenatori e mezzo (fra cui l'irreprensibile Vecchi, ciao grandissimo <3), i nostri si ritrovano fuori dalle coppe e fortemente contestati da una parte della tifoseria; il 7° posto non è semplicemente da noi.
La fiamma dell'Interismo, dal 2011, non riesce più a splendere come dovrebbe.

Da Benitez a Pioli, passando per Strama, Mancini e De Boer, sono stati in molti a cercare di riaccenderla, senza successo: fra cambi di proprietà ed una girandola infinita di giocatori, l'identità vincente dei nostri sembra essere un lontano ricordo.

L'inizio della nuova proprietà, Suning, non è dei più incoraggianti: manca una base "italiana" che aiuti a trovare l'uomo giusto a cui affidare la squadra; arriva quindi in società Walter Sabatini come Coordinatore dell'Area Tecnica.
Ed è proprio grazie a lui che le strade dell'Inter e di Luciano finiscono per incontrarsi: all'Inter serve un Leader, Luciano può essere l'uomo giusto da cui ripartire.
A lui l'arduo compito di comprendere come essere il Leader di cui l'Inter ha bisogno.

E Luciano che fa?
Da abile comunicatore qual è, dà subito una forte impronta al suo arrivo:

"Lei può essere di chi vuole, noi siamo interisti" sono le prime parole pronunciate da Spalletti a Malpensa ad un tifoso j******no che lo avrebbe voluto nella sua squadra.
Non è un caso infatti che, a diretta domanda di un giornalista presente alla sua conferenza stampa di presentazione, Lucianone dica ai tifosi:

"Più siamo e più vinciamo. [...]  Li aspettiamo fin dal ritiro di Brunico, perché devono essere partecipi della nostra ricerca". E forse, per la prima volta dopo tanto tempo, i nostri tornano a crederci davvero.

Ecco l'inizio, il preludio di quanto di lì a poco sarebbe accaduto: una risalita da Pazza Inter, dal 7° posto dello scorso anno alla insperata qualificazione in Champion's all'ultima giornata contro la Lazio.
In un solo anno, Luciano è riuscito nell'intento di riportarci lì dove meritavamo di essere.

Obiettivo raggiunto quindi, tanto per me quanto per la società: è così che siamo tornati ad essere l'Inter, ed è esattamente qui che mi fermo per quest'oggi.

Per rileggere al meglio la stagione appena conclusasi, questo mi sembra il miglior punto di inizio: per costruire qualcosa di buono, com'è mio intento con questa rubrica, il primo passo è rivolgersi alla "radice", alla base delle cose.

Capire quindi da dove siamo partiti, per capire al meglio dove siamo arrivati.

[to be continued]

 

 

Notizie flash

Ultimi articoli

07/05/2022
Inter - Empoli, il pagellone della follia

HANDA/SKRI/DE VRIJ/DIMA 7x4+5-2:3 -H: "Ciao a tutti ragazzi"in coro "Ehi Samir"H: "Avete presente quella volta che ho parato 3 tiri in un minuto contro il Milan e mi avete detto che mi dovevate un favore?"SK: "Si, certo"DE: "E che c'entra adesso?"DI: "Io manco c'ero…"H: "Dima tu sei l'ultimo arrivato quindi il tuo pensiero non conta. […]

14/08/2022
Lecce - Inter, dieci pensieri post - partita

10 - aaaaaaaah eccoci, bello rivedervi tutti alla prima ufficiale di questa stagione, finisco la mia ora di ginnastica della terza età e arrivo. 9 - A un certo punto ho ricevuto una chiamata da un numero sconosciuto e una voce roca mi ha detto: “Ti va di fare il quinto attaccante in Lecce - […]

13/08/2022
Lecce - Inter nel tempo di un caffè salva-giornata

1’ - BASTA NOMINARE PERRY 2' - Sto già sudando 2bis' - LUKAKUUUUUUSiamo già in vantaggio?Davvero?Al primo tiro fatto?Seri? 3' - Ho ancora più ansia di prima adesso 4' - No davvero ma che cazzo ma posso farmi venire l'ansia solo perché siamo passati in vantaggio al primo tiro in porta?……Si. 6’ - Lauti, ce […]

13/08/2022
Lecce – Inter, il prepartita del ritorno alle armi

Lo so cosa state pensando, avrei potuto dire “bentornati ai campioni del domestic double” o cose del genere dato che al momento è l’unica cosa di cui possiamo vantarci, ma visto che lo scorso anno abbiamo iniziato con un bel “bentornato ai campioni” e poi è andata come è andata, facciamo che questa stagione ce […]

07/08/2022
Inter-Villarreal, il pagellone dell’ultima amichevole prima dello scontro salvezza

HANDANOVIC 10 - “Allora, Samir, contro il Villarreal tocca a te. Sei pronto?”“Certo, mister”“Mi raccomando, quest’anno hai un ruolo di responsabilità, devi preparare Andrè ad essere il futuro portiere nerazzurro”“Sicuro! Gli farò vedere cosa significa essere portiere dell’Inter!”“Bravo Samir! Mi piace questo spirito”“Uscite fuori tempo! Tuffi ritardati! Parate laser! ONANA GUARDA COME SI FA!”(Esce dallo […]

31/07/2022
Inter - Lione, il pagellone del No more crazy Inter

ONANA / CORDAZ 21 – Un voto in più per il combinato orange fluo scarpette/guantoni di Andreone nostro, che crea confusione negli arrembanti felini francesi e ci salva in più di un’occasione. Andre the Giant ha la reattività di Samir ai tempi del Treviso, quando i pleisosauri ruminavano felici nelle pianure e a Venezia c’erano […]

24/07/2022
Lens-Inter, il pagellone di coppia nella partita della beffa

DLIN-DLON!Data l’ormai inarrestabile ondata di caldo, in ottemperanza con il DPCM “Studio Aperto” e soprattutto considerato il fatto che nelle amichevoli estive vengono schierati almeno una ventina di giocatori, inclusi alcuni MITT ancora non iscritti all’anagrafe, i giudizi del pagellone delle partite di precampionato verranno d’ora in poi espressi per coppie.I voti invece verranno espressi […]

linkedin facebook pinterest youtube rss twitter instagram facebook-blank rss-blank linkedin-blank pinterest youtube twitter instagram