21/12/2016

Inter-Lazio: Dove eravamo rimasti?

Ci sono dei grandi classici senza i quali non c'è Natale: Panettone, Pandoro, regali sotto l'albero e... Inter-Lazio prima della sosta!

La sfida con i biancocelesti non è mai banale, oltre allo storico gemellaggio, offre sempre variati spunti per essere ricordata. Di solito in modo tragico.

La mente non può che tornare a esattamente 12 mesi fa. Primi in classifica, tutti apparentemente felici, e poi?

Prima di quella partita mi ricordo che ero veramente preoccupato. Avevo un pessimo presentimento, puntualmente reso realtà da Felipe Melo.

Rigore ingenuo e espulsione killer su Biglia. Perché il rosso non è soltanto il colore simbolo del Natale, ma anche quello del nostro Felipe.

Inter-Lazio: Dove eravamo rimasti? 1 Ranocchiate

Candreva questa volta sarà dei nostri.
Medel purtroppo è costretto ai box.
Montoya...OH,CAZZO, MONTOYA!

I protagonista della partita allora fu Candreva. Oggi Antonio è dei nostri, e speriamo possa essere la nostra arma in più. Insieme all'altro ex di turno: Pioli

Da lì in poi, iniziò un vortice di risultati negativi, che durò fino a...oggi.

Paradossalmente, per quanto ricordi di essere praticamente certo di una sconfitta un anno fa, con la squadra capolista e tanti sorrisi, questa volta vedo un risultato molto più incerto.

E non credo tanto sia questione di uomini, tattiche o allenatori: la Lazio ci ricorda ogni volta che il fattore più importante è la testa.

Perciò spero di vedere una squadra che scenda in campo con concentrazione e voglia di vincere, sotto lo sguardo severo di Zhang.

È importante ripartire. Riprendere da dove eravamo rimasti.

Chiudere il cerchio e fare una seconda parte di stagione buona, quella che aspettiamo da esattamente un anno.

Inter-Lazio: Dove eravamo rimasti? 2 Ranocchiate

Mi raccomando, tu non fare scherzi.

 

Inter-Lazio: Dove eravamo rimasti?

Ci sono dei grandi classici senza i quali non c'è Natale: Panettone, Pandoro, regali sotto l'albero e... Inter-Lazio prima della sosta!

La sfida con i biancocelesti non è mai banale, oltre allo storico gemellaggio, offre sempre variati spunti per essere ricordata. Di solito in modo tragico.

La mente non può che tornare a esattamente 12 mesi fa. Primi in classifica, tutti apparentemente felici, e poi?

Prima di quella partita mi ricordo che ero veramente preoccupato. Avevo un pessimo presentimento, puntualmente reso realtà da Felipe Melo.

Rigore ingenuo e espulsione killer su Biglia. Perché il rosso non è soltanto il colore simbolo del Natale, ma anche quello del nostro Felipe.

Inter-Lazio: Dove eravamo rimasti? 3 Ranocchiate

Candreva questa volta sarà dei nostri.
Medel purtroppo è costretto ai box.
Montoya...OH,CAZZO, MONTOYA!

I protagonista della partita allora fu Candreva. Oggi Antonio è dei nostri, e speriamo possa essere la nostra arma in più. Insieme all'altro ex di turno: Pioli

Da lì in poi, iniziò un vortice di risultati negativi, che durò fino a...oggi.

Paradossalmente, per quanto ricordi di essere praticamente certo di una sconfitta un anno fa, con la squadra capolista e tanti sorrisi, questa volta vedo un risultato molto più incerto.

E non credo tanto sia questione di uomini, tattiche o allenatori: la Lazio ci ricorda ogni volta che il fattore più importante è la testa.

Perciò spero di vedere una squadra che scenda in campo con concentrazione e voglia di vincere, sotto lo sguardo severo di Zhang.

È importante ripartire. Riprendere da dove eravamo rimasti.

Chiudere il cerchio e fare una seconda parte di stagione buona, quella che aspettiamo da esattamente un anno.

Inter-Lazio: Dove eravamo rimasti? 4 Ranocchiate

Mi raccomando, tu non fare scherzi.

 

Ultimi articoli

02/08/2020
Atalanta-Inter, il pagellone da pic-nic

HANDANOVIC 6: Quando lo abbiamo comprato, ogni anno finivamo la stagione con la delusione di non essere andati in Champions, ora invece siamo delusi perché non vinciamo il campionato. È bello scoprire nuovi livelli di delusione. Samir se ti va possiamo scappare insieme in Slovenia per un ritiro spirituale, pare che adesso vada di moda. […]

01/08/2020
Atalanta - Inter nel tempo di un secondo posto

E anche quest’anno, per la seconda volta, mi ritrovo a vedere questa partita in un covo di soli Atalantini. Vantaggi: potenzialmente esultare in faccia ai nerazzurri sbagliati Contro: Rischio figura di merda Rischio sgozzamento Rischio morte generico 1’ - NON CI CREDOOOOO.Calcio d’angolo, Gosens va a farfalle, investe Gollini e D’Ambrosio può insaccare il gol […]

01/08/2020
10 cose più probabili del secondo posto all’ultima giornata contro l'Atalanta

10 - Ufficiale: Messi all’IntAHHAHAHHAHHAAHAH 9 - “Quest’uomo vale davvero 80 milioni?” 8 - Lazio al secondo posto 7 - Lautaro è un nuovo giocatore del Barcelona 6 - La dichiarazione di Ibra: “no vabbè dai regà, io alla fine sono un essere umano come gli altri” 5 - Il riscatto di Sanchez 4 - […]

29/07/2020
Inter-Napoli, il pagellone degli Epic Bros

HANDANOVIC 10: Prosegue la campagna di Samir per far esordire Berni. Ormai mancano sempre meno partite, bisogna usare tutti i mezzi a disposizione, senza farsi scrupoli inutili. Il nuovo vice capitano allora si ispira a una vecchia strategia, usata con successo dall'ex vice prima di lui: "MISTER MI FA MALE IL SCINOKIO". Entra lo staff […]

28/07/2020
Inter - Napoli nel tempo di un caffè in cui si sente tutto

1’ - Brozo come spirito guida verso la scrittura.Come ogni brate che si rispetti tutta ‘sta costanza mi sfianca. 2’ - +++ SPOILER ALERT +++Come Caressa e Bergomi non mancano di rimarcare per tutta la partita, oggi si sente tutto. La stesura di quest’articolo potrebbe essere influenzata dalle voci provenienti dal campo. 5’ - Partita […]

linkedin facebook pinterest youtube rss twitter instagram facebook-blank rss-blank linkedin-blank pinterest youtube twitter instagram