Inter - Liverpool: l’ultima speranza

Dunque, ricapitoliamo.

Il 13 dicembre scorso eravamo secondi in classifica, a tre punti dal Milan capolista. Nel pieno della rimonta e dopo aver passato il turno in Champions League per la prima volta da quando l’Artiglio che Graffia™ è riuscito a farci tornare in questa prestigiosa competizione, ci sentivamo motivat* e fiducios* (per quanto ci si possa sentire motivat* e fiducios* da interisti) il giorno del sorteggio.

L’atmosfera natalizia e l’eco scampanellante di Inter Bells si facevano sentire ormai da un po’, ma senza invadenza. Segnavamo gol a raffica (4-0 al Cagliari solo la sera prima, dopo uno 0-3 con la Roma del nostro aMourinho ❤️), l’estremo momento di forma e continuità di Turco20 faceva rodere i cugini insieme alla loro eliminazione dall’Europa, il sorprendente Napoli di Luscianone aveva iniziato a incespicare causa stanchezza e infortuni vari. La Coppa Italia ancora non era nei nostri pensieri (sinceramente, finché non iniziamo a giocarla penso ogni benedetto anno di non dovermene preoccupare, per poi rimangiarmi la parola a quattro ganasce al primo Pordenone che arriva). Insomma, tutto sembrava puntare nella nostra direzione.

Sembrava.

Per farla breve: la Uefa ci fa uno scherzone. Con la perfetta faccia da “EH! VOLEEEVI!”, dopo un sorteggio non dico abbordabile, ma Santo Christian Eriksen poteva andare peggio, ci viene annunciato che le palline rotoleranno di nuovo negli scodelloni (e non solo negli scodelloni car* amic*, eh no) nel tardo pomeriggio.

Inter - Liverpool: l’ultima speranza 1 Ranocchiate
Guarda che faccia! Guarda che faccia! Non se l'aspettava!

D’altronde si dice sempre “Santa Lucia mille scherzi ed allegria”, no? No?
No. Se l’è inventata quel buontempone di Čeferin dopo aver incartato casa di Monociglio Agnelli, mi dicono.

Inter - Liverpool: l’ultima speranza 2 Ranocchiate
Artista.

Fatto sta, ci tocca il Liverpool. E tutti da lì in poi a pensare “Vabbe’ dai, speriamo in una bella partita ma non facciamoci illusioni. Testa al campionato e amen”. Insomma, avevamo chiuso la pratica prima ancora di aprirla. Quello che ci importava era sorpassare i cugini e goderci un campionato in cui eravamo nuovamente convinti di poter dominare, dopo che Mone, Fifino, il volto della banconota da 0 Euro e il Cigno di Sarajevo si erano dimostrati rinforzi azzeccatissimi. Io per primo mi dichiaro colpevole per aver pensato questo sciocco pensiero. Chi come me? Fatemi sapere.

Flash forward al... ‘spetta - quanti ne abbiamo oggi? Due giorni fa era San Tino... Ah sì, 16 febbraio. Tutto si è più o meno ribaltato... o, forse, non si è ribaltato niente. Analizziamo.

Inter - Liverpool: l’ultima speranza 3 Ranocchiate
Prega per noi.

POV DEI MEDIA ITALIANI SÌ PROPRIO LORO QUELLI CHE NON CIELO DICONO

Inter - Liverpool: l’ultima speranza 4 Ranocchiate

Il Milan è ancora, anzi, che dico ancora, DI NUOVO in testa alla classifica. Saldo come non mai. Anzi, che dico in testa alla classifica, ha già vinto il campionato, ci possiamo pure mettere il cuore in pace a questo punto. Ebbene sì, cari miei, non c’è più nulla da fare. Hanno vinto il derby giocando come meglio non si poteva, tocca ammetterlo: la classica tattica “Dai loro l’impressione di dominare l’intera partita e fregali alla prima distrazione, dopodiché innervosisci gli animi fino alla rissa così non si gioca più e ce la portiamo a casa” che già tante volte ha funzionato contro di noi.

Niente “Eh ma abbiamo una partita in meno!”, signor*, dai, siate sportiv*. Contro il Bologna non abbiamo speranze. E anche se ce le avessimo, ci tocca tristemente ammettere che la squadra di Stefanino Pioli (primo vero Stefanino, dai tempi in cui Sensi era ancora in groppa alla cicogna) è una corazzata inaffondabile. Inoltre, dovendo giocarcela sempre con la suddetta corazzata inaffondabile in Coppa Italia, anche lì siamo purtroppo spacciati. Possiamo benissimo uscire a testa alta stringendo loro la mano a inizio partita e tornando immediatamente negli spogliatoi. Faremmo una figura perlomeno dignitosa.

Non me ne voglia Barella, sia mai, ma vuoi mettere con TONALI? Cioè, non scherziamo per favore. No no no, proprio non si può fare.

Insomma, la Champions League sarà pure difficile da perseguire, ma resta la nostra UNICA SPERANZA. Dobbiamo affrontare gli inglesi con il coltello fra i denti se speriamo di portare almeno un tìtulo (concetto indimenticato e indimenticabile che da dieci anni e passa ci rinfacciano tutti appena possono) in bacheca. Dura ammetterlo, ma questa è la realtà.

POV DI RANOCCHIATE GLI INTERISTI QUELLI SANI E GENUINI CHE NON HANNO BISOGNO DI FONTI DI NOTIZIE SERIE O NON SERIE MA SOLO DI ANNEGARE COL PROPRIO SGUARDO NELLA PROFONDITÀ DELLE PUPILLE DEL SOMMO PER SEMPRE NELLA PIÙ DOLCE DELLE ESISTENZE

Inter - Liverpool: l’ultima speranza 5 Ranocchiate
Gloria gloria gloria all'IpnoSommo

I giochi sono aperti, quest’anno più che mai. E non parlo delle Olimpiadi Invernali (anche se il curling alle tre di notte è stata l'ultima mazzata alla mia già martoriata capacità di dormire) ma del gioco che più amiamo (il CALSCIO).

Inter - Liverpool: l’ultima speranza 6 Ranocchiate
Quello con la F

Abbiamo possibilità su tutti i fronti: un margine colmabile per riportarci in testa al campionato, due partite da sangue agli occhi da giocare in Coppa (sì a proposito, ciao cugini: sappiate che non l’abbiamo presa proprio bene bene; potevate essere più gentili, ecco - non aspettatevi partite soft) per passare il turno e una tostissima, ma meravigliosa avventura da vivere in Europa. Fatevi una domanda e datevi una risposta: come mai se è così complicata e porta a così tante sofferenze la fase finale della Champions ci era mancata così tanto?
Questione di SOLDI!
Ah no?
Eh, in effetti per quanto sia bravo non è che Beppe ci inondi di dividendi, a noi tifosi.

Il turno di stasera non è l’unica, amic*, è l’ULTIMA speranza. Quel piccolo solletico tra lo sterno (chi non sa cos'è lo sterno chieda al dR.anocchio) e lo stomaco che appena sentite, riponete con cura e un sorriso beffardo nel cassetto, ma che vi stuzzica di nuovo non appena il pensiero si rifà vivo. Quella che, se si avvera, produce movimenti inconsulti e suoni assurdi ed esplode in noi con un entusiasmo di cui non ricordavamo di essere capaci, che ahimè dura poco, ma finché dura ci fa stare bene come non mai.

Fate un favore a Ranocchiate, stasera: alla faccia dei cugini, lasciate che vi solletichi l’ultima speranza.
Mal che vada diremo che già si sapeva.
Ma non si sa mai.
Buona Champions a tutti!

Inter - Liverpool: l’ultima speranza

Dunque, ricapitoliamo.

Il 13 dicembre scorso eravamo secondi in classifica, a tre punti dal Milan capolista. Nel pieno della rimonta e dopo aver passato il turno in Champions League per la prima volta da quando l’Artiglio che Graffia™ è riuscito a farci tornare in questa prestigiosa competizione, ci sentivamo motivat* e fiducios* (per quanto ci si possa sentire motivat* e fiducios* da interisti) il giorno del sorteggio.

L’atmosfera natalizia e l’eco scampanellante di Inter Bells si facevano sentire ormai da un po’, ma senza invadenza. Segnavamo gol a raffica (4-0 al Cagliari solo la sera prima, dopo uno 0-3 con la Roma del nostro aMourinho ❤️), l’estremo momento di forma e continuità di Turco20 faceva rodere i cugini insieme alla loro eliminazione dall’Europa, il sorprendente Napoli di Luscianone aveva iniziato a incespicare causa stanchezza e infortuni vari. La Coppa Italia ancora non era nei nostri pensieri (sinceramente, finché non iniziamo a giocarla penso ogni benedetto anno di non dovermene preoccupare, per poi rimangiarmi la parola a quattro ganasce al primo Pordenone che arriva). Insomma, tutto sembrava puntare nella nostra direzione.

Sembrava.

Per farla breve: la Uefa ci fa uno scherzone. Con la perfetta faccia da “EH! VOLEEEVI!”, dopo un sorteggio non dico abbordabile, ma Santo Christian Eriksen poteva andare peggio, ci viene annunciato che le palline rotoleranno di nuovo negli scodelloni (e non solo negli scodelloni car* amic*, eh no) nel tardo pomeriggio.

Inter - Liverpool: l’ultima speranza 7 Ranocchiate
Guarda che faccia! Guarda che faccia! Non se l'aspettava!

D’altronde si dice sempre “Santa Lucia mille scherzi ed allegria”, no? No?
No. Se l’è inventata quel buontempone di Čeferin dopo aver incartato casa di Monociglio Agnelli, mi dicono.

Inter - Liverpool: l’ultima speranza 8 Ranocchiate
Artista.

Fatto sta, ci tocca il Liverpool. E tutti da lì in poi a pensare “Vabbe’ dai, speriamo in una bella partita ma non facciamoci illusioni. Testa al campionato e amen”. Insomma, avevamo chiuso la pratica prima ancora di aprirla. Quello che ci importava era sorpassare i cugini e goderci un campionato in cui eravamo nuovamente convinti di poter dominare, dopo che Mone, Fifino, il volto della banconota da 0 Euro e il Cigno di Sarajevo si erano dimostrati rinforzi azzeccatissimi. Io per primo mi dichiaro colpevole per aver pensato questo sciocco pensiero. Chi come me? Fatemi sapere.

Flash forward al... ‘spetta - quanti ne abbiamo oggi? Due giorni fa era San Tino... Ah sì, 16 febbraio. Tutto si è più o meno ribaltato... o, forse, non si è ribaltato niente. Analizziamo.

Inter - Liverpool: l’ultima speranza 9 Ranocchiate
Prega per noi.

POV DEI MEDIA ITALIANI SÌ PROPRIO LORO QUELLI CHE NON CIELO DICONO

Inter - Liverpool: l’ultima speranza 10 Ranocchiate

Il Milan è ancora, anzi, che dico ancora, DI NUOVO in testa alla classifica. Saldo come non mai. Anzi, che dico in testa alla classifica, ha già vinto il campionato, ci possiamo pure mettere il cuore in pace a questo punto. Ebbene sì, cari miei, non c’è più nulla da fare. Hanno vinto il derby giocando come meglio non si poteva, tocca ammetterlo: la classica tattica “Dai loro l’impressione di dominare l’intera partita e fregali alla prima distrazione, dopodiché innervosisci gli animi fino alla rissa così non si gioca più e ce la portiamo a casa” che già tante volte ha funzionato contro di noi.

Niente “Eh ma abbiamo una partita in meno!”, signor*, dai, siate sportiv*. Contro il Bologna non abbiamo speranze. E anche se ce le avessimo, ci tocca tristemente ammettere che la squadra di Stefanino Pioli (primo vero Stefanino, dai tempi in cui Sensi era ancora in groppa alla cicogna) è una corazzata inaffondabile. Inoltre, dovendo giocarcela sempre con la suddetta corazzata inaffondabile in Coppa Italia, anche lì siamo purtroppo spacciati. Possiamo benissimo uscire a testa alta stringendo loro la mano a inizio partita e tornando immediatamente negli spogliatoi. Faremmo una figura perlomeno dignitosa.

Non me ne voglia Barella, sia mai, ma vuoi mettere con TONALI? Cioè, non scherziamo per favore. No no no, proprio non si può fare.

Insomma, la Champions League sarà pure difficile da perseguire, ma resta la nostra UNICA SPERANZA. Dobbiamo affrontare gli inglesi con il coltello fra i denti se speriamo di portare almeno un tìtulo (concetto indimenticato e indimenticabile che da dieci anni e passa ci rinfacciano tutti appena possono) in bacheca. Dura ammetterlo, ma questa è la realtà.

POV DI RANOCCHIATE GLI INTERISTI QUELLI SANI E GENUINI CHE NON HANNO BISOGNO DI FONTI DI NOTIZIE SERIE O NON SERIE MA SOLO DI ANNEGARE COL PROPRIO SGUARDO NELLA PROFONDITÀ DELLE PUPILLE DEL SOMMO PER SEMPRE NELLA PIÙ DOLCE DELLE ESISTENZE

Inter - Liverpool: l’ultima speranza 11 Ranocchiate
Gloria gloria gloria all'IpnoSommo

I giochi sono aperti, quest’anno più che mai. E non parlo delle Olimpiadi Invernali (anche se il curling alle tre di notte è stata l'ultima mazzata alla mia già martoriata capacità di dormire) ma del gioco che più amiamo (il CALSCIO).

Inter - Liverpool: l’ultima speranza 12 Ranocchiate
Quello con la F

Abbiamo possibilità su tutti i fronti: un margine colmabile per riportarci in testa al campionato, due partite da sangue agli occhi da giocare in Coppa (sì a proposito, ciao cugini: sappiate che non l’abbiamo presa proprio bene bene; potevate essere più gentili, ecco - non aspettatevi partite soft) per passare il turno e una tostissima, ma meravigliosa avventura da vivere in Europa. Fatevi una domanda e datevi una risposta: come mai se è così complicata e porta a così tante sofferenze la fase finale della Champions ci era mancata così tanto?
Questione di SOLDI!
Ah no?
Eh, in effetti per quanto sia bravo non è che Beppe ci inondi di dividendi, a noi tifosi.

Il turno di stasera non è l’unica, amic*, è l’ULTIMA speranza. Quel piccolo solletico tra lo sterno (chi non sa cos'è lo sterno chieda al dR.anocchio) e lo stomaco che appena sentite, riponete con cura e un sorriso beffardo nel cassetto, ma che vi stuzzica di nuovo non appena il pensiero si rifà vivo. Quella che, se si avvera, produce movimenti inconsulti e suoni assurdi ed esplode in noi con un entusiasmo di cui non ricordavamo di essere capaci, che ahimè dura poco, ma finché dura ci fa stare bene come non mai.

Fate un favore a Ranocchiate, stasera: alla faccia dei cugini, lasciate che vi solletichi l’ultima speranza.
Mal che vada diremo che già si sapeva.
Ma non si sa mai.
Buona Champions a tutti!

Notizie flash

Ultimi articoli

07/05/2022
Inter - Empoli, il pagellone della follia

HANDA/SKRI/DE VRIJ/DIMA 7x4+5-2:3 -H: "Ciao a tutti ragazzi"in coro "Ehi Samir"H: "Avete presente quella volta che ho parato 3 tiri in un minuto contro il Milan e mi avete detto che mi dovevate un favore?"SK: "Si, certo"DE: "E che c'entra adesso?"DI: "Io manco c'ero…"H: "Dima tu sei l'ultimo arrivato quindi il tuo pensiero non conta. […]

02/10/2022
Inter – Roma, il Pagellone della migliore prestazione stagionale

HANDANOVIC 10 – Quale altro voto potremmo dare al nostro portierone? Resosi conto che quei cattivoni dei tifosi nerazzurri lo prendono in giro per via delle sue parate laser, Samir ha deciso dare il via ad una nuova performance: buttarsi mandandosi la palla in porta.Siamo a livelli altissimi, al punto che pure Fabio Balaso, libero […]

02/10/2022
Inter - Roma, dieci pensieri sempre più brutti post - partita

🤬 - Buongiornissimo e buona domenica con la solita playlist dei brani consigliati oggi, Maestro Bini per Ranocchiate Edition 🤬 - Descrivere la sosta nazionali senza parolacce non è stato un problema, scrivere questi dieci pensieri anche senza parole brutte non so se ce la faccio. 🤬 - La Banter Era I era più dignitosa. 🤬 - Un’ora di […]

01/10/2022
Inter - Roma nel tempo di un caffè bruciato

KRISTJAN ASLLANI TITOLARE SIGNORI Stavo pensando ad una cosa raga, appena il tizio del corto muso ha detto di togliere i titolari a Milan o Inter le due squadre di Milano hanno cominciato ad essere falcidiate da infortuni. Siamo vicini ad Ambra Angiolini, questo qui ci manda tutti in terapia. PRIMO TEMPO 0’ - BigRom […]

01/10/2022
Inter - Roma, il prepartita della resilienza

Cari amici di Ranocchiate, come sono andati questi 2190 giorni di pausa nazionale?Tutto bene? Se la risposta è sì, i miei complimenti: anni ed anni di interismo vi hanno permesso di sbloccare la "modalità distacco" e di godere a pieno del tempo libero fra un evento e l'altro.Se la risposta è no, potreste spiegare ai […]

19/09/2022
Udinese - Inter, il pagellone in sciopero

HANDANOVIC 0 - io non ho visto niente della partita e a quanto pare nemmeno lui SKRI - DE VRIJ - BASTONI 3 - ma il bonus psicologo vale anche per la terapia di gruppo? C’è un cumulativo per famiglie? ACERBI 10 - due mesi passati a pensare a come avrebbe potuto sabotarci dall’interno e […]

18/09/2022
Udinese - Inter, dieci pensieri brutti post - partita

😡 - Ho capito che avremmo perso quando abbiamo segnato dopo quattro minuti su punizione. 😡 - Grazie per questo fine settembre di pausa nazionali, sfottò e replay in loop dei gol presi oggi. 😡 - Non mi posso fidare manco più di Amadeus nella vita per colpa di voi maledetti. 😡 - E quindi il Monza ha vinto […]

linkedin facebook pinterest youtube rss twitter instagram facebook-blank rss-blank linkedin-blank pinterest youtube twitter instagram