01/02/2017

Inter-Lazio, il pagellone di quelli che finiranno la stagione con Zero Tituli

HANDANOVIC 6: Spende il "Bonus-Miracolo" per tenerci a galla con una parata su Felipe Anderson, non può fare di più sul rigore e quando cerca gloria in attacco.

D'AMBROSIO 6: Non brilla dal punto di vista tecnico ma almeno la sua cazzimma napoletana gli permette di far ammonire Radu.

MIRANDA 4: Ovviamente dopo le preghiere per non farlo ammonire contro il Pescara, manda in frantumi tutto l'alone di santità che gli si era creato intorno provocando imprecazioni blasfeme nei tifosi.

MURILLO 6: Peccato perché credeva veramente di poter diventare il capocannoniere di questa Coppa Italia. Fatica come tutti dietro, ma almeno si impegna in zona offensiva.

ANSALDI 3: Attenzione Cristian, perché hai un piede e mezzo nel club "Amici di Alvaro Pereira". E una volta entrati non si esce.

BROZOVIC 5.5: Quando c'è da usare la testa ormai i limiti sono noti, ma in quanto a cuore e gamba non si risparmia neanche stasera.

KONDOGBIA 5: La partita con quel palo esterno potrebbe mettersi sul sentiero giusto, invece da lì in poi il sentiero diventa una scalata dell'Everest senza ossigeno.

BANEGA 3: Cassano si è appena svincolato dalla Samp, come dinamismo, e vitalità al centro del gioco, direi che ci si può fare un pensierino.

PERISIC 6.5: L'unico a crederci e a suonare la carica per 90 minuti. Apprezzabili i suoi ripiegamenti difensivi, nei quali è di fatto il miglior terzino in rosa.

CANDREVA 4.5: Gioca con la sindrome di Gabigol. Frenetico, in dovere di dimostrare chissà che cosa ai suoi ex tifosi, così crea tanto e non conclude nulla.

PALACIO 4: Ha il peso offensivo di un moscerino. E va bene che ronza intorno ai difensori avversari infastidendoli, ma sempre un moscerino resta.

ICARDI, JOAO MARIO E MEDEL 5.5 Fare meglio dei tre che hanno sostituito non conta ai fini del voto. Troppo facile così.

PIOLI 4.5: Una scelta obbligata (Ansaldi), una scelta che lo ha tradito (Banega) e una scelta sbagliata in partenza (Palacio).

Inter-Lazio, il pagellone di quelli che finiranno la stagione con Zero Tituli

HANDANOVIC 6: Spende il "Bonus-Miracolo" per tenerci a galla con una parata su Felipe Anderson, non può fare di più sul rigore e quando cerca gloria in attacco.

D'AMBROSIO 6: Non brilla dal punto di vista tecnico ma almeno la sua cazzimma napoletana gli permette di far ammonire Radu.

MIRANDA 4: Ovviamente dopo le preghiere per non farlo ammonire contro il Pescara, manda in frantumi tutto l'alone di santità che gli si era creato intorno provocando imprecazioni blasfeme nei tifosi.

MURILLO 6: Peccato perché credeva veramente di poter diventare il capocannoniere di questa Coppa Italia. Fatica come tutti dietro, ma almeno si impegna in zona offensiva.

ANSALDI 3: Attenzione Cristian, perché hai un piede e mezzo nel club "Amici di Alvaro Pereira". E una volta entrati non si esce.

BROZOVIC 5.5: Quando c'è da usare la testa ormai i limiti sono noti, ma in quanto a cuore e gamba non si risparmia neanche stasera.

KONDOGBIA 5: La partita con quel palo esterno potrebbe mettersi sul sentiero giusto, invece da lì in poi il sentiero diventa una scalata dell'Everest senza ossigeno.

BANEGA 3: Cassano si è appena svincolato dalla Samp, come dinamismo, e vitalità al centro del gioco, direi che ci si può fare un pensierino.

PERISIC 6.5: L'unico a crederci e a suonare la carica per 90 minuti. Apprezzabili i suoi ripiegamenti difensivi, nei quali è di fatto il miglior terzino in rosa.

CANDREVA 4.5: Gioca con la sindrome di Gabigol. Frenetico, in dovere di dimostrare chissà che cosa ai suoi ex tifosi, così crea tanto e non conclude nulla.

PALACIO 4: Ha il peso offensivo di un moscerino. E va bene che ronza intorno ai difensori avversari infastidendoli, ma sempre un moscerino resta.

ICARDI, JOAO MARIO E MEDEL 5.5 Fare meglio dei tre che hanno sostituito non conta ai fini del voto. Troppo facile così.

PIOLI 4.5: Una scelta obbligata (Ansaldi), una scelta che lo ha tradito (Banega) e una scelta sbagliata in partenza (Palacio).

Notizie flash

Ultimi articoli

10/07/2021
Come affrontare i 10 disturbi più tipici dell'interismo

+++ Attenzione: questa satira potrebbe contenere tracce di articolo: ci scusiamo per il disagio ++++ SIGNORE! SIGNORI! MAMME, ZIE, PADRI ZII, FRATELLI CUGINI, QUASI NIPOTI! ACCORRETE TUTTI! Cari amici di Ranocchiate, prima di cominciare la nuova stagione, abbiamo pensato che fosse arrivato il momento adatto per una importante riflessione.Ogni giorno un interista soffre. Secondo uno […]

11/06/2021
Dieci pensieri su #Euro2020

10 - Sono talmente in astinenza da calcio che ho guardato pure tutte le amichevoli, anche in contemporanea. 9 - A questo proposito, far giocare Tino Lazaro e Christian Eriksen alla stessa ora è illegale, a meno che i due non giochino nella stessa squadra (tipo l’Inter). 8 - Possiamo passare direttamente al punto in […]

05/06/2021
5 motivi per voler bene a Simone Inzaghi

1. PERCHÉ C'ERA ANCHE LUI IL 5 MAGGIO Dopo Antonio Conte, ospitiamo sulla nostra panchina un altro dei protagonisti di quella maledetta giornata che noi interisti non dimenticheremo mai.Se anche Inzaghi dovesse riuscire a vincere come il suo predecessore, avremo esorcizzato un altro pezzettino del 5 maggio.A quel punto, ci basterà soltanto vincere un Triplete […]

27/05/2021
Il nostro libro

Nonostante tutto quello che è successo ieri.Nonostante non si possa passare un giorno, nella vita di noi interisti, sereni.Nonostante l’interismo sia eterna dannazione.Nonostante abbiano deciso di rovinarci la festa.Nonostante tutto, noi abbiamo vinto lo scudetto. Cazzo.E, nonostante tutto, avevamo in programma il lancio di un libro, il nostro, per oggi. Il frutto di settimane di […]

24/05/2021
Inter - Udinese, dieci pensieri post - partita

10 - Io quando mi rendo conto che questa è l'ultima partita dell'Inter: 9 - Ma poi mi ricordo che L'ABBIAMO ALZATA NOI 8 - Ma questo non ci permette di far passare in sordina il fatto che Goeffrey Kondogbia e Sime Vrsaljko sono diventati Campioni di Spagna. 7 - Ecco, bravi, salutatelo e rimandatecelo […]

23/05/2021
Inter - Udinese, il pagellone del finale di stagione

HANDA 19: I latini dicevano "Vincit qui patitur", vince chi resiste.Tu non è che hai semplicemente resistito, hai lottato come uno spartano contro le sfighe, le più che lecite blasfemie, i ribaltoni e, a volte, anche contro la nostra stessa difesa. Anni di miracoli e di bocconi amari che ti hanno reso un degno leader […]

linkedin facebook pinterest youtube rss twitter instagram facebook-blank rss-blank linkedin-blank pinterest youtube twitter instagram