08/05/2021

Inter - Sampdoria in 5 istantanee

Ragazzi oggi ho il compito di introdurvi nella prima partita da CAMPIONI D’ITALIA. Per me è un onore ed un’emozione! Vi vorrei abbracciare tutti.
Vorrei abbracciare te che stai leggendo questo articolo, ancora quasi incredulo.
Vorrei abbracciare te che magari hai 12/13 anni e uno Scudetto dell’Inter nemmeno lo ricordi.
Vorrei abbracciare te, che invece di anni ne hai molti di più, e di momenti felici nei hai vissuti tanti.
Oggi è la nostra festa, oggi i campioni siamo noi.

Ma ora non crogioliamoci. La Samp di Ranieri, che ci ha sapientemente punito all'andata, arriva ospite a San Siro. Ecco 5 istantanee che ci ricordano perchè questo è un match molto particolare.

INTER – SAMPDORIA 0-0

20 Febbraio 2010, a San Siro va in onda un Inter – Sampdoria di quelli che resteranno nella storia. Per quanto accaduto grazie al protagonista assoluto della serata: il signor Tagliavento, che probabilmente aveva una zia di Genova altrimenti non me lo spiego. Pronti via ammonito Samuel per un intervento sul buon Pozzi. Pochi minuti dopo, alla mezz’ora Tagliavento mostra il primo rosso proprio a The Wall. A Mou salgono i bollori ma tace, anche perché il difensore argentino prende posizione, non guarda mai Pozzi, però insomma uno sganassone glielo dà. Sulla stessa punizione viene ammonito anche Cordoba per essere uscito dalla barriera. Gli animi a quel punto si scaldano definitivamente, San Siro ribolle. Stankovic urla all’arbitro, non credo per chiedergli di bere una birra assieme. Cinque minuti dopo altro fattaccio: sempre Pozzi vola come Crilin di Dragonball ancora prima di venire a contatto col difensore colombiano. Tagliavento deciso estrae ancora il rosso. L’Inter resta in 9 dopo appena 35 minuti. Mourinho sorride. Poi si gira, guarda la telecamera e fa il segno delle manette ben visibile a tutto lo stadio. Il quarto uomo cerca di richiamarlo, lui se ne frega e San Siro è una bolgia. I nerazzurri giocano una partita eroica. Nella ripresa Eto’o viene travolto in area di rigore, Tagliavento lo ammonisce per simulazione (?????) e al Meazza spuntano 50mila fazzoletti bianchi in segno di protesta contro l’arbitro. Finirà 0-0 una partita epica.  

Inter - Sampdoria in 5 istantanee 1 Ranocchiate

SAMPDORIA – INTER 0-4

Nel 2014 a Marassi tutti gli occhi sono sui due grandi rivali d’amore: Icardi e Maxi Lopez. Prima amici, ora nemici. Il giovane Mauro è reo di aver rubato la gentil donzella Wanda all’amico fraterno Maxi, che lo aveva ospitato in casa sua. Tutto alle sue spalle, povero Max. Insomma una ballata epica d’altri tempi. Al saluto iniziale Mauro fa finta di niente, e tende la mano al suo ex amichetto. Maxi, che ha la faccia di uno che vorrebbe gonfiarlo di legnate, finge di non vederlo e non lo caga di striscio. Il futuro Capitan Scinochio allora decide di farsi notare da tutta la Genova blucerchiata (avremmo dovuto capirlo da lì che poverino qualcosa non andava). Gol sotto la curva ed esultanza provocatoria con mano sull’orecchio a sbeffeggiare il suo ex pubblico di casa. La giornata di Maxi comincia male, ma peggiora ancora quando si fa ipnotizzare da Handanovic che gli para un rigore. Peggio di così non può andare, pensa ingenuamente lui. Invece non c’è limite al peggio perché nella ripresa il bimbo che gli ha fregato la moglie fa pure doppietta. Chegggiornatademmmerda.

Inter - Sampdoria in 5 istantanee 2 Ranocchiate

SAMPDORIA – INTER 2-1

Si ragazzi ci metto quella di quest’anno: tra il rigore sbagliato ed i gol degli ex, poteva essere una partita da non inserire in questa top 5? Direi proprio di no. All’andata in questa stagione è stata proprio una beffa. In un Marassi stile piazza San Marco, con tanti di quei piccioni da far invidia alla scena di Mary Poppins davanti a St. Paul (per intenditori) l’Inter parte bene, ma Sanchez fallisce un rigore dallo stesso dischetto in cui sbagliò Maxi Lopez. Sulla ribattuta Young spacca la traversa. Dall’altro dischetto invece Totò Candreva non sbaglia e ci esulta pure in faccia. Proprio lui, il nostro tanto amato/odiato Totò. Sa di beffa? Nella ripresa gol vittoria di Keità Balde, l’uomo della provvidenza contro l’Empoli in una delle notti più cardiopatiche della mia vita. L’ex Ranieri in panca esulta, gli ex in campo pure, gli ex piccioni anche, gli ex dell’ex che poi sono ex. Oh ma tutti sti ex?

Inter - Sampdoria in 5 istantanee 3 Ranocchiate

ROMA – SAMPDORIA 1-2

C’è un errore, direte voi. Che ce sta a fa a Maggica in una top 5 di Inter – Samp? Per info prendere il telefono e chiamare Zanetti e Milito. Oppure, leggere il libro di Pupi che a questa partita ci dedica parecchio spazio. Nel 2010 fu un testa a testa emozionante con la Roma (indovinate un po’ il destino?) di Ranieri. I giallorossi sono primi in classifica, una vittoria con la Samp spegnerebbe le residue speranze nerazzurre a 360 minuti dalla fine del campionato. L’Olimpico è strapieno, ci credono al Tricolore. Er Pupone (e chi se no?) la sblocca al 14esimo, riportando la Roma davanti e cucendo i primi punti di scudetto sulla maglia capitolina. Il primo tempo è un monologo giallorosso, solo Storari ed il palo tengono in piedi la Samp (e pure l’Inter). Zanetti e Milito fremono sul divano di casa. Nella ripresa invece va in scena il Cassano-Pazzini show. I due futuri nerazzurri prima la pareggiano, assist del Barese e gol del Pazzo. Poi dopo altri 2 MIRACOLI di Storari, Pazzini fa doppietta, scuce il possibile tricolore dalla maglia della Roma e lo spedisce con posta prioritaria alla Milano sponda nerazzurra tra i pianti di Mexes e dei tifosi lupacchiotti. OH NOOOOOOO.

Inter - Sampdoria in 5 istantanee 4 Ranocchiate

INTER – SAMPDORIA 3-2

Anno Domini 2005. Nel freddo di gennaio la partita che voi tutti ricordate. Per chi non la ricorda, su YouTube il canale dell’Inter l’ha caricata integrale. Non fate l’errore di guardarla solo dall’88esimo in avanti, soffrite come abbiamo fatto noi. Io, per inciso, seguendola alla radio. Erano altri tempi. La prima Inter del Mancio, quella della famosa pareggite, è sotto 0-2 in casa contro i blucerchiati di Novellino. I nerazzurri tutto sommato dominano il primo tempo, ma alla prima vera occasione la Samp passa con Tonetto (FIRST TIME??). Dopo aver passato tutta la ripresa a creare occasioni, a 7 minuti dalla fine subiamo un contropiede che porta i doriani sullo 0-2. A San Siro, delusi, molti tifosi cominciano a sfollare. Un giovane Pardo azzarda “Partita in cassaforte”. Ma Recoba all’88esimo azzecca il filtrante per Martins che d’esterno riapre il match. Seguono minuti indiavolati. Al 90esimo e 22 secondi sempre ObaOba si inventa un assist in rovesciata, Vieri da pochi passi insacca. A San Siro incredibilmente sono rientrati tutti e spingono la Beneamata. Al 93esimo ancora una palla a campanile viene addormentata da Stankovic, che apparecchia per il Chino. Il sinistro magico di Recoba fa il resto. 3-2, partita ribalatata in 5, incredibili, indimenticabili, minuti. Il Mancio esulta polemicamente contro due che lo insultavano. Apoteosi della Pazza Inter.

Inter - Sampdoria in 5 istantanee 5 Ranocchiate

Inter - Sampdoria in 5 istantanee

Ragazzi oggi ho il compito di introdurvi nella prima partita da CAMPIONI D’ITALIA. Per me è un onore ed un’emozione! Vi vorrei abbracciare tutti.
Vorrei abbracciare te che stai leggendo questo articolo, ancora quasi incredulo.
Vorrei abbracciare te che magari hai 12/13 anni e uno Scudetto dell’Inter nemmeno lo ricordi.
Vorrei abbracciare te, che invece di anni ne hai molti di più, e di momenti felici nei hai vissuti tanti.
Oggi è la nostra festa, oggi i campioni siamo noi.

Ma ora non crogioliamoci. La Samp di Ranieri, che ci ha sapientemente punito all'andata, arriva ospite a San Siro. Ecco 5 istantanee che ci ricordano perchè questo è un match molto particolare.

INTER – SAMPDORIA 0-0

20 Febbraio 2010, a San Siro va in onda un Inter – Sampdoria di quelli che resteranno nella storia. Per quanto accaduto grazie al protagonista assoluto della serata: il signor Tagliavento, che probabilmente aveva una zia di Genova altrimenti non me lo spiego. Pronti via ammonito Samuel per un intervento sul buon Pozzi. Pochi minuti dopo, alla mezz’ora Tagliavento mostra il primo rosso proprio a The Wall. A Mou salgono i bollori ma tace, anche perché il difensore argentino prende posizione, non guarda mai Pozzi, però insomma uno sganassone glielo dà. Sulla stessa punizione viene ammonito anche Cordoba per essere uscito dalla barriera. Gli animi a quel punto si scaldano definitivamente, San Siro ribolle. Stankovic urla all’arbitro, non credo per chiedergli di bere una birra assieme. Cinque minuti dopo altro fattaccio: sempre Pozzi vola come Crilin di Dragonball ancora prima di venire a contatto col difensore colombiano. Tagliavento deciso estrae ancora il rosso. L’Inter resta in 9 dopo appena 35 minuti. Mourinho sorride. Poi si gira, guarda la telecamera e fa il segno delle manette ben visibile a tutto lo stadio. Il quarto uomo cerca di richiamarlo, lui se ne frega e San Siro è una bolgia. I nerazzurri giocano una partita eroica. Nella ripresa Eto’o viene travolto in area di rigore, Tagliavento lo ammonisce per simulazione (?????) e al Meazza spuntano 50mila fazzoletti bianchi in segno di protesta contro l’arbitro. Finirà 0-0 una partita epica.  

Inter - Sampdoria in 5 istantanee 6 Ranocchiate

SAMPDORIA – INTER 0-4

Nel 2014 a Marassi tutti gli occhi sono sui due grandi rivali d’amore: Icardi e Maxi Lopez. Prima amici, ora nemici. Il giovane Mauro è reo di aver rubato la gentil donzella Wanda all’amico fraterno Maxi, che lo aveva ospitato in casa sua. Tutto alle sue spalle, povero Max. Insomma una ballata epica d’altri tempi. Al saluto iniziale Mauro fa finta di niente, e tende la mano al suo ex amichetto. Maxi, che ha la faccia di uno che vorrebbe gonfiarlo di legnate, finge di non vederlo e non lo caga di striscio. Il futuro Capitan Scinochio allora decide di farsi notare da tutta la Genova blucerchiata (avremmo dovuto capirlo da lì che poverino qualcosa non andava). Gol sotto la curva ed esultanza provocatoria con mano sull’orecchio a sbeffeggiare il suo ex pubblico di casa. La giornata di Maxi comincia male, ma peggiora ancora quando si fa ipnotizzare da Handanovic che gli para un rigore. Peggio di così non può andare, pensa ingenuamente lui. Invece non c’è limite al peggio perché nella ripresa il bimbo che gli ha fregato la moglie fa pure doppietta. Chegggiornatademmmerda.

Inter - Sampdoria in 5 istantanee 7 Ranocchiate

SAMPDORIA – INTER 2-1

Si ragazzi ci metto quella di quest’anno: tra il rigore sbagliato ed i gol degli ex, poteva essere una partita da non inserire in questa top 5? Direi proprio di no. All’andata in questa stagione è stata proprio una beffa. In un Marassi stile piazza San Marco, con tanti di quei piccioni da far invidia alla scena di Mary Poppins davanti a St. Paul (per intenditori) l’Inter parte bene, ma Sanchez fallisce un rigore dallo stesso dischetto in cui sbagliò Maxi Lopez. Sulla ribattuta Young spacca la traversa. Dall’altro dischetto invece Totò Candreva non sbaglia e ci esulta pure in faccia. Proprio lui, il nostro tanto amato/odiato Totò. Sa di beffa? Nella ripresa gol vittoria di Keità Balde, l’uomo della provvidenza contro l’Empoli in una delle notti più cardiopatiche della mia vita. L’ex Ranieri in panca esulta, gli ex in campo pure, gli ex piccioni anche, gli ex dell’ex che poi sono ex. Oh ma tutti sti ex?

Inter - Sampdoria in 5 istantanee 8 Ranocchiate

ROMA – SAMPDORIA 1-2

C’è un errore, direte voi. Che ce sta a fa a Maggica in una top 5 di Inter – Samp? Per info prendere il telefono e chiamare Zanetti e Milito. Oppure, leggere il libro di Pupi che a questa partita ci dedica parecchio spazio. Nel 2010 fu un testa a testa emozionante con la Roma (indovinate un po’ il destino?) di Ranieri. I giallorossi sono primi in classifica, una vittoria con la Samp spegnerebbe le residue speranze nerazzurre a 360 minuti dalla fine del campionato. L’Olimpico è strapieno, ci credono al Tricolore. Er Pupone (e chi se no?) la sblocca al 14esimo, riportando la Roma davanti e cucendo i primi punti di scudetto sulla maglia capitolina. Il primo tempo è un monologo giallorosso, solo Storari ed il palo tengono in piedi la Samp (e pure l’Inter). Zanetti e Milito fremono sul divano di casa. Nella ripresa invece va in scena il Cassano-Pazzini show. I due futuri nerazzurri prima la pareggiano, assist del Barese e gol del Pazzo. Poi dopo altri 2 MIRACOLI di Storari, Pazzini fa doppietta, scuce il possibile tricolore dalla maglia della Roma e lo spedisce con posta prioritaria alla Milano sponda nerazzurra tra i pianti di Mexes e dei tifosi lupacchiotti. OH NOOOOOOO.

Inter - Sampdoria in 5 istantanee 9 Ranocchiate

INTER – SAMPDORIA 3-2

Anno Domini 2005. Nel freddo di gennaio la partita che voi tutti ricordate. Per chi non la ricorda, su YouTube il canale dell’Inter l’ha caricata integrale. Non fate l’errore di guardarla solo dall’88esimo in avanti, soffrite come abbiamo fatto noi. Io, per inciso, seguendola alla radio. Erano altri tempi. La prima Inter del Mancio, quella della famosa pareggite, è sotto 0-2 in casa contro i blucerchiati di Novellino. I nerazzurri tutto sommato dominano il primo tempo, ma alla prima vera occasione la Samp passa con Tonetto (FIRST TIME??). Dopo aver passato tutta la ripresa a creare occasioni, a 7 minuti dalla fine subiamo un contropiede che porta i doriani sullo 0-2. A San Siro, delusi, molti tifosi cominciano a sfollare. Un giovane Pardo azzarda “Partita in cassaforte”. Ma Recoba all’88esimo azzecca il filtrante per Martins che d’esterno riapre il match. Seguono minuti indiavolati. Al 90esimo e 22 secondi sempre ObaOba si inventa un assist in rovesciata, Vieri da pochi passi insacca. A San Siro incredibilmente sono rientrati tutti e spingono la Beneamata. Al 93esimo ancora una palla a campanile viene addormentata da Stankovic, che apparecchia per il Chino. Il sinistro magico di Recoba fa il resto. 3-2, partita ribalatata in 5, incredibili, indimenticabili, minuti. Il Mancio esulta polemicamente contro due che lo insultavano. Apoteosi della Pazza Inter.

Inter - Sampdoria in 5 istantanee 10 Ranocchiate

Notizie flash

Ultimi articoli

05/06/2021
5 motivi per voler bene a Simone Inzaghi

1. PERCHÉ C'ERA ANCHE LUI IL 5 MAGGIO Dopo Antonio Conte, ospitiamo sulla nostra panchina un altro dei protagonisti di quella maledetta giornata che noi interisti non dimenticheremo mai.Se anche Inzaghi dovesse riuscire a vincere come il suo predecessore, avremo esorcizzato un altro pezzettino del 5 maggio.A quel punto, ci basterà soltanto vincere un Triplete […]

27/05/2021
Il nostro libro

Nonostante tutto quello che è successo ieri.Nonostante non si possa passare un giorno, nella vita di noi interisti, sereni.Nonostante l’interismo sia eterna dannazione.Nonostante abbiano deciso di rovinarci la festa.Nonostante tutto, noi abbiamo vinto lo scudetto. Cazzo.E, nonostante tutto, avevamo in programma il lancio di un libro, il nostro, per oggi. Il frutto di settimane di […]

24/05/2021
Inter - Udinese, dieci pensieri post - partita

10 - Io quando mi rendo conto che questa è l'ultima partita dell'Inter: 9 - Ma poi mi ricordo che L'ABBIAMO ALZATA NOI 8 - Ma questo non ci permette di far passare in sordina il fatto che Goeffrey Kondogbia e Sime Vrsaljko sono diventati Campioni di Spagna. 7 - Ecco, bravi, salutatelo e rimandatecelo […]

23/05/2021
Inter - Udinese, il pagellone del finale di stagione

HANDA 19: I latini dicevano "Vincit qui patitur", vince chi resiste.Tu non è che hai semplicemente resistito, hai lottato come uno spartano contro le sfighe, le più che lecite blasfemie, i ribaltoni e, a volte, anche contro la nostra stessa difesa. Anni di miracoli e di bocconi amari che ti hanno reso un degno leader […]

23/05/2021
Inter-Udinese nel tempo di un caffè medagliato

Primo tempo 1' - Comincia la partita con meno ansia dell'ultimo decennio interista. Il mio cervello è in ansia perché non può provare ansia. 5' - Per oggi c'è solo una missione: CAPITANO FAI GOL (Non serve dirlo ma ci riferivamo a Froggy… Però se anche Handanovic voglie togliersi lo sfizio del gol dell'ex va […]

23/05/2021
Diario di avvicinamento ad Inter - Udinese

Martedì 18 Maggio Le partite contro l’Udinese mi hanno sempre messo tanta ansia. Sarà per i colori, sarà perchè la loro squadra è un esercito di #MITT e #PIGL con rimpiazzi infiniti, sarà perché SIAMO CAMPIONI D’ITALIA QUINDI CIAO CIAO ANSIA NON TI CONOSCO!P.s.: Se PER CASO un paio di giocatori dell’Udinese tipo De Paul […]

linkedin facebook pinterest youtube rss twitter instagram facebook-blank rss-blank linkedin-blank pinterest youtube twitter instagram