Inter – Real Madrid 0-2 di Terza Categoria

Le partite di coppa in settimana, per le squadre di provincia, si sa sono una seccatura. Che si chiami Coppa Lombardia o Champions League ci saranno sempre delle difficoltà evidenti.

Questa col Real però non è una partita semplice e nel quartiere di Milano, San Siro, lo sanno bene. Conte arriva per primo al campo, parcheggia al solito posto, scende con la mascherina mugugnando un “ciao, ciao” al custode del campo, il quale aprendo il cancello risponde con un: “Seraaaaaa. Adesso anche le partite in settimana? Ma quando la finiamo qua? Ho una famiglia io eh”.

Antonio non se ne cura, entra nel suo ufficio ricavato da un vecchio bagno che adesso funge da lavanderia, mette gli schemi precisi sulla lavatrice, comincia a pensare “Lautaro o Sanchez chi faccio giocare?”.

In quel momento si illumina lo Smartphone, messaggio da Alexis sul gruppo “Raga c’è traffico, soy in ritardo”. Ok gioca Lauti.
Pian piano arrivano tutti al campo. Nelle prime squadre si mischia un po’ di tutto.

Bastoni e Darmian, studenti universitari, sono puntuali. Tuta di rappresentanza, giaccone della società, scarpe coi tacchetti a 6 e a 13, cuffie nelle orecchie. “Mister andiamo a vedere il campo” urla Basto. “Ma che cazzo vuoi vedere, è sempre quello il campo eh” gli fa eco il simpatico custode che intanto accende la macchinetta del caffè a schiaffoni.

“Ah Matteo” urla Conte, “Il ragazzo dell’Erasmus stasera non c’è vero? Non è che rompe ancora le palle che vuole giocare?”. “Mister intende Eriksen? Si si arriva, dice che lui ha esperienza nelle coppe, in Inghilterra giocava sempre”. Antonio sbuffa, pure i ragazzi in Erasmus gli tocca vedere. Siamo un oratorio o una gloriosa ASD? Ma ha in mente un piano.

Prima della partita arrivano tutti, anche quelli che lavorano e che fino a domenica si lamentavano “Mister noi lavoriamo arriviamo quando possiamo”.

Vidal, giardiniere che ha trinciato rami tutto il giorno, arriva in tenuta con ancora foglie e rovi attaccati. “Arturo! Divisa di rappresentanza? 1 euro di multa”. “Ma mister Borja Valero non ha ancora restituito la sua, non ce l’ho mica. Poi oggi sono arrabbiato, giornataccia”.

Intanto Padelli che entra nello spogliatoio sussurra “1 euro di multa? Questa fa sempre ridere”

Spogliatoio: tutti sono pronti e cambiati. Conte comincia a parlare: “Questi li conosciamo, hanno gamba, sono forti, hanno esperienza. È una settimana che mi vengono a dire che vogliono vincere. Con Zizou ci giocavo, ma non è certo al mio livel…” POM, la porta si apre di colpo sbattendo in testa al mister. Entra Alexis “Oh scusate il ritardo.”
Padelli tocca dentro Radu “La botta in testa al mister fa sempre ridere”.


Si esce per l’appello. Eriksen si avvicina con Darmian. “Mister Chri non trova la maglia”. Antonio risponde frettoloso: “E lo chiedi a me, digli di andare dal custode, dai dai scaldiamoci bene che fa freddo”. “What? Can I play tonight?” borbotta il povero studente erasmus, ma l’allenatore se n’è già andato sbattendo la porta.


Comincia la partita. Barella, che lavora al bar di paese, dal carattere abbastanza nervosetto ma dai polmoni grandi, alla prima occasione stende un ragazzino spagnolo in area di rigore. “NOOOO DIRE NON L’HO TOCCATO DAIII” tutti protestano. Conte urla “Ma chi ce l’ha mandatooo, ogni volta mandano qua il circo, ma adesso scrivo io scrivo. Sti asini, rovinano le partite”.

Tra le proteste si batte il rigore: 0-1. Vidal è uno dei più nervosi “Mister io questo lo trincio come i rami, io lavoro tutto il giorno non posso venire qua ad incazzarmi anche la sera”. Intanto Padelli sdraiato in panchina sotto due giacconi ammuffiti commenta con Eriksen “Lo trincio coi rami, questa fa sempre rider… Ah ma tanto tu non capisci”.


Poi il fattaccio: Vidal va via lasciando schegge di rami dietro a sé, al momento del tiro sente una spina nella scarpa. Si lancia. “RIGORRREEE” urla Alexis. Vidal scatta contro il direttore di gara “OH QUESTO L’HAI VISTO? L’HAI VISTO??”.

L’arbitro lo ammonisce. “Ammonire me??? Io domani vado a lavorare, mi guadagno da vivere onestamente. Ho visto con che macchina sei arrivato, ti taglio le gomme, ti buco il serbatoio”. Gagliardini corre a calmare gli animi “Dire, dai è un bravo ragazzo, giornata difficile per tutti”.

Ma niente da fare, il rosso viene sventolato. “E io non me ne vado” urla Arturo “voglio vedere chi mi sposta”. Nella parapiglia Eriksen ha un’idea “Red Card? Coach can I play?”. Conte gli urla addosso “Ma non hai neanche la maglia, cosa vuoi giocare??”. Vidal intanto esce dal campo salutando cordialmente l’arbitro ed i suoi antenati “SO DOVE ABITI, TI VEDO LA DOMENICA A SPASSO COL CANE, TI TROVO TRANQUILLO”.

Nel secondo tempo tutto è difficile, 0-2. Gli spalti son vuoti, il custode comincia a chiudere e urla “Le maglie tenetele, ve le lavate voi e me le portate domenica”.

Sale in macchina e sgomma via. Eriksen prende lo scotch di carta e la maglia di Perisic “Excuse me Ivan, can I…?” Ma Perisic è già nel parcheggio pure lui. Chri prende la forbice e ritaglia il due, lo attacca alla maglia vicino al quattro. “Coach I have the shirt! Coach!”. Conte si gira “ma che cazz.., massì vai dentro pure tu così il presidente non mi rompe le palle che non faccio giocare sto fenomeno arrivato dall’Inghilterra”.

Tuttavia appena il danese arriva a centrocampo l’arbitro fischia la fine. Conte commenta “Ah che sfortunaaaa”.

Dopo la partita tutti vanno via a testa bassa, l’arbitro prende la sua macchina e se ne va. Gagliardini butta il borsone nel baule, chiude. Poi l’urlo “ARTURO ANCORAAAA!! La Fiesta blu è mia, non dell’arbitro. È già la terza volta sto mese!”

Padelli lo sorpassa, gli dà una pacca sulla spalla: “Ah Ah questa fa sempre ridere…”


Inter – Real Madrid 0-2 di Terza Categoria

Le partite di coppa in settimana, per le squadre di provincia, si sa sono una seccatura. Che si chiami Coppa Lombardia o Champions League ci saranno sempre delle difficoltà evidenti.

Questa col Real però non è una partita semplice e nel quartiere di Milano, San Siro, lo sanno bene. Conte arriva per primo al campo, parcheggia al solito posto, scende con la mascherina mugugnando un “ciao, ciao” al custode del campo, il quale aprendo il cancello risponde con un: “Seraaaaaa. Adesso anche le partite in settimana? Ma quando la finiamo qua? Ho una famiglia io eh”.

Antonio non se ne cura, entra nel suo ufficio ricavato da un vecchio bagno che adesso funge da lavanderia, mette gli schemi precisi sulla lavatrice, comincia a pensare “Lautaro o Sanchez chi faccio giocare?”.

In quel momento si illumina lo Smartphone, messaggio da Alexis sul gruppo “Raga c’è traffico, soy in ritardo”. Ok gioca Lauti.
Pian piano arrivano tutti al campo. Nelle prime squadre si mischia un po’ di tutto.

Bastoni e Darmian, studenti universitari, sono puntuali. Tuta di rappresentanza, giaccone della società, scarpe coi tacchetti a 6 e a 13, cuffie nelle orecchie. “Mister andiamo a vedere il campo” urla Basto. “Ma che cazzo vuoi vedere, è sempre quello il campo eh” gli fa eco il simpatico custode che intanto accende la macchinetta del caffè a schiaffoni.

“Ah Matteo” urla Conte, “Il ragazzo dell’Erasmus stasera non c’è vero? Non è che rompe ancora le palle che vuole giocare?”. “Mister intende Eriksen? Si si arriva, dice che lui ha esperienza nelle coppe, in Inghilterra giocava sempre”. Antonio sbuffa, pure i ragazzi in Erasmus gli tocca vedere. Siamo un oratorio o una gloriosa ASD? Ma ha in mente un piano.

Prima della partita arrivano tutti, anche quelli che lavorano e che fino a domenica si lamentavano “Mister noi lavoriamo arriviamo quando possiamo”.

Vidal, giardiniere che ha trinciato rami tutto il giorno, arriva in tenuta con ancora foglie e rovi attaccati. “Arturo! Divisa di rappresentanza? 1 euro di multa”. “Ma mister Borja Valero non ha ancora restituito la sua, non ce l’ho mica. Poi oggi sono arrabbiato, giornataccia”.

Intanto Padelli che entra nello spogliatoio sussurra “1 euro di multa? Questa fa sempre ridere”

Spogliatoio: tutti sono pronti e cambiati. Conte comincia a parlare: “Questi li conosciamo, hanno gamba, sono forti, hanno esperienza. È una settimana che mi vengono a dire che vogliono vincere. Con Zizou ci giocavo, ma non è certo al mio livel…” POM, la porta si apre di colpo sbattendo in testa al mister. Entra Alexis “Oh scusate il ritardo.”
Padelli tocca dentro Radu “La botta in testa al mister fa sempre ridere”.


Si esce per l’appello. Eriksen si avvicina con Darmian. “Mister Chri non trova la maglia”. Antonio risponde frettoloso: “E lo chiedi a me, digli di andare dal custode, dai dai scaldiamoci bene che fa freddo”. “What? Can I play tonight?” borbotta il povero studente erasmus, ma l’allenatore se n’è già andato sbattendo la porta.


Comincia la partita. Barella, che lavora al bar di paese, dal carattere abbastanza nervosetto ma dai polmoni grandi, alla prima occasione stende un ragazzino spagnolo in area di rigore. “NOOOO DIRE NON L’HO TOCCATO DAIII” tutti protestano. Conte urla “Ma chi ce l’ha mandatooo, ogni volta mandano qua il circo, ma adesso scrivo io scrivo. Sti asini, rovinano le partite”.

Tra le proteste si batte il rigore: 0-1. Vidal è uno dei più nervosi “Mister io questo lo trincio come i rami, io lavoro tutto il giorno non posso venire qua ad incazzarmi anche la sera”. Intanto Padelli sdraiato in panchina sotto due giacconi ammuffiti commenta con Eriksen “Lo trincio coi rami, questa fa sempre rider… Ah ma tanto tu non capisci”.


Poi il fattaccio: Vidal va via lasciando schegge di rami dietro a sé, al momento del tiro sente una spina nella scarpa. Si lancia. “RIGORRREEE” urla Alexis. Vidal scatta contro il direttore di gara “OH QUESTO L’HAI VISTO? L’HAI VISTO??”.

L’arbitro lo ammonisce. “Ammonire me??? Io domani vado a lavorare, mi guadagno da vivere onestamente. Ho visto con che macchina sei arrivato, ti taglio le gomme, ti buco il serbatoio”. Gagliardini corre a calmare gli animi “Dire, dai è un bravo ragazzo, giornata difficile per tutti”.

Ma niente da fare, il rosso viene sventolato. “E io non me ne vado” urla Arturo “voglio vedere chi mi sposta”. Nella parapiglia Eriksen ha un’idea “Red Card? Coach can I play?”. Conte gli urla addosso “Ma non hai neanche la maglia, cosa vuoi giocare??”. Vidal intanto esce dal campo salutando cordialmente l’arbitro ed i suoi antenati “SO DOVE ABITI, TI VEDO LA DOMENICA A SPASSO COL CANE, TI TROVO TRANQUILLO”.

Nel secondo tempo tutto è difficile, 0-2. Gli spalti son vuoti, il custode comincia a chiudere e urla “Le maglie tenetele, ve le lavate voi e me le portate domenica”.

Sale in macchina e sgomma via. Eriksen prende lo scotch di carta e la maglia di Perisic “Excuse me Ivan, can I…?” Ma Perisic è già nel parcheggio pure lui. Chri prende la forbice e ritaglia il due, lo attacca alla maglia vicino al quattro. “Coach I have the shirt! Coach!”. Conte si gira “ma che cazz.., massì vai dentro pure tu così il presidente non mi rompe le palle che non faccio giocare sto fenomeno arrivato dall’Inghilterra”.

Tuttavia appena il danese arriva a centrocampo l’arbitro fischia la fine. Conte commenta “Ah che sfortunaaaa”.

Dopo la partita tutti vanno via a testa bassa, l’arbitro prende la sua macchina e se ne va. Gagliardini butta il borsone nel baule, chiude. Poi l’urlo “ARTURO ANCORAAAA!! La Fiesta blu è mia, non dell’arbitro. È già la terza volta sto mese!”

Padelli lo sorpassa, gli dà una pacca sulla spalla: “Ah Ah questa fa sempre ridere…”


Notizie flash

Ultimi articoli

19/01/2022
Inter – Empoli: cosa potrebbe mai andare storto?

Per il tifoso meno esperto, Inter – Empoli, specialmente di Coppa Italia, potrebbe essere una partita di poco interesse. Un match non degno di attenzioni in un freddo mercoledì sera di Gennaio.  Tuttavia questo non vale certo per il tifoso interista. Perché noi, gli interisti, di serate tranquille  di Coppa Italia ce ne intendiamo fin troppo bene. […]

17/01/2022
Atalanta - Inter, il pagellone delle occasioni mancate

HANDANOVIC 10 – “DLIN DLON: Si avvisa il signor Onana che può accomodarsi in panchina insieme ai signori Cordaz e Radu. A fine partita potrà lucidare i guantoni del nostro n.1” Non è che adesso basta far firmare un foglio al primo portiere che passa per pensare che Samir possa perdere il posto. Handa è […]

17/01/2022
Atalanta - Inter, dieci pensieri post - partita

10 - OOOOOOH finalmente una non vittoria, tutto questo tempo e persino dicembre e gennaio senza un minimo di profumo di CRISIINTER mi stava troppo destabilizzando. 9 - Ah, dobbiamo sempre recuperare una partita?E comunque non abbiamo perso?Quindi non siamo ancora in CRISIINTER?Ah, ok. 8 - Io: madonna ma basta che schifo io con questi […]

16/01/2022
Atalanta - Inter nel tempo di un caffè

Primo tempo 0’ - Eccoci qui di nuovo per la più bella partita dell’anno per tutti coloro che non tifano. Per me, interista in terra bergamasca, una tassa, un supplizio che mi tocca pagare ogni anno. 8’ - Siamo già a 3 occasioni per l’Atalanta che la prospettiva ha fatto sembrare gol. 15’ - Dzeko […]

16/01/2022
Le 5 statistiche più ansiogene di Atalanta - Inter

Sarà la Supercoppa vinta contro la J**e, dopo aver recuperato uno svantaggio con un rigore a favore e vinta al 120’ con un gol del giocatore più umile della storia, sarà la vittoria con la Lazio che ha avuto tanto il sapore della #VENDETT, sarà che si parla di scippare ai nostri acerrimi nemici il […]

13/01/2022
Inter - Juventus, il pagellone del fallo tattico

HANDA 10 - Quanti feels ieri sera con il vicecap: vederlo con quel capello brizzolato da anni di Inter e di tasche piene di sassi mi ha riportato alla mente Francesco Toldo, mio primo amore calcistico.Forse non tutti se ne saranno accorti, ma ieri Handa ha fatto il primo vero tentativo di carriera postcalcistica: la […]

linkedin facebook pinterest youtube rss twitter instagram facebook-blank rss-blank linkedin-blank pinterest youtube twitter instagram