21/12/2016

Inter-Lazio: Dove eravamo rimasti?

Ci sono dei grandi classici senza i quali non c'è Natale: Panettone, Pandoro, regali sotto l'albero e... Inter-Lazio prima della sosta!

La sfida con i biancocelesti non è mai banale, oltre allo storico gemellaggio, offre sempre variati spunti per essere ricordata. Di solito in modo tragico.

La mente non può che tornare a esattamente 12 mesi fa. Primi in classifica, tutti apparentemente felici, e poi?

Prima di quella partita mi ricordo che ero veramente preoccupato. Avevo un pessimo presentimento, puntualmente reso realtà da Felipe Melo.

Rigore ingenuo e espulsione killer su Biglia. Perché il rosso non è soltanto il colore simbolo del Natale, ma anche quello del nostro Felipe.

Inter-Lazio: Dove eravamo rimasti? 1 Ranocchiate
Candreva questa volta sarà dei nostri.
Medel purtroppo è costretto ai box.
Montoya...OH,CAZZO, MONTOYA!

I protagonista della partita allora fu Candreva. Oggi Antonio è dei nostri, e speriamo possa essere la nostra arma in più. Insieme all'altro ex di turno: Pioli

Da lì in poi, iniziò un vortice di risultati negativi, che durò fino a...oggi.

Paradossalmente, per quanto ricordi di essere praticamente certo di una sconfitta un anno fa, con la squadra capolista e tanti sorrisi, questa volta vedo un risultato molto più incerto.

E non credo tanto sia questione di uomini, tattiche o allenatori: la Lazio ci ricorda ogni volta che il fattore più importante è la testa.

Perciò spero di vedere una squadra che scenda in campo con concentrazione e voglia di vincere, sotto lo sguardo severo di Zhang.

È importante ripartire. Riprendere da dove eravamo rimasti.

Chiudere il cerchio e fare una seconda parte di stagione buona, quella che aspettiamo da esattamente un anno.

Inter-Lazio: Dove eravamo rimasti? 2 Ranocchiate
Mi raccomando, tu non fare scherzi.

 

Inter-Lazio: Dove eravamo rimasti?

Ci sono dei grandi classici senza i quali non c'è Natale: Panettone, Pandoro, regali sotto l'albero e... Inter-Lazio prima della sosta!

La sfida con i biancocelesti non è mai banale, oltre allo storico gemellaggio, offre sempre variati spunti per essere ricordata. Di solito in modo tragico.

La mente non può che tornare a esattamente 12 mesi fa. Primi in classifica, tutti apparentemente felici, e poi?

Prima di quella partita mi ricordo che ero veramente preoccupato. Avevo un pessimo presentimento, puntualmente reso realtà da Felipe Melo.

Rigore ingenuo e espulsione killer su Biglia. Perché il rosso non è soltanto il colore simbolo del Natale, ma anche quello del nostro Felipe.

Inter-Lazio: Dove eravamo rimasti? 3 Ranocchiate
Candreva questa volta sarà dei nostri.
Medel purtroppo è costretto ai box.
Montoya...OH,CAZZO, MONTOYA!

I protagonista della partita allora fu Candreva. Oggi Antonio è dei nostri, e speriamo possa essere la nostra arma in più. Insieme all'altro ex di turno: Pioli

Da lì in poi, iniziò un vortice di risultati negativi, che durò fino a...oggi.

Paradossalmente, per quanto ricordi di essere praticamente certo di una sconfitta un anno fa, con la squadra capolista e tanti sorrisi, questa volta vedo un risultato molto più incerto.

E non credo tanto sia questione di uomini, tattiche o allenatori: la Lazio ci ricorda ogni volta che il fattore più importante è la testa.

Perciò spero di vedere una squadra che scenda in campo con concentrazione e voglia di vincere, sotto lo sguardo severo di Zhang.

È importante ripartire. Riprendere da dove eravamo rimasti.

Chiudere il cerchio e fare una seconda parte di stagione buona, quella che aspettiamo da esattamente un anno.

Inter-Lazio: Dove eravamo rimasti? 4 Ranocchiate
Mi raccomando, tu non fare scherzi.

 

Ultimi articoli

28/10/2020
Shakhtar-Inter, il pagellone che "diciamoci la verità, vogliamo arrivare terzi"

HANDANOVIC 6: Tutto molto bello ma spiegatemi com'è che ci siamo ritrovati a festeggiare perché "NON ABBIAMO PRESO GOL DALLO SHAKTHAR".Com'è che questi due mesi fa li abbiamo battuti 5-0 e adesso invece ci abbiamo pareggiato? È merito dell'Europa League che ci esalta?SI. Ah ok ragazzi, perfetto, bastava dirlo, in effetti è normale non trovare […]

27/10/2020
Shakhtar - Inter nel tempo di un caffè

0’ - Quel giorno è arrivato.La squadra più attesa.La squadra da battere.La squadra più brasileira della Champions.La squadra che tempo fa abbiamo umiliato ma oggi ci darà una ripassata.I primi in classifica. Come dite?Il real lo affrontiamo alla prossima?Lo sappiamo benissimo. 1’ - Partita che inizia comunque nel migliore dei modi: non c’è Caressa. 10’ […]

27/10/2020
10 cose più probabili di una vittoria contro lo Shakhtar

10 - Dichiarazione di Giacomelli post Milan-Roma: "SO MBRIACO FRACICO" 9 - La UEFA riconosce i diritti d'autore a Brozo per la mossa del Coccodrillo 8 - Nuovo programma su Real Time, protagonista Ciprian Tatarusanu 7 - Agnelli a sorpresa: "Noi non abbiamo rubato mai nulla! Abbiamo sempre pagato tutto!" 6 - SUPERSCOOP: Stefano Sensi […]

25/10/2020
Genoa-Inter, il pagellone del sommo e unico capitano

HANDANOVIC 2: Adesso va in giro a fare il fenomeno vantandosi del primo clean sheet stagionale.Certo Handa, tutto merito tuo, come no…E magari la fascia che hai al braccio la indossi anche legittimamente. Si, certo….Meno male che Andrea è altruista se no a quest'ora non avresti quel sorrisetto beffardo stampato in viso. D'AMBROSIO 2: Adesso […]

24/10/2020
Genoa - Inter nel tempo di un caffè

0’ - RA-NOC-CHIA TI-TO-LA-REEEEEEEEE Contro la squadra che quest’estate lo voleva peraltro. Il gol è nell’aria. 1’ - SI MA BASTA CON L’ACCOPPIATA CARESSA-BERGOMI VI SCONGIURO 4’ - Mamma che piedino Darmian.#HakimiNonCiServe 19’ - GUARDATELO QUESTO FROGGY COME FERMA GLI AVVERSARI Finta di scivolata e poi scivolata vera.Nemmeno sulle spiagge di Rio de Janeiro. 20’ […]

linkedin facebook pinterest youtube rss twitter instagram facebook-blank rss-blank linkedin-blank pinterest youtube twitter instagram